Redazione

Il settore giovanile del Brindisi FC comunica che la prossima settimana si terranno gli stage delle varie categorie. Si avrà inizio​ lunedì 11 Luglio​ con la Juniores Nazionale U19 (2004/05) sotto la guida di Luigi Vergallo, si proseguirà​ martedì 12​ con i Giovanissimi Regionali U15 (2008/09/10) guidati da Fabio Marangio, per concludere​ mercoledì 13​ con gli Allievi Regionali U17 del tecnico Mino Semeraro. Tutti gli appuntamenti avranno luogo presso il precampo Fanuzzi di Brindisi​ alle ore 17:00. Per poter prendere parte è necessario accreditarsi a mezzo email​ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.​ oppure attraverso i canali social: Settore Giovanile Brindisi FC (Facebook) e settoregiovanile_brindisifc (instagram). Si chiede gentilmente di presentarsi muniti di idoneità medico sportiva agonistica ed eventuale nulla osta se tesserati presso altre società.

La giornalista Rai Ilaria Grillini presenta il suo libro edito da Rai Libri venerdì 8 luglio alle 19.30 nel castello Dentice di Frasso. L’autrice dialogherà con la 

giornalista Fabiana Agnello
SAN VITO DEI NORMANNI- Si intitola “Elisabetta la regina ‘italiana’. La 
lunga storia d’amore che lega i Windsor al nostro Paese” il nuovo successo 
editoriale della giornalista Rai Ilaria Grillini e sarà presentato venerdì 8 luglio 
alle 19.30 nel Castello Dentice di Frasso a San Vito dei Normanni. L’autrice 
dialogherà con la giornalista Fabiana Agnello.
Elisabetta la regina “italiana”
Quella dei Windsor è di certo una tra le famiglie regnanti che nel corso degli 
anni ha fatto parlare di sé. Da quando Edoardo VIII rinunciò al regno per 
sposare la bella americana Wallis Simpson, fino ad arrivare ai nostri giorni e a 
tutti i pettegolezzi che girano intorno al principe Harry e a sua moglie Meghan 
Markle. Ilaria Grillini, giornalista esperta in materia di teste coronate di tutta 
Europa, in questo libro ricostruisce il privilegiato rapporto che tutti gli 
esponenti del casato reale inglese hanno intrattenuto con l’Italia, grazie anche 
alle testimonianze delle persone – nobili, politici e rappresentanti delle 
istituzioni, imprenditori e gente comune – che hanno avuto il piacere di 
incontrarli. Non solo Elisabetta II e il principe Filippo, ma anche Giorgio V, la 
Regina Madre, Carlo e Diana, e più recentemente il giovane Harry con relativa 
consorte, sono spesso venuti nel nostro Paese, e lo hanno visitato dal Piemonte 
alla Sicilia, passando per Roma e Firenze. A partire dunque dai cinque viaggi 
ufficiali “e mezzo” della Regina Elisabetta, l’autrice ci racconta tanti curiosi 
aneddoti sui Reali inglesi – dalle gaffe meno conosciute del Principe Filippo 
alle occhiatacce della Regina alla servitù che non sa rispettare alcuni dettagli 
del protocollo a tavola, dal mood assente e malinconico di Diana nel suo 
viaggio in Italia con Carlo al buon gusto in fatto di vini del Principe di Galles –
in un capitolo inedito sulla storia della Casa Reale inglese, che da sempre fa 
discutere e sognare tutti coloro che ne seguono le vicissitudini.

Mesagne Bene Comune organizza la Presentazione del documentario Volare sulle foglie​ in data 7 luglio​ alle ore 19:30 presso Officine Ipogee.
Il lavoro, realizzato da Sara Attadia e Michele Cappellari, è il frutto di un viaggio nelle diverse regioni d'Italia per conoscere le realtà che praticano l'educazione all'aperto. 50 giorni di incontri ed interviste sono il materiale utilizzato dagli autori per costruire un documento prezioso. L'appuntamento alle Officine Ipogee prevede la visione del documentario intervallato da momenti di confronto fra gli autori e i partecipanti. "La natura è maestra" è il titolo di uno dei capitoli del documentario ed è anche il principio su cui ruota il pensiero pedagogico di chi, con coraggio e convinzione, lavora per riportare la scuola alla sua funzione originaria: offrire stimoli per garantire la libera espressione di ognuno.

Estate, caldo, relax, vacanze e voglia di bevande fresche ma anche quella sete di cultura confronto e dialogo che sembra non appagarsi mai. A pensarci la Taberna Libraria di Latiano che ha estratto dal cilindro un calendario di proposte culturali, spaziando tra libri, musica e giochi, programmate lungo tutto il mese di agosto 2022. 
Ecco quindi che torna il Taberna Book Festival, rassegna itinerante, che raggiungerà località quali San Vito dei Normanni, Monticelli di Ostuni, Avetrana, Francavilla Fontana, San Michele Salentino e San Donaci. Nelle meravigliose cornici che il territorio offre, eventi letterari e culturali all’aperto che abbracciano tutti i gusti e permettono anche di valorizzare e riscoprire, sotto forma di harem intellettuali, i beni del patrimonio artistico che lo ospitano.
Questo il programma completo:
• 3 agosto: Serata-spettacolo "E la luna è una palla ed il cielo un biliardo..." - Poesia e Musica di e con il cantautore e autore Gianluigi Cosi a San Vito dei Normanni;
• 5 agosto: presentazione dei libri "Gli eroi di via Fani" e "Muoio per te" alla presenza dell’autore Filippo Boni presenta a San Michele Salentino;
• 6 agosto: presentazione dei libri "Gli eroi di via Fani" e "Muoio per te" alla presenza dell’autore Filippo Boni presenta a San Donaci;
• 8 agosto Taberna Libraria on the road a Monticelli di Ostuni;
• 9 agosto: presentazione del libro "Il rosmarino non capisce l'inverno" alla presenza dello scrittore Matteo Bussola a Monticelli di Ostuni;
• 10 agosto: “Ciao Estate”  giochi a squadre ed individuali per bambini e ragazzi; a seguire "Betta Caretta e gli amici della macchia" spettacolo di burattini con musica dal vivo, di e con Gianluigi Cosi a San Michele Salentino;
• 16 agosto: "Betta Caretta e gli amici della macchia" spettacolo di burattini con musica dal vivo, di e con Gianluigi Cosi a Monticelli di Ostuni;
• 17 agosto: Taberna Libraria on the road ad Avetrana;
• 21 agosto: serata-spettacolo tratta dal libro di Beppe Conti "Le leggende del ciclismo” a Monticelli di Ostuni;
• 23 agosto: Taberna libraria on the road  a Monticelli di Ostuni; 
• 25 agosto: "Luigi Tenco ed il mistero del festival del 1967", serata cultural-musicale di e con Michele Piacentini, a San Vito dei Normanni;
• 26 agosto: "Luigi Tenco ed il mistero del festival del 1967", serata cultural-musicale di e con Michele Piacentini, a Francavilla Fontana;
• 27 agosto: "Meravigliosamente Puglia", serata-spettacolo a cura dello staff di Taberna Libraria, a San Michele Salentino;
• 29 agosto: presentazione del libro “1992-1994 The end” alla presenza dell’autore Andrea Spiri a San Vito dei Normanni;
• 30 agosto: presentazione del libro “1992-1994 The end” alla presenza dell’autore Andrea Spiri a San Michele Salentino;
• 31 agosto: serata-spettacolo tratta dal libro di Beppe Conti "Le leggende del ciclismo” a Francavilla Fontana.
Una rassegna che ha visto la collaborazione, per San Michele Salentino, del sindaco Giovanni Allegrini, dell’Assessore alla Pubblica Istruzione Tiziana Barletta, dell’Assessore alla Cultura Rosalia Fumarola e dell’Assessore allo Spettacolo Angela Martucci, per Francavilla Fontana, del sindaco Antonello Denuzzo, dell’Assessore alla Cultura Maria Angelotti e del Consigliere Comunale Mimmo Tardio, per San Vito dei Normanni,  del sindaco Silvana Errico e dell’Assessore alla Pubblica Istruzione Alessandra Pennella, per Monticelli di Ostuni, il Presidente del Consorzio Romano Tobia Carone, per San Donaci, le Cantine San Donaci.

Protestano alcuni automobilisti multati dall’autovelox sulla strada statale 7 nel tratto di Mesagne. In particolare contestano che l’apparecchiatura, posta in una piazzola di sosta, non è segnalata da nessun cartello e, inoltre, l’auto della polizia locale, presente a presidiare l’attrezzatura, ha il portellone alzato in maniera tale da non farla riconoscere. Di diverso avviso il comando che ha assicurato che la postazione dell’autovelox è ben segnalata agli automobilisti in maniera tale da essere vista per tempo.

Da ricordare che la multa per eccesso di velocità varia tra un minimo di 43 euro a un massimo di 3.382 secondo il superamento del limite di velocità oltre alla sospensione della patente da 6 a 12 mesi. Le multe fatte con autovelox, che deve essere regolarmente omologato e autorizzato, sono emesse per una violazione senza contestazione immediata, in quanto in genere viene recapitata al proprio domicilio tramite posta raccomandata. In particolare a segnale il caso dell’autovelox di Mesagne è stato un automobilista che viaggiava in direzione Brindisi ed è incappato nello strumento di controllo della velocità, venendone sanzionato.

Secondo questo automobilista l’autovelox “non è segnalato, ma nascosto dall'auto di servizio, irriconoscibile perché il cofano aperto copre il lampeggiante”. L’automobilista ha spiegato: “Ho fatto inversione alla prima uscita per tornare indietro e cantargliele, ma mi hanno ignorato”, gli agenti, secondo l’automobilista, avrebbero detto: “Teniamo il cofano aperto per fare circolare l'aria, fa caldo”. Fin qui le accuse mosse dall’automobilista.

La vicenda è stata posta all’attenzione del comandante della polizia locale di Mesagne, Teodoro Nigro, il quale ha detto: “Sono accuse ridicole. Ma secondo voi un’attività di servizio può svolgersi alzando o abbassando il portellone o il cofano? Sulla superstrada in questione il cartello della presenza dell’autovelox è posto a distanza legale. Quello che conta è la presenza di questo segnale. Francamente non comprendo dove è il problema”. “Il cartello che segnala la presenza dell’autovelox è mobile ed è collocato regolarmente a 250 metri dalla postazione in maniera tale da consentire agli automobilisti di moderare la velocità”. Ma se un automobilista va talmente veloce da non vederlo c’è da porsi il problema della sicurezza stradale.   

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

Agricoltori da Pentassuglia, CIA Puglia: “Assessore, le imprese non ce la fanno più”. 

Incontro in Regione con i dirigenti di tutte le aree dell’organizzazione sindacale degli agricoltori

Prosegue la mobilitazione regionale in tutti i territori anche negli incontri con i prefetti

BARI – “L’agricoltura pugliese è in uno stato di profonda sofferenza e criticità. Occorre muoversi subito per trovare soluzioni a nuove emergenze e problemi di lungo corso”. E’ questo il grido d’aiuto lanciato stamattina da un’ampia delegazione di CIA Agricoltori Italiani Puglia nell’incontro con l’assessore regionale all’Agricoltura Donato Pentassuglia.

Rincari assurdi delle materie prime (gasolio in particolare), costi di produzione fuori controllo, sperequazione altissima tra i bassi prezzi accordati ai produttori e gli altissimi profitti della GDO, difficoltà nel reperire la manodopera, inaccessibilità e inadeguatezza dei contratti assicurativi contro i danni da calamità naturali, fase di stallo nel processo di espianto e reimpianto degli ulivi nelle zone colpite da Xylella, siccità: “l’elenco delle criticità, purtroppo, è sempre più lungo e pesante”, ha dichiarato Giannicola D’Amico, vicepresidente vicario di CIA Puglia. “L’incontro con Pentassuglia è stato proficuo”, ha aggiunto D’Amico, “l’assessore ci ha ribadito che la Regione Puglia farà tutto quanto è nelle sue possibilità per sostenere gli agricoltori pugliesi in questa fase drammatica, costellata di aumenti insostenibili, danni da calamità naturali, siccità e una generale difficoltà sui mercati dove i valori riconosciuti agli agricoltori sono spesso inferiori agli stessi costi di produzione”.

All’incontro con l’assessore Pentassuglia, che è parte integrante della mobilitazione regionale avviata da CIA Puglia nelle ultime settimane, erano presenti e rappresentate tutte le aree territoriali dell’organizzazione sindacale degli agricoltori: oltre a Giannicola D’Amico, infatti, c’erano il direttore regionale Danilo Lolatte, il presidente di CIA Levante Giuseppe De Noia il presidente di CIA Due Mari (Taranto-Brindisi) Pietro De Padova, la direttrice di CIA Salento Emanuela Longo assieme al funzionario Paolo Ardito, il presidente e il direttore di CIA Capitanata, Angelo Miano e Nicola Cantatore.

“In questi giorni stiamo incontrando i prefetti di tutte le province pugliesi”, ha spiegato D’Amico. “Ai rappresentanti del Governo nazionale sul territorio, stiamo portando le nostre proposte e le nostre richieste contenute in un articolato documento che entra nel merito delle questioni, affrontando ad esempio la problematica relativa ai danni da fauna selvatica, ma anche quelle inerenti al caro gasolio, all’utilizzo strategico dei fondi PSR e PNRR, alla inderogabile necessità di un piano che consenta alla Puglia di dotarsi di invasi, strutture e tecnologie all’avanguardia per affrontare seriamente il problema siccità, anche collaborando con le altre regioni”.

“Sia nell’assessore Pentassuglia che nei prefetti e nei presidenti di provincia finora incontrati, stiamo trovando degli interlocutori attenti e disponibili. Ora è davvero il momento di mettersi tutti insieme e di fare ognuno la propria parte affinché i problemi siano affrontati uno ad uno, in modo sistematico e concreto. Il rischio che stiamo vivendo è quello di veder scomparire centinaia di aziende di ogni settore del comparto agricolo. E’ un rischio che non possiamo permetterci, perché l’agricoltura è la prima ‘industria’ a cielo aperto di questa regione”, ha concluso Giannicola D’Amico.

Dati del giorno: 06 luglio 2022

8.559
Nuovi casi
26.646
Test giornalieri
3
Persone decedute
Nuovi casi per provincia
Provincia di Bari: 2.651
Provincia di Bat: 722
Provincia di Brindisi: 920
Provincia di Foggia: 929
Provincia di Lecce: 2.000
Provincia di Taranto: 1.164
Residenti fuori regione: 142
Provincia in definizione: 31
69.564
Persone attualmente positive
414
Persone ricoverate in area non critica
17
Persone in terapia intensiva

Mai come quest’anno il caldo ci sta mettendo a dura prova ed è importante ricordare le piccole precauzioni da prendere per godersi l’estate insieme ai nostri animali. Per questo l’Ente Nazionale Protezione Animali ha stilato un vademecum e, con l’aiuto di Westie, “megadirettrice” di Amici Cucciolotti ha realizzato un piccolo video.

Cani e gatti, infatti, non sudano come noi e, per abbassare la loro temperatura corporea (già normalmente intorno ai 38,5°), aumentano i ritmi respiratori. Inoltre, proprio come noi, sono soggetti a scottature solari. Ogni estate, purtroppo, ancora troppi cani subiscono il colpo di calore, in particolare le razze brachicefale, ossia con testa corta e larga come il bulldog. Come regolarsi dunque per prevenire? Come riconoscere un colpo di calore e come dobbiamo comportarci nel caso? 

COME RICONOSCERE UN COLPO DI CALORE: La pelle scotta, l’animale barcolla e respira con affanno e in modo veloce, sembra come bloccato. Il colpo di calore si presenta con depressione, ipertermia (febbre alta), congestione delle mucose (che possono assumere una colorazione rosso intensa) fino a giungere alle crisi convulsive e al coma dell’animale. 

COME COMPORTARSI: La prima cosa da fare è spostarlo dal sole e abbassare la sua temperatura corporea bagnandolo con acqua con un panno o con le mani, senza immergerlo, su tutto il corpo e specialmente sul collo, sotto la testa e sull’addome. Mai immergere il cane in acqua perché si potrebbero avere effetti secondari letali. L’intervento più saggio dopo queste azioni è in ogni caso portare l’animale il prima possibile in un centro veterinario attrezzato dove sarà possibile effettuare tutti i controlli e le terapie che possono essere svolte solo in una clinica e che possono salvare la vita all’animale.

LA PREVENZIONE PRIMA DI TUTTO. Ecco alcuni consigli che possono tornare utili per vivere l’estate in sicurezza con i nostri cucciolotti:

1) Evitare le passeggiate nelle ore calde. Assicurarsi che i nostri animali abbiano sempre acqua fresca, un luogo ombreggiato e ventilato e ridurre le attività sportive.

2) Ricorda che l’asfalto è bollente e potrebbero scottarsi le zampette. Come regolarsi? Se è troppo rovente per i nostri piedi lo sarà anche per i sensibili polpastrelli dei nostri amici a quattro zampe. Attenzione quindi alle passeggiate in città.

3) Assicurarsi che il nostro quattro zampe abbia sempre acqua fresca a disposizione nella sua ciotola e, se usciamo con lui, portiamoci dietro una bottiglietta d’acqua per farlo bere.

4) Non lasciamo mai il nostro animale in macchina, rischia di morire! La temperatura all’interno dell’abitacolo, infatti, sale rapidamente, anche con i finestrini aperti, e può raggiungere fino a 70°. Dimenticarsi o lasciare il proprio amico a quattro zampe in macchina vuol dire condannarlo a morte. Se si dovesse notare un animale chiuso all’interno di un’automobile: prestare attenzione ai sintomi di un colpo di calore (problemi di respirazione, spossatezza generalizzata). In questi casi un intervento immediato può salvargli la vita: se non si riuscisse a rintracciare il proprietario dell’autovettura, chiamare subito le forze dell’ordine. Fino al loro arrivo, è necessario cercare di creare ombra sistemando ad esempio alcuni giornali sul parabrezza e, nel caso in cui i finestrini non dovessero essere completamente chiusi, versare dell’acqua all’interno per bagnare l’animale o farlo bere. In casi estremi è accaduto che i cittadini abbiano rotto il finestrino dell’automobile per soccorrere il quattro zampe ed evitargli una morte certa. In queste circostanze l’Enpa, considerando prevalente la salvezza dell’animale, offre il proprio sostegno legale.

5) Anche i pet sono soggetti alle scottature solari. È possibile proteggerli applicando una crema solare ad alta protezione alle estremità bianche e sulle punte delle orecchie prima di farli uscire. Particolare attenzione agli animali bianchi, sono i più soggetti agli eritemi solari.

6) Attenzione all’alimentazione e ai residui nelle ciotole. Scegliere cibi leggeri e facili da digerire e non lasciare mai residui di cibo nella ciotola.

7) Per i pesciolini: L’Enpa ricorda che obbligare questi animali a vivere in un acquario significa infliggere loro inutili sofferenze. Tuttavia, chi dovesse possedere un acquario non dovrebbe esporlo al sole diretto. È inoltre importante cambiare l'acqua regolarmente avendo cura di togliere le alghe che si formano. Chi avesse un laghetto in giardino deve riempirlo regolarmente per compensare l'acqua che evapora e sostituire così l'ossigeno perso. Lo stesso vale per canarini e criceti che non dovrebbero essere costretti alla cattività e che, comunque, non dovrebbero mai essere lasciati sul balcone al sole diretto; le gabbie vanno posizionate in un luogo fresco, arieggiato e ombreggiato.

8) Attenzione ai parassiti. Meglio applicare preventivamente un antiparassitario adatto alla specie e alla taglia: alcuni prodotti per cani possono essere letali per i gatti. Per i cani è fondamentale prevenire le punture dei flebotomi (sono simili alle zanzare) che possono trasmettere la leishmaniosi. In commercio sono disponibili anche preparati a base di olio di Neem, potente disinfettante e antiparassitario, che non presenta alcuna controindicazione anche per i soggetti più sensibili.

9) Allarme parassiti anche per i conigli e le cavie. In questo caso è necessario ispezionare attentamente ogni giorno l’animale per verificare l'eventuale presenza di uova di mosche sul pelo (infestano anche i cani), tenere pulito il luogo in cui vivono e cambiare almeno due giorni alla settimana la lettiera o il fondo.

10) Per i selvatici lasciare a disposizione una ciotolina d’acqua non profonda, ricordando di cambiarla almeno una volta al giorno; in questo periodo la fauna selvatica ha a disposizione molto cibo mentre l'acqua potrebbe rappresentare un problema. Chi ha balconi e terrazzi può creare piccole zone d'ombra con le piante.

GUARDA IL VIDEO:https://www.youtube.com/watch?v=3cqbDCUhNL0.

Nuovo incontro per la presentazione del nuovo Piano d'Ambito dell'Ambito Territoriale Ottimale Puglia redatto ed elaborato dagli uffici dell'Autorità Idrica Pugliese. Venerdì 08 luglio, alle ore 10.00 nel Salone di rappresentanza città metropolitane di Bari, Lungomare Nazario Sauro, il presidente dell’Autorità Idrica Pugliese, on.le Antonio Matarrelli, incontrerà i sindaci dell’Area Metropolitana di Bari per illustrare progetti e strategie future.

All’incontro saranno presenti il sindaco di Bari, Antonio Decaro, l'assessore regionale alle Infrastrutture, Risorse Idriche e Tutela delle acque, Raffaele Piemontese e Gianluca Vurchio, sindaco di Cellamare e consigliere AIP. Inoltre, interverranno Francesco Crudele componente del Consiglio di Amministrazione di AQP e Vito Colucci Direttore Generale AIP. I dirigenti e i funzionari degli uffici tecnici dell'AIP illustreranno quanto previsto dal PdA relativamente al territorio dell’Area Metropolitana di Bari e saranno disponibili ad interloquire con sindaci e gli amministratori locali.

Il Piano d’Ambito dell'Autorità Idrica Pugliese rappresenta uno strumento fondamentale di pianificazione del Servizio Idrico Integrato a livello regionale e con un orizzonte temporale di lungo termine che arriva fino al 2045. Tale Piano, dopo una prima adozione da parte del Consiglio Direttivo dell'Autorità Idrica Pugliese, sarà oggetto, quindi, di approvazione definitiva, tenuto conto delle osservazioni mosse dai vari soggetti competenti dopo che avrà scontato la procedura di VAS presso la Regione Puglia.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

Pagina 1 di 1639