Redazione


Il Parco “19 maggio 2012” (noto come Parco Cillarese) tornerà ad essere protagonista, infatti, i prossimi 24 e 25 aprile, per completare l’edizione 2024 con il ritorno dell’ampia area attrezzata per l’occasione con la grande carovana del divertimento, attrazioni come le enormi strutture gonfiabili che permettono a bambini e ragazzi di sfogare il proprio desiderio di attività e divertimento restando all’aperto e magari godendosi un pic-nic all’aria aperta con gli stand del food rilassandosi con della buona musica.

Novità di questa seconda parte della grande festa primaverile di Brindisi sarà insomma quella di conoscere e vivere esperienze sportive con le attività delle società brindisine dell’ASCR Uniti per lo Sport pronte ad incontrare e mettere a disposizione dei presenti la propria esperienza permettendo ai brindisini  che si tratti di famiglie, gruppi di amici, cittadini del capoluogo o della Provincia o semplici curiosi di poter ammirare o provare il fantastico mondo del pugilato con la Boxe Iaia del maestro Carmine Iaia, le soffici sensazioni dei rimbalzi indossando, mentre si gioca a calcio, le palle della Asd Bubble Football Brindisi del Presidente Luigi Ungaro, le evoluzioni della Ginnastica Artistica con la Ginnastica La Rosa della maestra Barbara Spagnolo, il movimento sano del corpo con Revolution Fitness del Presidente Andrea De Luca, le basi tecniche e tutto il divertimento della Pallavolo con la Asd Koru Brindisi della Maestra Titty Spinelli, il fascino del più famoso ballo argentino con lo Street Tango del maestro Alessandro De Virgilio, il variegato mondo del body building con la Palestra Big del Presidente Maria Corsa, il nobile gusto della sfida con il  Circolo della Scherma Brindisi del maestro Antonio Muraglia, il liberatorio mondo della danza con La maison de la danse delle maestre Annalisa e Maristella Monaco.

L’ingresso rigorosamente gratuito è aperto a tutti.

Giornata nazionale per la donazione organi: il Perrino si tinge di rosso.

Domenica 14 aprile viene celebrata la 27esima edizione della Giornata nazionale per la donazione e il trapianto di organi e tessuti, promossa dal Ministero della Salute con il coinvolgimento della Rete nazionale trapianti e delle associazioni del settore. Donare è una scelta naturale è il messaggio per tutti i cittadini che non si sono ancora espressi sulla donazione, un invito a compiere un atto di grande responsabilità con il proprio Sì.
Sono tante le iniziative in programma con lobiettivo di sensibilizzare la popolazione. La Asl Brindisi ha ben accolto la proposta dellAido comunale di illuminare di rosso lospedale Perrino come gesto simbolico per richiamare lattenzione sul tema. Lunico vero sostenitore del complesso sistema dei trapianti è il cittadino. Senza un sì alla donazione non ci sono trapianti, senza trapianti non cè vita per molte persone.
Secondo lultimo Indice del dono, diffuso nei giorni scorsi dal Centro nazionale trapianti, la popolazione maggiorenne che in Puglia si è espressa sulla donazione è pari al 57,7%. Il dato colloca la nostra regione al 17° posto nella classifica italiana con il 64% di dichiarazioni per il Sì e 36% per il No alla donazione. 
Nonostante il 2023 sia stato un anno positivo per numero di donatori e di interventi di trapianto, i pazienti in lista di attesa sono ancora tanti. La celebrazione della giornata è quindi occasione per ricordare a tutti come esprimere la propria volontà: nel proprio Comune al momento del rilascio o rinnovo della carta di identità, negli uffici Anagrafe della Asl, nelle sedi Aido del territorio.
Per ogni dubbio sul sito della Asl Brindisi è attivo uno spazio dedicato con referenti aziendali, modalità per esprimere la propria volontà e un opuscolo informativo.
 
ASL BRINDISI  AIDO

Contrade Autigno, Formica, Mascava e discarica Formica ambiente: Una storia sbagliata.

 
Nel corso dell’iniziativa pubblica organizzata a San Vito dei Normanni sabato 6 aprile dalla CGIL, la Sindaca di San Vito Errico e l’assessore di Carovigno Saponaro, hanno detto di voler concordare con la provincia di Brindisi e con il comune di Brindisi un piano di bonifica delle contrade Autigno, Formica e Mascava e la dismissione della discarica Formica ambiente, ovviamente dichiarandosi contrarie all’ampiamento della stessa discarica.
Legambiente esprime apprezzamento per la posizione manifestata, assolutamente in linea con quanto più volte precisato dall’Associazione e ripreso nel comunicato stampa recente di Legambiente Puglia.
Legambiente che da quarant’anni si occupa di questa discarica, cioè da quando con un esposto bloccò lo smaltimento di ceneri della centrale Brindisi nord in tale sito. Già allora si andava evidenziando il paesaggio, più in generale lunare, costituito da cave e discariche, che si trova fra Brindisi e San Vito dei Normanni. Ricordiamo “l’affaire rifiuti”, che Legambiente consegnò all'allora presidente della commissione antimafia Violante e che fu uno degli argomenti a sostegno della costituzione della commissione interparlamentare sulle ecomafie.
La discarica formica ambiente è la stessa che, con la denominazione Ines Sud, fu 30 anni fa al centro dell'attenzione generale quando nella stazione centrale di Brindisi fu trovato un carro ferroviario che trasportava rifiuti pericolosi declassificati e che Legambiente chiamò treno dei veleni
Le contrade Formica, Mascava e Autigno sono state oggetto di ordinanze da parte del sindaco Marchionna quando era primo cittadino di Brindisi all'inizio degli anni ‘90, a causa della presenza di cave, spesso trasformata in discariche di dubbia autorizzazione. La discarica in questione è stata, più volte, attenzionata dalla magistratura e dalla Regione Puglia, la quale, anche in presenza delle segnalazioni pervenute anche dagli sfortunati abitanti della zona in merito alle esalazioni maleodoranti e alla dispersione del percolato, non ha inteso programmare la dismissione dell’impianto quantomeno verificando il superamento del livello di campagna. Tra i vari servizi giornalistici sulla zona, va ricordato quello della Rai realizzato grazie alle riprese dell’apprezzatissimo operatore sanvitese Marcello Palmisano, morto in un agguato contro una troupe Rai in Somalia, dopo la morte di Ilaria Alpi.
La discarica formica ambiente è all’interno del piano regionale dei rifiuti speciali, attualmente in vigore e non risulta che esponenti politici del territorio presenti in Regione e ancor più esponenti politici e amministratori locali di Brindisi abbiano con fermezza contestato questa scelta.
L’ampliamento richiesto della discarica per giungere a due milioni di tonnellate di rifiuti dichiarati speciali e non pericolosi, oggetto di una conferenza dei servizi nell’ambito di una autorizzazione integrata ambientale (AIA) della Regione Puglia, comporta una ulteriore grave ferita in danno delle contrade degli abitanti mai tutelati dalla pubblica amministrazione. Sarebbe per altro inammissibile superare i rilievi critici formulati dalla Provincia di Brindisi concernenti l’impermeabilizzazione della discarica, lo sversamento del percolato, il significativo inquinamento della falda e gli effetti cumulativi degli impatti ambientali e dei danni legati agli impianti presenti nella zona.
L’ampliamento richiesto della discarica è frutto dell’inerzia o del disinteresse delle pubbliche amministrazioni interessate verso le contrade Formica, Mascava e Autigno devastate in tutti questi anni. Il problema, quindi, non può essere ridotto al rispetto o meno di procedure urbanistiche o al ristoro che il Comune di Brindisi potrebbe ricevere in danno dell’ambiente e della salute degli abitanti della zona, ma lo è la permanenza in esercizio dell’impianto, la cui dismissione è necessaria nell’ambito del complessivo piano di bonifica che Regione Puglia, Provincia di Brindisi e i comuni interessati a cominciare da quello di Brindisi, avrebbero già dovuto da tempo avviare e che ora è irrinunciabile.

La polizia di stato durante alcuni controlli del territorio ha tratto in arresto un insospettabile 39enne residente a San Pietro Vernotico nella cui abitazione hanno rinvenuto un revolver e diverse munizioni tra cui alcune da guerra con relativo caricatore. 

In particolare sono stati rinvenuti 8 proiettili calibro 9x21, 28 calibro 7,65, un caricatore bifilare per mitraglietta rifornito con 20 munizioni calibro 5.56 Nato, e una pistola tipo revolver calibro 38 special, canna corta, con le relative munizioni. L'uomoè stato arrestato con l'accusa di detenzione di arma clandestina e detenzione illegale di munizioni. Le indagini sono in corso da parte anche del reparto scientifico della polizia per verificare sel'arma è da collegare con eventi criminali verificatesi in regione.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

I Finanzieri di Ostuni durante un controllo del territorio relativo all'attività turistica ha accertato che un B&b trasformatosi successivamente in azienda agrituristica aveva ottenuto dei ricavi per 200mila euro senza versare al fisco i relativi oneri. I fatti si sarebbero verificati tra il 2018 e il 2023. Sono al vaglio dei Finanzieri i provvedimenti da adottare.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Raccontare il territorio attraverso un’alleanza pubblico-privato: Giovedì 18 aprile, ore 17.00, al Mediaporto – Biblioteca di Brindisi, Viale Commenda 1, incontro di presentazione “La poetica degli spazi. I Patti di Collaborazione con i Poli Biblio Museali di Puglia”, dedicato alle Associazioni e agli Enti Non Profit del territorio, attivi in ambito culturale e sociale, per presentare il nuovo schema dei Patti di Collaborazione.

Dopo l’importante e fruttuoso percorso di ascolto e partecipazione che ha visto protagoniste numerose associazioni, imprese culturali, cooperative, organizzazioni non governative, aggregazioni di cittadini portatori di interessi collettivi, espressione dell’associazionismo culturale e sociale, la Regione Puglia, ha approvato il nuovo schema di Patto di Collaborazione tra i Poli Biblio-museali e gli enti del territorio.

Il Polo Biblio Museale di Brindisi, forte della proficua esperienza maturata con “Facciamo un Patto”, delle attività svolte e delle sollecitazioni provenienti durante il percorso partecipato, avvia, con l'incontro in programma, le fasi di attuazione dei nuovi Patti di Collaborazione.

L’appuntamento, sarà utile ad illustrare i nuovi principi ad Associazioni, Imprese Culturali, Cooperative, Fondazioni, Organizzazioni non Governative, aggregazioni di cittadini portatori di interessi collettivi, espressione dell’associazionismo culturale e sociale non profit, che operano sul territorio.

L’obiettivo: promuovere, generare nuovi progetti, valorizzare il patrimonio, gli spazi e i servizi di biblioteca e museo regionali, in un’ottica più inclusiva, imparziale e democratica, capace di colmare il divario territoriale, digitale, culturale, sociale ed economico.

 Convocazione Consiglio Comunale per mercoledì 17 aprile aprile 2024 – ore 09:00, per discutere gli argomenti di cui al seguente ordine del giorno:

  1. Comunicazioni del Presidente del Consiglio comunale
  2. Comunicazioni del Sindaco
  3. Comunicazioni dei Consiglieri comunali
  4. Approvazione processi verbali sedute consiliari del 29 dicembre 2023 e 12 gennaio 2024
  5. Approvazione ordine del giorno in merito alle problematiche in agricoltura
  6. Ratifica delibera della G.C. n. 44 del 09/02/2024, avente per oggetto: Variazione d’Urgenza al Bilancio di previsione finanziario 2024/2026, anno 2024, (art. 175, comma 4, del D.LGS. N. 267/2000) relativa a: Contributo ai Comuni a supporto dell’integrazione dell’ANPR delle liste elettorali e dei dati relativi all’iscrizione nelle liste di sezione di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, N. 223”
  7. Ratifica delibera della G.C. n. 45 del 09/02/2024, avente per oggetto: “Variazione d’urgenza al bilancio di previsione finanziario 2024/2026, anno 2024, (art. 175, comma 4, del D.LGS. N. 267/2000) relativa a: Programma Nazionale PN Metro Plus e Città Medie Sud 2021-2027 – Dotazione Finanziaria”
  8. Riconoscimento debito fuori bilancio a seguito di sentenza esecutiva di condanna del Giudice del Tribunale di Brindisi dott.ssa Fausta Palazzo n. ……omissis…… resa nel giudizio ad istanza di ……omissis…...c/ Comune
  9. Riconoscimento debito fuori bilancio a seguito di decreto n…..omissis…della Suprema Corte di Cassazione in Roma reso nel ricorso ad istanza del Comune di Mesagne c/…..omissis……………….
  10. Approvazione del rendiconto della gestione per l’esercizio 2023 ai sensi dell’art. 227, D.Lgs. n. 267/2000
  11. Affidamento del servizio di tesoreria comunale per il periodo 1° luglio 2024 – 30 giugno 2029, approvazione schema di convenzione. Direttive in merito all’espletamento della gara
  12. Accordo per la gestione, conservazione e valorizzazione del Parco Archeologico di Muro Tenente tra il Comune di Mesagne, il Comune di Latiano e la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi e Lecce. Modifica ed integrazione accordo approvato con D.C.C. n.47 del 21.07.2023
  13. Approvazione schema di convenzione tra il Comune di Latiano ed il Comune di Mesagne per la gestione associata del Parco Archeologico di Muro Tenente con l’istituzione dell’Ufficio Comune
  14. Modifica Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni per il triennio 2024-2026, approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 12/01/2024
  15. Piano di Lottizzazione “Sub Comparto C8. Approvazione in via definitiva ai sensi dell’art. 16 comma 7 della Legge Regionale n. 20/2001 e s.m.i.
  16. Piano di Lottizzazione Sub Comparto C7-A. Approvazione in via definitiva ai sensi dell’art. 16 comma 7 della Legge Regionale n. 20/2001 e s.m.i.
  17. Ampliamento Parcheggio ad Uso Pubblico Via Brindisi ai seni dell’art. 55 delle NTA PRG. Approvazione Appendice Bozza di Convenzione di cui alla Delibera di Consiglio Comunale n. 46/2022
  18. R. 36/2023 “Disciplina regionale degli interventi di ristrutturazione edilizia ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lettera d), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia) e disposizioni diverse” Individuazione degli ambiti edificati per la promozione di interventi di ristrutturazione edilizia. Approvazione ai sensi dell’articolo 12 comma 3 lettera e) della Legge Regionale 27 Luglio 2001, n.20

È stata ufficializzata ieri, giovedì 11 aprile, la partnership avviata da ARPAL Puglia con operatori e associazioni del settore -  in particolare Confesercenti, Assohotel, AIGO, Consorzio Albergatori Carovigno, Confcommercio, Federalberghi, Confartigianato, CNA – e con Istituto Superiore Alberghiero “Sandro Pertini”, Liceo Linguistico “Ettore Palumbo”, ITS Turismo e Med Cooking School, in occasione del “Job on TOURism”.

A firmare l’accordo di collaborazione per ARPAL Puglia il dott. Luigi Mazzei, dirigente U.O. Coordinamento Servizi per l'impiego dell'Ambito di Lecce-Brindisi-Taranto.
“Riuscire a garantire agli utenti il livello essenziale delle prestazioni (LEP), stabilito con decreto ministeriale n.4/2018, per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, è l’obiettivo che noi dobbiamo raggiungere in ogni Centro per l’Impiego - afferma il dirigente - Stiamo lavorando e cercando di dimostrare che la nostra organizzazione, grazie alle risorse umane che ha, altamente scolarizzate e costantemente formate, può e deve spingere ancora di più per aumentare la credibilità dei Centri per l’Impiego.
È vero che abbiamo sfatato il mito che il lavoro non c’è sul territorio: riusciamo a redigere dei report settimanali delle vacancy e delle offerte lavorative e mettiamo in condizione gli utenti di poter credere ad una possibilità occupazionale concreta attraverso i Centri per l’impiego.
Adesso, però, dobbiamo riuscire a comprendere quali sono gli step successivi per poter formare il personale richiesto, soprattutto quello altamente specializzato, nel campo turistico ma anche in tutti i settori del lavoro”.

Il job day, organizzato da ARPAL Puglia – Centri per l’impiego di Brindisi e Provincia, si è svolto all’interno della cornice del MEDIAPORTO – BIBLIOTECA di Brindisi.
Attraverso lo sportello di accoglienza e di orientamento, gli esperti del Mercato del lavoro di ARPAL hanno potuto effettuare una prima profilazione dei partecipanti, mentre il punto di facilitazione digitale ha consentito agli operatori di fornire primi rudimenti circa l'accesso alle misure di politiche attive del lavoro mediante l'utilizzo delle nuove tecnologie digitali.
 
I ben 13 corner, nel foyer, sono stati allestiti e assegnati ad associazioni datoriali ed aziende alla ricerca di personale nei settori food&beverage, housekeeping, front office.
I candidati che hanno partecipato all’incontro hanno svolto dei colloqui vis-a- vis con i recruiter aziendali, per esporre le proprie esperienze e competenze curriculari e avere maggiori dettagli sulla proposta lavorativa.  

Variegate le tipologia di figure professionali ricercate. Tra gli altri: cuochi, camerieri, plongisti, governanti, camerieri ai piani, addetti al ricevimento, addetti all’accoglienza, addetti alle pulizie, maitre di sala e  receptionist.

ll positivo riscontro in termini numerici – più di 500 i colloqui effettuati -  e la favorevole risposta sia da parte dei candidati, che hanno mostrato notevole interesse e gradimento per questa concreta tipologia di selezione, sia dalla parte delle aziende che hanno potuto vagliare un'ampia rosa di potenziali dipendenti, conferma lo scopo del Job on TOURism: mettere in contatto le aziende impegnate nella ricerca del personale con potenziali candidati alle offerte.

Job on TOURism è il numero zero di un’iniziativa che intende quindi diventare un appuntamento fisso dei Centri per l’Impiego che, sempre più, vogliono proporsi quali realtà dinamiche e propositive in tema di ricerca attiva del lavoro. La volontà, pertanto, è quella di istituzionalizzare “Job on TOURism” come strumento strategico affinché ARPAL consolidi la sua vicinanza alle esigenze dei cittadini e la sua attenzione al tessuto imprenditoriale locale, promuovendo le opportunità di lavoro attraverso un servizio di incontro domanda-offerta sempre più efficiente”.

“Come Centri per l’impiego – conclude il dott. Mazzei- abbiamo acquisito una credibilità nei confronti di tutti, soprattutto delle associazioni datoriali che hanno avuto modo di constatare la nostra professionalità nel servizio e quali sono le potenzialità nel mondo del lavoro.
Da qui in avanti, ovviamente, il livello continuerà a salire.
La firma di questo accordo è solo una delle tante attività che abbiamo messo in campo e che riusciremo a mantenere con assoluta professionalità, come siamo abituati a fare, perché il lavoro va sempre fatto insieme, di squadra!”

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

10eLotto: a Vico del Gargano (FG) vinti 12mila euro. Festa grande a Vico del Gargano, in provincia di Foggia, grazie al 10eLotto. Nella località pugliaes, come riporta Agipronews, vinti 12mila euro grazie a un “6 Doppio Oro” in un'estrazione istantanea. L'ultimo concorso del Lotto ha distribuito 24,2 milioni di euro, per un totale di 1,1 miliardi da inizio anno.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Difendere l’indifendibile. Un’impresa in cui la maggioranza mostra sicuramente più impegno di quello che spende quotidianamente nella gestione della cosa comune.

“Questa candidatura di Brindisi a Capitale Italiana della Cultura sarà veramente come una spinta educativa, come una propulsione, un far sì che noi… che Brindisi che si è sempre vista un po’ come una città… non voglio dire ignorante… però… insomma un po’ così… un po’… (in dialetto ‘alla bona’) alla bona! Perfetto!”.

Questa la frase pronunciata dall’Assessore Lidia Penta (con infelice supporto del Sindaco Marchionna) oggetto delle critiche e dello sdegno non solo degli scriventi gruppi di opposizione, ma di una larga fascia della cittadinanza.

Una frase che - lo si ribadisce decisamente - indipendentemente dal contesto e dal tenore è semplicemente indifendibile, sotto il profilo concettuale prima ancora che dialettico.

Una frase che presta il fianco a una visione offensiva inaccettabile per la stragrande maggioranza dei brindisini che si dedicano attivamente al progresso culturale, sociale ed economico della città, senza bisogno di essere considerati alla ricerca di una "spinta educativa".

Non ci rassegniamo al pensiero che il giudizio diffuso in merito al livello culturale della nostra città sia talmente infimo, né tanto meno può appartenere ai nostri rappresentanti istituzionali, perché  costituisce un falso storico assolutamente inaccettabile.

La candidatura della nostra città a capitale italiana della cultura è certo una grande occasione, ma al contempo una consacrazione di un ricambio generazionale e di una rinascita culturale oramai consolidata. Se Brindisi ha ottenuto questa fondamentale possibilità deve anche ringraziare quello che oggi è, non soltanto sperare in quello che potrebbe essere.

Sfugge forse a questa maggioranza dormiente il fatto che storicamente la nostra città abbia già supportato egregiamente la candidatura di altre realtà territoriali (Lecce, Mesagne) nella difficile corsa a capitale della cultura, riscuotendo sempre importanti e significative manifestazioni di stima, una per tutte quella espressa già nel lontano 2013 dall’allora sindaco di Lecce Paolo Perrone in ordine all’immenso “valore storico e culturale di Brindisi”, le cui infrastrutture riteneva ovviamente fondamentali.

Sarebbe auspicabile che di tale valore avesse piena coscienza anche chi oggi ci rappresenta, piuttosto che abbandonarsi - ancora più grave in occasioni pubbliche – a stereotipi e luoghi comuni assolutamente antistorici e che non ci appartengono ormai da qualche decennio.

Questa opposizione continuerà ad operare, come fatto fino ad oggi, con quella coscienza, collaborazione e responsabilità che non è dato intravedere in larghe fasce della maggioranza, pronta ad esempio a provare a paralizzare i lavori, fondamentali per la città, della Commissione Consiliare Ambiente per mere beghe interne. Giova ricordare che i lavori di detta Commissione sono potuti proseguire solo e soltanto grazie ai numeri garantiti, responsabilmente, da questa opposizione.

Per questo non accettiamo lezioni di stile da chi di stile ne sta mostrando davvero poco.

Se esigere rispetto ed attenzione per la nostra città ci farà perdere la stima della maggioranza, ce ne faremo una ragione e se questo è il livello, anche un vanto.

A firma dei capigruppo di Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Impegno per Brindisi, Uguaglianza cittadina, Movimento Regione Salento, Brindisi Bene Comune-Alleanza Verdi Sinistra, Attiva Brindisi

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Pagina 1 di 2288