Redazione

La VI Commissione Cultura della Regione Puglia ha firmato, in data 22 giugno 2022, la proposta di legge sulla tutela e salvaguardia delle bande da giro.

Si tratta di un unicum nel panorama nazionale. La Regione Puglia riconoscerebbe così l’importanza, storica, sociale e soprattutto musicale culturale delle bande da giro, degli autori regionali delle tradizioni ad esse connesse che divengono patrimonio comune e come tali dovranno essere tutelate ed esportate per garantire la loro salvaguardia e vitalità.

“Alla soddisfazione dei consiglieri regionali e ai sindaci dei comuni che vedono nei festival legati alla tradizione bandistica un patrimonio immateriale da salvaguardare ed esportare - afferma Benedetto Grillo, Presidente dell’Associazione Nazionale Bande da Giro - si aggiunga quella di tutta la nostra Associazione Nazionale e delle Bande da Giro che rappresentiamo. Questo piccolo passo costituisce il riconoscimento dell’ente banda da parte della Regione Puglia in attesa della votazione in Consiglio Regionale.”

“E’ doveroso ringraziare - conclude Grillo - tutta la parte politica di ogni colore che ha ascoltato le esigenze dei lavoratori e delle bande rappresentate dall’Anbg e non solo, licenziando una legge di poche righe ma con un ampio significato. Consentiteci un particolare grazie al Presidente della Commissione Cultura Donato Metallo, ai vice presidenti Parchitelli e La Notte ed tutti i consiglieri regionali firmatari che, insieme al Direttore Generale Patruno ed ai sindaci dei festival di Puglia dedicati alla banda, hanno saputo proporre, ascoltare e tutelare diventando i primi grandi sostenitori di questa proposta di legge.

Fare rete tra istituzioni e associazioni costituisce ancora una volta il baluardo fondamentale per la salvaguardia del patrimonio comune e dei diritti dei lavoratori valorizzando la nostra terra e la nostra cultura ed in questo la Regione Puglia, mi preme dirlo, è avanti anni luce.”

Il peggio pare passato, eppure non possiamo ancora considerarci completamente al sicuro. L’interruzione forzata, nei due anni di pandemia, non ci ha sottratto impegno, passione, voglia di ritornare. Anzi, non vedevamo l’ora.

L’asd Robur Brindisi presenta l’8^ edizione del torneo di basket under 13 che da diversi anni anima le piazze della nostra città e dei paesi della nostra provincia: “Brindisi Porta del Salento”.

Da lunedì 27 giugno e sino al 2 luglio, 15 squadre, provenienti da tutta la Puglia, giocheranno, si divertiranno e faranno amicizia nei parchi e nelle piazze di Brindisi, Mesagne e San Pancrazio Salentino.

La manifestazione, giunta all’ottava edizione, rientra nel cartellone dell’estate brindisina “Un mare di eventi” e si avvale del patrocinio della regione Puglia, del comune di Brindisi, Mesagne, San Pancrazio Salentino, della Provincia di Brindisi, dell’Arcidiocesi di Brindisi e Ostuni, con il contributo di Enel, nell’ambito del progetto CSI “Insieme per lo sport”, di RentOne, BrinMense e della ditta Rubini Davide quali main sponsor, e di altre piccole e grandi aziende ed esercizi commerciali che, nonostante la crisi economica che attanaglia il Paese hanno voluto contribuire alla riuscita dell’evento.

Queste le quindici formazioni che parteciperanno all’ottava edizione di Brindisi Porta del Salento Torneo di basket Under 13: New Basket Brindisi, ASD Young  Basket Massafra, New Basket Lecce (squadra A); Mens Sana Mesagne, Virtus Taranto, Cestistica Ostuni, Gymnasium San Pancrazio, Murgia basket Santeramo, Fortitudo Francavilla, Aurora Brindisi, Pallacanestro San Vito dei Normanni, Pallacanestro Lupa Lecce, Scuola Basket Martinese, New Basket Lecce (squadra B) e Asd Robur Brindisi.

“La ASD Robur Brindisi è orgogliosa di ritornare al lavoro – afferma Gianpaolo Amatori General Manager della società organizzatrice - di dare la possibilità ai giovani, al nostro futuro, di divertirsi e di usare la pallacanestro quale veicolo di socializzazione, condivisione e di riprendere il cammino che dallo sport si propaga verso i valori che maggiormente devono ispirare tutti i cittadini: la lealtà, il rispetto, l’amicizia. Con uno sguardo a quanto accade nel mondo, dove manca la Pace.

Per noi ospitare giovani atleti provenienti da ogni dove - continua Gianpaolo Amatori - sta diventando un’esigenza, non solo per il piacere di incontrarci nuovamente sui campi dello sport che più ci appassiona. Significa ritornare a sentirci nuovamente vivi, colorando l’estate delle nostre città”.

Le gare si disputeranno nel campo di basket del Parco Maniglio al rione Bozzano (si ringrazia la Multiservizi per la fattiva collaborazione), nella Villa comunale di Mesagne  e nel pallone tensostatico di San Pancrazio Salentino e si potranno seguire sul sito asdroburbrindisi.it e sulla pagina Facebook “Brindisi porta del Salento”.

Secondo l'ultimo report a cura dell'Unità operativa di Epidemiologia del Dipartimento di Prevenzione della Asl Brindisi, dal 27 dicembre 2020 al 22 giugno 2022 sono state somministrate 935.191 dosi di vaccino, di cui 342.256 prime dosi, 332.123 seconde dosi, 257.748 terze dosi e 3.064 quarte dosi; mediamente, sono state somministrate 1.844,5 dosi per giornata di vaccinazione.

Il 63,2% (590.897) delle dosi è rappresentato da Pfizer, il 23,6% (221.020) da Moderna, il 9,2% (86.097) da AstraZeneca, il 2,7% (24.957) da Pfizer pediatrico, l'1,3% (12.098) da Janssen (Johnson&Johnson) e lo 0,01% (86) da Novavax. Il dato delle prime dosi risulta così distribuito: il 53,2% a persone al di sotto dei 60 anni; il 24,9% agli anziani; il 12,1% ai soggetti fragili; il 3,9% al personale sanitario; il 2,6% al personale scolastico; l’1% alle forze dell'ordine; il 2,3% ad altre categorie. Questa la distribuzione delle seconde dosi: per il 54,8% ai soggetti al di sotto dei 60 anni; per il 26,1% agli anziani; per il 10,3% ai soggetti fragili; per il 3,9% al personale sanitario; per il 2,4% al personale scolastico; per l'1% alle forze dell'ordine; per l'1,5% alle altre categorie. Questa, infine, la distribuzione delle terze dosi: il 28,9% agli anziani; il 49,8% a persone al di sotto dei 60 anni; il 10,7% ai soggetti fragili; il 3,4% al personale sanitario; l'1,2% al personale scolastico; lo 0,9% alle forze dell'ordine; il 5,1% alle altre categorie.

Fino al 22 giugno i residenti o domiciliati in provincia di Brindisi vaccinati con la prima dose sono 335.173, di questi 321.099 con la seconda dose e 244.116 con la terza dose, con una copertura vaccinale pari rispettivamente al 90,9%, all'87,1% e al 70,6%. Sono 3.208 i residenti che hanno ricevuto la quarta dose. La copertura vaccinale con la prima dose relativa ai residenti con più di 80 anni di età è pari al 98,9%, al 96,9% per il ciclo completo e all'85,2% per la terza dose. I residenti di età compresa tra 5 e 11 anni vaccinati con prima dose risultano essere 12.970 per una copertura vaccinale pari al 56,8%.

Sono 128.336 le dosi erogate finora dai medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, di cui 54.861 (42,8%) in ambito ambulatoriale. Il 17,9% (22.991) delle dosi è stato somministrato a soggetti over 80, il 24,5% (31.440) a soggetti della fascia di età 70-79 anni, il 24,2% (30.972) a soggetti con età tra 60 e 69 anni e il 33,8% (42.933) a soggetti sotto i 60 anni. I soggetti fragili rappresentano la categoria a rischio vaccinata prevalentemente dai medici di famiglia (70.849; 55,3%), seguita dai soggetti con età superiore a 60 anni (31.562; 24,6%), dai soggetti sotto i 60 anni (9.633; 7,5%) e da altre categorie (16.291; 12,7%).

Dati del giorno: 25 giugno 2022

3.726
Nuovi casi
14.531
Test giornalieri
1
Persone decedute
Nuovi casi per provincia
Provincia di Bari: 1.112
Provincia di Bat: 412
Provincia di Brindisi: 316
Provincia di Foggia: 619
Provincia di Lecce: 704
Provincia di Taranto: 494
Residenti fuori regione: 55
Provincia in definizione: 14
32.917
Persone attualmente positive
259
Persone ricoverate in area non critica
10
Persone in terapia intensiva

Dati complessivi

1.181.808
Casi totali
11.302.337
Test eseguiti
1.140.291
Persone guarite
8.600
Persone decedute

Nei giorni 25 e 26 giugno 2022 si terrà presso Pontedera (PI), l’8° raduno nazionale dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato con lo slogan “Insieme per dare valore ai valori”.

Due giorni ricchi di eventi per ricordare l’importanza delle attività dell’ANPS nel coltivare la memoria della Polizia di Stato e nel supporto quotidiano dei volontari al sistema della Protezione Civile Nazionale.

Uomini e donne uniti dal senso di appartenenza e di reciproca solidarietà, vicini alla gente ieri come oggi, che continuano ad offrire il proprio contributo alla società civile.

La mattina di sabato 25 giugno, in Piazza Martiri della Libertà di Pontedera, saranno allestiti gli stand delle Specialità e dell’ANPS per la divulgazione di materiale informativo e verranno esposte le auto storiche insieme alla Lamborghini della Polizia.

Nel pomeriggio verrà deposta una corona d'alloro ai caduti in piazza Garibaldi e successivamente, conclusa la messa solenne in Duomo, si terrà il concerto della Banda musicale della Polizia di Stato.

Domenica 26 giugno, allo stadio " Ettore Mannucci", alla presenza del Capo della Polizia - Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Lamberto Giannini, si terrà la sfilata delle sezioni dell'Associazione nazionale della Polizia di Stato provenienti da tutta Italia. Al temine il Capo della Polizia Prefetto Giannini, nominerà due poliziotti ad honorem: personalità della società civile che con il loro esempio di vita hanno incarnato i valori della Polizia di Stato e con il loro operato sono state vicine alle persone più fragili.

A tale sfilata sarà presente anche la Sezione dell’ANPS di Brindisi, guidata dal suo Presidente Carmelo Guglielmi.

In particolare, la Sezione ANPS di Brindisi, durante l’emergenza COVID-19 ha collaborato con vari comuni per garantire il distanziamento nel corso della campagna vaccinale. Altresì, è stata presente all’ingresso della Questura per assicurare il distanziamento dell’utenza diretta negli uffici di Polizia. Analogamente, l’ANPS ha collaborato con la Polizia di Frontiera nel corso dei vari imbarchi/sbarchi dei passeggeri provenienti e diretti sia in Albania che in Grecia, provvedendo alla misurazione della temperatura, evitando assembramenti e fornendo indicazioni a tutti i viaggiatori. In questo ultimo anno la Sezione ANPS è stata presente anche in 4 plessi scolastici, ove ha regolato l’entrata e l’uscita degli scolari. Inoltre, sta collaborando con alcuni istituti scolastici al progetto denominato “A scuola con il PEDI-BUS”, iniziativa rivolta agli alunni di scuola primaria delle classi terze, quarte e quinte che prevede la possibilità di offrire alle famiglie una valida alternativa all’auto e allo stress del parcheggio la mattina davanti alle scuole. Da ultimo, i volontari della Sezione collaborano con alcuni comuni della provincia per garantire le misure di safety nel corso di manifestazioni, anche sportive (podistiche e ciclistiche), nonché la deviazione al traffico della ZTL del Centro storico di Brindisi.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

Ha preso avvio a Mesagne un servizio di prevenzione incendi da parte della polizia locale che sta monitorando i terreni e contravvenzionando i proprietari che non hanno ottemperato all’ordinanza sindacale che invita a pulirli dalle sterpaglie per evitare incendi. Ad oggi sono una decina le contravvenzioni elevate per un importo di 300 euro cadauna. Tra i vari incendi purtroppo c’è da segnalare che alcuni hanno investito dei terreni piantati a grano. Un cereale che in questo periodo di magra, dovuto agli effetti del conflitto Ucraina-Russia, causa un danno notevole sia agli agricoltori sia agli stessi cittadini che ne saranno i consumatori finali. Tuttavia, c’è da sottolineare che diversi terreni urbani ed extraurbani di proprietà dello stesso ente locale meriterebbero di una pulizia delle sterpaglie. Dunque, la città di Mesagne, causa le alte temperature o altro, in questi giorni è teatro di diversi incendi che si sviluppano un po' dappertutto.rifiuti_incendiati.jpg

Alcuni mesi fa per evitare gli incendi il sindaco Toni Matarrelli aveva emesso un’ordinanza con la quale aveva invitato  i proprietari o i conduttori di aree agricole non coltivate, di aree verdi urbane incolte, i proprietari di villette e gli amministratori di stabili con annesse aree a verde, di fabbricati in genere destinati all'agricoltura, i responsabili di cantieri edili e stradali, i responsabili di strutture turistiche, artigianali e commerciali, con annesse aree pertinenziali, a provvedere ad effettuare i relativi interventi di pulizia, a proprie cura e spese, dei terreni invasi da vegetazione, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l'incolumità e l'igiene pubblica, in particolar modo provvedendo alla estirpazione di sterpaglie e cespugli.controlli_polizia_locale.jpg

Molti cittadini hanno ottemperato alle prescrizioni del primo cittadino tanti altri lo hanno snobbato e hanno lasciato le proprietà in preda alle erbacce divenute ormai secche e facilmente infiammabili. Da questa situazione resta comprensibile il pericolo che un incendio possa facilmente divampare creando un chiaro rischio sociale. “I controlli sono in atto quotidianamente – ha confermato Teodoro Nigro, comandante della polizia locale -. Ringrazio molto i cittadini che sono attenti nel segnalare situazioni di pericolo collegate a potenziali pericoli d’incendio sia in città che in periferia". Per segnalare situazioni di pericolo il numero telefonico della centrale operativa della polizia locale è il 0831771893.

---------------controlli_polizia_locale_giugno_2022.jpg
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

Grande successo per l’apertura di Musica Sull’Appia, Festival di Musica Vocale da Camera di Brindisi. Pubblico numeroso ed  entusiasta per la perfomance dell’Orchestra da Camera Eleusi, al suo battesimo, diretta da Andrea Crastolla, direttore artistico dello stesso Festival.

Autorevole esecuzione di Pulcinella di Stravinsky, nel 140 della nascita, con una performance di Toni Candeloro più brillante e profondo che mai. Candeloro ha creato per l’occasione una nuova coreografia supportato dai migliori allievi della sua scuola. Candeloro ha ricevuto, per le mani del Sindaco di Brindisi Riccardo Rossi, il premio alla carriera.castello_svevo_brindisi_spettacolo_3.jpeg

Ottima l’interpretazione di Tamar Otanadze (soprano), Federico Buttazzo (tenore) e Francesco Masilla  (Basso).

L’evento si è incastonato perfettamente nella cornice scelta dal direttore artistico, il Castello Svevo, che ha offerto una fruizione godibile ed emozionante.

Si continua stasera alle 20 e alle 21,30 con Vita da Soprano, Schubertiade costruita e interpretata dal soprano Alessandra Borin accompagnata al pianoforte dalla pianista Alexandra Bochkareva.

Biglietti acquistabili sul circuito VivaTicket.castello_svevo_brindisi_spettacolo_2.jpeg

“Un gruppo di amici di comune accordo con gruppo consiliare di Consenso Civico, ha deciso di dare inizio ad nuovo percorso politico. 

Consenso Civico diventa “movimento politico”, andando a rafforzare e sostenere ulteriormente il lavoro svolto dai consiglieri Angelo Caforio, Claudio Ruggiero, Lucia Salonne e dall’assessore Maria Spinelli.
Nelle prossime settimane si andrà a definire la struttura interna con la nomina di due rappresentanti”
 
Il gruppo Futuro “Consenso Civico”

Il progetto L.In.F.A. presenta le sue attività alla cittadinanza. I partner del progetto L.In.F.A., che vede come capofila l’ASD Acqua2O di Mesagne, presentano le attività che vedranno impegnati i minori autori di reato cui il progetto si rivolge.

 Mercoledì 29 giugno, dalle ore 10, presso Palazzo Guerrieri, in via Congregazione a Brindisi, i Partner del Progetto L.In.F.A. (Lavoro, Inclusione, Formazione in Agricoltura per minori autori di reato), progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e vincitore del bando “Cambio Rotta, presenteranno alla cittadinanza e alla stampa le attività previste dal progetto, già in corso o in fase di attivazione, che vedranno impegnati minori autori di reato al fine di costruire un sistema di (re)inclusione attraverso percorsi legati alla relazione minore-cavallo e alla creazione di un apiario sociale.
 
Durante l’evento interverranno i Partner operativi del progetto ed in particolare ASD Acqua2O (Marcello Ostuni), Ce.F.A.S. (Fabrizio Chetri), Rinascita Società Cooperativa Sociale (Danilo Manta), Phoenix Società Cooperativa Sociale (Giorgio Schirinzi), Arci Brindisi (Paola Meo), Salento Fun Park (Maura Cesaria). Attraverso le loro parole e la visione di un breve video scopriremo le attività svolte finora e quelle in programma nel prossimo futuro.
 
Interverranno poi alcune realtà del territorio, come Vicky Gravinese di Un alveare da favola, Lorenzo Guglielmi, maniscalco professionista, e Dora Spinosa di Uomini Vivi OdV, che testimonieranno come le attività formative proposte nel progetto potranno essere spese dai destinatari per costruire percorsi lavorativi mirati alla reinclusione. 
Infine, verrà offerto un rinfresco a tutti i presenti e sarà possibile fermarsi per ulteriori curiosità e domande. Per qualsiasi informazione è possibile contattare il 377.44.18364
 
Per maggiori informazioni sul Progetto L.In.F.A.  
Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org”
 
 

 Il Circolo Tennis “Dino De Guido” di Mesagne ha centrato per il secondo anno l’obiettivo della permanenza nel campionato a squadre di serie B2 maschile. Lo scorso anno conquistò il quarto posto nel proprio girone e dovette disputare i play out e sconfiggere il forte C.T. Palermo per conquistare la permanenza della categoria. Quest’anno la compagine mesagnese ha migliorato la propria classifica conquistando il terzo posto, assicurandosi così la permanenza diretta. Eppure il campionato non si era avviato sotto i buoni auspici; le prime tre partite aveva visto la squadra del C.T. Mesagne soccombere di misura (tre sconfitte per 4-2) con non poche recriminazioni. Nette invece le vittorie nelle successive tre partite (tutte per 5-1) contro la New Torre del Greco, il C.T. Palermo ed il C.T. “Mario Stasi” Lecce che sono valse il terzo posto e la salvezza diretta. 

Nell’incontro decisivo di domenica scorsa contro il C.T. “Mario Stasi” Lecce, i ragazzi gialloblù sono riusciti, già al termine dei singolari previsti, ad accumulare un buon vantaggio sugli agguerriti avversari. Infatti, dopo i primi due singolari, Gaston Tonello (2.4) è riuscito ad avere la meglio su Jacopo Denitto (2.5) col punteggio di   6-3 6-1, mentre Lautaro Falabella ha dovuto ricorrere alla terza frazione di gioco per avere la meglio di un leggero infortunio e del suo avversario, Felipe Escalona (2.5), per 7-5 4-6 6-3. Questo incontro è stato ultimato all’interno del campo coperto, in quanto sul circolo tennis mesagnese si è abbattuto un improvviso e violento nubifragio che ha reso impraticabili i campi per tutta la giornata di domenica. A seguire Alessio Rosato (2.8) ha reso a tratti la vita difficile al più quotato Filipe Virgili (2.7), il quale però ha concluso la partita con una vittoria in due sets: 6-2 6-4 il punteggio finale in favore del tennista leccese. L’ultimo singolare ha messo di fronte i due numeri uno: Marat Deviatiarov per i colori gialloblù e Alessandro Coccioli per la compagine salentina, entrambi classificati 2.3. Nonostante il grande impegno profuso, nulla ha potuto Coccioli contro la potenza e la classe straripante del tennista ucraino tesserato per il “Dino De Guido”: 6-1 6-3 il punteggio in suo favore. Il punto della vittoria definitiva della squadra mesagnese, lo hanno conquistato i ragazzi italo-argentini del circolo mesagnese, Falabella e Tonello, che hanno sconfitto in due sets col punteggio di 6-1 6-4 la coppia formata da Denitto e Virgili, rendendo ininfluente la conclusione del secondo doppio tra Deviatiarov / Davide Spina e Escalona / Coccioli. Al termine degli incontri si è potuto dare il via ai festeggiamenti per la brillante salvezza raggiunta, la seconda consecutiva dopo quella dello scorso anno.
Gli artefici di questo splendido traguardo sono stati, oltre ai già citati Lautaro Falabella, Gaston Tonello, Marat Deviatiarov, Alessio Rosato, Davide Spina, Diego Barreto Sanchez, Vladimir Ivanov, Simone Pacciolla, Joel Pierleoni, Antonio Caramia, Andrea Caforio e i capitani Armando Caforio, Giuseppe Canuto e Luigi Pisoni.
Entusiasta il pubblico accorso e grande merito va dato al socio e consulente tecnico Federico Colelli che ha curato l’allestimento del roster ed agli sponsor (Centro Diagnostico Omega e Polispecialistico Devicienti delle dott.sse Devicienti, Spazio Conad, Farmacia Rizzo del dott. Leo Rizzo, Arredamenti Valentini, Assicurazioni Generali Agenzia Generale del rag. Antonio Speciale, M.P.C. Ambiente di Dino Marseglia, Italiana Cascestruzzi, Studio Volpe della dott.ssa Maria Concetta Volpe, JDP E&S di Janny Dipresa, Fondiaria Sai Agenzia Generale Falcone Snc) che hanno contribuito in modo determinante a finanziare l’impresa ed ai quali sono stati indirizzati i sentiti ringraziamenti degli amministratori del sodalizio. Nell’entusiasmo finale, il Presidente del Circolo, Nicola De Guido, oltre a manifestare grande soddisfazione per l’obiettivo raggiunto e per aver migliorato il quarto posto dello scorso anno, ha anche fatto intendere che, con qualche altro piccolo sforzo, il tentativo di un ulteriore salto di categoria nel prossimo anno potrebbe non essere solo un sogno.