Redazione

IL GRUPPO « UOMINI IN CAMMINO » ADERISCE ALLA GIORNATA NAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE.

La violenza sulle donne è una problema degli uomini. Questa affermazione si sta facendo sempre più strada nella società grazie ai femminismi e a piccoli gruppi di uomini che prendono coscienza di quanto le violenze sulle donne siano profondamente radicate nel modo di pensare e vivere il loro essere maschi, modo che non è un prodotto naturale bensì della educazione, della cultura e dei valori in cui siamo cresciuti.
Che la violenza sia un problema degli uomini vuol dire quindi che gli uomini devo cercare di rinunciare ai privilegi che la società patriarcale gli ha sempre concesso ed aprirsi ad una relazione paritaria ed alle novità di ruoli e di impegni che essa comporta. Se rinunciare ai privilegi maschili in un sistema che ne è radicalmente pervaso non è semplice, gli uomini possono utilizzarli per cambiare il sistema. La violenza di genere, infatti, ha a che fare con il potere.
È una violenza sistemica, che vuol dire che non ne è escluso neanche chi non è violento. Siamo tutti responsabili in quanto siamo parte di un sistema che supporta l'idea di supremazia, di possesso, di non parità.
Non si tratta però soltanto di essere uomini « più buoni », « più gentili » « più disponibili », si tratta di guadarsi intorno e di cogliere le discriminazioni e le ingiustizie nei riguardi della donna attivandosi per cambiare lo stato delle cose dal livello personale a quello sociale, economico e culturale: nelle case, nella scuola, sul lavoro, nelle città e nel mondo. Nella nostra regione 2 donne su 3 non lavorano, 1 su 3 rinuncia a cercare lavoro e 1/3 delle occupate lavora part-time. Privare una donna di una buona occupazione significa renderla meno indipendente ed esporla a violenze e abusi.
Questa è una situazione che non possiamo e non vogliamo accettare, nemmeno in quanto uomini, e quindi invitiamo tutti gli altri uomini a interrogarsi e attivarsi insieme per costruire una società e un futuro più paritari e liberi dalla violenza.
Uomini in Cammino della Provincia di
Brindisi

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

Una gerbera bianca, che nel linguaggio dei fiori significa candore e purezza, da portare a casa per donarla a mamme, mogli, fidanzate, a tutte le donne, un gesto gentile per ribadire che le donne non si toccano #nemmenoconunfiore. Ad organizzare l’iniziativa è stata Coldiretti Donne Impresa Puglia, con i florovivaisti di Campagna Amica al mercato dei contadini a Brindisi, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, una ricorrenza istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999.coldiretti_fiori_e_prodotti_orticoli.jpg

Celebrata anche la resilienza delle donne in agricoltura che in Puglia stanno affrontando con energia e caparbietà – aggiunge Coldiretti Puglia - lo scenario difficile causato dalla guerra in Ucraina con il balzo dei costi di produzione e l‘inflazione, una schiera di 24mila aziende rosa che stanno guidando la risalita.

“La violenza, gli abusi e la mancanza di rispetto verso le donne si sconfiggono cambiando la mentalità discriminatoria anche in ambiente di lavoro e nei differenti settori economici, dove le donne sono costrette ad inaccettabili momenti di disparità e dipendenza psicologica e materiale. Anche in campagna le donne vanno sostenute per dare forza e vigore ad un ruolo che è divenuto centrale e attivando ogni possibile misura incentivante la conciliazione vita – lavoro”, spiega Maddalena Rignanese Rinaldi, responsabile di Coldiretti Donne Impresa Puglia.coldiretti_gerbere_fiori_2.jpg

“Coldiretti sta contribuendo a costruire un percorso che supporti e incentivi l’imprenditoria agricola femminile che offre notevoli potenzialità occupazionali, puntando sulle giovani, considerato che in Puglia per esempio il 54% delle domande per i nuovi insediamenti sono state presentante proprio dalle giovani donne. L’agroalimentare può offrire 100mila posti di lavoro green entro i prossimi 10 anni in Puglia con una decisa svolta dell’agricoltura verso la rivoluzione verde, la transizione ecologica e il digitale, ma anche un nuovo welfare in campagna con gli agriasilo, le fattorie didattiche e quelle di agricoltura sociale, che in alcuni territori potrebbero rappresentare un presidio insostituibile”, insiste Rignanese.

Le 24mila aziende agricole ‘rosa’ che in Puglia stanno dando un volto multifunzionale e innovativo con professioni antiche riviste in chiave moderna, in agricoltura, silvicoltura e pesca, dove quasi una azienda agricola su 3 è guidata da donne e cresce anche il numero di agriturismi in rosa (+ 3,7%), passati da 286 a 305 in Puglia, a dimostrazione di quanto le imprenditrici siano riuscite, aggiunge Coldiretti Puglia, a cogliere al massimo le opportunità offerte dalla multifunzionalità in agricoltura.

Nell’attività imprenditoriale le donne dimostrano capacità di coniugare la sfida con il mercato ed il rispetto dell’ambiente e la tutela della qualità della vita - aggiunge Coldiretti Puglia – con una grande attenzione al sociale, assieme alla valorizzazione dei prodotti tipici locali e della biodiversità diventando protagoniste in diversi campi, dalle attività di educazione alimentare ed ambientale con le scuole ai servizi di agritata e agriasilo, dalle fattorie didattiche ai percorsi rurali di pet-therapy, fino agli orti didattici all’agricoltura sociale, mercati di Campagna Amica e l’agriturismo.coldiretti_gerbera_fiore.jpg

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

Istituita una nuova area infetta denominata ‘Valle d’Itria’ a causa dell’’elevato rischio sanitario confermato nell’area tra Monopoli e Polignano con 119 ulivi infetti. A darne notizia è Coldiretti Puglia, in relazione alla determinazione dell’Osservatorio Fitosanitario della Puglia che ha istituito una nuova zona infetta chiamata “Valle D’Itria”, con relativa zona cuscinetto dalla larghezza di 5 km.

L’elevato numero di piante infette trovate nelle aree comprese tra Polignano e Monopoli – aggiunge Coldiretti Puglia - ha confermato l’elevato rischio sanitario descritto a marzo 2022 nel Piano D’Azione 2022, con la necessità di applicare nella zona infetta del’l’art. 7 del Reg. 2020/1201 ovvero l’eliminazione della pianta trovata infetta, eliminazione di tutte le piante della stessa specie di quella trovata infetta indipendentemente dal loro stato sanitario, le piante di specie diverse da quella della pianta infetta che sono risultate infette in altre parti dell’area delimitata e tutte le piante specificate, che non sono state immediatamente sottoposte a campionamento e ad analisi molecolare, tutto questo in un buffer di 50 metri dalla pianta infetta.

Intanto, sono 1.054 gli ulivi infetti abbattuti da giugno ad oggi, una misura molto sofferta che si è resa necessaria per arrestare l’avanzata della Xylella, il batterio killer che interessa 8mila chilometri quadrati di territorio, il 40% della Puglia, con un totale di 240 piante infette rinvenute nel piano di monitoraggio 2022.

Oltre alle pratiche fitosanitarie obbligatorie, serve tempestività per estinguere immediatamente i focolai attivi con gli ulivi infetti che sono fonti di inculo della malattia e bloccare l’avanzata inarrestabile della malattia, in zona indenne – aggiunge Coldiretti Puglia - dove oltre all’abbattimento degli ulivi infetti si dovrà procedere anche sulle piante delle specie sensibili presenti nel raggio di 50 metri, perché la diffusione della Xylella Fastidiosa potrebbe costare miliardi di euro nei prossimi 50 anni in Europa, se l’espansione della zona infetta non venisse arrestata.

La Xylella ha inciso anche sulla campagna olivicola in corso in Puglia, dove In provincia di Brindisi – denuncia Coldiretti Puglia - la raccolta subirà una riduzione generale del 20-25% a causa degli eventi atmosferici, oltre alla continua avanzata della Xylella fastidiosa, con la presenza sempre più numerosa di oliveti con evidenti disseccamenti caratteristici dell’infezione dovuta al batterio. Nella parte sud del territorio provinciale tale fenomeno interessa oramai tutti gli oliveti con conseguenze anche sulla produzione ed una diminuzione del prodotto che in tali comprensori raggiunge oltre il 50% rispetto alle annate precedenti. A causa della Xylella fastidiosa sono andate perse 3 olive su 4 in provincia di Lecce con il crollo del 70% della produzione di olio di oliva anche nell’annata in corso, un andamento produttivo divenuto incontrovertibile dal 2015 ad oggi, mentre sono state registrate forti problematiche sui nuovi impianti di olivo causate dai forti attacchi di Oziorrinco e di Cicale.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

 IL QUESTORE DI BRINDISI EMETTE DASPO URBANO NEI CONONTI DI GIOVANE MESAGNESE GIÀ ARRESTATO PER SPACCIO DI DROGA. 

 
Nella giornata odierna il Questore della Provincia di Brindisi, GARGANO Annino, ha disposto, nei confronti di un veventunenne mesagnese la misura di prevenzione personale del divieto, per la durata di ANNI UNO, di accedere e stazionare nei luoghi e nelle immediate vicinanze di tutti i pubblici esercizi (bar, pub, ristoranti, pizzerie, osterie, fast food) e dei locali di pubblico intrattenimento che insistono nell’area cittadina di Mesagne (BR) denominata “Parco Poti”.
 
Il provvedimento, noto come “DASPO URBANO”, scaturisce dall’arresto del giovane, operato lo scorso 21 ottobre dagli agenti del Commissariato di P.S. di Mesagne, in quanto sorpreso fermo nelle immediate adiacenze dell'Area pubblica denominata “Parco Poti", mentre cedeva ad altro  giovane un involucro di piccole dimensioni contenente sostanza stupefacente e, dopo aver opposto resistenza nel tentativo di darsi alla fuga, trovato in possesso di altra sostanza stupefacente del tipo “hashish", nonché denaro provento dell’attività di spaccio.
 
 La ratio del provvedimento emesso dal Questore trova fondamento nella necessità di infrenare condotte illecite che incidono negativamente sulla serena convivenza sociale minando la sicurezza e la tranquillità pubblica nel comune di Mesagne perché consumate in un luogo cittadino di pubblico interesse altamente frequentato da giovani, specie di minore età, nonché da famiglie ed anziani. 
 
Il provvedimento di divieto emesso dal Questore di Brindisi rientra nel quadro normativo della Legge “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città” che, elencando determinate "misure a tutela del decoro di particolari luoghi”, ne definisce il contorno sanzionatorio di specifica competenza del Questore.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

 

Mesagne si conferma “Città che legge”, conquistando anche per il biennio 2022 – 2023 il titolo che il Cepell conferisce ai Comuni impegnati a promuovere la lettura sul proprio territorio. Il riconoscimento apre le porte alla possibilità di accedere a finanziamenti e bandi per consolidare buone pratiche culturali attraverso politiche pubbliche di valorizzazione e percorsi di coinvolgimento di singoli, associazioni ed enti. 

 
Intanto, grazie al contributo ministeriale di cui la Biblioteca Comunale “Ugo Granafei” è risultata beneficiaria nei mesi scorsi, è stato acquisito un vasto repertorio di nuovi volumi, un composto di proposte editoriali acquistate presso le librerie del territorio anche su suggerimento di tanti mesagnesi.
 
I bambini potranno scegliere tra oltre 180 testi, albi illustrati e fiabe. Sono poco meno di 300 i testi per i ragazzi e 250  è il numero totale di saggi, romanzi e poesie. Un bel bottino di cui cibarsi, nutrendo anima, fantasia e intelletto. Troverà degno spazio nella sede storica di Piazza IV Novembre, dove i lavori di restauro sono quasi terminati, e che presto verrà inaugurata e restituita alla fruizione dei cittadini in una veste rinnovata e moderna, ancora più accogliente.

Il Sindacato Cobas sarà nella giornata di Venerdì 25 Novembre alle ore 7,00 davanti i cancelli di Cerano e alle ore 13,30 davanti le banchina di Costa Morena dove si scarica il carbone nella prima giornata delle due iniziative rivolte a dare continuità alle proposte che abbiamo fatto da anni  sulla chiusura del ciclo del carbone che resta al 2025.

Dove alla nostra città viene chiesto un ulteriore sacrificio di aumento della produzione elettrica della centrale Enel di Cerano , dovuta ad una guerra in Ucraina che produce solo ricchezza per le compagnie dei combustibili ,delle armi ,  degli speculatori di ogni risma .

La seconda giornata si svolgerà così:

-Sabato 26 Novembre ore 9,00 incontro con l’Onorevole Mauro D’Attis presso la sede dei Cobas di viale Commenda 74 aperta  a tutti.
l'Onorevole D?Attis  ci illustrerà le sue iniziative rivolte alla applicazione dalla legge ,legge nata da un suo emendamento e da un altro Onorevole di Civitavecchia,  con cui si mettono dei paletti per la fase di uscita dal carbone e per realizzare  delle proposte occupazionali alternative.
Ricordiamo solo che la applicazione della legge ha già subito dei ritardi dovuti  alla ultima competizione elettorale.

Il Cobas da anni propone :

-una cassa integrazione speciale   che permetta ai più anziani delle ditte appaltatrici di poter andare in pensione .

-I dipendenti diretti dell’Enel hanno già qualche anno di abbuono, nel caso allungare di qualche anno con lo stesso strumento usato per le ditte.

-Per i dipendenti rimasti prevedere la realizzazione di  corsi di formazione professionale sulle rinnovabili.

Realizzare  comunità energetiche in tutta la Provincia di Brindisi ,autoproduzione di energia dove è possibile su tetti pubblici e privati, con investimenti nazionali ed Europei.

Tutti chiedono soldi allo Stato come nel caso della società Act Blade da realizzare a Costa Morena ; a questo punto chiediamoli per permettere ai cittadini di risparmiare sulle bollette.

Quello che chiediamo è di realizzare un programma vero  adesso e di non aspettare la fine di tutto.

Guide turistiche, strutture ricettive e ristoranti “consigliati da Torre Guaceto”. Il Consorzio di Gestione dell’area protetta taglia il nastro del percorso che permetterà agli operatori virtuosi del territorio di ottenere la certificazione CETS ed essere così promossi e valorizzati dalla riserva. 

E’ fissata per il prossimo 30 novembre, alle ore 15, presso la sala conferenze del chiostro dei domenicani di San Vito dei Normanni, la riunione del forum della Carta Europea per il Turismo Sostenibile di Torre Guaceto finalizzata alla presentazione, discussione e approvazione del sistema di adesione CETS e dei disciplinari per l’ottenimento della certificazione. 
Un meeting strettamente pragmatico grazie al quale tutti i membri del forum, associazioni comprese, potranno conoscere a fondo la procedura CETS che, attraverso la certificazione degli operatori e la realizzazione di azioni specifiche, punta ad aumentare la sostenibilità e l’attrattività del territorio, e dire la propria. 
Breve excursus. La certificazione europea consta di tre step. Fase 1: certificazione di sostenibilità e attrattività dell’area protetta. Fase 2: certificazione degli operatori turistici. Fase 3: certificazione dei tour operator. 
Il Consorzio di Torre Guaceto ha ottenuto la certificazione CETS che di fatto attesta la qualità della governance dell’area protetta, nel 2016, nel 2021 ne ha conquistato il rinnovo, oggi intende impegnarsi affinché gli operatori dell’area di pertinenza (Brindisi, Carovigno, San Vito) ottengano il marchio di struttura virtuosa e possano, quindi, beneficiare delle attività di promozione che saranno realizzate dal Consorzio stesso e Federparchi. 
Per cogliere a pieno i vantaggi derivanti dalla certificazione, basti pensare che nell’ambito della pandemia, svariati fondi ministeriali di sostegno alle imprese sono stati stanziati solo in favore delle strutture che potevano vantare la certificazione CETS e che la stessa non comporta alcun costo di adesione per gli operatori. 
La certificazione è la meta segnata con l’avvio del percorso di formazione gratuito rivolto agli operatori turistici inaugurato lo scorso maggio dal Consorzio e Federparchi e che toccherà la prossima tappa il 5 dicembre, con il workshop dedicato all’approfondimento della tematica del turismo green, con esperti di settore che spiegheranno come soddisfare al meglio l’utenza. 
“Abbiamo deciso di intraprendere la strada della formazione e certificazione degli operatori del territorio - ha commentato il presidente di Torre Guaceto, Rocky Malatesta -, per dare un sostegno concreto al nostro tessuto socio-economico. Il mercato turistico chiede sempre più attenzione all’ambiente, fortunatamente, ed è giusto che chi si impegna per lavorare in modo virtuoso venga premiato. Il Consorzio sarà sempre al fianco di chi ha a cuore la riserva, la natura in generale, e la nostra comunità”. 
I ristoranti, le strutture ricettive e le guide escursionistiche e ambientali che vorranno lavorare gomito a gomito con la riserva ed essere sempre più sostenibili, otterranno un marchio riconosciuto a livello internazionale. 
L’opportunità è offerta a tutti gli operatori dei tre comuni di riferimento di Torre Guaceto, anche a quelli che allo stato attuale non fanno ancora parte della rete degli stakeholders dell’area protetta, conditio sine qua non: partecipare alla riunione del 30 novembre che permetterà di approvare il sistema di certificazione ed entrare nel forum della riserva. 
Per accedere all’evento, basta compilare il form linkato entro le ore 12 del 28 novembre. 
A seguire, poi, nella giornata del 5 dicembre, a conclusione dell’incontro di formazione online, i tecnici del Consorzio e di Federparchi coadiuveranno gli operatori della ristorazione e della ricettività nell’avvio delle procedure per la certificazione, il giorno seguente sarà offerta la stessa assistenza alle guide che vorranno procedere con le attività per l’ottenimento del marchio.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

“Una nave tra i vigneti. Castel Acquaro dal XVI secolo ai giorni nostri”, è il titolo della ricerca storica intrapresa da Mario Vinci e consegnata alla pubblica lettura. Si tratta di un volume di 134 pagine con 148 foto edito dall’Istituto culturale “Storia e Territorio” di Mesagne. La passione per lo studio della famiglia Granafei Mario Vinci l’ha avuta grazie alla sua professione che per anni lo ha portato in giro tra gli agri della provincia di Brindisi facendogli conoscere tenute e fabbricati che nei secoli scorsi hanno tracciato la vita delle comunità locali. Tra queste spicca Castel Acquaro che da 451 anni, cioè dal 1571 anno in cui fu acquistata, è presente nella vita dei mesagnesi e dei brindisini. Per chi volesse immergersi in questa lettura storica lo può fare acquistando il volume che è in vendita presso le seguenti librerie di Mesagne:

  • Edicola “Mater Domini” di Tonino Palma, in via Materdona, 172;
  • Edicola “Ciribì”, di Angela Marinosci, in via Castello, 34;
  • Edicola “Pattydea”, di Franco Esperti, in via Marconi 139;
  • Edicola “La Carica dei 101”, in via Sandonaci, 20;
  • Edicola “A chiare lettere”, in via Normanno, 30.
  • ---------------
    Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
    Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
    Per scriverci e interagire con la redazione 
    contattaci  

Nomine di direttori di Dipartimento e di Struttura complessa nella Asl Brindisi. Nellambito della riorganizzazione dipartimentale in atto nella Asl di Brindisi, sono state effettuate di recente le nomine dei direttori dei dipartimenti, che raggruppano unità operative affini nelle diverse strutture aziendali. Negli ultimi mesi lazienda ha inoltre completato diverse procedure per la nomina dei direttori di strutture complesse ospedaliere.

Antonio Montanile è il nuovo direttore del Dipartimento delle Direzioni mediche dei presidi ospedalieri. Montanile è stato dal 2005 al 2008 direttore medico del Perrino di Brindisi e dal 2009 è direttore medico dellospedale Camberlingo di Francavilla Fontana. 
Massimo Leone è il direttore del Dipartimento di Emergenza-urgenza. Dal 2009 è il direttore della Servizio 118 Brindisi e dal 2013 è componente del tavolo tecnico regionale per lEmergenza-urgenza dellassessorato alla Salute.
Angelo Santoro è il direttore del Dipartimento di Medicina di laboratorio. Dal 2004 è direttore dell'Unità operativa complessa di Patologia clinica del Perrino di Brindisi e dal 2020 è responsabile del laboratorio di Biologia molecolare della Asl Brindisi - Rete regionale Sars-Cov2 per l'esecuzione del test molecolare Covid-19.
Maurizio Friolo è il nuovo direttore del Dipartimento giuridico-amministrativo, a cui fanno capo alcune aree di gestione e le direzioni amministrative dei presidi ospedalieri. Avvocato, iscritto allalbo dei cassazionisti, dal 2000 è direttore della struttura complessa Burocratico-legale della Asl. 
Accanto a queste, la direzione strategica della Asl di Brindisi ha effettuato anche le nomine dei direttori di unità operative complesse ospedaliere.
Antonella Miccoli è stata nominata direttore della Struttura complessa di Medicina trasfusionale dell'ospedale Perrino. Dal 2018 è titolare della Unità operativa Autosufficienza sangue e dal 2020 è stata direttore facente funzione del Centro trasfusionale del Perrino. È, inoltre, responsabile delle raccolte sangue esterne effettuate in collaborazione con le associazioni di volontariato.
Nell'ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana, Alessandro Anglani è il nuovo direttore della Struttura complessa di Radiodiagnostica, già facente funzione dal 2021. Anglani è anche referente del percorso diagnostico dello screening del carcinoma del colon retto. 
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Visto il D.Lgs. 267/2000;

            Visto lo Statuto Comunale;

            Visto il Regolamento per il funzionamento e l’organizzazione del Consiglio Comunale;

            Sentita la Conferenza dei Capigruppo in data 23 novembre 2022;

                          C O N V O C A

 

                   il Sindaco Antonio MATARRELLI

                   i Consiglieri Comunali Vincenzo CARELLA, Alessandro CESARIA, Antonio COLUCCI CARLUCCIO, Cataldo CRUSI, Salvatore Carmine DIMASTRODONATO, Carlo FERRARO, Amedeo GRECO, Giuseppe INDOLFI, Emanuele PEREZ, Mauro Antonio RESTA, Francesco Michele ROGOLI, Rosanna SARACINO, Sante Vincenzo SICILIA, Antimo SPORTELLI, Luigi VIZZINO

per il Consiglio Comunale che si terrà nell’Aula Consiliare di Palazzo di Città – lunedì 28 novembre 2022 – ore 9.00  per discutere gli argomenti di cui al seguente ordine del giorno:

  • Comunicazioni del Presidente del Consiglio comunale
  • Comunicazioni del Sindaco
  • Comunicazioni dei Consiglieri comunali.
  • Approvazione processi verbali delle sedute consiliari del 7 ottobre 2022 e 26 ottobre 2022
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2023 – anno 2022 Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale n. 313 in data 18.10.2022 adottata ai sensi dell’art. 175, comma 4, del D.Lgs n.267/2000
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2023 – anno 2022 Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale n. 317 in data 18.10.2022 adottata ai sensi dell’art. 175, comma 4, del D.Lgs n.267/2000
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2023 – anno 2022 Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale n. 324 del 26.10.2022 adottata ai sensi dell’art.175, comma 4, del D.Lgs n. 267/2000
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2023 – anno 2022 Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale n. 330 in data 28.10.2022 adottata ai sensi dell’art. 175, comma 4, del D.Lgs n.267/2000
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2023 – anno 2022 Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale n.353 in data 23.11.2022 adottata ai sensi dell’art. 175, comma 4, del D.Lgs n.267/2000
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2023 – anno 2022 Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale n.354 in data 23.11.2022 adottata ai sensi dell’art. 175, comma 4, del D.Lgs n.267/2000
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2023 – anno 2022 Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale n.355 in data 23.11.2022 adottata ai sensi dell’art. 175, comma 4, del D.Lgs n.267/2000
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2023 – anno 2022 Ratifica della deliberazione di Giunta Comunale n.356 in data 23.11.2022 adottata ai sensi dell’art. 175, comma 4, del D.Lgs n.267/2000
  • Variazione al Bilancio di Previsione Finanziario 2022/2024 (art.175, comma 2, del D.Lgs n.267/2000
  • Approvazione programma comunale degli interventi per il diritto allo studio anno 2023.

       Si invia p.c. al Segretario Generale, agli Assessori Comunali Semeraro Giuseppe, D’Ancona Roberto, Mingenti Antonio, Saracino Maria Teresa, Scalera Anna Maria, ai Sigg.ri Consulenti del Sindaco: Antonio Calabrese, Marco Calò, Maurizio Piro, Domenico Stella, al Collegio dei Revisori, alla Prefettura, al Commissariato di P.S., al Comando Stazione Carabinieri, al Comando Vigili Urbani, alle R.S.U aziendali, agli Organi di stampa locali, ai Responsabili delle Aree, all'Ufficio Messi.

       Ai sensi dell’art. 38 del Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale, gli atti e la documentazione inerente gli argomenti iscritti all’ordine del giorno, sono depositati presso l’Ufficio di Segreteria.

                              Distinti saluti.

                                                                                         Il Presidente del Consiglio Comunale

                                                                                                  Dott. Omar Salvatore TURE