Redazione

Il sindacato Cobas organizza Giovedì 20 Marzo a partire dalle ore 6,00  delle assemblee davanti l’ingresso della centrale Enel di Cerano per spiegare a tutti i lavoratori delle ditte  quanto siano gravi le provocazioni portate avanti dalla ditta Sir.

La ditta SIR nel corso dell’incontro avuto Lunedì 17 Giugno presso l’ Arpal a Brindisi in via Torpisani  , nel corso della procedura di licenziamento per 76 lavoratori impegnati fino a ieri nell’appalto dello scarico del carbone , ha ribadito di voler procedere ai licenziamenti cancellando qualsiasi ipotesi di cassa integrazione .

La grave provocazione della SIR nasca dal rifiuto delle organizzazioni sindacali  alla proposta aziendale che nel caso di ricorso   alla cassa integrazione   dovevano essere  i lavoratori a pagare  i costi della stessa attraverso la cancellazione di accordi di secondo livello .

Per questo il Cobas si è rivolto al Signor Prefetto di Brindisi, Luigi Carnevale , per un nuovo incontro dove aggiornarlo della situazione diventata drammatica ; unitamente alla richiesta di un altro nuovo incontro a Bari   alla Task Force Regionale sulla Occupazione alla presenza di Enel e Sir ,i soggetti stessi della scorsa riunione dove sono stati presi impegni da parte della SIR  per l’utilizzo della cassa integrazione.

I fatti: la legge sugli ammortizzatori sociali prevede che nel caso di cessata attività possa esserci un anno di cassa integrazione.

La SIR nel corso di un incontro presso la Task Force Regionale sulla occupazione , guidata dal Presidente Leo Caroli, aveva accettato il ricorso alla cassa integrazione della durata di un anno.

Questo ci avrebbe permesso di avere del tempo per cercare di ottenere gli investimenti alternativi promessi dall’Enel , che ad un certo punto sono scomparsi.

In modo sfacciato ed incredibile la SIR chiede alle organizzazioni sindacali che i lavoratori che rimarranno a lavoro devono rinunciare a ciò che hanno ottenuto con accordi di secondo livello nel corso degli anni , a partire dai buoni pasto ed altro ancora.

Alla risposta negativa di tutti i lavoratori la SIR afferma che non intende  sostenere le spese , che sono minime per chi ha guadagnato tanto con l’Enel, per la cassa integrazione e che intende proseguire sulla strada dei licenziamenti.

Il sindacato Cobas farà delle proposte di lotta nel corso delle assemblee ed è pronto a respingere le provocazioni di ENEL e SIR e ad alzare le barricate per difendere tutti i lavoratori della Centrale di Cerano.

Brindisi 19.06.2024

Per il Cobas Roberto Aprile

In occasione del prossimo weekend di programmazione, 21/22 giugno, i ragazzi e le ragazze che gestiscono la sala aprono le porte alla cittadinanza per mostrare i nuovi lavori e ‘la veste definitiva’ del cinema, che é davvero una seconda nascita!

Con l’occasione, tutti i cittadini che ancora non lo hanno fatto possono accedere al secondo giro di tesseramento, dopo che il primo si é esaurito in due soli weekend.

La tessera permetterà di ricevere la programmazione ordinaria e tutta la comunicazione sugli eventi speciali.

Tre le sezioni fino a fine giugno:

il venerdì, ore 18.00, IL MIGLIOR CINEMA DI ANIMAZIONE per bambini, alle 20 la sezione DOCUMENTARI D’AUTORE e il sabato, alle 20, IL CINEMA LIBERO DI KEN LOACH.

Si ricorda che le tessere e la visione dei film sono gratuiti, partecipate numerosi!

Per info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o messaggio WhatsApp al numero 3476459675.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Mercoledì 19 giugno, dalle 18.30, sarà ospite presso le Officine Ipogee di Mesagne Roberto Urso per la presentazione del suo libro autoprodotto "Con la scusa di Capo Nord".  Nella chiacchierata in compagnia di Ennio Ciotta, racconterà una storia avvincente in giro per il mondo in sella ad una bicicletta. "Questo è un libro particolare, dedicato e ispirato da un viaggio a Capo Nord in sella a una bicicletta. È la storia di un
italiano che vive in Germania, di un immigrato che viaggia portandosi dietro tutti i particolari più belli che riesce a
trovare sulla strada. Questo è un romanzo di formazione, in cui il protagonista impara a viaggiare, a soffrire e ad amare.
Parte senza sapere il perché, capisce che non c'è bisogno di alcuna motivazione e poi, una volta arrivato al Nord, capisce.
Capisce che non può star zitto, che non può tornare alla sua vita di immigrato che frigge le cotolette in un ristorante
qualsiasi di una città tremendamente boriosa. Capisce che il diario è esempio, e lui vorrebbe che a Capo Nord ci andassimo tutti; forse con la bici, magari come ci pare.
L'importante è una cosa: tenere l'orizzonte; concentrarsi su quella linea infinita dove le piccole cose dei piccoli paesi smettono di essere importanti. Diventano come noi umani di fronte alla Natura; insignificanti, microscopici, certe volte persino irritanti. Questo è il viaggio di un viaggiatore
qualsiasi, che con le pedalate ha tirato giù tutto il suo muro di certezze: cos'è l'amore? Cos'è la patria? Cos'è la casa? E soprattutto: perché queste dovrebbero essere granitiche? Chi l’ha detto che sono la stessa cosa per tutti?" Con queste parole introduce i lettori in un viaggio lento, ricco di incontri e mete mai definitive.
 L'appuntamento è organizzato da Mesagne Bene Comune e APS Street View. A seguire aperitivo.

Forum Wine Festival

San Pancrazio Salentino - Forum Eventi

Venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 giugno 2024

 

CINQUANTA CANTINE, 200 ETICHETTE

DEGUSTAZIONI, INCONTRI, MASTERCLASS,

GASTRONOMIA, MUSICA E CABARET

È possibile prenotare il calice per le serate

e iscriversi alle due masterclass con Carmine Galasso

 

Da venerdì 21 a domenica 23 giugno 2024 è in programma la seconda edizione del Forum Wine Festival, grande rassegna dedicata al mondo dell’enologia pugliese, organizzata dall’associazione Terra Madre Salento che, dopo il successo del 2023, torna con il sostegno di Regione Puglia, Provincia di Brindisi e Comune di San Pancrazio Salentino, e in collaborazione con i Consorzi di Tutela: DOC Salice, Primitivo di Manduria, DOC di Brindisi.

L’appuntamento è al Forum Eventi di San Pancrazio Salentino, uno dei più estesi e attrezzati contenitori di grandi eventi di Puglia, che si sviluppa su un’area di oltre 50mila metri quadri. Immerso tra ulivi e palmeti, nella terra dei Messapi, è diviso in diverse aree, da quella dedicata ai grandi concerti fino ai verdi giardini, dall’area ristoro a quella dedicata alle attività sportive.

Nel cuore del Salento, tra le province di Brindisi, Lecce e Taranto, nella terra di Negroamaro e Malvasia, Primitivo e Susumaniello, iI Forum Wine Festival è un appuntamento dedicato ai wine lovers, ai più esperti e ai semplici appassionati che vogliono avvicinarsi al mondo dell’enologia. Un appuntamento che, in concomitanza del solstizio d’estate, apre ufficialmente le danze per la bella stagione.

La rassegna celebra il mondo del vino in tutti gli aspetti, un settore in costante crescita, come hanno evidenziato i recenti grandi appuntamenti delle fiere di settore, nazionali e internazionali, con i relativi premi ai vini pugliesi e salentini. Un settore che, grazie al lavoro quotidiano di uomini e donne, abbraccia la storia, la cultura, il tessuto economico e sociale dei territori dove vigneti e cantine insistono, con particolare attenzione all’enoturismo, esperienza che abbina le bellezze artistiche, culturali e naturali alle produzioni enologiche: uno straordinario veicolo di promozione del territorio e delle sue risorse.

Tre giorni ricchi di eventi, emozioni sensoriali, musica e tantissime degustazioni delle cantine (una cinquantina, compresa una selezione di cantine internazionali), che hanno aderito alla manifestazione, con una speciale sezione dedicata ad alcune tra le migliori espressioni dell’olio EVO Salentino.

Da non perdere gli show cooking di The King of mortadella insieme allo chef del Forum Feste ed Eventi, sabato 22 e domenica 23, con possibilità di prenotare in anticipo il piatto della serata (prenotazione obbligatoria: 329/7864340, 339/8058066).
E poi le due masterclass, dedicate a Negroamaro e Primitivo tenute da Carmine Galasso, miglior sommelier di Ais Puglia 2023, rinomato consulente e comunicatore del vino.

Sabato 22 giugno, alle ore 21 “Sfumature di Negroamaro, tra passato e futuro”;

Domenica 23 giugno, ore 21, “Primitivo: territorio e tradizioni”

(Costo: 25 euro per masterclass, info e prenotazioni: 329/7864340, 339/8058066).

Per tre serate si passeggia, calice in mano, alla scoperta dei migliori prodotti delle aziende partecipanti, e una ricca offerta gastronomica, con vari “percorsi food” che comprendono panini gourmet, fritto mare, ostriche, panini con carne alla brace. E ancora: selezione di salumi e latticini a Km0, piatti della tradizione, di mare e di terra, fino al dolce, con l’immancabile pasticciotto al negroamaro.

Altrettanto ricca l’offerta sul palco, con un variegato mix di musica, allegria e divertimento.

 

Programma giornaliero:

  • Venerdì 21 giugnoalle ore 19.30, si inaugura ufficialmente il festival con il meeting dei sindaci della zona, a rimarcare l’importanza del settore per il territorio e i paesi dove insistono cantine e vigneti. Sono attesi Donato Pentassuglia, assessore regionale alle Risorse agroalimentari; Antonio Matarrelli, presidente della Provincia di Brindisi; Edmondo Moscatelli, sindaco di San Pancrazio Salentino; i sindaci di molti comuni salentini; i presidenti dei Consorzi di tutela delle DOC salentine; Massimo Tripaldi, Presidente di Assoenologi; Massimiliano Apollonio, presidente del Movimento del Turismo del vino Puglia; Rocco Caliandro, presidente AIS Brindisi.

Alle 20.30 si aprono i “tasting points” e gli stand enogastronomici; alle 21.30 parte anche lo spettacolo dal vivo. Sul palco la comicità della scatenata band The Lesionati, “viralissimi” autori di video ironici, divertenti trasformisti che, per tutte e tre le serate, si esibiscono in uno spettacolo dove convogliano comicità e attaccamento alla propria terra.

Alle 21.30 negli spazi del Forum arriva la carovana del Vespa Club, un affascinante incontro per gli appassionati e i proprietari di scooter Vespa che esporranno i loro veicoli.

Dalle 22.30, spazio alla musica con i dj e di Kawabonga party, scatenato format di selezioni musicali che spaziano dal reggaeton al trap all’elettronica. Una festa collaudatissima, con il pubblico che diventa parte integrante dello show. A rendere unico il Kawabonga Party non è soltanto la parte musicale, ma anche la spettacolare scenografia ricca di effetti speciali, tra fiamme, coriandoli, gonfiabili, palloni, canotti, dischi volanti e sorprese cariche d’effetto.

  • Sabato 22, si inizia alle 20 con il convegno Cambiamenti climatici: strategie di mitigazione degli stress idrici, termici e radioattivi in viticoltura”. Interverranno rappresentanti dell’Istituto di Ricerca CREA, che affrontano temi cruciali per il futuro della viticoltura, analizzando gli effetti dei cambiamenti climatici e proponendo strategie innovative per affrontare e mitigare gli stress ambientali che minacciano le coltivazioni.

Dopo l’attesa apertura dei “tasting points”, dalle 22.30 il via alla musica, con “ViolinÒrchestra” di Francesco Del Prete, un’intera orchestra racchiusa in un solo violino a cinque corde, progetto dell’eclettico violinista e musicista salentino che abbraccia anche il connubio tra vino e violino, con note musicali e aromatiche che esplodono in un bouquet di profumi, floreali e terrosi, morbidi e robusti, ruvidi e vellutati, in un mirabile equilibrio di musica classica e contemporanea.

A seguire le “danze zingare” di Cesare Dell’Anna e dei suoi Opa Cupa, storica formazione prossima a festeggiare un quarto di secolo. Il trombettista ha pensato agli Opa Cupa come ponte musicale e culturale in grado di coniugare le melodie dei Balcani alle sonorità del sud del mondo, in particolare a quelle di entrambe le sponde del Mediterraneo, tramutando il gruppo in una fanfara festosa, con i ritmi dispari, tipici delle zone balcaniche, colorati di jazz e di atmosfere bandistiche del Meridione. Tra gioia, capricci, rabbia e malinconia, il balkanjazz, che ha nei salentini Opa Cupa una delle massime espressioni in Italia, è stato in grado di farsi apprezzare anche all’estero.

Con Cesare Dell’Anna e i suoi Opa Cupa anche i suoi storici collaboratori: il fisarmonicista Rocco Nigro, anima di tantissimi progetti musicali salentini, e il poliedrico pianista jazz Mauro Tre. Con loro anche il pianista e compositore Ekland Hasa.

A dare energia tutta salentina, sul palco, anche una partecipazione speciale: Antonio Castrignanò, cantante e tamburellista, uno dei protagonisti più amati della scena popolare salentina, in grado di uscire anche dai più canonici binari tradizionali e sperimentare con la contemporaneità. Un mattatore sul palco in grado di coinvolgere il pubblico con tutta l’energia della musica di tradizione.

  • Domenica 23, ultimo giorno della kermesse, si inizia alle 20 con il Convegno "Mercato svizzero del vino: analisi e opportunità". Interverranno rappresentanti della Camera di Commercio Italiana in Svizzera.

Alle 20.30 si aprono stand e banchetti di degustazione, accompagnate dalla animazione dei The Lesionati.

Dalle 22.30, il Forum Wine Festival saluta il pubblico e con il live della giovanissima band Blusex e, a seguire, con tutta l’esplosività del black party della crew Bigmama: sensualità, mood, life style e tecnologia si intersecano in un linguaggio universale che riesce a trascinare totalmente il pubblico. È la nuova dimensione della black music, il rhythm & blues contemporaneo, l’hip hop del XXI secolo, il reggaeton che supera i confini del Mar dei Caraibi, il reggae giamaicano di Bob Marley che accoglie il rap e le sonorità latino americane nei suoi ritmi in levare, mescolando una giusta dose di elettronica. Scenografie spettacolari realizzate ah hoc e coreografie in perfetto stile street vivono in simbiosi in uno spettacolo che fa del ritmo incalzante e sensoriale una filosofia di vita, e trae ispirazione dalla vita di strada.

Ingresso libero.
Calice di degustazione 10 euro, con quattro ticket presso i banchetti d’assaggio.

Info e prenotazioni calici: 329/7864340, 339/8058066.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Nel Chiostro del Museo Ribezzo – Brindisi, Paolo Briguglia in “Un Amore”.

Nel Chiostro del Museo “Ribezzo” di Brindisi - piazza Duomo 7, venerdì 21 giugno, alle ore 21:00, andrà in scena lo spettacolo teatrale, con nuovo allestimento, “Un Amore”, tratto dal celebre omonimo romanzo di Dino Buzzati e interpretato dall’attore Paolo Briguglia, con regia di Alessandra Pizzi 
 
Nell’estate dello scorso anno, Paolo Briguglia portò, al numeroso pubblico del Ribezzo, una lettura di alcune delle pagine più significative del testo di Buzzati. Il progetto ha preso nuova forma e, con la regia di Alessandra Pizzi, è diventato uno spettacolo teatrale, in cui alla straordinaria abilità attoriale di Briguglia fa da sfondo una vicenda d’Amore che oggi, come sessant’anni fa, quando Buzzati la consegno al pubblico, rimane straordinariamente attuale. 
Ad interpretare sul palcoscenico l’unico scritto “erotico” dell’autore, è l’attore Paolo Briguglia, che darà corpo e voce al protagonista della storia, Antonio Dorigo, un uomo egoista, superficiale, disinteressato ad affetti sinceri e fruitore di prestazioni sessuali occasionali con ragazze molto giovani, anche minorenni. Quando Laide, una giovane ballerina di fila della Scala farà ingresso nella sua vita, Dorigo farà esperienza di un amore vero, di esemplare limpidezza, ma desinato a smarrirsi nella menzogna come in un labirinto.
Paolo Briguglia, attore eclettico dotato di grande sensibilità e intensità interpretativa, riesce a rendere nel migliore dei modi i meccanismi mentali di Antonio Dorigo. Briguglia si muove tra le contraddizioni, i dubbi, gli impeti amorosi e le paura di Dorigo, e traccia un personaggio surreale (a tratti), grottesco (come spesso l’amore rende chi soggiace), fragile (come chi non è grande come la decisione che è chiamato a prendere).
La dimensione spazio temporale entro cui i protagonisti si muovono è scandita dalla musica: la scelta della colonna sonora di dimensioni pop, nazional popolare, che rispetta l’intensa produzione musicale e cantautorale degli anni 60, ricrea quel fermento artistico e produttivo tipico di quegli anni. Anni di grande frenesia, dove la ripresa economica fa da contraltare a una borghesia bigotta che al valore umano, sostituisce pian piano il valore del denaro e della “posizione sociale”.
 
Lo spettacolo, inserito nella rassegna Metti un libro a teatro, è realizzato in collaborazione con il Polo BiblioMuseale di Brindisi, con lo scopo di unire interpreti di fama internazionale, i luoghi di cultura e i grandi capolavori della letteratura, per raccontare al pubblico il valore dei testi classici.
 
 
Biglietto € 15 anche con 18App e Carta del Docente (con possibilità d’acquisto in loco).
 
Acquisto online (diritto di prevendita € 1,50)
Acquisto in punto vendita: PLANETWIN 365, via Sicilia 57 - Brindisi

“Il governo Meloni ferma la decontribuzione Sud. Lo sgravio sul costo del lavoro che vale 3,3 miliardi all’anno e che si applica dal 2021 a 3 milioni di lavoratori dipendenti, beneficiando così migliaia di imprese meridionali, non vedrà una proroga dopo la sua scadenza il prossimo 30 giugno. La misura, introdotta dal governo Conte, è un’agevolazione fiscale finalizzata a salvaguardare l’occupazione nelle aree più svantaggiate del Paese, ovvero Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia che ha consentito assunzioni tra il 2021 e il 2023, di circa 3,7 milioni di lavoratrici e lavoratori.
La forte crisi globale che stiamo vivendo lasciava presagire la possibilità di poter utilizzare il beneficio anche successivamente al prossimo 30 giugno, pure in considerazione del fatto che l’ultima proroga è stata concessa ritenendo che le misure di sostegno nazionali potessero aiutare effettivamente le imprese colpite dalle gravi perturbazioni dell’economia.
Così non sarà e il Ministro Fitto si giustifica ritenendo erroneamente "Decontribuzione Sud” misura sovrapponibile ad altre misure già previste dal Governo come il “Bonus Zes” che in realtà copre una platea di beneficiari molto ristretta oltre che differenti tipologie di lavoratori nonché di datori di lavoro.
Ciò dimostra la necessità della proroga del provvedimento e come Movimento 5 Stelle difenderemo anche in Europa l’eredità del governo Conte a sostegno del lavoro e delle piccole e medie imprese nel Mezzogiorno” scrive in una nota Valentina Palmisano, neo eletta al Parlamento europeo con il Movimento 5 stelle.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Torna la campagna “Maturità al sicuro” della Polizia di Stato e di Skuola.net per contrastare le fake news sull’esame di Stato e informare correttamente gli studenti. Quasi 1 maturando su 4 pensa di poter tenere con sé lo smartphone durante le prove, circa 1 su 5 che può usare uno smartwatch. E qualcuno ancora cade nel tranello delle tracce reperibili online e rischia di passare la vigilia in bianco per trovarle…

Passano gli anni ma, per gli studenti che si apprestano a sostenere la Maturità, il rischio di cadere in una delle tradizionali fake news sulle regole d’esame rimane altissimo. Quanto basta per alzare il livello di attenzione su possibili “bufale” legate alle regole di base che governano l’Esame di Stato. Cosa che puntualmente fa la Polizia Postale e per la Sicurezza Cibernetica con “Maturità al sicuro”, la campagna di sensibilizzazione svolta assieme al portale specializzato Skuola.net, che per il diciassettesimo anno consecutivo si pone proprio l’obiettivo di “smontare” le principali notizie false sull’argomento.

Le nuove tecnologie in particolare, con il costante sviluppo di “aiuti” digitali, possono indurre in tentazione. Diventando un possibile amplificatore di errori di comportamento. Che, nelle peggiori delle ipotesi, possono addirittura portare all’esclusione dall’esame. Il rischio è concreto. Lo mostrano chiaramente le risposte date dai circa 1.000 maturandi raggiunti dal monitoraggio effettuato proprio da Skuola.net per la Polizia di Stato a circa una settimana dal via della Maturità 2024.

Quasi 1 studente su 4, ad esempio, è convinto che durante le prove scritte gli smartphone si possano tenere con sé in postazione. Quando, invece, devono essere consegnati al banco della commissione, come correttamente dimostra di sapere il 77% del campione interpellato. E se il 17% è consapevole che comunque i telefoni debbano rimanere rigorosamente spenti, il 6% pensa che si possano persino usare rischiando al massimo di essere richiamati o penalizzati in fase di correzione e non, come potrebbe avvenire, di vedere invalidato l’intero esame. La quota di coloro che potrebbero incappare in un uso scorretto dello smartphone all’esame, inoltre, aumenta del 20% rispetto all’anno precedente. Non proprio un buon viatico.

Qualcosa di simile avviene con un altro “sorvegliato speciale”: lo smartwatch. In questo caso è quasi 1 su 6 (il 17%) a pensare che l’orologio tech si possa indossare e usare tranquillamente al polso durante le prove scritte, basta che non sia connesso a Internet. Mentre il 4% è convinto che si possa usare senza alcuna limitazione anche per accedere alla Rete. Se già la prima è una credenza errata, figuriamoci la seconda, che è di fatto una pratica assolutamente vietata. Visto che l’utilizzo dello smartwatch - di qualsiasi tipologia - è inibito tanto quanto quello del telefonino, eppure complessivamente 1 su 5 è convinto del contrario.

La funzione di “Maturità al sicuro”, però, non è solo quella di informare su possibili ipotesi di infrazioni connesse alla Maturità ma anche di ricordare alcuni aspetti fondamentali del regolamento d’esame il cui mancato rispetto potrebbe portare all’esclusione: dalla necessità di presentarsi con un documento di identità a quella di non introdurre altri fogli che non siano quelli forniti dalla commissione. Senza dimenticare le fake news vere e proprie.

Circa un quarto dei maturandi (26%) è infatti convinto che la Polizia possa controllare gli smartphone “da remoto” per capire chi eventualmente sta copiando; cosa non corrispondente al vero. E addirittura quasi la metà (46%) ritiene che, durante gli esami, i membri della commissione possano perquisire i candidati, alla ricerca di oggetti proibiti. Anche in questo caso, si tratta di informazioni non corrette che vanno sfatate, invitando comunque alla prudenza, visto che i commissari d’esame, se dovessero notare manovre illegali, hanno comunque il diritto di escludere i candidati colti in “flagranza di copiato”.

E poi c’è il grande, annoso, tema delle tracce d’esame. Specie di quelle dello scritto di Italiano. Perché sono ancora troppi gli studenti che pensano di trovare in anticipo gli spunti da sviluppare il giorno della prova, soprattutto online. Ad avere ben presente che online si possano trovare solo indiscrezioni, previsioni o, al massimo, degli esempi, è “solo” il 76% dei maturandi.

Il 24%, invece, crede che quantomeno gli argomenti vengano diffusi prima; il 4% pensa che con le giuste mosse si possano mettere le mani con qualche ora di vantaggio sulle tracce vere e proprie. E oltre 1 su 3 immagina che il Ministero possa cambiare le tracce anche all’ultimo minuto. Così non stupisce che circa 1 su 7 sia tentato, nell’immediata vigilia della Maturità, di presidiare fino a tarda notte piattaforme social e siti specializzati sperando nell’imbeccata vincente.

Ecco perché campagne come quella “antibufale” di Polizia di Stato e Skuola.net sono estremamente utili per diffondere messaggi corretti e sgomberare il campo da convinzioni fuorvianti.

L’esame di Maturità è un appuntamento molto importante per gli studenti e per questo è necessario mantenere la serenità necessaria per affrontarli. Le false notizie, invece, possono portare a sterili distrazioni, facendo calare la concentrazione che invece è necessaria per affrontare uno dei momenti più importanti del percorso scolastico.

Tutti messaggi, questi, racchiusi anche in uno short video costruito in linea con le tendenze social del momento, utilizzando quindi un linguaggio più vicino possibile a quello dei protagonisti dell’esame. Il contenuto, che vede come protagonista lo youtuber ufficiale Nikolais, verrà sulla piattaforma di Skuola.net e sui canali social Instagram, TikTok, Facebook, X della Polizia di Stato e del media per studenti.

Gli operatori del Commissariato di P.S. online anche quest'anno saranno perciò a disposizione dei ragazzi per rispondere a tutti i loro quesiti e dubbi sulle informazioni che circolano in Rete. Inoltre, un rappresentante della Polizia di Stato parteciperà alla tradizionale diretta di Skuola.net alla vigilia del primo giorno d'esami, per fare il proprio in bocca al lupo a tutti gli studenti protagonisti dell’Esame di Stato 2024.

Per il video clicca qui: https://www.poliziadistato.it/pressarea/Share/link/66123350-2cbe-11ef-afe9-736d736f6674

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Lo scorso 11 giugno, l’artista fasanese Lorenzo Deluci ha donato alla Biblioteca comunale “Ignazio Ciaia” di Fasano la sua opera pittorica intitolata “L’alba che colora la natura”.

In mattinata, nella sede della Biblioteca comunale in Largo Seggio 11, l’assessora alla Cultura Cinzia Caroli ha incontrato l’artista per ringraziarlo, a nome della Città di Fasano, per la premura e la devozione di cui questo regalo è simbolo. A Deluci è stato consegnato un attestato ufficiale di ringraziamento, quale ulteriore riconoscimento alla sua generosità.

L’opera, un olio su tela delle dimensioni di 160 x 120 cm, completo di cornice, è stata acquisita al patrimonio dell’ente, grato all’artista per il suo lavoro e la sua dedizione alla città.

«È stato davvero un piacere ricevere il sig. Deluci – dice l’assessora alla Cultura Cinzia Caroli - che molto carinamente ha donato una sua opera alla città di Fasano. Mi sono soffermata con lui a parlare di questo quadro e del suo impegno come artista che intende soprattutto valorizzare il nostro territorio. La sua arte immortala prevalentemente paesaggi, di cui il sig. Deluci è innamorato, le sue pennellate sono energiche ma anche dolci in alcuni tratti, l'uso dei colori enfatizza sia la bellezza dei momenti che immortala, che le emozioni che coinvolgono colui che ammira l'opera. Questo suo lavoro adesso è presente nella nostra biblioteca comunale. Da parte mia e di tutta l'amministrazione un sincero ringraziamento all'artista Deluci».

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Sterilizzazione cani e gatti padronali, manifestazione di interesse rivolta ai veterinari.

Manifestazione di interesse rivolta ai veterinari della provincia di Brindisi, erogazione di prestazioni professionali per la sterilizzazione di cani e gatti padronali di cittadini residenti a Mesagne (in esecuzione della determina dirigenziale nr. 826 del 05/04/2024). Le manifestazioni di interesse dovranno essere inoltrate all'Ufficio Protocollo del Comune di Mesagne oppure all’indirizzo pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 12 del 24 giugno 2024.

Torna anche per questa stagione estiva il mercato a km zero di Campagna Amica!

La valorizzazione dei prodotti tipici locali consente la salvaguardia dell’identità culturale di un territorio e della sua gente. 

Comune di Fasano e Coldiretti Brindisi, tramite le imprese agricole facenti parte della rete di Campagna Amica, sono fortemente impegnati a promuovere, valorizzare e tutelare le produzioni tipiche locali; nell’ambito di tale iniziativa parte anche per questa stagione estiva il progetto “Il Mercato Estivo di Campagna Amica” nelle marine del Comune di Fasano.

Il progetto, concretamente, riguarderà l’allestimento dell’oasi di Campagna Amica con aziende agricole locali e produzioni agroalimentari a km zero che comprendono svariate tipologie: dai prodotti lattiero caseari ai prodotti ortofrutticoli, e ancora prodotti da forno, farina e pasta, olio evo, salumi tipici, confetture, marmellate, uova e miele.

Si partirà da Torre Canne il 21 giugno con inaugurazione alle ore 18:00 in via Lungomare degli Eroi, in prossimità della piazzetta del “Faro”. Alla vendita diretta seguiranno lo spettacolo di sbandieratori ed alcune dimostrazioni didattiche curate dagli stessi produttori agricoli. 

Il mercato di vendita diretta a Torre Canne proseguirà, sempre nel medesimo luogo, ogni venerdì a partire dalle 17:30, fino al 6 settembre. Anche quest’anno sarà rinnovata la collaborazione con l’associazione “Al Faro”.

I mercati di Campagna Amica si rivelano luoghi ideali di incontro tra gli interessi degli agricoltori e quelli dei consumatori e si rivolge proprio a tutti per dare risposte a temi di grande attualità come l’alimentazione, il turismo, l’ecologia, la salute, inaugurando così un nuovo stile di vita che mette al centro il cittadino e il suo benessere.

«Supportiamo anche quest’anno con entusiasmo i mercati di Campagna Amica – spiega l’assessore alle Attività Produttive Giuseppe Galeota –, che, in collaborazione con Coldiretti Brindisi, offre la possibilità ai turisti e ai cittadini di effettuare una spesa assolutamente salutare e sicura, poiché tutti prodotti a chilometri zero.  Questi mercati hanno un’importante valenza turistica-economica, vivacizzando le piazze e le frazioni, e rappresentano una fonte di introito per i numerosi produttori del territorio».

«L’associazione Agrimercato Brindisi, Associazione per la Gestione del Mercato dei Produttori Agricoli in Vendita Diretta di Brindisi, e Coldiretti Brindisi – spiegano i responsabili - sentono il dovere di ringraziare questa Amministrazione comunale, per la disponibilità e la collaborazione dimostrate nel supporto e nella realizzazione di questa seconda edizione del Mercato estivo di Campagna Amica che siamo sicuri saprà essere all’altezza delle aspettative».

 

Promossa da Coldiretti, Fondazione Campagna Amica nasce nel 2008 per realizzare iniziative volte ad esprimere pienamente il valore e la dignità dell’agricoltura italiana, rendendo evidente il suo ruolo chiave per la tutela dell’ambiente, del territorio, delle tradizioni e della cultura, della salute, della sicurezza alimentare, dell’equità, dell’accesso al cibo a un giusto prezzo, dell’aggregazione sociale e del lavoro.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci