Redazione

Da domenica prossima la Puglia passa in area arancione insieme con altre otto regioni: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Umbria e Valle D'Aosta. Restano in area arancione Calabria, Emilia-Romagna e Veneto.

 
 

Lo prevede la nuova ordinanza che il ministro della Salute Roberto Speranza firmerà nelle prossime ore e che andrà in vigore a partire da domenica 17 gennaio. (ANSA).
   

La valorizzazione del quartiere San Lorenzo di Francavilla Fontana e la sua trasformazione in chiave di sostenibilità ambientale ed economica è tra gli obiettivi principali del progetto di rigenerazione urbana sostenibile che, nei prossimi mesi, cambierà radicalmente il volto di una delle aree più densamente popolate della Città.

Tra le opere più ambiziose e innovative contenute nella Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile, che prevede un investimento economico di 3,5 milioni di euro, spicca la riconversione dell’ex scuola materna di via Ferruccio Parri.

“L’immobile ha una importanza strategica per lo sviluppo economico del quartiere ed assume un ruolo chiave per l’inclusione sociale – spiega l’Assessore all’Urbanistica Nicola Lonoce – siamo al lavoro per trasformare quest’area in un condominio solidale, capace di accogliere forme innovative di co-working e generare nuove forme di socialità.”

La rigenerazione di questo immobile si configura come una risposta alla crescente domanda di spazi da adibire ad alloggi sociali, adottando come soluzione il cohousing. In altre parole, la superficie edificata dell’ex scuola materna sarà trasformata in 11 alloggi sociali, tra alloggi d'emergenza ed alloggi per le nuove emergenze abitative, corredati da ampi spazi comuni (coperti e scoperti) destinati all'uso collettivo e alla condivisione tra i coresidenti. Tra questi saranno predisposti cucina, soggiorno con sala lettura e tv, piccola palestra, sala giochi, lavanderia e servizi igienici.

“L’introduzione di questa forma differente di alloggio residenziale pubblico può aprire un nuovo capitolo sulla rigenerazione delle opere abbandonate – prosegue l’Assessore – la creazione dei mini alloggi con la co-gestione di spazi comuni, favorirà una rete di relazioni sociali che permetteranno alle persone coinvolte di affrontare la momentanea difficoltà con un angolo di visuale comunitario e non più come individui isolati, recuperando il concetto di vicinato e allo stesso tempo incentivando una gestione più virtuosa delle risorse a propria disposizione.”

Il ruolo dell’immobile non si esaurisce qui. In questo condominio sociale si concretizzeranno forme di co-working, ossia spazi messi a disposizione di professionisti per poter lavorare e condividere idee o progetti, e saranno predisposte aree dedicate alle attività laboratoriali che consentiranno l’acquisizione di competenze chiave per il mercato del lavoro.

“Il centro e la periferia ormai hanno perso gran parte della loro importanza nell’economia contemporanea – spiega l’Assessore – creare dei luoghi in cui i professionisti possono incontrarsi e lavorare rappresenta un’occasione importante per la crescita delle periferie urbane che hanno la possibilità di rivitalizzarsi e rigenerarsi anche come motore economico per la Città.”

Per finire, nell’area dell’ex scuola materna saranno realizzati un market solidale, un giardino con orto sociale, uno spazio per la convivialità e una area giochi per i bambini.

“L’idea è dare impulso ad una vita comunitaria in risposta alle dinamiche di esclusione sociale. Da questo immobile recuperato dovranno nascere occasioni di incontro e di scambio con il quartiere – conclude l’Assessore Lonoce – In poche parole, è nostra intenzione rigenerare uno spazio urbano ponendo le condizioni per vivere meglio e nel rispetto degli altri.”

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

“Look to the future” è il titolo di un progetto rivolto ai giovani per fargli realizzare il proprio sogno professionale. È nata così a Mesagne una “Scuola di progettazione” che ha come scopo di avviare i giovani verso il mondo del lavoro da loro desiderato offrendogli le opportune competenze professionali. “Con il progetto “Look to the future” si vuole offrire a questi giovani ideatori di progetti che a noi piace continuare a chiamare “sognatori”, la chance di poter ripartire, dando un aiuto a scorgere le prospettive per il futuro lavorativo a cui il loro impegno condurrebbe”, ha spiegato Dario Ziza, responsabile di Lab Creation, la struttura comunale presso la quale è stato avviato il progetto regionale. La scuola darà ai giovani il supporto per la realizzazione dei propri sogni e, quindi, il coronamento di un futuro possibile.

Tutto ciò è realizzabile grazie alla creazione una rete di progettazione che aiuterà a concretizzare le idee mettendo a disposizione dei ragazzi una struttura storicamente consolidata, quale è Lab Creation, con funzione di laboratorio progettuale. Per mantenere fede alla mission del laboratorio urbano, che per vocazione è un Laboratorio di conoscenza, si darà ai ragazzi la possibilità di rendersi autonomi attraverso una vera e propria scuola di progettazione. Il progetto “Look to the future” è finanziato dalla Regione Puglia, assessorato alle Politiche giovanili e innovazione attraverso l’avviso “Spazi di prossimità” e non avrebbe mai potuto avere la valenza sul territorio del Comune di Mesagne “se non fosse per il lavoro svolto in sinergia con L’Amministrazione comunale, ufficio Politiche Giovanili, con il sostegno del sindaco, Toni Matarrelli, e del consigliere delegato Vincenzo Sicilia”, hanno precisato gli organizzatori.

Per una realtà strutturata e consolidata come Lab Creation, è stato duro affrontare i mesi di lockdown e riorganizzare le proprie attività rispettando le regole del distanziamento sociale, soprattutto è risultato molto complesso avere lo sguardo sempre rivolto al futuro per prepararsi a superare questo periodo sconosciuto e difficoltoso. “Siamo tutti testimoni del fatto che sia stato ancora più duro per i tantissimi giovani del territorio che, in questi mesi, hanno visto le loro attività fermarsi completamente o ancora peggio per coloro i quali hanno visto morire sul nascere l’idea progettuale”, ha concluso Ziza.

lab creation loghi istituzionali

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

“Il Consiglio dei Ministri ha votato un nuovo scostamento di bilancio per 32 miliardi per rispondere al dramma sociale provocato dalla pandemia. Sono ulteriori risorse per ristorare chi è costretto a tenere chiusa la sua attività o non può lavorare. Sul serio qualcuno pensa che con una crisi di Governo si possa accelerare e non invece rallentare la risposta che le istituzioni devono dare a cittadini, imprese e lavoratori? C’è un limite davanti al quale la polemica politica ha il dovere di fermarsi. Bisogna costruire non distruggere”. Lo afferma, in una dichiarazione, Giovanni Luca Aresta, parlamentare e capogruppo M5S nella Commissione Difesa della Camera dei Deputati.

 

“Non ci sono alternative ad un Governo guidato da Giuseppe Conte – conclude -  l’Italia non può permettersi un ‘muoia Sansone con tutti i filistei’ solo per soddisfare il capriccio di un leader. Ci vuole umiltà, capacità di ascolto e rispetto reciproco. Pensiamo ai bisogni delle persone concrete non perdiamoci in assurdi e anacronistici giochi di Palazzo”.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi venerdì 15 gennaio 2021 in Puglia, sono stati registrati 9.540 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.295 casi positivi: 453 in provincia di Bari, 52 in provincia di Brindisi, 130 nella provincia BAT, 292 in provincia di Foggia, 87 in provincia di Lecce, 278 in provincia di Taranto, 3 casi di residenza non nota.

Sono stati registrati 31 decessi: 10 in provincia di Bari, 2 in provincia BAT, 2 in provincia di Brindisi, 5 in provincia di Foggia, 9 in provincia di Lecce, 3 in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.161.992 test.

48.765 sono i pazienti guariti.

55.822 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 107.397, così suddivisi:

41.060 nella Provincia di Bari;

12.271 nella Provincia di Bat;

7.863 nella Provincia di Brindisi;

23.134 nella Provincia di Foggia;

8.623 nella Provincia di Lecce;

13.778 nella Provincia di Taranto;

565  attribuiti a residenti fuori regione;

103 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Mesagne. Sorpreso con 7,5 grammi di marijuana e un bilancino di precisione, arrestato. I Carabinieri della Stazione di Mesagne, a conclusione degli accertamenti, hanno tratto in arresto un 17enne del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare, a seguito di un mirato servizio, i militari operanti hanno proceduto alla perquisizione personale e locale presso la sua residenza e in un’altra abitazione in uso al minore, dove hanno rinvenuto e posto sotto sequestro: 7,5 grammi di marijuana, suddivisi in dosi occultate negli slip e un bilancino oltre a vario materiale utile per il confezionamento, il tutto sottoposto a sequestro. Inoltre, il giovane è stato denunciato in stato di libertà per resistenza a pubblico ufficiale, poiché nel corso della perquisizione ha sfilato il proprio cellulare a un militare che stava effettuando un’ispezione dei contenuti, gettandolo a terra e danneggiandolo. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, l’arrestato, concluse le formalità di rito, è stato tradotto presso l’Istituto per i Minorenni di Monteroni di Lecce.

L’Amministrazione Comunale di Francavilla Fontana ha dato il via libera ad un avviso pubblico per raccogliere idee e proposte progettuali per il bando “Educare in comune” promosso a livello nazionale dal Dipartimento per le politiche della Famiglia.

Con questo bando, finanziato con 15 milioni di euro, il Governo intende promuovere la creazione di progettualità volte a contrastare la povertà educativa, creando nuove opportunità culturali e formative per i minori.

I progetti potranno riguardare uno dei tre ambiti di intervento: famiglia come risorsa; relazione e inclusione; cultura, arte e ambiente. Le proposte dovranno essere incentrate sulla valorizzazione e lo sviluppo delle potenzialità fisiche, cognitive, emotive e sociali dei bambini e degli adolescenti, per renderli individui attivi e responsabili all’interno delle proprie comunità, promuovendo il rispetto delle differenze culturali, linguistiche, religiose, etniche e di genere.

Ogni singola progettualità, che dovrà svilupparsi almeno per 12 mesi, potrà beneficiare di un finanziamento tra i 50 e i 350 mila euro.

Le persone, le associazioni e gli operatori interessati a partecipare al bando dovranno presentare le proprie idee al Comune di Francavilla Fontana entro il prossimo 31 gennaio. Tutti i dettagli sono disponibili sul sito internet istituzionale.

“La povertà economica alimenta la povertà educativa – dichiara la Vicesindaca e Assessora ai Servizi Sociali Maria Passaro – È questo il concetto che si sostiene nel bando ministeriale Educare in comune ed a cui come Amministrazione intendiamo partecipare, facendo precedere la nostra candidatura da una richiesta rivolta alla cittadinanza di invio di proposte ed idee che ci riserviamo di valutare.”

I Comuni potranno partecipare, singolarmente o in forma associata anche in collaborazione con enti pubblici e privati, entro l’1 marzo 2021.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

ALLA CASA DI ZACCHEO MARTEDÌ 19 DONAZIONE DI SANGUE AVIS.
La Casa di Zaccheo svolge ormai da anni un importante servizio di accoglienza e sostegno a nuove e vecchie povertà, che l'emergenza pandemica ha aggravato.
La solidarietà però non ha confini, è un progetto complessivo che vuole andare oltre, guardando anche ai bisogni dei 1800 pazienti che ogni giorno devono essere sottoposti a trasfusioni, per loro una necessità per tornare a sorridere alla vita.
Sono questi i presupposti che hanno spinto all'organizzazione di una donazione di sangue martedì 19 dalle ore 8 alle ore 12 presso la sede della Casa di Zaccheo in Via Maja Materdona.
DONA E DONATI....È IL PROGETTO DI VITA PIÙ BELLO!
Prenota la tua donazione al numero 3357437343.
TI ASPETTIAMO!

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Giovedì 14 gennaio si sono concluse a Francavilla Fontana le operazioni di screening della popolazione scolastica della Scuola Primaria e del personale della Scuola dell’infanzia dei tre Istituti Comprensivi di Francavilla Fontana.


Nell’ultima giornata sono stati effettuati 229 test, tutti con esito negativo. Sale così a 1204 il numero dei tamponi effettuati dal personale sanitario volontario tra l’11 e il 14 gennaio al Palazzetto dello Sport.

“In questi tre giorni il Palazzetto dello Sport è stato invaso pacificamente da centinaia di bambini che hanno offerto a tutta la cittadinanza un esempio di responsabilità collettiva – dichiara il Sindaco Antonello Denuzzo – tutto questo è stato possibile grazie ad una macchina organizzativa che non esito a definire perfetta che ha visto in prima linea tanti professionisti che hanno scelto di dedicare il proprio tempo libero alla tutela della nostra comunità.”

Tutti i test effettuati hanno dato esito negativo.

Alta l’adesione all’iniziativa promossa dall’Amministrazione Comunale in sinergia con la ASL e con la collaborazione dei Dirigenti Scolastici. Ha partecipato allo screening il 63% della popolazione scolastica di riferimento.

“Ora è importante - prosegue il Sindaco - che ognuno di noi continui a rispettare le regole per il contenimento del contagio. La battaglia è ancora lunga, ma insieme possiamo vincerla. Rinnovo il mio ringraziamento a tutti i volontari e a quanti hanno contribuito alla riuscita delle operazioni”.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

La tragedia il 2 gennaio all’ospedale Perrino. Dopo l’esposto dei genitori del ragazzo, di Lequile, nel Leccese, il Pm ha aperto un fascicolo e assunto i primi provvedimenti

Dopo aver riscontato l’esposto presentato dai genitori, assistiti da Studio3A-Valore S.p.A., con l’apertura di un procedimento penale con l’ipotesi di reato di omicidio colposo, la Procura di Brindisi, per il tramite del Pubblico Ministero dott. Francesco Carluccio, ha iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto, due medici che hanno avuto in cura la giovane vittima per la tragica morte a soli 19 anni di Andrea Lorenzo Lezzi, di Lequile, nel Leccese, deceduto in circostanze tutte da chiarire il 2 gennaio 2021 all’ospedale “A. Perrino” di Brindisi.

Il Pm, inoltre, ha disposto l’esame autoptico sulla salma incaricando come propri consulenti tecnici il dott. Biagio Solarino, medico legale, dell’istituto di medicina Legale del Policlinico Universitario di Bari, ed il dott. Carlo Del Vecchio, neurochirurgo, anch’egli del Policlinico barese: l’incarico sarà conferito venerdì 15 gennaio, alle 9.00, negli uffici della Procura. Alle operazioni peritali, che si svolgeranno a seguire, parteciperà anche il dott. Andrea Molino, medico legale di parte per la famiglia Lezzi messo a disposizione da Studio3A. I risultati della perizia autoptica saranno ovviamente fondamentali per dare le prime risposte.

Al ragazzo, a causa di un’emorragia cerebrale subita da piccolo, era stata applicata una derivazione ventricolo-peritoneale: era sotto controllo e seguiva una terapia farmacologica, ma conduceva una vita del tutto normale praticando anche sport a livello agonistico, in particolare il sollevamento pesi. Il 27 dicembre 2020, però, il giovane è stato assalito da un violento mal di testa e i genitori, temendo si trattasse di un evento collegato alla derivazione, l’hanno appositamente accompagnato al pronto soccorso del “Perrino”, nosocomio dove opera il neurochirurgo che lo aveva operato all’epoca, al Bambin Gesù di Roma, F. R.

Il paziente è stato sottoposto alla Tac, che tuttavia non avrebbe evidenziato danni o patologie in corso, e pertanto dopo poche ore è stato dimesso, con l’unica prescrizione di aumentare il dosaggio del medicinale che già assumeva. Nel pomeriggio del 31 dicembre, tuttavia, persistendo le emicranie che gli procuravano anche autentici tremori, la madre e il padre di Andrea Lorenzo lo hanno riportato all’ospedale di Brindisi, da dove però i sanitari, non ritenendo vi fosse uno stato di urgenza, lo hanno rimandato a casa.

Ma i dolori al capo si facevano sempre più lancinanti e così, la sera stessa, il ragazzo e i suoi genitori hanno effettuato il terzo accesso al Perrino, dove finalmente Lezzi, dopo aver atteso per alcune ore al Pronto Soccorso, alle 5 del mattino di Capodanno è stato ricoverato per essere sottoposto a nuovi controlli, tra cui un’altra Tac. Accertamenti che hanno evidenziato problemi seri, se è vero che i genitori del giovane, nel frattempo rincasati, sono stati richiamati in tutta fretta da un neurochirurgo per informali che doveva sottoporre il figlio a un intervento all’addome per verificare lo stato della derivazione, e che si sarebbe consultato con altri colleghi per valutare se eseguire un’altra operazione con lo stesso scopo a livello cranico.

Purtroppo, però, un paio d’ore dopo essere uscito dalla sala operatoria ed essere stato riportato nella sua stanza di degenza, Andrea Lorenzo ha nuovamente iniziato ad accusare terribili dolori al capo e tremori, è svenuto ed è caduto in coma. Il ragazzo è stato prima inutilmente rianimato, quindi sottoposto a un intervento cranico per verificare la funzionalità del catetere per il reflusso encefalo addominale, ma dopo l’operazione è stato dichiarato cerebralmente morto.

Sconvolti dalla perdita del figlio e, soprattutto, non riuscendo a capacitarsi di cosa fosse accaduto né avendo ricevuto spiegazioni dal personale medico, i genitori del ragazzo hanno deciso di andare fino in fondo per fare piena luce sui drammatici fatti e ottenere giustizia. Attraverso il consulente legale Luigi Cisonna si sono affidati a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, ed è stata presentata una denuncia presso la stazione dei carabinieri di Lecce riferendo ogni circostanza e chiedendo all’autorità giudiziaria di procedere con ogni atto ritenuto opportuno, in particolare il sequestro delle cartelle cliniche e l’autopsia, per verificare se possano configurarsi responsabilità colpose da parte dei sanitari nella gestione del caso, con particolare riferimento a eventuali sottovalutazioni della gravità del problema lamentato fin dal primo accesso al pronto soccorso dell’ospedale Perrino. Richieste, come detto, ritenute meritevoli di accoglimento da parte del dott. Carluccio, che ha aperto un fascicolo e ora assunto i primi provvedimenti.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Pagina 1 di 1065