Redazione

MUSEO DI NOTTE
Venerdì 28 giugno 2024 a Latiano BR
Presso il Museo di Via Santa Margherita
 
Venerdì 28 giugno, il Museo di Via Santa Margherita 91 a Latiano aprirà le sue porte per l'evento speciale Museo di Notte. Un'occasione imperdibile per scoprire le bellezze del Museo in un'atmosfera unica e suggestiva.
 
Programma della serata:
 
Ore 19:00 - Caccia al tesoro: Un'attività divertente e coinvolgente per tutta la famiglia.
Ore 20:00 - Visita guidata: Un percorso alla scoperta dei tesori nascosti del museo.
Ore 21:30, 22:00, 22:30 - Vertical Gym: Dimostrazioni e performance di ginnastica verticale.
Ore 21:30 - Raffaele De Palo Band: Musica dal vivo per una serata all'insegna dell'arte e del divertimento.
Vi saranno degustazioni enogastronomiche con l Nomadi Chef di Valter Rosato e Marcello Leone, per un viaggio tra i sapori locali.
L'evento è un'opportunità per condividere e promuovere le infinite bellezze del museo e del territorio. Vi aspettiamo numerosi per una serata speciale!
 
Per ulteriori informazioni, contattare:
Pro Loco Latiano, via S. Margherita 91
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Evento organizzato dalla Pro Loco e dall'Assessorato alla Cultura e alla Bellezza e Gentilezza della Città di Latiano per la promozione e la conoscenza del Museo Civico del Polo Museale.
 

La Città di Oria si prepara a ospitare per il quinto anno consecutivo la Festa della Musica, parte del circuito internazionale, grazie all’organizzazione della Scuola di Musica 33art. Quest'anno l'evento sarà reso ancora più speciale dalla partecipazione straordinaria di LUK3 e ASCANIO, che si esibiranno con i loro brani più popolari.

Dopo l’uscita dal programma Amici di Maria De Filippi, Ascanio continua il successo partendo dal suo singolo “Margot” su tutte le piattaforme digitali, il giovanissimo cantautore pugliese che era entrato come allievo di Rudy Zerbi continua a crescere su Spotify avendo già superato i 7 MILIONI di streams. Ascanio ha all'attivo diversi singoli inediti come “Mood” - “Karma” - “Dimmi quando tu verrai” - “Pane e Burro” e “Alice” in feat con la giovanissima promessa LUK3 idolo della generazione Alfa su Tik Tok e tutti i principali social media. Nel 2019 avviene l’incontro dei due giovani artisti con Rory Di Benedetto, produttore, manager ed editore che vanta collaborazioni con numerosi artisti in qualità di autore multiplatino per Marco Mengoni, Zero Assoluto, Anna Tatangelo e tanti altri, e che li guida verso una scrittura molto più contemporanea. Insieme a lui Ascanio raggiunge altri gradini per la sua crescita artistica, raggiungendo uno stile adatto alla sua personalità. Nei suoi brani cerca di descrivere storie ed immagini della quotidianità che lo circonda con un linguaggio semplice, ma ricco di metafore azzardate e giochi creativi di parole pronte a stupirci durante l’ascolto.

A condurre la serata sarà Vincenzo Sparviero, storico giornalista professionista ed apprezzato autore da sempre vicino al mondo musicale.

Giunta alla 30esima edizione, la Festa della Musica, nata per iniziativa del Ministero della Cultura Francese il 21 giugno 1982, ha rapidamente conquistato l’Europa e il mondo, raggiungendo oltre 120 nazioni. In Italia, l’evento è diventato una tradizione dal 1995, inserita nel calendario delle manifestazioni popolari con il coordinamento e il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, in collaborazione con la Rappresentanza Italiana della Commissione Europea, la SIAE, l’AFI, il NUOVOIMAIE, il CAFIM e l’Associazione Italiana per la promozione della Festa della Musica.

Il sindaco di Oria, Cosimo Ferretti, ha dichiarato: “La Festa della Musica è un’opportunità straordinaria per la nostra città. La musica ha il potere di unire le persone, superando le barriere linguistiche e culturali. Questo evento ci permette di celebrare la diversità attraverso il linguaggio universale della musica, rafforzando il senso di comunità e appartenenza.”

Imma Torchiani, Assessore al Turismo, ha aggiunto: “La Festa della Musica, a Oria, è un’iniziativa dal grande impatto emotivo, in quanto offre alla nostra comunità la possibilità di vivere una serata suggestiva e coinvolgente con al centro i giovani, concretizzando la sinergia fra istituzioni, enti privati e scuole”

La Festa della Musica 2024 ad Oria si terrà in Piazza Lorch, a partire dalle ore 21.00, e accoglierà la IX edizione del 33art Show, un evento che coinvolgerà giovani studenti oritani nello studio di strumenti musicali, oltre ad artisti emergenti dell’intero territorio pugliese, in un concerto all’insegna della musica Rock&Pop.

All’evento, patrocinato dal Presidente della Giunta Regionale e dalla Città di Oria, interverranno inoltre i rappresentanti dei partner istituzionali: il Sindaco di Oria Cosimo Ferretti, l’Assessore al Turismo e Spettacolo Imma Torchiani, l’Assessore ai Servizi Sociali Elena Marrazzi, il Dirigente del II settore Glauco Caniglia, la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “De Amicis - Milizia” Francisca Camero e la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “Monaco-Fermi” Giovanna Carla Spagnolo.

Il Maestro Salvatore Lana Delli Santi, direttore artistico dell’evento, ha sottolineato l’importanza della presenza delle scuole e dei giovani, protagonisti della giornata dedicata alla musica: “La musica è un’arte che arricchisce l’anima e apre le menti. È un potente mezzo di espressione e comunicazione, capace di trasmettere emozioni profonde e universali. La nostra Festa della Musica vuole essere un momento di riflessione e di crescita, riaffermando il valore educativo e sociale della musica, e le responsabilità che ne derivano.”

Nel metodo didattico della Scuola di Musica 33art, la musica d’insieme è fondamentale per l’apprendimento musicale. Fare musica insieme significa arricchirsi, condividere esperienze e stati d’animo, contrastando l’individualismo della società moderna.

La Scuola di Musica 33art, da anni impegnata nella divulgazione culturale e musicale nel territorio oritano, ha firmato una convenzione didattica con il Conservatorio “T. Schipa” di Lecce e offre esami di Certificazione Internazionale del Trinity College di London, ente certificatore britannico attivo dal 1877 in oltre 60 paesi.

Vi invitiamo a partecipare alla Festa della Musica di Oria, venerdì 21 giugno alle ore 21.00, in Piazza Lorch. Per ulteriori informazioni, visitate il sito: undefined

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Ennesimo danno ambientale al Canale Reale: guide ambientali, esperti e cittadini: “È necessario continuare la sensibilizzazione sul più importante corso d’acqua del Salento”. Apprendiamo con disappunto la notizia che l'alveo del Canale Reale sarebbe stato ricoperto e livellato “per i 360 metri lineari iniziali, con deviazione del deflusso delle acque sorgive su una canalizzazione creata artificialmente”.

La notizia, riportata dalle testate locali, riferisce che “i lavori sono stati realizzati con il riporto e lo spianamento di ingenti quantità di terreno e altro materiale lapideo, presumibilmente per ricavare superfici coltivabili” e che è stato denunciato dai Carabinieri Forestali di Ceglie Messapica il titolare di un’azienda agricola senza “alcun titolo autorizzativo per i lavori effettuati, né del Comune, né della Soprintendenza Aba e Paesaggio, e tantomeno dell’Autorità di Bacino”.

La nostra incredulità è aumentata dal fatto che proprio pochi giorni prima della scoperta effettuata dai Carabinieri Forestali, si era conclusa la prima edizione del “Canale Reale Green Festival”, nell’ambito del Contratto di Fiume, che ha coinvolto centinaia di persone in tutta la provincia di Brindisi e aveva come fine proprio quello di sensibilizzare le comunità locali sull’importanza di questo corridoio ecologico.

Siamo rimasti allibiti ancora di più nell’apprendere che questo reato sarebbe stato perpetrato al cuore di questo fiume, cioè proprio alle sue sorgenti, causando un danno ambientale inestimabile.

Ci chiediamo come sia possibile che un privato cittadino possa aver messo in atto un’opera di devastazione di tale portata proprio mentre gli occhi della Regione Puglia, dei Comuni di Villa Castelli, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, San Vito dei Normanni e Carovigno, oltre che di Istituzioni come Acquedotto Pugliese e di varie associazioni sono puntati su questo bene paesaggistico?

Stride a tal punto il contrasto tra i discorsi tenuti durante i lavori del Contratto di Fiume, siglato nel 2022, e questa amara notizia, che non si può fare a meno di notare una distanza tra il Canale Reale “immaginato” dalle comunità e, chiedendo scusa per il gioco di parole, il “reale” Canale Reale.

Come è stato possibile non accorgersi di quanto stava accadendo?

Prendiamo atto del fatto che le istituzioni dovrebbero approfondire la conoscenza di un territorio che ancora conoscono poco se non vogliono che tutte le parole pronunciate appaiano come vuoti gusci, come quelli che le cicale lasciano in estate sugli alberi di ulivo.

Qual è la conoscenza effettiva che Acquedotto Pugliese ha del territorio oltre ai meri spazi di sua competenza come i depuratori?

Di che cosa si parla quando si parla di Canale Reale? Di una vaga idea o di un insieme reale di acqua, terra, fango, piante e fauna? Si conoscono realmente i 48 chilometri del corso fluviale?

Sono mai stati fatti dei sopralluoghi sistematici che abbiano coperto tutto il corso del fiume?

Siamo sicuri che la situazione emersa dall’operazione “Fiume Sicuro” sia isolata e non ve ne siano altre analoghe che ancora non sono state portate alla luce?

Una domanda su tutte chiede una risposta: qual è il ruolo del Consorzio di Bonifica ARNEO in tutta questa vicenda? Come ha fatto ARNEO a non accorgersi di quanto stava avvenendo, quando proprio lo stesso consorzio è incaricato di bonificare gli argini del Canale?

Non sarebbe forse giunto il momento di mettere in discussione il ruolo di gestione che ARNEO ha sul Canale, individuando enti con competenze più adeguate?

L’attenzione attorno al Canale Reale negli ultimi anni è aumentata, così come la consapevolezza dell’importanza di questo fiume, sia dal punto di vista ecologico che storico e identitario per il nostro territorio.

Il territorio della provincia di Brindisi ha da poco avviato le procedure per candidarsi come sito MAB, Man and the Biosphere, UNESCO, “un programma intergovernativo [...] per promuovere su base scientifica un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente attraverso la tutela della biodiversità e le buone pratiche dello Sviluppo Sostenibile”. (https://www.unesco.it/it/iniziative-dellunesco/mab/) .

Come può questo territorio aspirare ad un così alto riconoscimento nel momento in cui non è capace, nell’insieme dei suoi attori, di presidiare il proprio territorio?

Siamo consapevoli che il nostro territorio, quello dell’intera provincia di Brindisi, sia un territorio difficile, depresso economicamente ed esposto alla speculazione economica nelle sue più svariate forme.

Sappiamo che la sensibilità sulle tematiche ambientali è labile e molto spesso soccombe davanti all’illusione di un facile guadagno economico.

Conosciamo, infine, la crisi identitaria che coinvolge le nostre comunità e che le porta quasi a rinnegare un ambiente che spesso viene associato solo alla durezza del lavoro nei campi e alle ristrettezze economiche derivanti.

Da qui le persone fuggono, e fuggono anche perché le risorse naturali che abbiamo, che potrebbero essere sfruttate per creare uno sviluppo equo e sostenibile, vengono costantemente stuprate.

Intombando e sfregiando le sorgenti del Canale è come se si intombassero le speranze e il futuro di un’intera comunità.

In qualità di guide ambientali escursionistiche, operatori del turismo e del mondo dell’associazionismo, oltre che come singoli cittadini e società civile, chiediamo alla Regione Puglia, al Politecnico di Bari, ad ARNEO, all’Acquedotto Pugliese ai comuni di Villa Castelli,

 

Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, San Vito dei Normanni, Carovigno, che emergano e vengano assunte le responsabilità istituzionali in merito a quello che è avvenuto perché sarebbe riduttivo immaginare che siano solo da imputare all’imprenditore denunciato.

Firmatari/e documento di sensibilizzazione sul Canale Reale:

 

 

  • Paolo Summa, Guida Ambientale Escursionistica
  • Enrico Saponaro, Guida Ambientale Escursionistica
  • Stefano Bello, Guida Ambientale Escursionistica
  • Maria Domenica Maggiore, Guida Ambientale Escursionistica, Associazione Transumanza
  • Vincenzo Intermite, Guida Ambientale Escursionistica, Associazione Transumanza
  • Fabio Montefiore, Vice responsabile CamminaMenti Puglia Aps
  • Brunilda Tahirllari, Mesagne Bene Comune
  • Mario Badino, Insegnante
  • Maria Carmela Capraro, Aps Street View
  • Felice Lotesoriere, Imprenditore
  • Anna Chiara Scalera, Mesagne Bene Comune
  • Cinzia Randino, Educatore ambientale
  • Assuntina Sollecito
  • Giancarlos Stellini
  • Giuliana Gemma, Associazione il Giunco
  • Gabriele Fanelli, Fotografo, Associazione Petrolio
  • Marco Montanaro, Associazione Petrolio
  • Antonio Eugenio De Simone, Consigliere Comunale Francavilla Fontana, Partito Democratico
  • Francesco Schiavone
  • Francesca Mola
  • Pompilio Vergine, Ricercatore, Istituto di Ricerca sulle Acque del N.R.
  • Pierluigi Sarli, studente
  • Domenico Giglio, Il Popolo degli Ulivi
  • Adriano Saponaro, studente
  • Fabiola Fumarola
  • Alessandro Palazzo, commerciante
  • Gigliola Palazzo, Legambiente circolo Piaroa
  • Andrea Bitonto, docente
  • Valeria Denitto, educatrice
  • Luigi Strambaci, libero professionista
  • Anna Sacco, Guida Ambientale Escursionistica
  • Gaetano Pascolla, Guida Ambientale Escursionistica, Accompagnatore turistico
  • Ginevra Viesti, Guida Turistica
  • Fiorella Rubino, Guida Ambientale Escursionistica
  • Enrico Altini, biologo naturalista
  • Katrin Daniele-Petzoldt, Guida turistica e ambientale escursionistica
  • Rosa Grassi, Guida Ambientale Escursionistica
  • Giovanni Colonna, Guida Ambientale Escursionistica
  • Antonella Golia, Libera professionista, M’Arte sas
  • Domenico Ble, Docente
  • Francesco Salvatore Chetta, Guida Ambientale Escursionistica, Impronte Escursioni
  • Maria Franca Mangano, Guida Ambientale, coop Gaia

 

  • Ilaria Demitri, Guida turistica
  • Giancipoli Leonardo, Agente di commercio
  • Laura Scalera, Colture Urbane
  • Paolo Buccarello
  • Argentieri Angela, Guida Ambientale Escursionistica
  • Alessandro Perrone, Guida Ambientale Escursionistica
  • Cosimo Miola, Presidente Confcommercio Taranto
  • Maria Concetta Velardi, Guida Turistica
  • Rosario Gatto, Guida Ambientale Escursionistica
  • Simona Gatto, Docente
  • Andrea Tenore, Mesagne Bene Comune
  • Rossella Brando, Pedagogista
  • Fosca Tanzarella
  • Anna Lucia Demilito, Guida ambientale escursionistica
  • Ileana Tedesco, Guida Ambientale Escursionistica
  • Daniele Coluccia
  • Monica Fontanive, Mental Coach
  • Isa Zizza, Insegnante
  • Addolorata Gianfreda
  • Isabella Vitale, Avvocato
  • Nicoletta Mita, commerciante
  • Marco Marsella, Guida Ambientale Escursionistica
  • Carlo Cito
  • Carmen Vitale Avagliano, Guida Ambientale Escursionistica
  • Gianmarco Meo, Biologo
  • Elena Lenzi
  • Antonio Carlucci, Insegnante
  • Monica Fontanive
  • Francesco Bottari, Legambiente circolo Piaroa
  • Cloé Gosparo, Guida Ambientale Escursionistica
  • Francesca Radin, Agricoltrice, Azienda Agricola L'Onda Fertile
  • Anna Maria Cervellera, videoterminalista

Domenica 23 giugno a partire dalle ore 18, si terrà una suggestiva visita guidata del Castello Dentice di Frasso di Carovigno, seguita da un approfondimento sulle origini e la tradizione della notte di San Giovanni. La prima parte della visita sarà dedicata alla storia millenaria del castello e agli eventi che lo hanno reso, a partire dall’originale fortezza militare, l’attuale dimora gentilizia. Dalle 19.30, verso l’ora del tramonto, si parlerà dei riti propiziatori e delle credenze popolari che caratterizzano la notte di San Giovanni, come la raccolta di erbe, fiori di campo e noci acerbe e come il rito apotropaico dell’accensione dei falò.

L’evento è curato dall’Associazione le Colonne con l’intento di offrire ai visitatori l’occasione in cui il bellissimo maniero è sì al centro del racconto, ma si fa anche scenario ideale di quelle tradizioni che costituiscono l’essenza del nostro territorio. Questa festività, infatti, affonda le sue radici nella religione cattolica, celebrando la nascita di San Giovanni Battista, ma conserva dei fortissimi legami con i riti pagani del solstizio d’estate. La prenotazione all’evento è obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni: www.pastpuglia.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., info379 1092451.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Brindisi, 75 annunci di lavoro per 165 figure professionali: è il dato registrato nella settimana dalal 24 giugno relativamente alla ricerca di personale nell’ambito territoriale di Brindisi ed inserito nel Report settimanale appena pubblicato, visionabile al seguente link: undefined. Le offerte, consultabili sul sito o sull'app “LavoroxTe Puglia”, sono quotidianamente aggiornate e monitorate dagli operatori dei Centri per l’impiego e veicolate anche tramite la pagina Facebook “Centri impiego Brindisi e provincia”, attraverso la quale è possibile restare sempre aggiornati sugli annunci di lavoro attivi e sugli eventi di orientamento organizzati su tutto il territorio.

Questa settimana si registrano 72 posti vacanti nel settore ristorazione su Brindisi e provincia, edilizia 18, commercio 13, turismo 12, amministrativo 8, vigilanza 6,   pulizie 5, trasporti 5,  tecnico 4, metalmeccanico 4, servizi e terziario 3, termoidraulico 2, servizi alla persona 2, manutenzione 2, impiantistica elettrica 2,  alimentari 2, logistica 1, sanità 1, contabile 1 e artigianato 1.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Il 21 giugno si chiuderà la Rassegna eventi “Nel Blu dipinto di Blu”, in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’ Autismo, fortemente voluta e programmata dall’ Amministrazione Comunale, con “FOCUS SULL’ AUTISMO” in chiave politiche di Welfare e promozione di Politiche Sociali e Sanitarie presso Palazzo Martini Carissimo in Piazza Domenico Albanese, 5 ad Oria (Brindisi) con inizio lavori ore 17.00 .

L'Assessore ai Servizi Sociali e Sanitari Elena Marrazzi - di concerto con i diversi attori politici, tecnici, istituzionali ed informali della realtà sociale del nostro territorio, chiamati ad apportare approfondimenti e testimonianze sul tema - intende promuovere tale iniziativa quale momento per attestare l’impegno di una realtà sociale sempre più caratterizzata da uno sguardo inclusivo.

Con l’imminente rimpasto della giunta comunale di Brindisi, è imperativo trovare soluzioni rapide ed efficaci per combattere la crescente disoccupazione e il declino del settore produttivo, che stanno compromettendo l’economia locale e la qualità della vita dei cittadini. Auspicando che il nuovo assetto amministrativo possa infondere energia e determinazione nella gestione delle problematiche cittadine, Fismic Confsal richiede un intervento decisivo da parte della giunta per favorire un rilancio socio-economico di Brindisi. "Crediamo che una guida più dinamica - dicono Davide Sciurti (Fismic) ed Elena Marrazzi (Confsal) - possa contribuire in modo significativo a migliorare l'efficacia delle azioni governative, affrontando in modo incisivo le questioni urgenti che gravano sulla città. Inutile negare che il tessuto economico di Brindisi stia vivendo un periodo critico, segnato da una forte contrazione delle attività industriali e da un aumento della disoccupazione. Una situazione preoccupante che necessita di una risposta coordinata e immediata per evitare ulteriori peggioramenti e per favorire un rilancio del mercato del lavoro".
 
Oltre alla crisi industriale, Fismic Confsal sottolinea l’importanza del welfare sociale e della gestione dei servizi essenziali. "È fondamentale - dicono - garantire un sostegno adeguato alle fasce più deboli della popolazione e migliorare le condizioni di lavoro per gli operatori del settore sociale, al fine di promuovere una comunità coesa e resiliente. Per affrontare efficacemente la crisi, proponiamo l'istituzione di un tavolo di confronto tra istituzioni, sindacati, imprese e cittadini: rappresenterebbe un passo fondamentale per instaurare un dialogo costruttivo mirato a individuare strategie condivise per il rilancio economico e sociale di Brindisi. Come Fismic Confsal siamo pronti a contribuire con proposte concrete, impegnandoci a lavorare in sinergia con la nuova giunta per costruire un futuro prospero e inclusivo per la città. Confidiamo che la giunta comunale accoglierà favorevolmente la nostra proposta, avviando quanto prima le necessarie discussioni per affrontare la crisi in corso. Solo attraverso un dialogo aperto e collaborativo sarà possibile individuare soluzioni efficaci per le sfide che attendono Brindisi e promuovere uno sviluppo sostenibile della città".
 
 
 
Davide Sciurti (segretario territoriale Fismic)
 
Elena Marrazzi (segretaria provinciale Confsal)

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

 

Un monitor multiparametrico per il controllo delle funzioni vitali dei pazienti è stato donato questa mattina all’unità operativa di Geriatria dell’ospedale Perrino dal Rotary Club Brindisi Appia Antica.

Hanno preso parte alla cerimonia di consegna il direttore generale della Asl Maurizio De Nuccio, il direttore sanitario Vincenzo Gigantelli, il direttore del reparto Carmelo Zuccaro, il medico Giovanni Argentieri, l’ex primario Vito Carrieri e tutto il personale sanitario della Geriatria.

Per il Rotary erano presenti Daniela Passaro, presidente del Club Appia Antica, Franco Facecchia che subentrerà alla presidenza nei prossimi giorni, il governatore del Rotary distretto 2120 Vincenzo Sassanelli con l’assistente Francesca Pennetta.

“Il monitor – ha detto Passaro – è stato acquistato grazie alla raccolta fondi realizzata in occasione del concerto bandistico di Natale tenutosi a metà dicembre nel teatro comunale di Mesagne con il patrocinio morale del Comune e il contributo del Centro Omega e AZ Costruzioni”.

“Questa donazione – ha sottolineato De Nuccio – mi onora e mi commuove. Ancora una volta è il segnale di una forte sinergia tra mondo delle associazioni, enti e istituzioni in favore delle persone più deboli”. Sullo stesso punto si è soffermato Zuccaro che ha ringraziato “per la donazione e per l’attenzione nei confronti di chi non è più attivo nel mondo del lavoro e rischia l’emarginazione”.

Le caratteristiche tecniche del monitor sono state illustrate dall’ingegnere clinico della Asl, Daniele Paladini: “è un apparecchio di ultima generazione che consente di tenere sotto controllo vari parametri come attività cardiaca, pressione, saturazione dell’ossigeno, respirazione e temperatura corporea. Può essere collegato a ulteriori dispositivi e dispone di una batteria integrata che consente l’utilizzo a bordo letto o durante il trasporto del paziente. Possono essere visualizzati numericamente o graficamente i parametri misurati nel tempo, con una cartella clinica interfacciabile con quella ospedaliera. È dotato anche di allarmi visivi e acustici per segnalare agli operatori sanitari anomalie dei parametri”.  

“La debolezza sociale – ha evidenziato Gigantelli – non può essere debolezza sanitaria, la telemedicina e la digitalizzazione consentono un approccio innovativo ai bisogni del paziente. Queste soluzioni rappresentano il futuro della sanità sia in ambito ospedaliero che nell’assistenza territoriale”.

“Il nostro – ha concluso Sassanelli – è un contributo alla prevenzione e alla cura delle malattie. Con questa donazione indichiamo una strada che possiamo percorrere insieme, privati e pubblica amministrazione. Sono tante le esigenze della sanità e siamo consapevoli che questa è una goccia nel mare. L’importante, però, è continuare a diffondere la cultura del dono”.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

 

Con il Patrocinio dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, e Valorizzazione del Patrimonio culturale, in collaborazione con il Fondo Verri e il I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno

“Cosmogonia - Mito e sacralità del Tempo” di Francesco Pasca

Dal 22 al 30 giugno Chiesa degli Agostiniani – Santa Maria di Ogni Bene a Lecce

Inaugurazione il 22 giugno ore 19.00

 

Interverranno Carmen De Stasio, Antonio Errico, Maurizio Nocera. Presenta l’editore Stefano Donno. Dialoghi performativi a cura di Simone Franco e Piero Rapanà. Voci e suoni Vania Palumbo (Canto, Lyra, Citoia, Percussioni), Vito De Lorenzi (Percussioni).

Nell’occasione sarà presentato il volume di Francesco Pasca OTRANTO, IL PALINDROMO DEL TEMPO: a proposito di Singlossìa e di Sator” pubblicato da I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno e Spagine (Collana Universo Salento a cura di Angelo Sconosciuto e Istituto culturale Storia e Territorio)

 

Arriva a Lecce con il Patrocinio dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, e Valorizzazione del Patrimonio culturale, in collaborazione con il Fondo Verri e i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno, “Cosmogonia - Mito e sacralità del Tempo” di Francesco Pasca. Dal 22 al 30 giugno Chiesa degli Agostiniani – Santa Maria di Ognibene a LecceInaugurazione il 22 giugno ore 19.00. Interverranno Carmen De Stasio, Antonio Errico, Maurizio Nocera. Presenta l’editore Stefano Donno  Dialoghi performativi a cura di Simone Franco e Piero Rapanà. Voci e suoni Vania Palumbo (Canto, Lyra, Citoia, Percussioni), Vito De Lorenzi (Percussioni).

Nell’occasione sarà presentato il volume di Francesco Pasca OTRANTO, IL PALINDROMO DEL TEMPO: a proposito di Singlossìa e di Sator” è pubblicato da I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno e Spagine (Collana Universo Salento a cura di Angelo Sconosciuto e Istituto culturale Storia e Territorio)

Scrive l’artista-autore Francesco Pasca: «Un progetto nasce perché esiste un Luogo da raccontare e ha senso se genera altri racconti, altre visioni altre opportunità di condivisione e riflessione, qui è Otranto, da me denominato “Il Luogo delle Parole”, a muovere l’interesse, a stimolare la mia pratica artistica». La sua ricerca ha inizio con un viaggio tra Puglia ed Abruzzo per riscontrare la probabile assunzione di una verità impressa in quasi tutte le cattedrali medievali.

La prima traccia è quella del racconto, “scritto” con migliaia di frammenti, su di un “tappeto di pietra” nella fabbrica della cattedrale di Otranto; la seconda è scolpita in un’icona lapidea incastonata sulla facciata di santa Lucia de’ Marsi a Magliano città in provincia di Pescara; la terza è dei Sator.

Il resoconto di quel viaggio di ricerca con titolo: “OTRANTO, IL PALINDROMO DEL TEMPO: a proposito di Singlossìa e di Sator di Francesco Pasca” è pubblicato da I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno e Spagine (Collana Universo Salento a cura di Angelo Sconosciuto e Istituto culturale Storia e Territorio).

L’atto conclusivo è l’allestimento, il 22 giugno 2024, giorno del Solstizio d’Estate, della particolare intuizione e visione della pavimentazione musiva otrantina creata da Francesco Pasca, all’interno di uno spazio capace di contenerla e di esaltarla in armonia con l’ambiente che l’accoglie, ideale, ci pare sia, il pavimento della Chiesa degli Agostiniani, nell’area della Biblioteca Ogni Bene.

Cosmogonia - Mito e sacralità del Tempo si compone di immagini manufatte su legno con acrilico e tecniche miste che hanno necessità di vivere la loro visibilità, in un luogo idoneo, sia per la particolarità elaborata nei contenuti che per le dimensioni dell’opera che si compone di 25 riquadri 80x80 con in appendice altri 8 di 50x120, il tutto accompagnato con tavole sinottiche.

L’insieme reinterpreta l'Albero della Vita di Pantaleone da Casole secondo lo studio da me condotto ed è risultato del viaggio descritto con la collaborazione della medioevalista aquilana Mariagrazia Lopardi e dello storico leccese Maurizio Nocera.

Francesco Pasca è nato a Sanarica provincia di Lecce l’11 di giugno 1946. Inizia la sua carriera artistica nel 1963 riscuotendo ampio consenso di critica. La sua prima personale è a Lecce nel 1964.

Successivamente invitato e premiato in numerose rassegne. Ha prodotto personali in diverse città: Torino, Milano, Brescia, Parigi, Palermo, Firenze, Ancona, Brindisi, Taranto, Caltanissetta, Potenza, Napoli, Foggia, Bari. Sua ultima personale nel 2023 presso la Biblioteca Bernardini, a Lecce.

Nel 1979, come poeta visivo suscita interesse nei maggiori esponenti del Gruppo ’70 e aderisce e scrive il manifesto poetico detto “della Singlossia” con la semiologa Rossana Apicella.

Con la stessa contribuisce ad organizzare la I^ rassegna internazionale di Poesia Visiva presso il Liceo “A. Calini di Brescia”. Già docente di Discipline pittoriche, architettoniche, plastiche e Storia dell’Arte. Ha collaborato su riviste internazionali e curato la pagina “Cultura” sui giornali locali con critiche e recensioni. Attualmente le sue opere si caratterizzano nella ricerca compositiva della “Palindromia”, una sorta di puzzle ideale fra passato e memoria con la realizzazione di “Reliquiari” denominati: Percorsi, Resti, Avanzi.

 

SCHEDA DEL VOLUME OTRANTO, IL PALINDROMO DEL TEMPO: a proposito di Singlossìa e di Sator di Francesco Pasca

 

I luoghi hanno parole che custodiscono il senso profondo, ancestrale, che stringono l’enigma e attendono il suo disvelamento per poi poterlo riproporre e riprendere ad attendere ancora un’interpretazione: un’interpretazione ulteriore. Le parole profonde di un luogo richiamano un’interpretazione infinita; intorno ad esse si forma una ragnatela di segni iconici, grafici, che riportano altri segni provenienti da una lontananza di tempo e di luogo o che ad una lontananza rinviano. (Antonio Errico)

 

Con scritti di R. Apicella, C. De Stasio, A. Errico, M. G. Lopardi, M. Nocera,

 

I Quaderni del Bardo / Spagine

Collana Universo Salento a cura di Angelo Sconosciuto e Istituto culturale Storia e Territorio

 locandina_pasca.jpg

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci