Redazione

Cgil Mesagne a Bari

Giugno 22, 2021

La Cgil di Mesagne sarà a Bari alla manifestazione unitaria del 26 giugno, che sarà il primo passo per rimettere al centro il lavoro, le lavoratrici e i lavoratori, le pensionate e i pensionati, la sanità, la non autosufficienza, l’occupazione di donne e giovani, il fisco, la scuola, i rinnovi contrattuali,  salute e sicurezza.

Il 26 giugno Cgil Cisl Uil in piazza per cambiare le scelte del Governo.

Il nostro Paese sta vivendo una delicata fase di transizione. La crisi pandemica ha arrestato in parte la sua corsa, grazie anche alla campagna vaccinale in atto, ma a preoccuparci al pari dell’espansione del virus è la ripresa economica che deve essere il faro per la massima coesione sociale, in grado di creare lavoro stabile e sicuro, a partire dai giovani, dalle donne e dal Mezzogiorno. Nel Decreto Sostegni non vi è contezza e condizione per affermare che ci siano i presupposti necessari a tutto ciò, non dimenticando che tale Decreto prevede la fine del blocco generalizzato dei licenziamenti dal 1° luglio p.v. e l’assenza di adeguate politiche industriali capaci di valorizzare a pieno gli investimenti e i contenuti del PNRR. Durante questi lunghi mesi di pandemia abbiamo sempre avanzato proposte e chiesto con tenacia la tutela dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, delle pensionate e dei pensionati. Tali azioni hanno trovato forte condivisione anche nella Conferenza Episcopale Italiana. La mobilitazione avviata nelle scorse settimane, sulla grave emergenza della sicurezza nei luoghi di lavoro, proseguita con il presidio del 28 maggio davanti alla sede del Parlamento, ha prodotto risultati parziali.

Per queste ragioni, la nostra azione deve proseguire in modo articolato, su base categoriale e territoriale, con assemblee nei luoghi di lavoro, attivi unitari, incontri con i gruppi parlamentari, i partiti e con il coinvolgimento di tutte le aree sociali sensibili alle nostre istanze. L’obiettivo primario è conquistare la proroga della moratoria sui licenziamenti almeno fino al31 ottobre, una riforma degli ammortizzatori sociali e nuove politiche attive per il lavoro. È necessario ribadire con fermezza i contenuti della piattaforma unitaria su: lavoro, occupazione, coesione, sviluppo, fisco, pensioni, non autosufficienza, rinnovo dei contratti pubblici e privati, riforma pubblica amministrazione e scuola, della cultura e del turismo. È fondamentale, inoltre, che ci sia da parte delle istituzioni la volontà di attuare un piano serio ed efficace che sia in grado di utilizzare le risorse del PNRR al fine di creare una stabile connessione tra investimenti e occupazione, coinvolgendo in maniera significativa con una governance partecipata e preventiva le Parti Sociali. Il percorso di mobilitazione iniziato circa un mese fa vedrà, sabato 26 giugno p.v., tre manifestazioni nazionali nelle città di Bari con il Segretario Generale UIL Pierpaolo Bombardieri, Firenze con il Segretario Generale CISL Luigi Sbarra e Torino con il Segretario Generale CGIL Maurizio Landini.

                                                                             Il Coordinatore

                                                                             (Cosimo ZIZZA)    

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Premiare le imprese che dicono NO al ricatto, alle estorsione, innescare un circuito virtuoso legalitario per aiutare gli operatori economici a fare emergere pressioni criminali contro le proprie attività: è l'obiettivo della proposta di legge alle Camere approvata all’unanimità dei presenti dal Consiglio regionale della Puglia.
A norma dell'art. 121 della Costituzione, prevede l'introduzione di un elenco presso ciascuna Prefettura per riconoscere premialità a favore delle imprese che hanno il coraggio di opporsi alla criminalità organizzata e di denunciare i tentativi di infiltrazione mafiosa nell'attività imprenditoriale. Si vuole innescare un circolo virtuoso ai fini della prevenzione delle infiltrazioni criminali e del contrasto alla criminalità economica, consentendo agli operatori economici di fare emergere fatti gravi di rilevanza penale e intervenendo a tutela della libertà d'impresa, con incentivi alle imprese denuncianti, consapevoli di poter ricorrere a una serie di strumenti di sostegno che le rendano meno esposte alle conseguenze criminali derivanti dalla denuncia ed ai rischi d’impresa.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Torna “Conoscersi in regata”, dopo lo stop dello scorso anno a causa della pandemia si riparte con tante nuove iniziative. La manifestazione dedicata alla vela solidale, organizzata dall’associazione GV3 (a Gonfie vele verso la vita),  si terrà a Brindisi il 26 e 27 giugno prossimi presso il porto turistico Marina di Brindisi. Saranno coinvolti 200 ragazzi provenienti da diverse associazioni del territorio.

Da nove anni GV3 porta per mare centinaia di persone dimostrando che la vela non ha confini ed è un’opportunità per tutti. Il mare non ha barriere, basta seguire le regole. Nelle attività sono state coinvolte numerose associazioni, sono nate amicizie, e rapporti consolidati. Alcuni ragazzi fanno ormai parte dell’equipaggio fisso di GV3.

Tante le iniziative che si svolgeranno nella due giorni, al centro dell’evento il tema della legalità.

Questa edizione dal titolo “Ci sei o ci fai… Insieme sulla rotta della legalità” sarà un momento di riflessione sul recupero e la riconversione dei beni confiscati alla criminalità. Il ruolo sociale di questi strumenti che possono essere riutilizzati per il bene della collettività. Tra questi segni tangibili c’è Baron, una barca a vela di 15 metri confiscata ed assegnata all’associazione GV3, grazie alla quale in questi anni è stato possibile imbarcare centinaia di ragazzi. Baron è appena tornata dalla regata internazionale Brindisi – Corfù e a tra i membri dell’equipaggio ha ospitato quattro ragazzi del Villaggio SOS di Ostuni.

Programma. Gli eventi partiranno il 26 giugno con una mostra fotografica sui Beni confiscati alla criminalità allestita al Marina di Brindisi e visita presso alcuni  immobili confiscati e riconvertiti in attività a fini sociali.  Contemporaneamente si svolgerà una regata tra le boe e delle escursioni in mare. Non mancheranno i laboratori didattici. Nel pomeriggio alle 18 si svolgerà un convegno dal titolo: “Insieme sulla rotta della Legalita’ L’attenzione, il recupero ed il sostegno: il percorso della partecipazione attiva”

A seguire alle 20,30 nell’anfiteatro lo spettacolo Violata, contro la violenza sulle donne, a cura dell’associazione AlphaZTL.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

Domenica 27 giugno alle 9,30 si svolgerà la veleggiata della solidarietà con partenza sempre dal Marina di Brindisi.

Conoscersi in regata è patrocinata dall’Unione europea, dalla Regione Puglia, dal Comune di Brindisi e dalla Guardia Costiera. Partner dell’evento l’associazione Libera, Marina di Brindisi, Cantiere navale Danese, Lega navale sezione di Brindisi e Circolo della vela.

“La Asl di Brindisi ha finalmente avviato il procedimento di autorizzazione regionale per l’utilizzo dei fondi ex articolo 20 delle Legge 67 del 1988, finalizzato alla realizzazione del nuovo Day hospital di Oncoematologia dell’ospedale Perrino di Brindisi. Ora avanti per appaltare in fretta i lavori”.
Lo comunica il Presidente della Commissione regionale Bilancio e Programmazione Fabiano Amati.
“Durante il sopralluogo effettuato nei mesi scorsi constatai una condizione di notevole precarietà per il trattamento di circa 130 pazienti al giorno, in virtù della presenza di stanze di trattamento affollate e anguste, corridoi occupati dagli schedari, sale di attesa insufficienti, ambulatori adattati in spazi ridotti, suddivisioni interne con paraventi e numerose altre criticità. 
Finalmente la ASL ha trasmesso alla Regione la relazione necessaria per ottenere l’autorizzazione all’uso dei fondi non utilizzati per programmi non più attuali, così da partire con i lavori. Seguirò la vicenda affinché si possa vedere il completamento delle opere nel più breve tempo possibile”.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Eolico e fotovoltaico selvaggi, richiesta Consiglio monotematico da Pagliaro: “Confronto in Aula per chiarire le posizioni di ciascuno”

Nota del consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo de ‘La Puglia Domani’.
“La mole di istanze presentate dagli operatori delle energie rinnovabili per l’installazione di nuovi impianti eolici e fotovoltaici sul territorio regionale, e per il repowering e revamping i quelli già esistenti, impone una seria riflessione, aperta e condivisa, sui procedimenti autorizzativi in atto e sull’orientamento generale della Regione Puglia in risposta a tali richieste. Per questo ho inoltrato alla presidente Capone la richiesta di convocazione di una seduta monotematica del Consiglio regionale.  
L’escalation di domande per il via libera ad interventi di miglioramento delle prestazioni delle centrali di produzione energetica già operative da anni deve farci alzare il livello di guardia, perché spesso sono una comoda scorciatoia per aggirare gli ostacoli e i paletti autorizzativi per impianti ex novo. 
Soprattutto il Salento e il Gargano sono sotto attacco dei giganti delle rinnovabili. Perciò è opportuno ed urgente un confronto plurale e pubblico per definire una posizione chiara e netta rispetto alle pressioni di queste lobby, a difesa del nostro paesaggio già fortemente compromesso e bisognoso di rigenerazione, oltre che di tutela. 
Ogni singolo consigliere regionale sarà chiamato ad esprimersi su fotovoltaico ed eolico selvaggio, che rubano terreno all’ambiente e all’agricoltura. La nostra posizione è chiara e forte da sempre: stop alla invasione del nostro territorio, all’avanzata massiccia di torri e pannelli che stanno sfigurando il volto delle nostre campagne. 
Confido nella sensibilità della presidente Capone perché questo consiglio monotematico possa essere convocato nel più breve tempo possibile, vista la rilevanza e l’urgenza del tema”.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Un vasto incendio si è sviluppato nel pomeriggi di oggi a Mesagne in un terreno adiacente la pineta della contrada Tagliata, il parco Baden Powell, e lo stadio di calcio. Le fiamme si sono alzate molto alte e in breve hanno minacciato di inglobare nel fuoco l'area verde comunale. Sul posto sono intervenuti i volontari del Ser-Protezione civile che hanno richiesto l'intervento anche di alcune squadre dei vigili del fuoco. Il duro lavoro dei volontari e dei pompieri ha avuto la meglio sull'incendio che è stato domato e l'area messa in sicurezza. Incognita sulle cause dell'incendio. 

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 22 giugno 2021 in Puglia, sono stati registrati 8.033 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 92 casi positivi: 24 in provincia di Bari, 20 in provincia di Brindisi, 5 nella provincia BAT, 11 in provincia di Foggia, 13 in provincia di Lecce, 18 in provincia di Taranto, 2 casi di residenti fuori regione. 1 caso di provincia di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito.

E’ stato registrato 1 decesso, in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.627.487 test.

252.974 sono i pazienti guariti.

7063 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 252.974 così suddivisi:

95.101 nella Provincia di Bari;

25.568 nella Provincia di Bat;

19.743 nella Provincia di Brindisi;

45.130 nella Provincia di Foggia;

26.888 nella Provincia di Lecce;

39.367 nella Provincia di Taranto;

808 attribuiti a residenti fuori regione;

369 provincia di residenza non nota.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Nota del consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo de “La Puglia Domani”.
“C’è da sorridere di fronte alla risposta dell’Agenzia regionale per il turismo che, alla giusta critica e all’indignazione per non aver inserito neppure un frame riconoscibile di Brindisi e del suo territorio, nello spot di promozione della Regione, ha ribattuto che così non è, perché il video inizia con le immagini di una masseria nel territorio di Ostuni, passando poi da Torre Guaceto, dall’agro di Carovigno e infine con una ripresa dall’alto delle campagne di Ostuni.
Non è certo la risposta giusta da dare perché, ripetiamo, essendo un video promozionale pagato con i soldi di tutti i pugliesi e i salentini, tutti i territori dovrebbero essere identificabili e riconoscibili. Dobbiamo dire grazie, allora, perché è stata inserita la Basilica di Santa Croce invece di un’anonima panchina della villa comunale di Lecce? Dovevano essere inseriti luoghi fortemente identitari del territorio brindisino, come il castello Aragonese o Alfonsino di Brindisi, il castello di Oria e quello di Mesagne, ed ancora si sarebbe potuto pensare ai trulli di Cisternino, al parco di Egnazia a Fasano, solo per fare alcuni esempi. Ma l’area brindisina è ricchissima di posti unici da visitare.
Pur rispettando la sceneggiatura dello spot e l’arte della regista, crediamo che l’assenza di un luogo identitario brindisino sia un’omissione a cui porre riparo. Inutile, anzi dannoso, mettere una toppa più grande del buco, sarebbe stato più corretto che il presidente Emiliano e PugliaPromozione avessero ammesso l’errore, commesso peraltro già due anni fa. Brindisi non è stata valorizzata come merita: questo il dato evidente che va riconosciuto e riparato, anziché accampare scuse che servono solo ad indispettire ulteriormente l’intero territorio brindisino”.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

“Mesagne: Capitale italiana del libro 2022”. Al momento è solo un sogno che, in ogni modo, si è trasformato in un progetto che gli amministratori locale invieranno a breve al ministero per la Cultura per richiedere l’ambito riconoscimento.

Alla richiesta sarà allegato un dossier scientifico e la collaborazione delle associazioni che hanno aderito al patto per la lettura. È l’ossatura della proposta che il Comune di Mesagne invierà al ministero per candidarsi come “Capitale Italiana del Libro” per l’anno 2022. L’annuncio è stato dato dal consigliere per le politiche culturali del Comune, Marco Calò, e dalla dirigente del settore, Alessia Galiano, durante un incontro con le associazioni che si è svolto nell’auditorium del castello. Nel 2021 Capitale Italiana del Libro è Vibo Valentia, mentre Mesagne sogna di essere insignita di tale titolo nel 2022. “Approfittiamo di questa possibilità con un curriculum di iniziative fatte negli anni scorsi”, ha sostenuto la dirigente Galiano.

“Il Sindaco ha condiviso da subito questa opportunità e lavoreremo affinché questo obiettivo possa concretizzarsi”, ha dichiarato il consulente Marco Calò. Durante l’incontro è stata annunciata anche l’apertura del punto lettura presso la sala di vetro di parco “Roberto Potì” che avverrà all’inizio di luglio. “Si tratta di una candidatura ambiziosa, ma certamente non avventata. Ci sono tutti I presupposti ed i requisiti richiesti dalla candidatura a partire da un percorso partecipato che cresce progressivamente e che vede coinvolti già 47 tra associazioni, scuole e cittadini in forma singola ed associata”, ha tenuto a fare notare Calò.

Tuttavia, in città a breve partirà una rassegna di incontri letterari per grandi e bambini in diverse location. Il tutto con l'obbiettivo di sensibilizzare e promuovere la lettura. “Tanto è stato fatto e tanto faremo, grazie soprattutto alle varie collaborazioni che stanno nascendo sul territorio ed al lavoro dei nostri uffici competenti”, ha concluso Marco Calò. La nomina di “Capitale italiana del libro” è stata istituita dal ministro Dario Franceschini nel 2020 per la promozione e il sostegno della lettura. Il titolo di “Capitale Italiana del Libro” è conferito ogni anno alle città che si distinguono per le attività di promozione dei libri. La città vincitrice riceve un finanziamento pari a 500mila euro per la realizzazione di progetti editoriali.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Nella giornata di mercoledì 30 giugno 2021, è prevista la chiusura temporanea al pubblico degli Uffici della Questura.

Per quanto concerne lo sportello dell’Ufficio Immigrazione, gli interessati potranno continuare ad inoltrare le richieste di informazioni, le istanze e le integrazioni documentali all'indirizzo  pec:  immigQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

L’Ufficio Licenze, l’Ufficio Porto d’Armi e l’Ufficio Passaporti potranno essere contattati in orario 08/14 alle utenze di seguito indicate:

  • Ufficio Licenze: n. 0831.543233
  • Ufficio Porto d’Armi: n. 0831.543308 – 543423
  • Ufficio Passaporti: n. 0831.543356.

Sarà comunque garantita l’attività dell’Ufficio Denunce ed ogni altra urgenza che potrà essere rappresentata dai cittadini.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Pagina 1 di 1271