Redazione

25 Aprile: Resistenza, Lavoro, Democrazia. Le radici della Repubblica Italiana. 

Per chi ha vissuto gli anni giovanili nel dopoguerra, per chi è nato dopo l’avvio della democrazia e della Repubblica e sino​ ad arrivare​ agli adolescenti dei nostri giorni la primavera è sempre stata caratterizzata da tre ricorrenze laiche:​ il 25 Aprile​ – Anniversario della Liberazione d’Italia, il 1° Maggio – Festa dei Lavoratori,​ il 2 Giugno​ – Anniversario della Repubblica Italiana.​

Non si tratta di ricorrenze banali​ o sorpassate​ dall’evoluzione dei tempi​ e non è un caso che siano​ tuttora​ festeggiate, in esse si racchiudono l’origine, la memoria, la storia ed i valori della nostra comunità nazionale.

Nello Statuto dell’Associazione “Amici della Di Vittorio” l’antifascismo, la storia del movimento dei lavoratori e la Costituzione repubblicana sono i riferimenti fondamentali della nostra identità associativa.

La Giornata del​ 25 Aprile​ rappresenta la libertà conquistata dal popolo italiano dopo la dignità perduta con i vent’anni della dittatura fascista, con le leggi razziali firmate dalla monarchia, con la sciagura della guerra a fianco dei nazisti. Il nesso tra la​ lotta partigiana di Resistenza,​ il 25 Aprile, la Repubblica costituzionale è il principio fondante della nostra democrazia.

Sono valori centrali anche per la società contemporanea per respingere e tenere a bada tentazioni illiberali,​ spinte​ autoritarie,​ dispotismi​ che spesso​ fanno capolino​ in forma esplicita o sotto mentite spoglie​ a livello nazionale e internazionale.

I tentativi meschini​ e strumentali​ di mettere in discussione questa fondamentale giornata della Libertà​ e dei valori che rappresenta da parte di chi non ha fatto i conti fino in fondo con la tragedia della dittatura fascista​ vanno respinti senza indugi ed incertezze.

Alla libertà riconquistata si ricollega anche il valore della dignità, della creazione​ e della difesa del lavoro soprattutto in questa fase​ contingente nella quale la pandemia virale ha reso più fragile l’intero sistema produttivo. È necessario, attraverso il completamento delle vaccinazioni, portare il più rapidamente possibile l’Italia fuori dall’emergenza pandemica​ e puntare attraverso sostegni adeguati e investimenti strategici ad una ripartenza economica nel segno dell’innovazione e del rispetto dei diritti​ e della sicurezza​ del​ lavoro.

La nostra Carta costituzionale riconosce il lavoro come bene sociale e impone alle istituzioni, a tutti i livelli, di compiere ogni sforzo per ampliare l’occupazione,​ rimuovere le cause di squilibrio tra i territori, puntare ad uno sviluppo equilibrato e sostenibile.​

E​ la​ Carta Costituzionale​ costituisce la legge fondamentale della Repubblica Italiana che è la forma di governo che il popolo​ scelse​ il 2 giugno​ del 1946 nel referendum istituzionale che segnò una cesura netta con il fascismo e le compromissioni monarchiche. Oggi la Repubblica è il riferimento istituzionale più saldo del Paese, una Repubblica plurale e di garanzia istituzionale che valorizza e coordina tutte le differenze e rappresenta l’unità d’Italia.​

Ci pregiamo quindi​ di​ sostenere convintamente gli alti valori rappresentati dalla tre ricorrenze​ ed invitiamo tutti i democratici​ al ricordo ed alla partecipazione nelle forme possibili​ alle​ iniziative​ proposte per le stesse.

​​​​​​​

​​​​​​Associazione Amici della Di Vittorio - Mesagne

 

La Uila si conferma primo Sindacato nello Stabilimento Conserve Italia di Mesagne. Giornata di fermento democratico quella vissuta nello stabilimento conserve Italia di Mesagne. Straordinaria partecipazione al voto:  82 votanti su 88 aventi diritto, hanno voluto partecipare, votando, per il rinnovo della rappresentanza sindacale unitaria. Suffragando la Uila ed i suoi candidati di un consenso straordinario : 66 voti alla lista. Vito Denetto, Marco Colelli e Valentina Facecchia eletti rappresentanti Sindacali Unitari. Una delegazione rappresentativa delle tipologie del lavoro dipendente presente, di genere ed anche anagrafica. Voglio testimoniare il mio personale ringraziamento ai componenti il seggio elettorale che in maniera volontaria hanno assicurato il regolare, corretto e trasparente svolgimento delle operazioni di voto e di scrutinio, presenziando dalle 8 alle 16 alle operazioni richieste. Una attestazione di apprezzamento alle liste concorrenti ed ai candidati proposti che ci hanno impegnato in una competizione davvero straordinaria ed avvincente. Nel sito alimentare più importante della Provincia di Brindisi la Uila, la Fai e la Flai impegnati per l’ulteriore crescita dello stabilimento e per affermare le garanzie e le tutele dei lavoratori impegnati a tempo

Indeterminato e stagionale. Una eccellenza produttiva che deve caratterizzarsi, sempre di più e meglio, in un sistema avanzato e qualificato di relazioni sindacali. Avanti uniti, quindi, per garantire maggiore occupazione, in sicurezza, qualificando le maestranze e innovando i processi e gli strumenti di lavorazione nello stabilimento. Un grazie straordinario a Valentina, Marco e Vito per aver voluto accettare questa sfida, vincendola, nel rispetto degli avversari e delle regole democratiche. La Uila li aiuterà a svolgere al meglio la loro funzione per garantire la tutela di tutte le Maestranze impegnate.

Anticorpi monoclonali, un'arma in più contro il Covid. Una giornata di formazione per i medici Usca. Gli anticorpi monoclonali sono una risorsa importante per la cura dei pazienti Covid seguiti a domicilio dalle Usca, in collaborazione con i medici di medicina generale. Questo argomento è stato al centro di un corso di formazione per i medici in servizio nelle Unità speciali di continuità assistenziale, che si è tenuto nei giorni scorsi nel Polo universitario ospitato nell'ex ospedale Di Summa.

Pietro Gatti, direttore del Dipartimento Area medica della Asl e primario di Medicina interna dell'ospedale Perrino, ha illustrato ai medici Usca della provincia di Brindisi le ultime novità per le cure domiciliari contro il Covid: l'Azienda sanitaria locale, infatti, ha già avviato l’impiego degli anticorpi monoclonali che si sono dimostrati molto efficaci in determinate situazioni e vengono somministrati in ambiente protetto a pazienti in condizioni di fragilità e paucisintomatici. La segnalazione per la eventuale terapia con anticorpi monoclonali, come spiegato da Francesco Galasso, direttore del Distretto sociosanitario di Francavilla Fontana e referente organizzativo delle Usca, si affiancherà a tutte le attività già svolte dai medici delle Unità, come l'attività infermieristica, essenziale per soggetti con comorbilità, l'esecuzione dei tamponi molecolari per i familiari conviventi sospetti e la telemedicina, il monitoraggio da remoto, con speciali device, di una serie di parametri che sono di particolare importanza per intercettare un'evoluzione negativa della patologia.

Gatti, rivolgendosi ai medici delle Usca, ha sottolineato l'importanza della sinergia tra medicina territoriale e ospedali nella gestione dell'emergenza sanitaria e ha illustrato i risultati ottenuti a Brindisi grazie alla collaborazione tra le due anime del sistema sanitario locale. "Le Usca – ha spiegato Gatti - hanno consentito di ridurre del 30-40 per cento gli accessi inappropriati al pronto soccorso. Questo risultato è stato raggiunto attraverso la rete rappresentata da tutte le discipline ospedaliere coinvolte nella cura della malattia, Medicina interna, Pneumologia, Malattie infettive, Rianimazione e dalla medicina territoriale e del servizio 118, soprattutto grazie alla tempestività delle segnalazioni e della supervisione domiciliare. Un utilizzo accurato dei posti letto ha consentito di ricoverare tutti i residenti nelle strutture della provincia”.

Il direttore sanitario della Asl, Andrea Gigliobianco, ha sottolineato che “le Usca sono state attivate nella Asl Brindisi per la prima volta nel maggio 2020 a Ceglie Messapica: poi, a novembre, dicembre e gennaio, sono state rese operative in altri 5 comuni. L'Usca, in collaborazione con i medici di medicina generale, svolge attività assistenziale ai pazienti Covid in isolamento domiciliare con forme lievi o moderate: fino al 31 marzo sono oltre 1.500 i pazienti seguiti. Le équipe, composte da un medico e un infermiere, escono in turni di mattina e pomeriggio, tutti i giorni. L'attività principale è rappresentata dal monitoraggio delle condizioni cliniche per evitare eventuali complicanze e contribuire alla riduzione dei ricoveri ospedalieri e alla gestione domiciliare delle situazioni meno gravi. Il primo bilancio registra un incremento delle attività con la terza ondata, con numerose richieste di intervento da parte dei medici di base”.

“Grazie alle Usca – ha proseguito Galasso - abbiamo implementato l'attività infermieristica a domicilio, effettuando i prelievi di sangue, il trattamento delle lesioni da decubito, il cambio catetere, le emotrasfusioni. Abbiamo avviato l'esecuzione dei tamponi molecolari per i familiari conviventi sospetti e attivato la telemedicina applicando ai pazienti Covid l'esperienza maturata in cinque anni di utilizzo di questa tecnologia. I device monitorano parametri come saturazione, temperatura, pressione e frequenza cardiaca che sono importanti per intercettare tempestivamente un peggioramento della malattia”.

“Stiamo puntando sugli anticorpi monoclonali - ha aggiunto Francesco Mazzotta, medico in servizio nell’Usca di San Pietro Vernotico - poiché alcuni studi hanno dimostrato che questo tipo di anticorpi rappresenta una terapia che evita in molti casi l'ospedalizzazione dei pazienti Covid e che ha ridotto le complicanze che la patologia può sviluppare. Visti gli esiti clinici, è giusto puntare su questo nuovo metodo e coinvolgere anche il territorio nel candidare i pazienti all'utilizzo di questi percorsi di cura".

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

È stato piantato stamattina in piazzetta Ubaldo Lay, su via Albricci un carrubo bellissimo: la città celebra così la “Giornata Mondiale della Terra”, istituita per promuovere la sostenibilità ambientale e la salvaguardia del pianeta. Non è solo una meravigliosa pianta, che adornerà uno spazio al quale viene conferita una nuova identità: la data celebrata si deve a John McConnell, un attivista statunitense che affermava che gli esseri umani hanno l’obbligo di occuparsi della terra e condividere le risorse in maniera equa. "Anche noi vogliamo prenderci cura della nostra Terra con la stessa premura con cui pensiamo al futuro dei nostri figli: questo possente albero è un germoglio di vita che ci sopravviverà, una consapevolezza che tiene insieme sentimenti di tenerezza e speranza", ha chiosato il sindaco Matarrelli. La piantumazione del carrubo è stata accolta favorevolmente in città specialmente da parte dei residenti nel centro storico e dalle persone che d'estate sono abituati a sedersi alle panchne della piazzetta. "Prometto - ha concluso Matarrelli - che nella piazzetta saranno collocate delle panchine più belle delle attuali". Gioia per le orecchie di chi questa estate potrà sedersi all'ombra del carrubo e godersi il fresco. 

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   
 
Dall’inizio della pandemia, all’ingresso dei supermercati di diverse regioni italiane, si è scelto di preservare la salute dei clienti e tutelare quella dei lavoratori con una macchina ad alta tecnologia, ma dall’uso semplicissimo: Hygienic Cart è il primo sanificatore di carrelli per la spesa nato nel 2013 dalla sconcertante consapevolezza del fatto che un carrello della spesa è, nella totalità dei casi, più sporco del wc di un bagno pubblico.
A un anno esatto dalla prima installazione presso l’Iperal di Milano, il Carrefour Market  di Via Caduti di Nassiriya in Ostuni ha deciso di accogliere questo utile strumento implementando fattivamente le sane prassi in uso e anticipando quella che sempre più si sta rivelando una esigenza di tutti, consumatori e lavoratori: la sicurezza negli ambienti della grande distribuzione. 
Mascherina, distanziamento, igiene, i tre punti cardine da cui non prescindere ora più che mai, specie in luoghi chiusi e molto frequentati. Qualsiasi soluzione innovativa a supporto di ciò è, naturalmente, preziosa e bene accolta. Inquinamento, animali da compagnia, scarpe e pannolini di bambini alloggiati nei carrelli della spesa dei supermercati: virus e batteri si annidano, successivamente, nella spesa che portiamo a casa e mettiamo poi in frigo e a tavola. Virus e batteri restano attivi fino a 48 ore sulla plastica.
Dal manico all’intera superficie del carrello o del cestello della spesa Hygienic Cart garantisce e certifica grazie a test di laboratorio la sanificazione dell’intero carrello al 99,8 % in soli 5 secondi con una semplice operazione. Hygienic Cart è oggi è il primo e l’unico che garantisce una sanificazione testata e certificata su qualsiasi tipo di carrello.
Dopo l’Iperal in Lombardia, marchi come Conad e Coop nel Lazio, in Campania, Puglia ed Emilia Romagna hanno scelto la qualità e le soluzioni esclusive offerte da Hygienic Cart.

Dai primi giorni, i clienti del Carrefour Market della città bianca hanno accolto con grande entusiasmo l’arrivo di Hygienic Cart apprendendone immediatamente il facile utilizzo.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Si rafforza la collaborazione tra l’Amministrazione Comunale e le Associazioni di Volontariato presenti sul territorio di Francavilla Fontana.

Nelle scorse ore è stato pubblicato il bando per la formazione di un albo delle associazioni del terzo settore che vorranno contribuire alla tutela del patrimonio artistico-culturale e all'erogazione di servizi di pubblica utilità.

“La pandemia ha messo in luce l’esigenza di consolidare il rapporto con il mondo del volontariato. Le esperienze maturate in questi mesi difficili – spiega il Sindaco Antonello Denuzzo – sono state utili per accrescere il patrimonio di competenze e per elaborare nuove modalità collaborative.”

L’Avviso Pubblico è rivolto a tutte le associazioni presenti sul territorio cittadino. Per partecipare sarà necessario fornire copia dello statuto, l’iscrizione all’albo regionale, l’elenco dei soci e la descrizione delle esperienze maturate nell’ultimo triennio.

“Le associazioni – conclude il Sindaco Denuzzo – sono vere e proprie palestre di cittadinanza in cui i giovani possono trovare l’occasione per sviluppare le proprie attitudini, costruire nuove prospettive per il proprio futuro e farsi promotori di buone idee per la Città.”

Le Associazioni potranno presentare la propria istanza di iscrizione entro il prossimo 9 maggio.  Per maggiori informazioni è possibile consultare il bando sul sito internet istituzionale.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

La Fipe/Confcommercio di Brindisi, in linea con le posizioni espresse dalla Federazione a livello nazionale, giudica assolutamente incomprensibile la decisione del Governo nazionale di mantenere il coprifuoco alle ore 22.00 e di vietare l’utilizzo delle sale interne di bar e ristoranti. In questo modo, quindi, le riaperture previste per le zone gialle vengono totalmente vanificate da restrizioni inaccettabili e che hanno il chiaro intento di punire chi, invece, ha dimostrato di voler rispettare le regole per evitare il diffondersi del contagio.

Un esempio su tutti giunge proprio dalla Puglia, visto che i contagi sono tornati a salire nonostante i pubblici esercizi siano chiusi da settimane. E’ evidente che le cause sono ben altre e comprendono una campagna di vaccinazione ancora troppo lenta (nonostante le accelerate degli ultimi giorni) e controlli insufficienti per strada.

E’ questo il motivo per cui è necessario far sentire la nostra voce ad ogni livello per fare in modo che il Governo ci ripensi e modifichi alcuni contenuti del decreto legge sulle riaperture, oltre a mettere a disposizione risorse aggiuntive per i ristori che sono ancora troppo pochi e tardivi. Del resto, accanirsi contro la nostra categoria è davvero ingiusto ed ha già provocato, anche qui nel brindisino, la chiusura definitiva di tantissime attività.

Allo stesso tempo, chiediamo ai sindaci dei Comuni della provincia di Brindisi di seguire lo stesso esempio di quanto sta avvenendo altrove, dove hanno già stabilito il rinnovo automatico delle autorizzazioni per l’occupazione di suolo pubblico fino al 31 dicembre 2021, oltre ad aver fornito garanzie circa l’introduzione di procedure snelle per il rilascio di nuove concessioni.

E’ il minimo che si possa fare per andare incontro alle esigenze dei titolari di pubblici esercizi.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi giovedì 22 aprile 2021 in Puglia, sono stati registrati 12.472 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.895 casi positivi: 730 in provincia di Bari, 127 in provincia di Brindisi, 203 nella provincia BAT, 347 in provincia di Foggia, 209 in provincia di Lecce, 271 in provincia di Taranto, 1 caso di residente fuori regione, 7 casi di provincia di residenza non nota.

Sono stati registrati 35 decessi: 18 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 7 in provincia di Foggia, 4 in provincia di Lecce, 5 in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.129.376 test.

170.041 sono i pazienti guariti.

49.422 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 225.031 così suddivisi:

87.107 nella Provincia di Bari;

22.013 nella Provincia di Bat;

16.601 nella Provincia di Brindisi;

40.813 nella Provincia di Foggia;

22.038 nella Provincia di Lecce;

35.382 nella Provincia di Taranto;

737 attribuiti a residenti fuori regione;

340 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

RIFIUTI: COLDIRETTI PUGLIA, CAMPAGNE TRASFORMATE IN DISCARICHE A CIELO APERTO; IN 20 ANNI IN PUGLIA SVERSATI TOMBATI O BRUCIATI RIFIUTI DI OGNI GENERE. 

​Lo smaltimento illegale dei rifiuti è diventata una delle principali attività delle ecomafie che in Puglia fa registrare il 28,7% delle infrazioni accertate nel ciclo dei rifiuti sul totale nazionale, secondo i dati dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare promosso da Coldiretti che riferisce come, sulla base degli accertamenti della magistratura, negli ultimi 20 anni in Puglia siano stati sversati, tombati o bruciati rifiuti di ogni genere. ​ E’ quanto denuncia Coldiretti Puglia che plaude all’attività delle forze dell’ordine, in riferimento al blitz dei militari della Guardia di Finanza di Foggia e i Carabinieri di Bari, con le indagini coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari, che ha portato ad arresti per traffico e smaltimento illecito di rifiuti in aree non autorizzate

“E’ inaccettabile che le aree rurali vengano utilizzate come discariche a cielo aperto, depauperando un territorio curato e produttivo, inquinando la terra e il sottosuolo, arrecando un danno ingente all’imprenditore agricolo che spesso è chiamato a rimuovere i rifiuti sversati da altri, se non riesce a dimostrare di non averli prodotti.​ Si tratta di un fenomeno grave ed in escalation, dove a sversare rifiuti di ogni genere non sono più soltanto i gruppi criminali, ma anche residenti che scaricano nelle aree rurali ogni genere di rifiuto, oltre a materiale edilizio abbandonato dalle ditte, senza il minimo rispetto della proprietà privata degli agricoltori e arrecando un danno ambientale e di immagine incalcolabile”, è la denuncia di Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

“Nel 2015 la Regione Puglia ha pubblicato un bando a favore dei Comuni – ricorda Muraglia – che aiutava le amministrazioni comunali nell’attività di rimozione e smaltimento di rifiuti illecitamente abbandonati su aree pubbliche, soprattutto in campagna. Sarebbe opportuno che ci fossero altri provvedimenti in tale direzione, perché gli agricoltori non possono restare sommersi dai rifiuti. Così come chiediamo che venga potenziato il controllo su territori assai vasti da parte della Polizia Municipale dei differenti Comuni dove il fenomeno è particolarmente allarmante”, conclude Muraglia.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

RIAPERTURE, SOSTEGNI E PIANO VACCINALE – ARESTA (M5S): “FINALMENTE SI VEDE LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL”.

 “Documento Economico Finanziario 2021, nuovo scostamento di bilancio per 40 miliardi di euro e piano di riaperture delle attività commerciali, della ristorazione e del turismo sono i tre punti su cui finalmente può ripartire l’economia del Paese. La famosa luce in fondo al tunnel cessa di essere una figura retorica e, lentamente ma progressivamente, può diventare realtà”. Lo afferma, in una dichiarazione, Giovanni Luca Aresta, parlamentare del M5S.

“La sofferenza delle categorie economiche più colpite dalle misure di contenimento della pandemia, potranno avere finalmente una risposta adeguata – prosegue Aresta-​ sia in termini di sostegni sia su quello delle riaperture delle proprie attività.”

Aresta osserva in particolare come “la caduta dell’economia nel 2020 è stata trascinata principalmente dalla contrazione della domanda interna e in particolare della componente dei consumi privati (-7,8%). Chi non ha avuto perdita di reddito non poteva o non era invogliato a consumare a causa del lockdown con conseguente aumento della propensione al risparmio che si è attestata, in media d’anno, al 15,8 per cento. Una percentuale mai così alta nell’ultimo decennio”.

“Di contro – precisa il deputato – chi su quei consumi viveva come i lavoratori del commercio, della ristorazione, del mondo dello sport e del fitness, di tutto il settore e l’indotto generato dal turismo, si è visto pesantemente contrarre se non addirittura azzerare ogni reddito.” Da qui la necessità che “le riaperture fatte in sicurezza, consentano di rimettere in circolazione oggi quelle risorse finite nei conti correnti riversandole nell’economia reale”.

“La previsione macroeconomica contenuta nel DEF – prosegue Aresta -​ è costruita sull’aspettativa che, dopo l’estate, le misure di contrasto all’epidemia avranno un impatto via via decrescente sulle attività economiche, in concomitanza con il pieno dispiegarsi del Piano vaccinale e della diffusione delle terapie monoclonali, raggiungendo l’obiettivo dell’immunizzazione dell’80 per cento della popolazione italiana entro la fine di settembre. “

“Arriveranno inoltre i 40 miliardi dal nuovo scostamento di bilancio, per portare i sostegni a imprese e famiglie erogati sin qui nel 2021 a raggiungere un valore pari al 4 per cento del PIL.​ Come M5S – conclude Aresta- in questo trovando consenso anche tra le altre forze politiche, abbiamo proposto che il sostegno alle famiglie di professionisti, autonomi e partite Iva sia di almeno 250 euro la settimana. Un bonus assimilabile al congedo parentale dei lavoratori dipendenti.”

Pagina 1 di 1185