Redazione

Palazzo Roma di Ostuni, da mercoledì a domenica, è il cuore di eventi imperdibili.
La programmazione ha inizio mercoledì 6 alle ore 19:00 con il secondo appuntamento dell’Apericinema. Protagonista della settimana è Palazzina Laf, il debutto alla regia di Michele Riondino. La serata parte alle ore 19:00 con l’aperitivo e prosegue alle 19:30 con la proiezione del film.

Giovedì 7, alle ore 21:00, lo schermo cinematografico lascia spazio al palco teatro per Vicini di casa con Amanda Sandrelli e Gigio Alberti. Lo spettacolo, in rassegna stagionale del Comune di Ostuni e del Teatro Pubblico Pugliese, è un adattamento della pièce Los vecinos de arriba di Cesc Gay. Una commedia libera e provocatoria, che indaga con divertita leggerezza inibizioni e ipocrisie del nostro tempo.

Da venerdì 8 a domenica 10, alle ore 18:00 e alle ore 20:00, arriva uno tra i film più apprezzati del momento: Un altro Ferragosto. Il film, diretto da Paolo Virzì, è il sequel di Ferie d’Agosto del 1996.

Se provassimo a rivedere quell’episodio del ’96, ci accorgeremmo di aver perso alcuni fondamentali dettagli...o forse, ventotto anni fa, non avremmo comunque potuto notarli. La storia era questa: due gruppi di amici erano in vacanza a Ventotene. Il primo gruppo era composto da democratici, progressisti e intellettuali interpretati da Silvio Orlando, Laura Morante, Gigio Alberti, Antonella Ponziani ed altri. Nella casa accanto soggiornavano un gruppi di burini, qualunquisti, volgari e totalmente disinteressati alla politica, interpretati da Ennio Fantastichini, Sabrina Ferilli, Piero Natoli, ecc.


Un altro Ferragosto segue la storia di Altiero Molino (il figlio dei personaggi interpretati da Silvio Orlando e Laura Morante, la cui nascita venne annunciata proprio nel primo film). Altiero è un ventiseienne imprenditore digitale che torna a Ventotene col marito fotomodello per radunare i vecchi amici intorno al padre malato, e regalargli un'ultima vacanza in quel luogo per lui così caro. Non si aspettava di trovare l'isola in fermento per il matrimonio di Sabry Mazzalupi col suo fidanzato Cesare: la ragazzina goffa figlia del bottegaio romano Ruggero, è diventata una celebrità del web e le sue nozze sono un evento mondano che attira i media e anche misteriosi emissari del nuovo potere politico. Due tribù di villeggianti, due Italie apparentemente inconciliabili, destinate ad incontrarsi di nuovo a Ferragosto, per una sfida stavolta definitiva.

Il 27 FEBBRAIO u.s. giornata in cui era in programma lo svolgimento di un Consiglio Regionale all’ultimo momento saltato, si è tenuta ugualmente a Bari una imponente manifestazione di protesta contro le cartelle pazze dei Consorzi di bonifica ed a favore della proposta di legge OMNIBUS 2024 in cui è inserito un art. il n. 30, con il quale si chiede la temporanea sospensione delle cartelle di pagamento del tributo 630 inviate sino ad oggi, il tempo necessario acchè gli uffici Regionali Agricoltura, “procedano al monitoraggio ed alla verifica dello stato di conservazione, manutenzione, ed idoneità delle opere consortili gestite dal nuovo Consorzio unico di Bonifica centro-sud Puglia, come da disposto di cui all’art. 2, commi 2, 3, 4, 5 e 7 della legge reg.le n. 1/2017 e della deliberazione della Giunta Regionale 31 luglio 2023, n. 1100.”

Al corteo sotto la bandiera di diverse sigle sindacali e associazione di categoria, oltre a tantissimi agricoltori, hanno partecipato anche semplici cittadini arrivati da quasi tutta la Puglia.

Dopo un breve sit-in sotto il Palazzo della Regione, le varie delegazioni presenti, compresa la nostra. sono state ricevute dall’Assessore all’Agricoltura Donato Pentassuglia che nel frattempo era arrivato in Regione.

Per la ns delegazione composta dal sottoscritto e dal Presidente del Comitato “No Enfiteusi” di San Michele Salentino, Tonino Chirico, l’approccio al dibattito ed all’ascolto sull’argomento a noi a cuore e motivo della ns battaglia di civiltà e democrazia è partito subito in salita.

L’Assessore Pentassuglia, infatti, ha esordito mettendoci subito a ns agio, facendoci gentilmente sapere che anche questa volta la risposta sarebbe stata uguale a quella delle due volte precedenti  e non cinque come ha voluto far credere, evidentemente aveva esagerato per eccesso.

Caro Assessore gli abbiamo risposto sommessamente e sempre nel rispetto del suo ruolo istituzionale, “vuol dire che noi prenderemo atto delle sue risposte e Lei prenderà atto delle ns domande”.

Ma questo è stato solo l’inizio, perché man mano che il confronto entrava nel vivo la situazione sul piano dialettico, è peggiorata finchè non siamo stati accusati di fare sarcasmo gratuito.

Questo perché ci saremmo permessi di stigmatizzare il comportamento antidemocratico e contrario alla trasparenza da parte di un Consorzio, pardon Carrozzone, Arneo che con le sue anomale, incomprensibili procedure si arroga impunemente il diritto di vessare e mortificare i suoi consorziati. Ovvero avremmo fatto esercizio di lesa maestà, non sia mai toccare l’Arneo.

Diverse ns segnalazioni in tal senso, come suggerito anche dallo stesso Assessore, nel tempo non hanno avuto riscontri né verso di noi, ma cosa ancora più grave, verso la Regione stessa.

Peggio è andata poi quando abbiamo sottolineato la illegittimità di quelle cartelle di pagamento di cui chiediamo la sospensione in quanto mancanti dei presupposti di legge ed in palese contrasto con quanto stabilito dagli artt. 5, 17, 18 e 19 della legge reg.le n. 4/2012 e sentenze diverse dove  tutte sanciscono come non possa esserci contributo di bonifica senza beneficio specifico e diretto per l’utenza.

Quanto poi al voler cavillare sulle competenze se di Governo o di Regione, si ignora o si finge di ignorare forse, che i Consorzi sono emanazione della Regione stessa e che è scritto come i DPR 15-1-1972, n. 11 e 24-7-1977, n. 616, hanno restituito in maniera esclusiva dallo Stato alle Regioni la competenza di tutta la materia dei Consorzi di bonifica.

Poiché tale circostanza è stata messa in dubbio, abbiamo invano abbiamo chiesto di leggere insieme pubblicamente, quanto stabilito dalle predette leggi.

Apriti cielo, sorpresi ed amareggiati per il trattamento subito sino a tal punto, abbiamo deciso di uscire dall’aula. Seduta sospesa sino a quando convinti e pregati dal personale di servizio presente, siamo rientrati in Aula.

Giusto in tempo per fare un’ultima domanda all’Assessore che abbiamo avuto l’impressione che confonde le imposte (IMU, IRPEF, IVA, IRES, ecc.) che servono a coprire i costi dei pubblici servizi, con il tributo consortile 630 di natura corrispettiva ed allora assimilabile alla TARI (la tassa sulla raccolta dei rifiuti). Tu mi assicuri un servizio ed io ti pago, più chiaro non poteva essere eppure……. Se un Comune, per un motivo qualsiasi, un giorno non assicurasse quel servizio, potrebbe imporre ai cittadini di pagare un per ciò che non rende così come impunemente si permette invece di fare il Carrozzone dell’Arneo ? Risposta ? Non pervenuta.

Insomma questo il clima con cui siamo stati accolti a differenza di come lo stesso Assessore si è posto all’ascolto alle anche giuste istanze degli agricoltori venuti dalla BAT e da Bari.

Insomma un muro, che una crepa però l’ha rivelata quando in un passaggio del suo lungo intervento  ha recitato il mea culpa riguardo ai mancati controlli anche da parte sua, sui servizi istituzionalmente attribuiti ai Consorzi che per 13, 14 anni, come da stessa ammissione dei loro vertici, non sono stati mai resi e realizzati. Eppure per anni hanno finanziato ed alimentato con soldi dei cittadini pugliesi, “un circolo vizioso fatto di buchi, sprechi ed inefficienze, che andava invece denunciato e soppresso”

Ci dispiace caro Assessore i controlli toccavano a Voi, ora non potete scaricare i Vs errori sull’anello piu’ debole delle catena cioè gli agricoltori. Troppo facile e allora come si dice chi è causa del suo mal pianga se stesso.

Questo è stato.

                                        I SOTTOSCRITTI

  Il Presidente                    Il Presidente                             Il Presidente        

Antonio Chirico                  Pino Brancasi                            Roberto Aprile                        

Gianfelice Imparato con Marina Massironi e Valerio Santoro arriva in Puglia con lo spettacolo Il malloppo, un testo anni ‘60 dal successo clamoroso che lanciò il suo giovane autore Joe Orton come la nuova stella del panorama teatrale inglese. Da allora ha mietuto successi nel West End londinese e a Broadway dove è stato interpretato anche da Alec Baldwin e Kevin Bacon. Dopo il rinvio della tournée di gennaio, lo spettacolo sarà in scena a Bitonto il prossimo 6 marzo (ore 21.00, Teatro Traetta) dove ha già registrato il tutto esaurito; e a Fasano giovedì 7 marzo (ore 20.30, Teatro Kennedy) per le stagioni teatrali dei Comuni di Bitonto e Fasano organizzate in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

Il malloppo, di Joe Orton, per la regia di Francesco Saponaro, è una commedia dal ritmo incalzante, una satira feroce, un testo dissacrante e poco rappresentato da noi che speriamo di far conoscere e apprezzare anche dal pubblico italiano.

Due ladri inesperti decidono di svaligiare la banca accanto all’impresa di pompe funebri in cui lavorano, ma sono costretti a nascondere la refurtiva nella bara della madre appena deceduta di uno di loro. Così tra furti, omicidi, intrighi amorosi e indagini, inizia una rocambolesca sequela di situazioni spassose e assurde tipiche dell’umorismo nero britannico. Il Malloppo è infatti uno egli esempi più famosi e divertenti della black comedy - gli inglesi ne sono maestri - in cui con ironia e cinismo si attaccano i capisaldi della società borghese: le forze dell’ordine, il matrimonio, il culto della morte.

Lo spettacolo sarà in scena in Puglia anche ad aprile:  

il 16 aprile 2024 al Teatro Raffaele Lembo di Canosa di Puglia, ore 21.00

il 17 aprile 2024 al Teatro Verdi di San Severo, ore 21.00

il 18 aprile 2024 al Teatro Comunale “Giovanni Laterza” di Putignano, ore 21.00

il 21 aprile 2024 al Teatro Roma di Cerignola, ore 21.00

Nella giornata di domenica 3 marzo 2024 si è tenuta l'Assemblea Straordinaria per le Elezioni degli Organi Statutari 2024 - 2026 presso la sede del Gruppo Sbandieratori Battitori 'Nzegna, situata in Via Regina Margherita n. 67. Dopo la chiusura del seggio alle ore 20:00, si è proceduto allo spoglio delle schede, che ha visto emergere il nuovo direttivo per i prossimi due anni.
Il Presidente uscente, Giovanni Buongiorno, è stato riconfermato all'unanimità per un nuovo mandato. La sua leadership è stata lodata per l'abilità nel consolidare il gruppo e portare gli sbandieratori a ottenere notevoli successi a livello nazionale ed europeo. La sua riservatezza unita a un'eccezionale cordialità gli ha consentito di ispirare fiducia e entusiasmo tra i membri del gruppo.
Il suo stile di leadership è caratterizzato da maestria e dedizione, qualità che gli hanno permesso di ottenere il consenso unanime della comunità.
È sua l'affermazione che gli sbandieratori giocano un ruolo significativo nella promozione di valori positivi all'interno della comunità Carovignese. La loro pratica non solo preserva tradizioni storiche, ma contribuisce anche alla costruzione di un tessuto sociale forte attraverso la promozione di valori morali, sportivi e di inclusività.
Il Consiglio direttivo, che vede un significativo ricambio generazionale, è composto da figure nuove e di grande esperienza, pronte a sostenere il Presidente nella sua missione. Queste nuove leve promettono di portare il Gruppo verso ulteriori traguardi significativi.
Tra i membri spiccano Giovanni Pierpaolo Brandi, Antonio Giuseppe Lanzilotti, Angela Catamerò, Pasquale Lanzilotti, Giuseppe Lanzilotti, e Salvatore Buongiorno. A supporto del direttivo, sono stati eletti i supplenti Daniele Perrone e Alma Buongiorno, ulteriori risorse che contribuiranno al successo delle future iniziative del Gruppo.
Il Collegio dei Revisori dei Conti, garante della corretta gestione finanziaria, presenta anche esso nuove figure di vigilanza, tra cui Lucia Anna Radisi, Franco De Pasquale, e Domenico Carlucci. A supporto, i supplenti Maria Antonietta Di Latte e Cosima Tamborrino contribuiranno a garantire il rispetto degli obiettivi stabiliti e la trasparenza nell'utilizzo delle risorse finanziarie.
L'assemblea ha dimostrato la solidità e la coesione del Gruppo Sbandieratori Battitori 'Nzegna, che continua a essere guidato da un direttivo di grande competenza e passione per la propria attività.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Il Collettivo FLUO, in occasione della Giornata internazionale della donna, promuove un corteo che sfilerà per la città di Ceglie Messapica in data sabato 9 marzo 2024.

La partenza è prevista per le ore 10.00 nei pressi della Casa Comunale, proseguendo per le strade del paese fino ad arrivare in Piazza della Resistenza dove terremo un breve dibattito per sottolineare ancora una volta il ruolo delle donne nella società attuale, la lunga strada di emancipazione, il ruolo delle donne nelle guerre internazionali e il rischio sempre presente di perdere i diritti conquistati con tanta fatica da chi ci ha preceduto e ha tanto lottato per ottenerli.

Percorso: Casa Comunale, Porta del Monterrone, via Forno del Duca, Via Chiesa, Via Elia, proseguire per Piazza Plebiscito, via Francesco Argentieri, via Vespucci, Piazza della Resistenza.

---------------Fluo_logo.png
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Non si arresta la scia di sangue sulle strade della provincia di Brindisi. Ieri pomeriggio un tragico incidente si è verificato lungo la provinciale che collega Francavilla con Ostuni. Qui ha perso la vita il 58enne infermiere, Mimmo Caniglia a causa di uno scontro con un pullman. Un giorno prima era deceduto Oronzo Mellone, il 68enne di Trepuzzi rimasto gravemente ferito nel sinistro stradale verificatosi sabato pomeriggio sulla provinciale che collega Mesagne a San Donaci. Nell’impatto contro un albero di olivo aveva riportato diversi traumi letali. La moglie di 62 anni ha riportato anche dei traumi, è stata ricoverata presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi.  I due, residenti a Trepuzzi, erano a bordo di una Ford Fiesta che giunta all’altezza della contrada Casacalva, dove c’è il canile comunale mesagnese, per cause ancora in fase di accertamento era uscita fuori strada ed era andata a sbattere contro un albero di olivo. Uno schianto alquanto forte che aveva fatto accartocciare le lamiere del mezzo. I due coniugi erano rimasti bloccati all’interno. Le lamiere contorte, infatti, gli avevano impedito di uscire. Alcuni automobilisti di passaggio avevano lanciato l’allarme e sul posto erano giunte due ambulanze del 118 di Mesagne e le pattuglie della polizia locale. I soccorritori avevano trovato difficoltà ad estrarre i feriti e pertanto avevano chiesto l’intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi. I vigili una volta giunti sul posto avevano divaricato le lamiere ed estratto i due occupanti. I soccorritori del 118 li avevano trasferiti in codice rosso presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi.

Ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare ed è deceduto poco dopo. Venerdì 23 febbraio a perdere la vita sulle strade della provincia era stato Pompilio Gianmarco Micello, Ilio per gli amici, 19 anni di San Pietro Vernotico. Il giovane stava percorrendo la provinciale che collega San Donaci con Tuturano, quando la Fiat Grande Punto Cross su cui viaggiava con una ragazza era uscita fuori strada ribaltandosi. Il giovane era deceduto sul posto a causa dei gravi traumi riportati nel sinistro. La ragazza si era salvata pur rimanendo gravemente ferita. Ilio Micello il 17 dicembre 2022 era rimasto ferito in un incidente stradale verificatosi sulla provinciale che collega San Pietro a Tuturano. In quell’occasione morirono due suoi amici.

Un altro sinistro si era verificato lo scorso 23 febbraio sulla provinciale che collega Francavilla Fontana a Sava dove una Ford Ka con a bordo una mamma con il bambino era uscita fuori strada ribaltandosi. Fortunatamente entrambi era usciti vivi dal terribile sinistro anche se la madre aveva riportato vari traumi. Altro tragico sinistro si è verificato esattamente una settimana fa, domenica 25 febbraio, quando due ragazzi, Matteo Buccoliero, 20 anni di Sava e Matilde Chionna, 17 anni di Latiano, avevano perso la vita lungo la provinciale che collega Mesagne a Torre Santa Susanna. L’incidente si era verificato intorno alle ore 20,30 quando la Fiat Grande Punto con a bordo i due ragazzi, per cause ancora in fase di indagine, si era scontrata con una Bmw 320 che da Mesagne viaggiava in direzione Torre.

Uno scontro violento che era stato fatale per i due ragazzi. Il 32enne alla guida del Bmw era rimasto ferito ed era stato trasportato presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi. Anche su questo sinistro indaga la polizia locale di Mesagne. Il giorno dopo, lunedì 26 febbraio, perde la vita Francesco Laneve, 77 anni ed ex dipendente comunale, che viaggiava a bordo della sua Ford Fiesta sulla provinciale che collega Francavilla Fontana a Villa Castelli. La Ford con a bordo Laneve era andata a sbattere contro un muretto a secco e si era ribaltata. L’uomo, nonostante il pronto intervento del 118, non ce l’aveva fatta ed era deceduto sul posto.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Il 21 marzo riapre le porte la secentesca chiesa di Santa Teresa in Brindisi, ubicata nella omonima piazza al centro del capoluogo e costruita nel 1671 grazie alla benevolenza del sacerdote brindisino Francesco Monetta. L’edificio fu destinato ai padri Teresiani, cioè ai Carmelitani Scalzi i quali vi presero possesso nel corso del  l’anno seguente. Lì ora è ubicato il Museo Diocesano “G. Tarantini”, inaugurato nel giugno 2012.

La chiesa secentesca è stata sottoposta nel 2022 ad un intervento per il recupero e la funzionalizzazione di infrastrutture materiali grazie al finanziamento del bando Regione Puglia “Interventi per valorizzazione e fruizione patrimonio culturale appartenente agli Enti ecclesiastici”, con il potenziamento dell’offerta di servizi culturali, attraverso la realizzazione di laboratori e l’adeguamento tecnologico del patrimonio culturale.
I lavori e la finalità del progetto “Officina del Restauro” verranno presentati il 21 marzo alle ore 17.30 presso la chiesa di San Paolo eremita, sezione della Rete Museale dell’Arcidiocesi di Brindisi Ostuni che nel gennaio 2021 S. E. mons. Domenico Caliandro, arcivescovo emerito di Brindisi Ostuni, ha eretto canonicamente con un decreto, insieme alla Chiesa delle Scuole Pie e alla sezione di Ostuni sita al piano terra del Palazzo dell’Episcopio.
Al saluto delle autorità seguiranno, gli interventi della dott.ssa Luisa Rosato e dell’arch. Marzia Angelini, della Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Lecce e Brindisi, e dell’ing. Giorgio Rocco De Marinis, direttore dell’Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici dell’Arcidiocesi di Brindisi Ostuni. S. E. mons. Giovanni Intini, arcivescovo di Brindisi Ostuni, concluderà quel momento di approfondimento, quindi ci si sposterà presso la chiesa di Santa Teresa ed alle 18.30 l’opera verrà benedetta: le porte saranno aperte e l’arch. Luisa Parisi, Direttore dei lavori, e le ditte illustreranno i lavori di restauro, i laboratori e i sistemi tecnologici e multimediali.

Il 4 marzo 2024, i Carabinieri della Compagnia di Fasano, coadiuvati nella fase esecutiva dai militari della Compagnia Carabinieri di Cavalese (TN), hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Brindisi nei confronti di due persone fasanesi, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi.

Gli indagati sono stati ritenuti responsabili, in concorso, del delitto di rapina in abitazione avvenuta il 21 novembre 2022 ai danni di una donna fasanese.

In particolare i due soggetti, dopo essersi recati presso l’abitazione della vittima, situata nel centro storico di Fasano, travisati da felpe con cappuccio e maschere in silicone al volto per rendersi irriconoscibili, accedevano all’interno della casa e, sotto minaccia di un coltello puntato alla gola della vittima, la immobilizzavano con delle fascette e le chiudevano la bocca con del nastro adesivo.

Successivamente, dopo aver rovistato nei vari locali, asportavano la somma in denaro contante pari a 12.000,00 euro, dileguandosi successivamente facendo perdere le tracce.

Le indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Brindisi, svolte dai militari suddetti, comprensive anche dell’analisi delle immagini acquisite dai sistemi di videosorveglianza dell’area in cui si è verificato il violento episodio delittuoso e dall’analisi biologica/dattiloscopica – eseguita dal RIS di Roma – del nastro adesivo repertato, nonché dall’analisi del traffico telefonico, hanno consentito di identificare i presunti responsabili della citata rapina in abitazione.

L’ordinanza cautelare ha posto in evidenza come, dalle investigazioni, siano emersi gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato contestato, sussistendo un concreto e attuale pericolo di commissioni di reati della stessa specie da parte degli indagati, attesa la loro allo stato affermata pericolosità sociale.

Dopo le formalità di rito, uno degli odierni indagati è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Trento, poiché domiciliato temporaneamente in quella Provincia, mentre il secondo è stato associato presso la Casa Circondariale di Brindisi ove era ivi già ristretto per altra causa, in attesa del loro interrogatorio di garanzia.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Progetto “Equivalenze”, per promuovere la parità di genere, al via la mostra dedicata alle donne Nobel per la Pace: allestita presso la Chiesa di Sant’Anna - a Mesagne in piazza Orsini del Balzo - verrà inaugurata mercoledì 6 marzo alle ore 9:00. In mattinata, guidati dalle professoresse Sara Marsico e Fiorenza Taricone (associazione “Toponomastica femminile), saranno gli studenti delle scuole medie e superiori a visitare per primi l’esposizione di pannelli con storie e curiosità tutte al femminile. Dalle 15.30 alle 17.00, presso l'auditorium del Castello comunale, le docenti terranno un incontro aperto ai partner di progetto e alla cittadinanza sul tema "Cittadinanza consapevole e contrasto agli stereotipi". La mostra resterà aperta fino a sabato 16 marzo, ogni giorno dalle 9 alle 12. L’ingresso è gratuito.

LA FPCGIL BRINDISI E IL NIDIL CGIL BRINDISI, RINGRAZIANO LA PREFETTURA DI BRINDISI E DANNO COMUNICAZIONE CHE AI LAVORATORI DEI CAS, CENTRI DI ACCOGLIENZA STRAORDINARIA DI BRINDISI, SARANNO PAGATI TUTTI GLI STIPENDI ARRETRATI.

Comunichiamo che dopo la nostra segnalazione alla Prefettura di Brindisi, sono stati celermente corrisposti tutti gli stipendi arretrati ai lavoratori dei centri di accoglienza straordinari. Questo “GRAZIE” alla committente, in quanto responsabile in solido del servizio, la Prefettura di BRINDISI che ha inteso accollarsi l’intero pagamento delle competenze afferente ai pagamenti pregressi e non evasi delle retribuzioni mensili per i lavoratori con CCNL AGIDAE (funzione pubblica Cgil) e con i contratti di collaborazione, P. IVA ( Nidil Cgil). I lavoratori hanno continuato a prestare servizio ininterrottamente anche privi di retribuzione da oltre sei mesi in alcuni casi, per salvaguardare i servizi dei CAS di Brindisi, che al momento hanno più di 290 ospiti residenti. Un grazie sentito va’ da parte dei lavoratori alla Prefettura di Brindisi per il grande lavoro svolto e alla dottoressa OLIVIERI e al dottore ALBERTINI, lavoratori che in queste ore finalmente potranno avere i loro stipendi.   

       

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci