Redazione

Solo qualche giorno fa avevamo messo in evidenza la necessità di dotare i dispenser presenti nel parco "Potì" delle relative bustine in cui collocare le deiezioni canine. Questa mattina i vialetti del parco erano sporchi di escrementi. In particolare due signorine che portavano a passeggio i propri pelosi, con guinzaglio e bustine annesse, li hanno fatti defecare sul vialetto e non l'hanno raccolta. Il tutto senza curarsi della gente presente nell'area. A questo punto, come avevamo già detto, la pulizia è solo una questione di civiltà e rispetto per l'altro, oltre che per i luoghi. Nè tanto meno ci può essere un vigile urbano dietro a ogni cittadino per contravvenzionarlo. 

 

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

Il messaggio di allerta meteo riferito al territorio comunale di Mesagne, diramato dalla Regione Puglia, sezione Protezione Civile, prevede un livello di codice arancione per venti di forte burrasca.
Il Centro Operativo Comunale - C.O.C. assicurerà nell'ambito del territorio del Comune di Mesagne la direzione e il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione. Il servizio trova ubicazione presso la sede del Comando di Polizia Municipale in via Galvani, tel. e fax 0831/771893. Si raccomanda la massima prudenza.
Si consiglia: di prestare maggiore attenzione alla guida di autoveicoli e di procedere a velocità moderate; di evitare le zone esposte a forte vento; di non sostare lungo viali alberati; di non utilizzare mezzi di trasporto a due ruote e, se è strettamente necessario l'uso dell'auto, si raccomanda di tenere le luci accese e di rimuovere tutti gli oggetti che potrebbero essere trasportati dal vento e rappresentare un pericolo per l'incolumità pubblica.
 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi venerdì 25 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 3299 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 90 casi positivi: 23 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 17 nella provincia BAT, 36 in provincia di Foggia, 9 in provincia di Lecce, 3 in provincia di Taranto.

E’ stato registrato 1 decesso in provincia di Bari.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 392.912 test.

4.498 sono i pazienti guariti.

2.309 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.394, così suddivisi:

2.869 nella Provincia di Bari;

619 nella Provincia di Bat;

766 nella Provincia di Brindisi;

1.782 nella Provincia di Foggia;

781 nella Provincia di Lecce;

518 nella Provincia di Taranto;

58 attribuiti a residenti fuori regione;

1 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Nel corso della nottata, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Lecce, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia nei confronti di 13 soggetti, 8 dei quali in carcere e 5 sottoposti alla misura cautelare della presentazione alla P.G..

L’attività investigativa, diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, trae origine da una serie di accadimenti delittuosi verificatisi in Brindisi e Provincia a far data dal 2015, accadimenti che hanno avuto una particolare recrudescenza in concomitanza con la scarcerazione di alcuni boss mafiosi sia di questo centro che di Mesagne.

Nell’ambito del p.p. 10291/2015 R.G.N.R. della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, si comunica che il GIP dr. E. D’AMBROSIO, su richiesta del P.M. presso quella Direzione Distrettuale Antimafia – D.ssa Giovanna CANNARILE - ha emesso Ordinanza di applicazione di misura della custodia cautelare in carcere  – nr. 8971/2016 RG GIP, datata 14 settembre 2020 - nei confronti di:

- CAMPANA Francesco,  classe 1973- COLUCCI Enrico, classe 1954

- DI LAURO Alessandra, classe1966

- DONATIELLO Giovanni, classe 1961

- MONTEFORTE Cesario, classe 1966

- PAGLIARA Angelo, classe 1963

- SIGNORILE Antonio, classe 1970

- VALENTI Teodoro,  classe 1973

e contestuale la misura coercitiva dell’obbligo di presentazione alla P.G. nei confronti di:

- MARA Riza, classe 1989

- MONTEFORTE Giuseppe, classe 1986

- MONTEFORTE Lucia, classe 1968

- SPERTI Marco, classe 1987

- SPERTI Simone, classe 1997
2020 09 25 150055
2020 09 25 150114
2020 09 25 150135
2020 09 25 150156
2020 09 25 150212

La misura cautelare in parola scaturisce da una complessa ed articolata attività investigativa svolta con sofisticate attività tecniche e con metodologie di indagine classica che hanno consentito di monitorare soggetti e vicende delittuose in un contesto associativo di stampo mafioso operante nella città di Brindisi e provincia. In particolare, tutti gli elementi acquisiti consentono di dimostrare l’attuale operatività in questo territorio dell’associazione mafiosa “Sacra Corona Unita” e nello specifico di quella frangia storica facente capo a Francesco CAMPANA, attiva sul territorio dell’intera provincia. L’attività investigativa, che ha consentito di delineare i nuovi assetti ed i ruoli all’interno della consorteria criminale riferibile al clan CAMPANA, vede protagonista nella provincia di Brindisi, già dal 2015, un sodalizio criminale rivelatosi con una puntuale delineazione strutturale, con attribuzioni di ruoli e gradi propri delle consorterie mafiose, riconducibile alla S.C.U.  Fine ultimo del sodalizio risiede nella commissione di una serie di reati con particolare riferimento alle estorsioni, avvalendosi di un rinsaldato controllo del territorio e dell’assoggettamento delle vittime al modus operandi particolarmente intimidatorio dei consociati, forti del vincolo associativo e di sangue che al contempo consente loro di permeare e radicare l’interno di un tessuto sociale favorevolmente omertoso.

L’associazione risulta dotata di una struttura gerarchica ben definita all’interno della quale ciascuno dei membri ricopre ruoli e compiti ben definiti. Francesco CAMPANA, nonostante lo stato di detenzione, è riuscito a mantenere contatti con gli affiliati anche per il tramite della compagna, Lucia MONTEFORTE, che con regolare frequenza si reca a fargli visita. La MONTEFORTE,  a sua volta, mantiene i contatti con gli altri compartecipi dell’organizzazione malavitosa. Nella struttura verticistica della frangia brindisina della S.C.U., ad un gradino immediatamente più basso rispetto al capo indiscusso, si è collocato per diverso tempo Cesario MONTEFORTE, detto Rodolfo. Questi, fratello di Lucia MONTEFORTE, è divenuto il punto di riferimento  per la criminalità brindisina, in quanto, sebbene sia stato più volte detenuto, ha ricevuto, evidentemente da Francesco CAMPANA, la investitura ad organizzare il sodalizio criminoso  nella città di Brindisi. Le disposizioni impartite dal MONTEFORTE giungevano all’esterno del carcere, durante il suo stato di detenzione, con estrema facilità grazie al ruolo di portavoce, svolto dalla compagna Alessandra DI LAURO.

La posizione criminale di Antonio SIGNORILE emerge dall’attività tecnica che consacra la sua appartenenza all’organizzazione mafiosa denominata Sacra Corona Unita ed, in particolare, il suo ruolo di reggente del gruppo operante in seno al predetto sodalizio. SIGNORILE è il referente diretto di Cesario MONTEFORTE inizialmente per il tramite della moglie di quest’ultimo, Alessandra DI LAURO, quando lo stesso era detenuto.

Tra le persone organiche al sodalizio vi è anche Teodoro VALENTI, detto Rino, personaggio legato alla criminalità comune e che, da ultimo risulta essersi avvicinato al gruppo CAMPANA unitamente al genero MARA Riza. Tanto il VALENTI quanto il MARA risultano attivi nelle estorsioni in danno di pregiudicati locali che, in tal modo venivano costretti a corrispondere somme mensili di denaro alla organizzazione, motivate nello specifico per il mantenimento in carcere del MONTEFORTE Cesario. Agli stessi viene contestata l’aggravante di aver agito quali appartenenti all’associazione mafiosa.

VALENTI Teodoro e MARA Riza sono, altresì, ritenuti responsabili di una serie di illeciti e violenti comportamenti nei confronti di alcuni soggetti, rei di non essersi prodigati abbastanza in favore della consorte del MONTEFORTE, per sottometterli, senza alcuna possibilità di replica, alla volontà di quest'ultimo, avvalendosi della forza intimidatrice derivante dall'appartenenza al sodalizio mafioso vicino a DONATIELLO Giovanni nella provincia brindisina, con imposizioni effettuate nei confronti di piccoli imprenditori locali, anche per assicurare il necessario supporto economico agli affiliati detenuti ed alle loro famiglie.

COLUCCI Enrico è ritenuto, invece, responsabile  del delitto di estorsione tentata perché, manifestando la sua appartenenza a locali gruppi mafiosi, mediante minacce attuate nei confronti di imprenditori, realizzava intenti criminosi  finalizzati alle richieste estorsive così come specificatamente concertate all’interno dell’organizzazione criminale della S.C.U.

Gli elementi di prova raccolti nei confronti di MONTEFORTE Giuseppe e MONTEFORTE Lucia dimostrano che gli stessi hanno assunto nella vicenda un ruolo di concorrente "esterno" che seppure non ''fa parte" dell’associazione, fornisce tuttavia un concreto, specifico, consapevole e volontario contributo alla stessa. Gli stessi risultano indiziati  del delitto di cui all'art. 416 bis, c.p. e 71 D.L.vo n. 159/2011 per avere fatto parte o continuato a far parte dell'associazione di tipo mafioso denominata "Sacra Corona Unita", territorialmente strutturata in diverse articolazioni, ciascuna con un proprio referente, ed avente influenza nelle province di Brindisi e Lecce, connotata da forte carica d'intimidazione e dalla fama criminale acquisita nel tempo con la lunga e stabile presenza sul territorio.  I predetti MONTEFORTE, in concorso con altri, sono ritenuti responsabili di una serie indeterminata di reati con particolare riferimento ad una diffusa attività estorsiva in danno degli esercenti attività commerciali e degli imprenditori agricoli per realizzare profitti e vantaggi ingiusti per sé e per altri; per assumere il controllo o esigere il rendiconto di qualsiasi attività illecita da chiunque svolta, comportante significati profitti; per mantenere il controllo del territorio ed acquisire disponibilità finanziaria, anche per assicurare il supporto economico agli affiliati detenuti ed alle loro famiglie.

PAGLIARA Angelo risulta responsabile del delitto di estorsione perché, avvalendosi della forza intimidatrice derivante dall'appartenenza all'associazione di tipo mafioso denominata "Sacra Corona Unita" ed in particolare del gruppo avente come diretto referente DONATIELLO Giovanni, contattando in più occasioni imprenditori brindisini, in atti identificati, facendo forza su un intervento "impositorio", quale chiara ed evidente dimostrazione ed attestazione di controllo del territorio da parte del proprio gruppo mafioso e tale da creare uno stato di sottomissione e paura, costringeva gli stessi a consegnare una somma di denaro necessaria per il sostentamento economico proprio e degli altri affiliati liberi e detenuti, nonché delle rispettive famiglie; con le aggravanti di aver agito quale appartenente all'associazione mafiosa.

Si accertava, inoltre, che PAGLIARA Angelo sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. per la durata di anni tre con l'obbligo di soggiorno nel comune di residenza contravveniva ripetutamente alle prescrizioni imposte.

SPERTI Marco e SPERTI Simone ritenuti responsabili dei delitti di percosse e lesioni, aggravate dall’avere agito con metodo mafioso (416 bis c.p.), in particolare della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva, ponendo in essere le condotte in pieno giorno ed in centro abitato, contando sul fatto che nessuna circostanza relativa all’aggressione sarebbe stata riferita alle Forze dell’Ordine  da chi l’aveva subita.

DONATIELLO Giovanni, in concorso con gli altri indagati, è ritenuto responsabile del delitto di cui all'art. 416 bis, c.p. per avere fatto parte o continuato a far parte dell'associazione di tipo mafioso denominata "Sacra Corona Unita", territorialmente strutturata in diverse articolazioni, ciascuna con un proprio referente, ed avente influenza nelle province di Brindisi e Lecce. La stessa risulta connotata da forte carica d'intimidazione e dalla fama criminale acquisita nel tempo con la lunga e stabile presenza sul territorio, anche durante il periodo di detenzione dei suoi referenti, e più in particolare della frangia storica facente capo a Francesco CAMPANA ed attiva sul territorio di Brindisi, finalizzata a commettere, avvalendosi della forza intimidatoria derivante dal vincolo associativo e dalle conseguenti diffuse condizioni di assoggettamento ed omertà che ne derivano, palesando altresì disponibilità di anni e materiale esplodente, una serie indeterminata di reati con particolare riferimento ad una diffusa attività estorsiva in danno degli esercenti attività commerciali e degli imprenditori agricoli per realizzare profitti e vantaggi ingiusti per sé e per altri. Quanto premesso per assumere il controllo o esigere il rendiconto di qualsiasi attività illecita, da chiunque svolta, comportante significanti profitti per mantenere il controllo del territorio ed acquisire disponibilità finanziaria, anche per assicurare il supporto economico agli affiliati detenuti ed alle loro famiglie.

CAMPANA Francesco (attualmente detenuto) e DONATIELLO Giovanni, entrambi già condannati per associazione di tipo mafioso, continuano a far parte della frangia storica, operativa sul territorio di Brindisi,  con un ruolo direttivo dall'interno del carcere il CAMPANA e con più ampi margini di operatività, per ragioni di libertà, il DONATIELLO, mantengono il capillare controllo del territorio e delle attività illecite, grazie all'apporto dei rispettivi affiliati. Il DONATIELLO, a partire dal giorno della scarcerazione assumeva nuovamente il ruolo di "leader" all'interno del sodalizio mafioso, anche perché, di fatto, unico personaggio di spicco in libertà, ed al lui risultano affiliati numerosi soggetti da sempre inseriti nel circuito associativo e legittimati dallo stesso ad operare sul proprio territorio di competenza.

L’attività di polizia giudiziaria ha impegnato oltre 100 uomini della Squadra Mobile brindisina, dei Reparti Prevenzione Crimine di Lecce e di Bari, un equipaggio del Reparto volo di Bari e personale della Polizia Scientifica della Questura di Brindisi.

----------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione
contattaci  

Si è svolto ieri mattina nell'Aula Consiliare del Comune di Mesagne l’incontro chiesto nei giorni scorsi al sindaco Toni Matarrelli dai lavoratori della società Margherita Distribuzione Spa, ex dipendenti Auchan. Un incontro urgente, come è stato specificato nell’oggetto, con l’obiettivo di informare l’Amministrazione Comunale sulla situazione dei 30 lavoratori in esubero che per ragioni “tecnico-organizzative” non sono stati ridestinati e restano in CIGS a zero ore.

“Non abbiamo certezze rispetto alla durata degli ammortizzatori sociali dei quali stiamo beneficiando. Nessuno ci ha informato sugli sviluppi che pure, dinanzi ai rappresentanti istituzionali e attraverso accordo sindacale, ci avevano assicurato che ci sarebbero stati. Siamo madri e padri di famiglia, dietro di noi altre vite e storie lavorative anche di 17 anni, che ci hanno portato alla soglia dei 50 anni e anche più: non sappiamo né come immaginare né come programmare il nostro futuro e quello dei nostri figli”, hanno spiegato i lavoratori durante l’incontro al quale era presente anche l’assessore alle Attività Produttive, Antonello Mingenti.

Un altro aspetto preoccupa i lavoratori, riguarda una data imminente - il prossimo 30 settembre – entro la quale dovrebbero decidere se usufruire dell’uscita volontaria prevista dall’azienda, beneficiando del possibile incentivo. La richiesta è che tale scadenza venga prorogata, consentendo agli ex dipendenti di valutare altre possibilità che nel frattempo, si auspica, possano definirsi.

Il sindaco ha ribadito il suo impegno a comprendere gli orientamenti del nuovo soggetto rispetto agli impegni sindacali assunti, sottolineando quanto sia stato utile fino ad oggi il ruolo della società che è subentrata e quanto sarà altrettanto importante seguire la vicenda che riguarda il destino di coloro che restano in attesa di risposte. “Il futuro di tutti i lavoratori ex Auchan ci riguarda. Come mi è stato chiesto durante l’incontro, e come ho confermato che sarebbe stato, mi impegno a convocare tutti gli attori in campo coinvolti nella vicenda affinché sul futuro lavorativo di chi è momentaneamente escluso si possano ricevere rassicurazioni”, ha concluso il primo cittadino.

----------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione
contattaci  

Carabinieri della Stazione di Mesagne, a conclusione degli accertamenti, hanno tratto in arresto KUMBANKYET Davide, 29enne di origine ghanese residente a Mesagne, per porto illegale in luogo pubblico di armi comuni da sparo, detenzione illegale di arma clandestina, porto ingiustificato di strumenti atti a offendere, detenzione abusiva di armi e ricettazione. In particolare, nella serata del 23 settembre, l’uomo è stato sorpreso a piedi in una via del centro abitato con una scatola contenente 10 cartucce calibro 16 da 70 mm marca "Winchester" occultata nella tasca dei pantaloni. La successiva perquisizione estesa alla sua autovettura ha consentito di rinvenire un fucile calibro 16 senza marca, funzionante, unitamente a un machete, occultati nel portabagagli. Le armi sono state sottoposte a sequestro. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.

 

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

“Esigiamo rispetto per gli studenti latianesi da parte della STP”. Lo dichiara il candidato sindaco Claudio Ruggiero in merito agli assembramenti a bordo degli autobus di trasporto pubblico locale. “La Società Trasporti Pubblici deve trovare nell’immediato delle soluzioni per evitare che sui pullman che transitano da Latiano ci siano assembramenti. È necessario individuare delle soluzioni che evitino gli affollamenti registrati in questi ultimi giorni soprattutto poiché prevedibili dallo stesso gestore. La nostra città non può più essere considerata di serie B. Tra poco le cose cambieranno e tutti gli enti dovranno avere rispetto di Latiano e dei latianesi. Questo modo di fare deve finire una volta per tutte, bisogna riconoscere dignità ai nostri ragazzi che ogni giorno utilizzano i mezzi pubblici per spostarsi da Latino ed andare verso gli Istituti scolastici delle altre città del brindisino. Se fino a questo momento l’Amministrazione comunale è stata in silenzio, noi non abbassiamo la testa. Il Sindaco e la giunta negli anni scorsi non si sono mai interessati del problema perché impegnati a difendere le loro poltrone, adesso la musica cambia e tutti devono avere rispetto di Latiano”.

Il 26, 27 e 28 settembre  i medici della provincia di Brindisi sono chiamati a rinnovare il Consiglio degli Ordini provinciali. Compito dell’Ordine dei medici è quello di vigilare sul decoro della professione e sulla corretta applicazione del codice deontologico, promuovere l’aggiornamento professionale, gestire la formazione dei giovani medici, tenere aggiornato l‘albo degli iscritti, ecc.  Nella provincia di Brindisi si ricandida l’intero consiglio uscente presieduto dal Dr Arturo Oliva. In questo triennio l’ordine dei medici di Brindisi ha operato in modo esemplare, è stato sanato il bilancio, è stato garantito l’aggiornamento con i crediti professionali a tutti i medici, si sono formati diversi medici di medicina generale, sono stati intensificati e migliorati i rapporti con le istituzioni, inoltre l’Ordine ha garantito il suo appoggio e la sua vicinanza  a tutti i medici vittime di violenza.  La lista che potrà essere  votata è denominata “insieme per la professione” e rappresenta la continuità di un percorso cominciato tre anni fa e che si prefigge di migliorare il mondo della sanità vista dall’ottica dei medici ma proiettata verso i cittadini. La città di Mesagne vede come candidato il Dr Vito Lenoci, medico di medicina generale, presidente provinciale no del Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani e  consigliere uscente.

 

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Nelle prime ore del mattino di oggi 25 settembre, oltre 100 persone, tra agenti della Polizia di Stato della Questura di Brindisi, coadiuvati da numerosi equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Puglia, personale del IX Reparto Volo di Bari, hanno eseguito una vasta operazione di Polizia Giudiziaria coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce.

L’attività investigativa, complessa ed articolata, ha consentito di monitorare  soggetti e vicende delittuose in un contesto associativo di stampo mafioso operante oltre che nel capoluogo in tutta la provincia. In particolare, tutti gli elementi acquisiti hanno permesso di dimostrare l’attuale operatività in questo territorio dell’associazione mafiosa “Sacra Corona Unita” e nello specifico di quella frangia storica facente capo al clan CAMPANA, attiva sul territorio.

I nomi deli arrestati sono: Giovanni Donatiello, Francesco Campana, Enrico Colucci, Angelo Pagliara, Teodoro Valenti, Cesario Monteforte, Antonio Signorile, Giuseppe Monteforte, Alessandra Di Lauro, Lucia Monteforte, Simone e Marco Sperti. 

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Ha vestito le maglie del Brindisi, Manduria Grottaglie, Racale, e del Mesagne nella stagione 2016 in Promozione.  Lotito è un centrocampista dotato di un'ottima qualità e tecnica. Tende a verticalizzare il gioco, possiede buona corsa con la palla al piede, ampia visione di gioco, e ricerca dell'ultimo passaggio. Ottima la sua intensità nel recuperare palla e posizione.  Tra i suoi tanti punti di forza, anche quello di saper calciare le punizioni, grazie al suo piede delicato e preciso, e questa sarà un'arma in più per il Mesagne quando si tratterà di sbloccare il risultato in quelle partite tattiche e dove gli spazi sono ridotti.

Le sue parole :
"Voglio ringraziare il presidente per la fiducia che ha posto in me.
Arrivo in un bel gruppo, e farò in modo di essere un elemento che possa mettersi al servizio della squadra.
Credo molto nel lavoro sul campo, e nel giocare in una squadra dove si è uniti e ognuno è pronto ad aiutare il proprio compagno. "

Pagina 1 di 939