Il “Centro regionale pubblico di riabilitazione ospedaliera di Ceglie Messapica sarà di proprietà e gestione interamente pubblica"

Aprile 17, 2024 979

La Commissione sanità ha approvato a maggioranza, con l'astensione dell'opposizione, la proposta di legge con cui si istituisce la struttura di riabilitazione ospedaliera di Ceglie Messapica, di proprietà della ASL Brindisi e attualmente in esercizio con funzioni limitate di riabilitazione, quale “Centro regionale di riabilitazione pubblica ospedaliera di Ceglie Messapica – CRRiPOCeM”. 
Il “Centro regionale pubblico di riabilitazione ospedaliera di Ceglie Messapica – CRRiPOCeM” sarà di proprietà e gestione interamente pubblica, incardinato nell’organizzazione funzionale della Asl di Brindisi, corredato da tutte le unità operative, relativi day hospital e per tutti i livelli, regimi e fasi delle attività riabilitative.
Per il raggiungimento dello scopo, l’Asl BR potrà avvalersi nella gestione sanitaria del CRRiPOCeM e previa sottoscrizione di protocollo d’intesa, di altre Aziende Ospedaliere Universitarie o ASL della Regione. 
Nell’ambito della programmazione regionale sul fabbisogno di posti letto riabilitativi, al CRRiPOCeM è assicurata la priorità nell’assegnazione, al pari di altre strutture interamente pubbliche, sino alla copertura di tutti gli spazi disponibili e idonei.
La gestione interamente pubblica è riferita ai servizi e alle attività sanitarie.
Il funzionamento del CRRiPOCeM è improntato all’eccellenza riabilitativa e alla tenuta in carico del paziente per l’intero percorso riabilitativo, stabilito sulla base della normativa, le linee guida e relative prescrizioni cliniche di carattere soggettivo, anche utilizzando tecnologie di tele-monitoraggio, tele-medicina, robotica, intelligenza artificiale, ovvero tecnologie aventi lo stesso obiettivo.
Il passaggio alla gestione interamente pubblica del CRRiPOCeM avviene alla scadenza di contratti di gestione attualmente in corso o in regime di proroga. Qualora anche il periodo di proroga risulti scaduto alla data di entrata in vigore della legge, il subentro nella gestione pubblica diretta della ASL competente avviene entro e non oltre 40 giorni dall’entrata in vigore, ovvero 50 giorni se le ragioni risultino opportunamente motivate e sotto il profilo oggettivo. È nullo ogni nuovo e ulteriore provvedimento di proroga. 
Il personale in servizio alla data di entrata in vigore della presente legge, transita nell’organico della ASL competente nel rispetto della normativa vigente.
Entro e non oltre 30 giorni dall’entrata in vigore della legge, la Regione provvede alla rimodulazione e relativa assegnazione dei posti letto prevista e con le regole di priorità previste.
La ASL Brindisi assicura il raggiungimento degli obiettivi normati, adottando un puntuale provvedimento di programmazione entro e non oltre 180 giorni dalla data dell’entrata in vigore della legge, con relativo cronoprogramma. 
È stato ritenuto necessario un approfondimento di natura tecnica in merito alla norma finanziaria, sollecitato dai consiglieri di opposizione, in virtù dell’opportunità di rendere più congrua la cifra stimata, sulla base di quanto è riportato nel testo, secondo cui “agli oneri per l’attuazione della legge si provvede nei limiti dello stanziamento previsto per remunerare l’incaricato di pubblico servizio per l’attuale gestione, calcolata sui dati storici riscontrati negli ultimi anni e in particolare per il 2022 per euro 9.591.860,72 euro”. Motivo per il quale, secondo l'opposizione, i costi reali sarebbero il doppio.


All’unanimità è stato espresso parere favorevole in merito alla deliberazione della Giunta regionale contenente lo schema di Regolamento recante: “Modifica del Regolamento regionale n.14/2020 – Aggiornamento Rete ospedaliera ai sensi del D.M. n. 70/2015”. Recupero mobilità passiva. Modifica D.G.R. n. 1439/2018”.
Con questo Regolamento sono istituiti i posti letto di Medicina e Chirurgia d'accettazione d'urgenza  codice disciplina 51, con una dotazione di un  numero minimo di  10 posti letto fino ad un massimo  di  20 posti letto, in via prioritaria, presso i Pronto soccorso dei seguenti Ospedali: DEA di II Livello; Ospedali di Barletta, Andria, Cerignola; Enti Ecclesiastici “Panico” di Tricase, “Miulli” di Acquaviva delle Fonti ed IRCCS privato accreditato “Casa Sollievo della Sofferenza”. 
Le Direzioni strategiche delle Aziende Sanitarie possono richiedere l’attivazione di posti letto di Medicina e Chirurgia d’accettazione e d’urgenza presso gli altri Ospedali insistenti nel proprio territorio di competenza, non già ricompresi, previa approvazione da parte del Dipartimento salute.
I posti letto saranno successivamente ricompresi nella fase di aggiornamento del piano ospedaliero. La programmazione dei posti letto, previsti nel Regolamento, vale come parere di compatibilità, nei termini previsti dalla normativa vigente, che decorrono dalla data di pubblicazione del Regolamento regionale sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia. Per le strutture private accreditate il parere di compatibilità è da intendersi valido per un periodo massimo di due anni.
Nella deliberazione è specificato che con la deliberazione di Giunta regionale n.412 del 28/03/2023, contenente misure urgenti di riqualificazione e razionalizzazione della spesa, alla luce della necessità imposte dal piano di rientro, è stata stabilita, tra le priorità di intervento, la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale.
Per quanto attiene la realizzazione dei nuovi ospedali, di cui all’art. 6 del Regolamento regionale n. 23/2019, la configurazione delle strutture ospedaliere in termini di discipline e posti letto sarà definita con successivo provvedimento di Giunta regionale. 
Infatti, a seguito della realizzazione delle nuove strutture, si procederà alla modifica del vigente Regolamento regionale sulla rete ospedaliera, aggiornando in modo puntuale la configurazione della complessiva rete ospedaliera pugliese. 
Inoltre, in fase di configurazione della nuova rete ospedaliera occorre tener conto della volontà della Regione Puglia di recuperare una quota della mobilità passiva e, dunque, in fase di programmazione si dovrà valorizzare alcune specifiche discipline e definire un numero congruo di posti letto necessari al recupero delle prestazioni in regime di ricovero, attualmente erogate dalle strutture sanitarie insistenti in altre Regioni italiane.   
La Regione Puglia, con la deliberazione di Giunta regionale n. 315 del 07/03/2022, ha approvato il provvedimento recante: “Analisi mobilità passiva – attività in regime di ricovero. Pianificazione attività di contenimento, ai sensi della scheda 4 del Patto della Salute 2019- 2021”. In particolare, con la citata deliberazione di Giunta regionale, è stato stabilito l’avvio, da parte della Regione Puglia, di un processo di graduale riduzione della mobilità passiva –attività di ricovero – attraverso l’erogazione di prestazioni da parte delle strutture pubbliche e private accreditate sulla base di quanto espressamente previsto dalla Scheda 4 del Patto della Salute. 
Dall’analisi dei dati della mobilità passiva, in regime di ricovero, è emerso che i DRG “fuga” sono riconducibili alle seguenti discipline: Ortopedia e Traumatologia, Chirurgia Generale, Neurochirurgia, Cardiochirurgia, Chirurgia Vascolare, Urologia, Neuroriabilitazione (codice 75), Recupero e riabilitazione funzionale (codice 56), Oncologia, Chirurgia toracica, Ostetricia e Ginecologia e Otorinolaringoiatria.
Fermo restando che la Regione Puglia intende procedere alla sottoscrizione degli Accordi di confine ed al fine di dare attuazione alla deliberazione di Giunta regionale n. 315/2022,  ai sensi e per gli effetti dell'articolo 1, comma 576, della legge n. 208/2015 e dell'articolo 1, comma 492, della legge n. 178/2020, è stato ritenuto necessario definire accordi anche con le Regioni (Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Veneto e Toscana e Marche) nei confronti delle quali si determina una maggiore mobilità passiva, in alcuni casi anche per prestazioni di medio – bassa complessità, erogabili dalle strutture pubbliche e private accreditate pugliesi.
La proposta di rimodulazione della rete ospedaliera sarà oggetto di apposito monitoraggio, da effettuarsi entro il primo semestre dell’anno 2024, attraverso un’analisi puntuale dell’attività resa dalle singole Unità Operative, comparando la produzione in termini di volumi ed esiti con i relativi costi. Infatti, all’esito dell’attività di monitoraggio, si procederà alla rimodulazione della rete ospedaliera.


Nel corso dei lavori si è svolta anche l’audizione del rappresentante della Feder Diabetici, il quale ha chiesto l'inserimento di un componente della Feder Diabetici Puglia nel tavolo tecnico HTA sul diabete.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci