Il PD critico su Euroapi

Marzo 02, 2024 763

Le recenti dichiarazioni del CEO di Euroapi danno fondatezza alla preoccupazione che la cessione del ramo d'azienda da parte di Sanofi a favore di Euroapi aveva come obiettivo recondito quello di disfarsi della produzione di principi attivi farmaceutici (API).

 Le promesse di Euroapi per il sito di Brindisi facevano ben sperare, ma le stesse, a solo un anno di distanza, sembrano già svanite nel nulla. In questo periodo si è parlato soltanto di contrazione dei diritti dei lavoratori, di riduzione di personale e di licenziamenti. E la realtà è davanti a tutti: uno stabilimento storico, che ha usufruito per anni di fondi regionali ed europei ed è sempre stato fiorente, si trova deprezzato a causa di scelte fortemente penalizzanti, anche dal punto di vista del fattore umano a cui è stata affidata la guida dell'impianto.
Oggi occorre reagire, ma su una cosa non si può derogare: Sanofi non può esimersi dalle proprie responsabilità e non solo perchè possiede ancora il 30% delle azioni di Euroapi. La multinazionale francese ha un debito morale nei confronti del territorio ed ha il dovere di intervenire per tutelare i lavoratori e il futuro del sito di Brindisi.
Nessuno può permettere che un pezzo importante della nostra storia industriale venga distrutto senza colpo ferire.
Per questo il Partito Democratico della provincia di Brindisi chiede un tavolo di confronto con Sanofi ed Euroapi per discutere del futuro del sito di Brindisi, il ritiro dei piani di riduzione del personale e dei diritti dei lavoratori, un piano di investimenti per rilanciare lo stabilimento e renderlo competitivo.                              
Non va sottaciuto, inoltre, che la situazione è davvero critica in tutto il settore chimico: la chiusura del P9T di Basell mette a serio rischio il futuro dello stabilimento brindisino ed avrà ripercussioni negative anche su Versalis, che per anni è stata uno dei principali fornitori di Basell.
Siamo già sotto quel famigerato "effetto domino" che è destinato a creare povertà, incertezze e disagio sociale in tutta la provincia. Anche per questo ci auguriamo che Versalis ritorni ad investire nella chimica verde e nell'economia circolare e che lo faccia su quei terreni presenti nel complesso industriale già oggetto di caratterizzazione.                          
Non possiamo permettere che un settore strategico come quello chimico venga smantellato pezzo per pezzo ed è necessario che tutte le istituzioni - a partire dal Governo - assieme alle parti sociali, non lascino nulla di intentato per evitare il collasso industriale del nostro territorio.                           Nella piena consapevolezza che questi argomenti richiedono un intervento di carattere nazionale, il PD della provincia di Brindisi sostiene la proposta della convocazione immediata di un tavolo di confronto sulla Chimica, investendolo delle medesime prerogative e rilevanza conferite in occasione della sua prima istituzione, quasi 20 anni fa. Ritiene, inoltre, che un nuovo e potenziato  Osservatorio Provinciale sulla Chimica possa rappresentare lo strumento idoneo a supportare e spronare lOsservatorio Nazionale con l'obiettivo di comprendere le reali intenzioni del Governo sul settore e sulla crisi industriale in atto nella nostra realtà.
La Segreteria Provinciale del Partito Democratico di Brindisi