Mesagne. Impiegato in vacanza e l'Anagrafe va in tilt In evidenza

Luglio 30, 2015 3430

comune uffici esterniVa in tilt la macchina amministrativa del Comune di Mesagne.

In particolare l'ufficio Anagrafe dove un impiegato è andato in ferie e martedì nessuno ha potuto sostituirlo per emettere alcuni certificati richiesti dall'utenza. La situazione è stata sbloccata solo dal segretario comunale che ha invitato gli altri impiegati presenti in ufficio ad adoperarsi nei confronti delle richieste dell'utenza. Una situazione al limite dell'incredibile verificatasi proprio con l'Amministrazione Molfetta che in campagna elettorale ha promesso un restyling della macchina amministrativa dell'ente pubblico per renderla maggiormente funzionante e a misura di cittadino. L'episodio si è verificato nella mattinata di martedì quando alcuni utenti si sono recati presso l'ufficio Anagrafe del Comune di Mesagne per chiedere dei certificati di residenza e domicilio. Lo sportello era aperto ma non c'era nessun dipendente. Hanno atteso un po' e poi hanno iniziato a sbottare. D'altronde il caldo non aiuta certo a stare calmi e le condizioni ambientali erano tutt'altro che confortevoli. Dopo un po' hanno chiesto ad altri impiegati presenti nell'ufficio se l'addetto allo sportello tardava ancora. Per risposta si sono sentiti rispondere che non c'era. In pratica era assente perché in ferie. A quel punto è stato chiesto agli altri impiegati se potevano sostituire il collega nell'emissione delle certificazioni al fine di soddisfare le richieste. Nessuno dei presenti, però, ha aderito alla richiesta adducendo varie giustificazioni che l'utenza ha rigettato. Anzi qualcuno, dei dipendenti, avrebbe consigliato la gente di rivolgersi direttamente al segretario generale. Forse nella speranza che potesse nominare un sostituto. Così, un persona anziana è stata costretta a salire le scale e recarsi dal segretario per fargli presente ciò che stava accadendo al piano di sotto. Non è andata esattamente come avevano sperato gli impiegati poiché il segretario generale, Antonio Missere, è rimasto contrariato dal disservizio creato all'utenza. E' sceso nell'ufficio Anagrafe e ha chiarito ai dipendenti la situazione. "Noi dobbiamo essere a servizio dei cittadini - ha spiegato il segretario - dobbiamo essere all'altezza di risolvere i problemi, non di crearli. Se il cittadino arriva in Comune con un problema non dobbiamo farlo andare via con due problemi". Poi Missere ha aggiunto: "In Comune resta, tuttavia, una situazione critica poiché tra le ferie e i pensionamenti c'è una riduzione di personale. E' importante, a questo punto, che l'Amministrazione faccia una ristrutturazione della macchina amministrativa affinché un impiegato possa rispondere a più richieste. I dipendenti devono essere interscambiabili. Non è possibile creare compartimenti stagno". In ogni modo l'episodio dell'ufficio Anagrafe non è l'unico lamentato dall'utenza poiché in altri uffici vi sarebbero delle situazioni similari che impongono, come ha dichiarato il segretario generale, una ristrutturazione della macchina amministrativa e un salutare turnover tra i dipendenti.  

Ultima modifica il Giovedì, 30 Luglio 2015 11:51