Mesagne. Munizioni e auto trovate dalla polizia

Marzo 13, 2015 1954

commissariato-di-mesagneI poliziotti di Mesagne negli ultimi giorni hanno rinvenuto

quattro auto rubate e una serie di munizioni. Le auto sono state restituite ai legittimi proprietari mentre il proprietario dell’immobile in cui sono state trovate le munizioni, un giovane di 28 anni incensurato, è stato denunciato alla magistratura per detenzione abusiva di munizionamento per armi comuni da sparo e ricettazione. Le indagini sono in corso per cercare di comprendere la provenienza delle munizioni e di alcune centraline di auto rinvenute nella struttura. I fatti. Il primo episodio si è verificato mercoledì scorso intorno alle ore 22,30 quando una volante del commissariato di Mesagne, al comando del vice questore Rosalba Cotardo, ha notato in contrada “Bosco colombo”, in un oliveto, all’interno di una fossa, una Fiat Stilo. Da accertamenti avviati è stato riscontrato che il mezzo era stato rubato a Mesagne il 6 marzo scorso. L’auto è stata riconsegnata al proprietario. I controlli del territorio extraurbano hanno permesso di rinvenire, lo scorso 3 marzo, lungo una stradina sterrata adiacente la statale 605, Mesagne - San Vito, un furgone Fiat Iveco di colore bianco rubato a Ostuni il giorno precedente. Anche il furgone, dopo gli accertamenti, e con la ruota di scorta asportata è stato restituito al proprietario. Altra auto rubata i poliziotti l’hanno rinvenuta all’interno di un rudere lungo la provinciale che collega la città a San Pancrazio. Si tratta di una Fiat Brava rubata lo scorso 22 febbraio a Maglie. Anche quest’auto, priva di centralina, è stata riconsegnata al proprietario. Nei giorni scorsi i poliziotti avevano trovato ai confini degli agri di Mesagne e Latiano una Lancia Delta rubata a Manduria lo scorso 17 febbraio. Durante i controlli di prevenzione crimine effettuati in città i poliziotti, durante un normale monitoraggio, hanno notato, intorno alle ore 2 del mattino, un’abitazione con la porta d’ingresso socchiusa. Si sono insospettiti pensando che all’interno fosse in atto un furto. Perciò sono entrati in casa e hanno trovato nascosto in un mobile vario munizionamento, tra cui cartucce calibro 40 Smith & Wesson, cartucce da revolver, cartucce a pallini tipo da caccia e decine di centraline di autovetture. Gli agenti hanno avviato le indagini scoprendo che l’immobile apparteneva a un giovane di 28 anni che è stato portato in commissariato e interrogato alla presenza del suo legale. Il giovane ha confessato che le munizioni e le centraline erano sue poiché le aveva trovate in campagna. Le munizioni e le centraline sono state sequestrate e sottoposte a ulteriori indagini. Il giovane è stato denunciato per detenzione abusiva di munizionamento per armi comuni da sparo e per ricettazione. Infine i poliziotti hanno denunciato un mesagnese per guida senza patente, mai conseguita, e violazione dolosa dei doveri inerenti alla custodia di cose sottoposte a sequestro disposto dall’autorità amministrativa. L’auto è stata posta in stato di fermo e affidata in custodia giudiziaria alla ditta Cannone di Brindisi.