LE MALATTIE PROFESSIONALI SONO UN FENOMENO SOTTOSTIMATO

Marzo 05, 2024 839

Un problema sottovalutato quello delle malattie professionali. E’ quando denuncia il Patronato Epaca Brindisi di Coldiretti. Infatti grazie all’attenzione degli operatori nel condurre i colloqui con i propri assistiti e coadiuvati dai consulenti medici del patronato (dott. Campana Giovanni, dott. Beppe Mitrotta e dott. Antonio Camilleri) si riscontra che molti lavorati (tra cui in particolar modo autonomi, operai e personale sanitario) pur avendo patologie correlabili al lavoro svolto non hanno mai fatto domanda e denuncia di Malattia Professionale non vedendosi quindi riconosciuti i diritti spettanti dall’assicurazione Inail quali il conseguente indennizzo economico oltre all’erogazione delle necessarie cure mediche riabilitative.

E allora bene ribadire e informare tutti i lavoratori, autonomi e dipendenti, assicurati obbligatoriamente all’Inail che sono tutelati non solo se subiscono un infortunio sul lavoro, ma anche se contraggono una malattia a causa e nell’esercizio del lavoro svolto o dei materiali utilizzati.

 Rientrano ad esempio nell’elenco delle malattie professionali in agricoltura: le malattie causate da esposizioni a sostanze dannose, quelle causate da radiazioni solari, per le lavorazioni svolte prevalentemente all’aperto; la sordità da rumore; l’ernia discale lombare causata da lavorazioni svolte con macchine che espongono a vibrazioni trasmesse al corpo intero; malattie da sovraccarico degli arti superiori, tendiniti e sindrome del tunnel carpale, alcuni tumori, ecc.

Per maggiori informazioni o per fissare un appuntamento con l’operatore più vicino è possibile contattare l’Ufficio Provinciale Epaca al numero 0831430232 oppure visitare il sito internet www.epaca.it.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci