Menu

Cantine Due Palme. Successo per Selvamara e Beddu

2019-11-25 105239È stato un successo meritato la commercializzazione del novello Beddu. In soli 10 giorni sono state vendute 20.000 bottiglie sul territorio nazionale, l’intera produzione 2019. Il successo di Beddu è tutto nel suo gusto, poiché porta luce e benessere, ispira ai buoni sentimenti e allo stare insieme, in famiglia o tra amici.

È un novello ottenuto al 100% con il metodo della macerazione carbonica che garantisce purezza e qualità. Apprezzata anche la veste grafica, che è un richiamo alla giovinezza e alla freschezza, con 3 etichette di colore differente: rosso, fucsia e turchese. Inoltre, in occasione del Natale 2019 Cantine Due Palme ha il piacere di presentare il nuovo nato: Selvamara, un vino Salento IGP Negroamaro di 13,5°. Si tratta di una selezione di uve 100% Negroamaro ottenute da impianti tradizionali detti a settonce. Il sesto d’impianto a settonce, realizzato dai nostri tipici alberelli pugliesi, costituisce la combinazione ideale per la produzione di uve di qualità eccellente. Esso favorisce un’insolazione massima della chioma a 360°.

Le piante si trovano ai vertici di un triangolo equilatero; ciò favorisce la circolazione dell’aria all’interno della pianta, e la stessa aria di terreno a disposizione di ogni singola vite. Si tratta di un sistema ingegnoso ideato dai centurioni romani, che lo riprodussero anche una moneta, a significare l’enorme valore attribuito a questa invenzione. Le uve sono raccolte a mano tardivamente e poste nella sala appassimento per un paio di mesi; successivamente sono macerate in vinificatori orizzontali rotativi. Il vino è poi affinato in legno per 6 mesi e in vetro, prima di essere commercializzato. È un vino dal colore rosso rubino con riflessi cardinalizi. Al naso presenta frutti accattivanti di ciliegie e fichi, e note di vaniglia. Il palato è marcato da sentori di piccoli frutti rossi, succosi e maturi. Caldo e di buona fragranza, con tannini grintosi e piacevoli.

“Selvamara continua la tradizione dei “Selva” che ha caratterizzato e caratterizzerà il top delle nostre tradizioni enologiche”, ha spiegato il Presidente Angelo Maci -. Il metodo di produzione classico attribuisce valore a un vino che si preannuncia di notevole interesse per i palati fini”.

 

Ultima modifica ilLunedì, 25 Novembre 2019 10:55
Torna in alto