OLYMPIA RUTIGLIANO – MENS SANA MESAGNE = 71 – 73

Aprile 03, 2024 396

Olympia Rutigliano: Pavone 31, Palumbo 3, Sorino 19, Annese, Ciavarelli A. Stano, Ciavarelli N., Signorile 2, Maiellaro 9, Palmitessa 7. Allenatore: M. Morè.

Mens Sana Mesagne: Potì 15, Delle Grottaglie, Ciccarese 16, Rollo 10, Campana, Zofra 2, De Vincentis 13, Malvindi 5, Panico 6, Moro 7. Allenatore: Fabio Mellone.

Parziali: 12-10 20-21 23-19 16-23

Arbitri: Laveneziana e Bianco.

Salvezza doveva essere e salvezza è stata per la Mens Sana Mesagne. Con un turno in anticipo, i mensanini espugnano il tensostatico di Rutigliano e si assicurano la partecipazione al prossimo campionato di Divisione regionale 1. Partita non spettacolare quella messa in campo dalle due squadre, carica di tensione per la posta in palio, anche se corretta, ma costellata da tantissimi errori. Ha vinto chi ha sbagliato di meno e nel finale ha avuto più energia per arrivare al traguardo. Coach Morè recupera gli infortunati, ma deve fare a meno di Laudadio e manda in campo Pavone, Palumbo, Sorino, Signorile e Palmitessa. Nel Mesagne finalmente si rivede in panchina Angelo Capodieci e coach Mellone schiera Potì, Ciccarese, Rollo, De Vincentis e Malvindi. Per i primi tre minuti di gioco non c’è l’ombra di un solo canestro, errori in continuazione e facili occasioni sbagliate per entrambe le squadre. Sorino apre le marcature con quattro punti consecutivi, poi la tripla di Pavone fa 7-0 e Mellone deve subito chiamare un time out. Al rientro De Vincentis accorcia le distanze, ma Pavone (31), in assoluto il migliore in campo, continua a imperversare nella zona pitturata. La tripla di Moro, in campo al posto di Rollo, chiude il primo quarto con il Rutigliano in vantaggio 12-10. Nel secondo periodo la partita va avanti in equilibrio. Ancora un canestro di Moro porta in vantaggio gli ospiti (14-16), poi Palmitessa con una tripla e il solito Pavone tentano un allungo  (32-24), ma Ciccarese e la tripla di Potì mandano le squadre al riposo lungo con l’Olympia in vantaggio di un solo punto 32-31. Al rientro in campo un parziale di 2-7 (34-38) porta ancora i viaggianti in vantaggio. De Vincentis, Rollo e un’altra tripla di capitan Potì provano un allungo del Mesagne (36-43), ma una pronta reazione del Rutigliano con un parziale di 8-0 e con Pavone in gran spolvero, riportano i padroni di casa in vantaggio (44-43). Adesso i vantaggi si alternano tra le due squadre, ma sul finire del tempino i canestri di Sorino e Pavone riportano il Rutigliano in vantaggio 55-50. Nell’ultimo quarto i padroni di casa sembrano aver trovato la via giusta, Signorile e Pavone trascinano l’Olympia a +9 (59-50), ma la difesa a zona messa in campo da Mellone regala i primi frutti. Gli attacchi dei padroni di casa diventano insufficienti e la Mens Sana, nell’altra metà campo,  realizza con maggiore facilità. Tre triple di Ciccarese, Potì e Malvindi recuperano lo scarto e rimettono il naso in avanti dei mensanini. Negli ultimi tre minuti i piccoli vantaggi si alternano tra le due formazioni, Sorino fa il 68-65, ma Pavone, quaranta minuti in campo come Potì, ha terminato la benzina e non riesce più a trovare la via del canestro nei minuti finali. Ciccarese e Potì dalla lunetta chiudono la contesa regalando la meritata salvezza alla Mens Sana Mesagne. “E’ stato un risultato importante – dice coach Mellone, siamo contenti di avere raggiunto questo finale in più su un campo difficile. E’ stata una stagione molto travagliata, costellata dalla partenza di Angelo Capodieci, poi durante il campionato abbiamo perso Colucci, Rizzo e Piliego, ma nonostante questo siamo risusciti a raggiungere l’obiettivo fissato ad inizio stagione. Un ringraziamento particolare va a capitan Potì, rimessosi in gioco dopo qualche anno di pausa, poi a Ciccarese e Rollo, a coach Capodieci che nonostante la sua assenza mi è stato sempre vicino con buoni consigli, ma sono stati eccezionali i nostri ragazzi che hanno dimostrato come stare tranquillamente in campo in un campionato senior. L’età media della squadra che ha concluso la stagione è poco più di venti anni e questo ci fa ancora più piacere. Adesso ci buttiamo a capofitto nei campionati giovanili e nei tornei estivi. L’Under 19 si è già assicurata le finali regionali dopo la vittoria dello scorso campionato, mentre tutte le atre leve sono pronte a giocarsi le fasi “Gold”.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci