Menu

Mesagne: Ferraro (M5S) bloccate la gara della biblioteca

bibliotecaI candidati sindaco di Mesagne hanno iniziato a valutare

i vari problemi presenti in città e a proporre delle soluzioni. Tra i tanti svetta la problematica legata a un finanziamento della biblioteca comunale che la vedrebbe convertita in una sorta di teatro che, di fatto, relegheranno in ambiti secondari i libri e la Cultura. A contestare tale progettualità è Carlo Ferraro, candidato sindaco del M5S che ha chiesto al commissario prefettizio, Erminia Cicoria, di bloccare il bando per l’assegnazione dei lavori di ristrutturazione fino all’arrivo della nuova Amministrazione comunale. “Come sempre – ha esordito Ferraro - la cittadinanza è messa davanti al fatto compiuto, quando non si puo piu fare a meno di annunciare l’appalto di gara. Stiamo parlando della trasformazione della biblioteca comunale in ludoteca. Il progetto, infatti, prevede lo smantellamento ed il ricollocamento di tutto il presioso materiale librario in essa contenuto; parliamo di antichi naniscritti, ingenti lasciti di librari da parte di mesagnesi illustri, per far posto ad un luogo di “aggregazione””. In questi giorni il Movimento 5 Stelle sta recependo le ansie di molti cittadini e studiosi per la sorte della biblioteca. “Voglio chiedere se è stata mai condotta un’attenta analisi costi-benefici su questo intervento”, ha aggiunto il candidato sindaco -. Come sempre i politici, pur di dimostrare di aver realizzato qualcosa durante il loro mandato, accettano qualsiasi proposta di intervento finanche questa che a noi appare avulsa da qualsiasi esigenza reale dei mesagnesi, fatta solo perchè adesso l’Europa finanzia la diffusione delle ludoteche, a discapito di un patrimonio culturale che ci identifica nel mondo”. Infine, Ferraro ha chiesto che “le procedure del bando di gara per l’assegnazione dei lavori siano sospese, in attesa delle vicine elezioni, affinché la nuova giunta comunale possa esaminare con serenita’ le conseguenze della trasformazione della biblioteca comunale, identitaria di tutto il popolo mesagnese, in una banale e globalizzante ludoteca”.  

Ultima modifica ilSabato, 13 Aprile 2019 12:34
Torna in alto