G7 a Mesagne. "L’obiettivo è far crescere l'offerta professionale delle competenze del territorio"

Gennaio 19, 2024 880

È ufficiale. La città di Mesagne nelle prossime settimane sarà presente alla borsa del turismo di Milano e Berlino con una proposta di offerta turistica che ha come punta di diamante la mostra artistica, ancora in fase di allestimento, dal titolo: “G7, sette secoli di arte italiana”. I due appuntamenti sono, di fatto, due marketplaces in cui amministratori e dirigenti del comune di Mesagne avranno la possibilità di presentare oltre alla mostra artistica anche gli altri gioielli del territorio come, ad esempio, le pertinenze archeologiche che hanno nella strada glareata rinvenuta nei pressi del parco archeologico di Muro Tenente, di cui molti pensano possa essere la Regina Viarum, la massima espressione. E poi, è bene ricordarlo, il 2024 sarà caratterizzato dalle iniziatiche che si svolgeranno nell’ambito della Capitale italiana della Cultura, di cui Mesagne è tra le dieci finaliste.  Intanto, si guarda alla Bit che si svolerà a Milano dal 4 al 6 febbraio. Il tutto quando è presente nel mondo un clima di chiara incertezza dovuto principalmente agli eventi geopolitici. Nonostante ciò il desiderio di viaggiare è tanto. Specialmente da quando l’Italia è il secondo Paese, dopo la Spagna, che i turisti scelgono per trascorrere le proprie vacanze. Da qui la necessità di ampliare, per il comune di Mesagne, l’occasione di incontro con gli operatori economici del settore. Così, dopo Milano la città di Mesagne sarà presente anche all’Itb di Berlino, che si svolgerà dal 5 al 7 marzo 2024.

E in attesa di presentare il programma a Milano e Berlino vediamo di scoprire qualche altra curiosità sulla mostra, “G7, sette secoli di arte italiana”, che si preannuncia strategica per attrarre a Mesagne una nicchia considerevole di turisti. Oltre alle opere di Giotto, Antonello da Messina, Donatello, Leonardo, Caravaggio, Bernini e Canova vi saranno opere di arte contemporanea che vanno a chiusura del percorso espositivo in cui saranno valorizzati pittori pugliesi come Ferri, De Nittis, Pascali e Pisano. Quest’ultimo è un artista dell’arte medievale conosciuto in tutto il mondo. La mostra è organizzata, come le precedenti, dal comune di Mesagne e dalla rete di imprese “MiceExperience”. “Bisogna porre la massima attenzione alla Puglia per ciò che sotto l’aspetto artistico ha prodotto”, ha esordito Pierangelo Argentieri, presidente di MiceExperience -. L’obiettivo di queste iniziative è di far crescere anche l'offerta professionale delle competenze del territorio oltre che dare ai pugliesi un'occasione di arte e di bellezza nel proprio territorio. Quindi “G7” è un'occasione per far crescere ulteriormente questo progetto e qualificarlo nei contenuti e nelle modalità”. Per raggiungere questo obiettivo il presidente ha confidato che “saranno utilizzate le tecnologie adoperate nella filiera culturale e scolastica. “G7” sarà un evento che segnerà un passo nuovo rispetto a quella che è stata l’offerta che siamo stati in grado di produrre finora, anche se di alta qualità”.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci