Gli auguri di p. Carmelo per la Festa della Madonna del Carmine

Padre Carmelo Vitrugno Luglio 15, 2022 804

Un saluto a te e famiglia ... alle tue  colleghe e ai tuoi colleghi. Grande festa nell'Ordine Carmelitano, grande festa nella mia-nostra Mesagne. E' la festa Patronale: la Beata Vergine Maria del Monte Carmelo. La spiritualità Mariana e Carmelitana sono state e sono un grande sostegno per tutta la Chiesa in cammino sinodale e per la società pesantemente provata dalla siccità, dalla pandemia, dalla guerra. Tante e tanti portiamo il nome di Carmela, Carmelo, Carmen! Come far arrivare i miei auguri a tutte e a tutti? Ho scritto un pezzo utile allo scopo e valido per tutti. Spero che faccia bene a qualcuno. Tutto a lode e gloria di Dio Trinità per intercessione di Maria madre, sorella, patrona. Auguri.

 
TRA PASSATO E FUTURO: OGGI
 
Un’Ave, un Gloria, una Corona, 
strumenti di fede e di vita
della mia bisnonna Betta,
  di nonna ‘Ndulirata, di mamma Nina,
 a volte di papà… solo a volte.
 Un’ Ave per ogni famiglia
 in dolore, gioia o malattia,
 lacrime, sudore e sangue.
 Un’Ave per chi guida la città,
 per chi protegge Mesagne
 e il quieto sonno dei mesagnesi.
 Un Gloria per i piccoli e i poveri,
 malati, migranti, drogati, carcerati.
 Un Gloria per chi è solo, 
per chi vive nel buio disperato,
 per chi bestemmia d’esser nato.
Un Gloria per chi cresce spensierato,
un Gloria per un bimbo appena nato.
Una Corona per chi ha perso la via,
per chi è legato da ludopatia;
 una Corona come àncora
 per chi sta andando a fondo.
 Una Corona per non correre,
 per fermarsi, per fare silenzio,
 perché vita sia dolce primavera.
Santa Maria Vergine del Carmelo,
 adesso e nell'ora di lasciare
 questa meravigliosa terra,
 il tuo sorriso asciughi le mie lacrime,
 consegnami al tuo Gesù  
perché tutto sia nella vera Pace
e niente di più.
 
E' arrivata la festa Patronale per la nostra Meagne ... che fortuna stare in città in questi giorni...che dolore starne lontani per motivi di lavoro, di studio, di malattia. Io le ho provate tutte e so cosa significa. E' questo il motivo per cui vi scrivo gli auguri nel nostro dialetto: per lenire  la nostalgia, per volare con la fantasia, per farvi sentire la comunità civile e religiosa vicino a ciascuno e a tutti.‘NGINUCCHIAMMINDI
Di p. c. v. 2022
Sona la campana alli quattru ienti,
alla ccota ti lu cranu o puru sumenti.
Sentu  cori a cappella, a ‘na sola voci,
‘n’ave Maria o lu Magnificat toci toci.
Si ‘mpaciava lu cori e totta  la famiglia,
sarviettu ‘ncanna, sparacina alla buttiglia.
Sona, pi ci nasci, lu sacrištanu ti la chiesa,
lassa zappa e rueddulu, è furnuta l’attesa;
sona lenta la campana puru  pi ci mori,
 pi tutti li misciagnisi  è ‘na štretta ti cori.
Si sapi, tuttu  cangia, si scordunu l’usanzi,
 turnamu  angretu no’ sciamu   annanzi.
Ci lu cori è vacanti o  ci lu cori è chinu
baštunu ‘nu tablet o  ‘nu telefoninu.
Si vivi o si mori quani o a luntananza,
ognunu pi’ fatti sua, nisciuna crianza.
Misciagni è chiù bedda, cuštu è certu
a ogni štrata lu  Bar e  ‘nu cunciertu.
 
Venunu ti fori terra sulu pi  mangiari
ma l’arti e la  cultura li lassunu štari.
Fiuru ti lu Carmelu , Matonna mia  bedda
sulu ‘na birra, ‘na pagnotta e ‘na nucedda?.
Soltantu custu ? Solamentu  pi  mangiari?
ma all’anama noštra no’ nciamà  pinzari?
‘Na visata allu Santuariu addo štai edda
la Matonna ti lu Carmunu cu la štedda; 
mani giunti, scinucchi  e uecchi ‘nterra:
 bašta šta viulenza  e turnamu alla terra.
Cu soli, acqua e zzappa, cu  nevi e ientu
torna lu paratisu e ogni cori è cuntientu.
Tutti ‘nziemi a cappella, cu  ‘na voci sola:
lu futuru mmanu alla famiglia e alla scola.
AUGURI DI CUORE CON LA BENEDIZIONE DEL SIGNORE
Ultima modifica il Venerdì, 15 Luglio 2022 12:08