Mesagne. Incendiata nella notte una Bmw In evidenza

Agosto 13, 2016 4288

bmw incendiataNotte di fuoco a Mesagne a causa

di un’auto che è andata a fuoco. Tuttavia, grazie al senso civico di alcuni giovani che hanno lanciato l’allarme i danni sono stati ridimensionati. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi, sono intervenuti polizia e carabinieri. L’incendio è di probabile natura dolosa. In ogni modo saranno le indagini a stabilire l’esatta causa. L’episodio si è verificato intorno alle 2,30 in via capitano Patrono, una traversa della ben più nota via Maia Materdona. Lungo la via sono posteggiate una serie di auto tra cui, occasionalmente, una Bmw serie 3. La notte è piuttosto serena quando in strada si sono trovati a transitare alcuni giovani a bordo di un’auto. A un tratto hanno notato che il pneumatico posteriore di una Bmw stava andando a fuoco. Immediatamente si sono fermati a debita distanza e sono scesi. Qualcuno ha citofonato a tutte le abitazioni avvisando che se avevano auto posteggiate in strada facevano bene ad allontanarle poiché c’era un’auto che stava prendendo fuoco. Un altro giovane ha composto i numeri del 115, 113 e 112 e ha lanciato l’allarme. Intanto in strada c’è stato un attimo di confusione con i proprietari delle varie auto che uscivano per spostarle. Qualcuno ha iniziato a gettare secchi di acqua nella speranza di spegnere le fiamme. In pochi minuti sul posto sono giunti polizia e carabinieri che hanno fatto allontanare dal luogo dell’incendio le persone che incuriosite assistevano alla scena. E’ giunta anche un’autobotte dei vigili del fuoco i cui operatori, in pochi minuti, hanno inondato l’auto con lo schiumogeno e hanno spento le fiamme mettendo in sicurezza la zona. Leggermente coinvolta dalle fiamme la facciata di un’abitazione attigua. Fortunatamente la sinergia d’intervento, tra giovani e vigili del fuoco, ha permesso di limitare i danni anche all’auto che è stata incendiata solo nella parte posteriore. Il motore e il resto del mezzo si è salvato. Al termine polizia e carabinieri hanno eseguito un sopralluogo per individuare elementi che potessero dare una lettura all’episodio. Hanno anche ascoltato il proprietario della Bmw, non residente in quella via, che non ha saputo fornire nessuna indicazione circa l’incendio. Certo resta strano il fatto che le fiamme siano partite dallo pneumatico posteriore. Difficile, in questo caso, parlare di corto circuito. Resta, quindi, particolarmente attendibile che si sia trattato di un atto doloso. Le indagini spaziano a tutto campo.