Sangue sulle strade della provincia: 6 morti in 10 giorni

Marzo 05, 2024 757

Non si arresta la scia di sangue sulle strade della provincia di Brindisi. Ieri pomeriggio un tragico incidente si è verificato lungo la provinciale che collega Francavilla con Ostuni. Qui ha perso la vita il 58enne infermiere, Mimmo Caniglia a causa di uno scontro con un pullman. Un giorno prima era deceduto Oronzo Mellone, il 68enne di Trepuzzi rimasto gravemente ferito nel sinistro stradale verificatosi sabato pomeriggio sulla provinciale che collega Mesagne a San Donaci. Nell’impatto contro un albero di olivo aveva riportato diversi traumi letali. La moglie di 62 anni ha riportato anche dei traumi, è stata ricoverata presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi.  I due, residenti a Trepuzzi, erano a bordo di una Ford Fiesta che giunta all’altezza della contrada Casacalva, dove c’è il canile comunale mesagnese, per cause ancora in fase di accertamento era uscita fuori strada ed era andata a sbattere contro un albero di olivo. Uno schianto alquanto forte che aveva fatto accartocciare le lamiere del mezzo. I due coniugi erano rimasti bloccati all’interno. Le lamiere contorte, infatti, gli avevano impedito di uscire. Alcuni automobilisti di passaggio avevano lanciato l’allarme e sul posto erano giunte due ambulanze del 118 di Mesagne e le pattuglie della polizia locale. I soccorritori avevano trovato difficoltà ad estrarre i feriti e pertanto avevano chiesto l’intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi. I vigili una volta giunti sul posto avevano divaricato le lamiere ed estratto i due occupanti. I soccorritori del 118 li avevano trasferiti in codice rosso presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi.

Ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare ed è deceduto poco dopo. Venerdì 23 febbraio a perdere la vita sulle strade della provincia era stato Pompilio Gianmarco Micello, Ilio per gli amici, 19 anni di San Pietro Vernotico. Il giovane stava percorrendo la provinciale che collega San Donaci con Tuturano, quando la Fiat Grande Punto Cross su cui viaggiava con una ragazza era uscita fuori strada ribaltandosi. Il giovane era deceduto sul posto a causa dei gravi traumi riportati nel sinistro. La ragazza si era salvata pur rimanendo gravemente ferita. Ilio Micello il 17 dicembre 2022 era rimasto ferito in un incidente stradale verificatosi sulla provinciale che collega San Pietro a Tuturano. In quell’occasione morirono due suoi amici.

Un altro sinistro si era verificato lo scorso 23 febbraio sulla provinciale che collega Francavilla Fontana a Sava dove una Ford Ka con a bordo una mamma con il bambino era uscita fuori strada ribaltandosi. Fortunatamente entrambi era usciti vivi dal terribile sinistro anche se la madre aveva riportato vari traumi. Altro tragico sinistro si è verificato esattamente una settimana fa, domenica 25 febbraio, quando due ragazzi, Matteo Buccoliero, 20 anni di Sava e Matilde Chionna, 17 anni di Latiano, avevano perso la vita lungo la provinciale che collega Mesagne a Torre Santa Susanna. L’incidente si era verificato intorno alle ore 20,30 quando la Fiat Grande Punto con a bordo i due ragazzi, per cause ancora in fase di indagine, si era scontrata con una Bmw 320 che da Mesagne viaggiava in direzione Torre.

Uno scontro violento che era stato fatale per i due ragazzi. Il 32enne alla guida del Bmw era rimasto ferito ed era stato trasportato presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi. Anche su questo sinistro indaga la polizia locale di Mesagne. Il giorno dopo, lunedì 26 febbraio, perde la vita Francesco Laneve, 77 anni ed ex dipendente comunale, che viaggiava a bordo della sua Ford Fiesta sulla provinciale che collega Francavilla Fontana a Villa Castelli. La Ford con a bordo Laneve era andata a sbattere contro un muretto a secco e si era ribaltata. L’uomo, nonostante il pronto intervento del 118, non ce l’aveva fatta ed era deceduto sul posto.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci