Incidente Stabilimento Petrolchimico Versalis di Brindisi. Non si sono superati i limiti In evidenza

Novembre 17, 2023 742
 Incidente Stabilimento Petrolchimico di Versalis di Brindisi di lunedì scorso, 13 novembre: non si sono registrati superamenti dei limiti previsti per tutti gli inquinanti misurati dalla Rete regionale di rilevamento della qualità dellaria di Arpa per la giornata del 13 novembre scorso; Arpa subito intervenuta, sta predisponendo uno specifico report sullevento
Da una valutazione preliminare, ad oggi, non sono state rilevate significative criticità in relazione ai livelli degli inquinanti monitorati nelle centraline della Rete regionale di rilevamento della qualità dellaria (Rrqa) e delle reti private gestite da Arpa esterne allarea industriale, anche, verosimilmente, in considerazione della breve durata dellincendio (10 minuti) e della direzione dei venti prevalenti nelle ore dellevento. È quanto riferisce Arpa Puglia, in merito alla valutazione dei dati di monitoraggio di Arpa Puglia a proposito dellincidente presso lo Stabilimento Petrolchimico della Società Versalis Spa, che si trova nella zona industriale di Brindisi, avvenuto lunedì scorso, 13 novembre 2023. 
Limpianto chimico Versalis Spa di Brindisi è autorizzato allesercizio dellattività ai sensi dellAutorizzazione Integrata Ambientale (Aia). E un impianto a rischio di incidente rilevante di “Soglia Superiore, per il quale necessitano, quindi, particolari attenzioni (D.lgs n. 105/2015  Direttiva Seveso).
Nello specifico, la deflagrazione e lincendio hanno interessato lunità di purificazione etilene del reparto “Gas Phase  PE1/2”, in particolare la colonna “V 2109” e, successivamente, ulteriori parti dellimpianto.
Arpa Puglia è subito intervenuta appena ne ha avuto notizia, unitamente ai Vigili del Fuoco di Brindisi, ed ha raccolto informazioni dal gestore, che ha riferito che la combustione è durata meno di 10 minuti e che non si erano verificati danni alle persone. Sarebbero intervenuti sistemi automatici di spegnimento. Si è altresì attivata subito la prima torcia di emergenza (RV401), poco dopo anche la seconda torcia (RV101C). 
Tecnici di Arpa Puglia del Dipartimento di Brindisi e del Centro Regionale Aria sono intervenuti presso limpianto sia nella giornata dellevento che il giorno successivo, effettuando attività di sopralluogo e verifica. Arpa ha richiesto al gestore ulteriori documentazioni e relazioni tecniche dettagliate.
E stata effettuata la verifica dei dati di concentrazione degli inquinanti ai camini, attraverso il Sistema di monitoraggio in continuo alle Emissioni (Sme) ed il controllo dei dati di qualità dellaria, finalizzato a verificare eventuali effetti sulle concentrazioni di inquinanti, tra quelli rilevati dalle centraline delle reti di controllo di qualità dellaria (QA), derivanti dallevento. Nel comune di Brindisi sono attive e funzionanti 7 centraline di monitoraggio della qualità dellaria che rilevano diversi parametri inquinanti, tra cui ossidi di azoto e di zolfo, monossido di carbonio, benzene, Idrocarburi Policiclici Aromatici (Ipa) totali, e le polveri sottili PM10 e PM2.5. 
In aggiunta alle stazioni della rete di monitoraggio pubblica della qualità dellaria è attivo il mezzo mobile di Arpa Puglia ubicato nellarea denominata Micorosa. Per la sua vicinanza allarea industriale, posta a nord-ovest rispetto al sito di monitoraggio, si ritiene che la principale fonte di inquinamento rilevata dal mezzo sia quella legata alle attività delle industrie che lì sono presenti e alle relative attività di trasporto. Il mezzo è attivo, posto a sud-sud est rispetto allimpianto oggetto dellevento e a poche centinaia di metri, al confine con larea di Micorosa (e effettua acquisizione dati in continuo; le relazioni sono rese disponibili al seguente link undefined).
Non si sono osservati incrementi orari delle concentrazioni di benzene nelle ore successive allevento nei siti esterni; ciò vale anche per il PM10, in tutti i siti attivi, con medie giornaliere che non hanno superato le concentrazioni di 20 µg/m3, a fronte di un limite sulla media giornaliera di 50 µg/m3. Le medie di PM2.5, anche nei siti sottovento allevento, non hanno mostrato valori superiori a 6 µg/m3, laddove il limite medio annuo è di 25 µg/m3.
Non si sono registrati superamenti dei limiti previsti (dal D.Lgs. 155/2010) per tutti gli inquinanti misurati dalla Rete regionale di rilevamento della qualità dellaria per la giornata del 13 novembre scorso. Non appena possibile, verrà redatto uno specifico report sullevento. Come è noto, comunque, il rispetto dei limiti di qualità dellaria previsti dalla normativa italiana (secondo il D.Lgs. 155/2010) non fornisce alcuna garanzia di assenza di effetti sulla salute, di competenza delle Asl (recepimento di analoga normativa europea, sia per quanto riguarda il limite giornaliero delle polveri sottili, PM10 - pari a 50 µg/m3, che può essere superato per non più di 35 volte nel corso di un anno solare- che per gli altri inquinanti normati, come benzene, CO, NOx, CO, SO2).
Alla Società Versalis Spa è stato richiesto di inviare entro 5 giorni tutta la documentazione relativa allevento, ed in particolare una relazione dettagliata sulle cause dellevento stesso. 
Infine, si fa presente che il protocollo operativo per la gestione e implementazione delle sei centraline di misura della qualità dellaria di Versalis ad oggi non è stato ancora sottoscritto, in quanto lultimazione dei lavori per tale rete è prevista per il 31 dicembre 2023. Arpa Puglia, infatti, ha fortemente e formalmente preteso ed ottenuto limplementazione della rete di Versalis, e sta seguendo con attenzione le attività, come avvenuto nel corso dellultima ispezione di settembre 2023.
È importante ricordare che l'organo di controllo in materia di impianti di rilevanza nazionale soggetti ad autorizzazione integrata ambientale (Aia), quale lo Stabilimento petrolchimico Versalis, è Ispra (Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale). Arpa, che fa parte con Ispra del Sistema nazionale per la protezione ambientale (istituito con Legge del 28 giugno 2016, n. 132), partecipa alle attività di controllo effettuate da Ispra, costantemente informato delle attività svolte e di quelle in esecuzione.
 

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Ultima modifica il Venerdì, 17 Novembre 2023 06:56