Menu

Serrati controlli della Polizia di Stato brindisina

Foto Soiman Ion AlexeiIl crescente numero di furti di veicoli è certamente uno di quei fenomeni criminali verso cui sono stati indirizzati gli sforzi preventivo-repressivi del Questore di Brindisi Dr. Maurizio Masciopinto in attuazione della più generali direttive del Dipartimento della Pubblica Sicurezza e dello stesso Capo della Polizia.

Proprio per arginare il fenomeno in argomento, la Squadra Mobile brindisina è stata così interessata all’avvio di ogni iniziativa investigativa finalizzata a ritrovare i veicoli asportati per restituirli ai legittimi proprietari e ad individuare i responsabili della ricettazione e/o del riciclaggio di detti mezzi. In quest’ultimo periodo non pochi sono stati gli autoveicoli o i motocicli ritrovati e restituiti alle vittime di furti e numerosi, poi, i denunciati all’Autorità Giudiziaria per le ipotesi di reato di ricettazione o riciclaggio.

Ieri, 9 maggio 2017, gli operatori della Sezione Antirapina della Squadra Mobile sono riusciti a individuare, ancora una volta, un nuovo nascondiglio (gubbia) ove era occultata una Vespa Piaggio 50 cc priva di targa. Attraverso immediati accertamenti sul telaio, il personale della Squadra Mobile è riuscito a stabilire che la Vespa era stata rubata l’1 maggio scorso. Gli investigatori hanno ritrovato il mezzo rubato in un garage di uno stabile nel quartiere Sant’Elia e, in ragione delle evidenze investigative raccolte, anche a garanzia del usuario del garage, lo hanno informato della facoltà di nominare un difensore di fiducia in quanto sarebbe stato deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria per l’ipotesi di reato della ricettazione della Vespa cui si è accennato. Le attività di ricerca, proseguite in un vano di pertinenza condominiale del medesimo immobile, hanno poi permesso agli agenti dell’Antirapina di rinvenire un altro veicolo, un motociclo del tipo Piaggio Liberty che si presentava parzialmente smontato in alcune delle sue componenti. Da un primo e sommario controllo operato sul Liberty, gli investigatori hanno avuto modo di rilevare che il medesimo si presentava con il numero di telaio verosimilmente alterato e per tale motivo il mezzo veniva sequestrato per accertarne l’effettiva provenienza.

In serata, poi, gli operatori della Sezione Reati contro la Persona della Squadra Mobile brindisina hanno rintracciato e tratto in arresto un trentaduenne rumeno destinatario di un provvedimento restrittivo della libertà personale emesso dall’Autorità Giudiziaria della Romania. Si tratta di SOIMAN Ion Alexei, da qualche tempo domiciliato in varie località della provincia brindisina e recentemente sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per alcune ipotesi di reato contestategli in Italia.

Il SOIMAN, nel novembre del 2014, in Romania, si era reso responsabile, in concorso con altre due persone, di furto aggravato commesso all’interno di un’abitazione privata. Condannato alla pena di un anno di reclusione, sul SOIMAN pendeva un MAE (Mandato di Arresto Europeo) emesso dalla Romania. Una volta rintracciato ed arrestato, dopo la redazione dei necessari atti e i rituali avvisi alla competente Autorità Giudiziaria, è stato tradotto presso la locale Casa Circondariale per ivi essere ristretto in attesa dell’eventuale consegna alle Autorità straniere per l’espiazione della pena comminatagli.

Ultima modifica ilMercoledì, 10 Maggio 2017 13:45
Torna in alto