“I grandi della Terra” a Brindisi e dintorni. Riflessi sul mercato turistico-ricettivo

Aprile 19, 2024 720

Si accendono i riflettori sul nostro territorio regionale e, in particolare, su quello brindisino perché hanno preso avvio i preparativi per l’organizzazione del prossimo G7, che si terrà a metà giugno in Puglia, con la presenza dei Capi di Stato e di Governo dei Paesi più industrializzati. La scelta è ricaduta sulla parte centrale tra i due aeroporti di Brindisi e Bari, e inevitabilmente saremo tutti noi protagonisti, portando i “Grandi della Terra” nel sud d’Italia. L'attesa che pervade la nostra regione è palpabile. È un'occasione senza precedenti nella storia della Puglia, un momento di grande importanza politica, economica e culturale. La scelta della nostra regione come sede del G7 è una testimonianza della nostra posizione strategica, al crocevia tra Occidente e Oriente, un ponte naturale che collega culture, tradizioni e idee.Si accendono i riflettori sul nostro territorio regionale e, in particolare, su quello brindisino perché hanno preso avvio i preparativi per l’organizzazione del prossimo G7, che si terrà a metà giugno in Puglia, con la presenza dei Capi di Stato e di Governo dei Paesi più industrializzati.

La scelta è ricaduta sulla parte centrale tra i due aeroporti di Brindisi e Bari, e inevitabilmente saremo tutti noi protagonisti, portando i “Grandi della Terra” nel sud d’Italia. L'attesa che pervade la nostra regione è palpabile. È un'occasione senza precedenti nella storia della Puglia, un momento di grande importanza politica, economica e culturale. La scelta della nostra regione come sede del G7 è una testimonianza della nostra posizione strategica, al crocevia tra Occidente e Oriente, un ponte naturale che collega culture, tradizioni e idee.Questo evento non solo ci mette sotto i riflettori globali, ma ci offre anche l'opportunità di consolidare il nostro ruolo nel circuito internazionale del turismo. La ricaduta economica di questa manifestazione sarà significativa e duratura, contribuendo a promuovere lo sviluppo sostenibile e la crescita della nostra regione. La Valle d'Itria, con la sua bellezza mozzafiato e il suo ricco patrimonio culturale, è pronta ad accogliere i nostri ospiti con calore e ospitalità. È essenziale che l'evento si svolga in un ambiente sicuro e ben organizzato, in grado di accogliere e gestire migliaia di persone provenienti da tutto il mondo. Brindisi, poi, sarà la cornice del primo incontro conviviale tra i “Grandi dell’Universo”.

Siamo pronti a mostrare al mondo la nostra capacità di ospitare eventi di portata immensa e di svolgere un ruolo attivo nella costruzione di un futuro migliore per tutti.“Il prossimo G7 in Puglia – dichiara Enzo Di Roma, presidente di Asshotel Confesercenti della provincia di Brindisi - rappresenta quindi per davvero un'opportunità straordinaria per la nostra regione di affermare il suo ruolo nel contesto internazionale e di contribuire al dibattito globale su questioni cruciali per il nostro futuro. Sono fiducioso che saremo in grado di offrire un'accoglienza indimenticabile ai nostri illustri ospiti e di lasciare un'impronta positiva che perdurerà nel tempo. Il G7 potrebbe rappresentare un'opportunità per promuovere un'ampia ripresa nel settore turistico. Durante il summit, i leader potrebbero impegnarsi a collaborare per facilitare il ritorno sicuro e responsabile dei viaggi internazionali, attraverso la standardizzazione dei protocolli sanitari e la facilitazione dei flussi turistici. Inoltre, il G7 potrebbe essere il palcoscenico ideale per annunciare investimenti e iniziative volte a sostenere la ripresa del turismo, compresi finanziamenti per il potenziamento delle infrastrutture turistiche, promozione di destinazioni meno conosciute, e supporto per le piccole imprese turistiche. La cooperazione internazionale promossa dal G7 potrebbe anche favorire la creazione di un ambiente più favorevole per il turismo sostenibile e responsabile, incoraggiando la conservazione ambientale e culturale delle destinazioni turistiche. Inoltre, l’evento potrebbe fungere da catalizzatore per la promozione di viaggi più inclusivi e accessibili, lavorando per abbattere le barriere economiche, sociali e fisiche che potrebbero limitare l'accesso al turismo per alcuni gruppi di persone. Pertanto, ragionando con un punto di vista ottimistico, il G7 potrebbe rappresentare un momento di collaborazione e azione congiunta per promuovere una ripresa sostenibile e inclusiva nel settore turistico, contribuendo a ripristinare la fiducia dei viaggiatori e a generare benefici economici e sociali a livello globale”.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci