L'offerta sanitaria si amplia ad Ostuni con l'apertura di nuovi reparti e ambulatori

Aprile 19, 2024 342

L'offerta sanitaria ad Ostuni è stata notevolmente potenziata con la riapertura dei reparti di Ortopedia e di Chirurgia presso l'ospedale locale. Inoltre, sono stati attivati gli ambulatori di Allergologia, Endocrinologia, Ortopedia, Urologia, che si aggiungono a quelli già esistenti di Cardiologia, Chirurgia Generale, Dermatologia, Diabetologia, Fisiatria (Domiciliari), Gastroenterologia, Geriatria (Domiciliari), Medicina dello Sport, Neurologia, Oculistica, Odontoiatria, Otorinolaringoiatria, Servizio Pneumotisiologico Territoriale (Afferente alla Pneumogia Territoriale di Brindisi).

Questo significativo ampliamento dell'offerta sanitaria, sia ospedaliera che territoriale, rappresenta un importante passo avanti per la comunità di Ostuni. Tuttavia, per completare la struttura e garantire un servizio ottimale, sono necessari ulteriori interventi.

Grazie ai finanziamenti ottenuti grazie al lavoro del management della ASL/BR e all'impegno del consigliere regionale di CON, Avv. Alessandro Leoci, e del Consigliere per la sanità del Presidente Emiliano, Dr. Tommaso Gioia, è stato possibile avviare la realizzazione del piano terra e del primo piano della piastra ospedaliera.

Al fine di garantire locali adeguati per i nuovi ambulatori distrettuali, i consiglieri Leoci e Gioia hanno già formulato delle proposte da sottoporre al management della ASL/BR e agli organi regionali competenti.

Desideriamo ringraziare il direttore del distretto, Dott. Giuseppe Pace, il direttore generale dell'ASL, Dr. Maurizio De Nuccio, il direttore sanitario, Dott. Vincenzo Gigantelli, e la direttrice amministrativa, Dr.ssa Loredana Carulli, per il loro prezioso contributo e impegno nella realizzazione di questo importante progetto.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci