Menu

Mesagne. Pronto a presentarsi il secondo candidato sindaco. Le disquisizioni della De Guido In evidenza

saracino-rosanna-avvOggi pomeriggio alle ore 16,30 la coalizione politica composta dal Partito democratico,

LeU, La M e Liberi tutti presenterà alla città di Mesagne la loro candidata sindaca: Rosanna Saracino, già assessore con la giunta Scoditti e consigliere comunale con l’Amministrazione Molfetta. Dunque, l’avvocatessa Saracino ha maturato una lunga militanza nel partito di appartenenza, già assessore all’Urbanistica e all’Ecologia, era subentrata nella giunta Scoditti ai dimissionari Cosimo Faggiano prima e Vincenzo Montanaro poi, consigliere di opposizione nell’assise comunale da poco passata agli annali della cronaca politica cittadina. “Fino alla fine, coerente al suo mandato, la Saracino non ha risparmiato critiche inappellabili all’esperienza di governo a guida del sindaco Molfetta che dalla stessa, con definizione chirurgica, è stata etichettata come “una delle più tristi ed improduttive esperienze amministrative””, ha esordito un’altra donna e, in passato, collega di coalizione della Saracino, Maria De Guido, già assessore alla Cultura, Turismo, Beni monumentali, con la giunta Scoditti la quale ha tenuto a precisare che “è difficile cogliere elementi di novità nell’unica notizia di rilievo, quella di un partito che ha scelto il proprio rappresentante per la prossima competizione elettorale”. Quindi per Maria De Guido “nessuna rivoluzione politica, a volerla vedere, si è delineata in questi quaranta giorni, tanti ne sono trascorsi da quando Pompeo Molfetta è stato dimissionato, perché nessuna novità politica è entrata di diritto nella compagine a sostegno del candidato sindaco del Pd. La sempre critica La M, guidata dall’ex assessore ai Servizi sociali, Manuel Marchionna, ha preteso la carica di vicesindaco, in caso di vittoria della Saracino, ovvio, per il già segretario del Pd, Alessandro Denitto”. La De Guido ha continuato paventando uno scenario politico piuttosto contorto e ombroso: “Lo stesso Leu è un frammento del Pd locale a sostegno della candidata del Pd – ha detto -. Tali accordi sembrano essere maturati talmente in fretta da lasciar trapelare qualche dubbio sulla tempistica: che l’intesa col Pd fosse già sulla scrivania del primo cittadino mentre se ne decretava la sfiducia? Proprio una parte del Pd, La M e Leu hanno gridato allo scandalo per la mancata discussione in Consiglio comunale della fine anticipata del mandato del sindaco”. Come dire giochi già fatti prima della sfiducia. Pertanto la De Guido ha chiarito: “Forse l’unica novità, se così si può definire, è proprio l’alleanza del Pd col sindaco uscente Pompeo Molfetta, lo stesso partito col quale nel 2015 Molfetta chiuse ogni dialogo: allora come oggi il Pd ha preteso che il candidato sindaco dovesse essere, manco a dirlo, del Pd. Il Partito nazionale e locale non vive il suo momento migliore, e i tanti fuoriusciti che mai più fecero ritorno saprebbero dire meglio il perché, ma anche stavolta si sceglie di correre con un proprio candidato per conquistare la carica politica cittadina più ambita. Sarà solo l’elettorato a dare torto o ragione, in questo stato di cose che si scompone e si ricompone come in un puzzle a tasselli virtuali”.  

Ultima modifica ilSabato, 09 Marzo 2019 09:37
Torna in alto