Si complica il cammino verso la salvezza del Mesagne Calcio

Bruno Morobianco Novembre 17, 2015 1940

MESAGNE-CALCIO-2015Terza sconfitta consecutiva per il Mesagne Calcio

che vede peggiorare la sua classifica in piena zona play-out e che impone delle riflessioni dopo la sconfitta col Team Altamura. Dalle gioie della vittoria in trasferta contro l'Hellas Taranto siamo passati ai zero tiri in porta di domenica. Nonostante il carattere e l'astuzia di chi non si da mai per vinto la sconfitta è arrivata lo stesso perché gli avversari di turno hanno dimostrato di essere più forti sia tecnicamente che mentalmente. Nonostante la furbata di Gianluca Greco, lesto a sfruttare un'indecisione del portiere avversario, un gol degno del miglior repertorio dei gollonzi di Mai dire Gol, e l'immediato pareggio dell'altro acquisto estivo Hamadi Boulan, mister Ribezzi è privo di un vero regista alla Pirlo, tanto per intenderci e se la squadra non riesce a reggere gli attacchi avversari è difficile impostare, in svantaggio, un gioco fluido e razionale e la manovra ne soffre tanto e non riesce mai a decollare. Se poi hai ancora fuori i fratelli Carlo e Bruno Denisi la situazione si complica ulteriormente. Al netto dei due gol di domenica che sanno tanto di episodi isolati, di cui il primo gol è stato un caso più unico che raro, il portiere avversario non si è visto all'opera per tiri degni di nota. A soffrirne in particolare è la punta Jordi Pascual che non viene rifornito a sufficienza e pertanto ogni pallone diventa quello decisivo. Bene il portiere Muscato, affidabile al punto giusto. La salvezza non è un'impresa impossibile dato il livello non eccezionale del torneo ma sicuramente senza un paio di rinforzi nel mercato invernale sarà un pochino più faticoso.  

Ultima modifica il Martedì, 17 Novembre 2015 08:56