La città di Mesagne si candidata ai "Giochi del Mediterraneo 2026"

Novembre 21, 2020 683

La città di Mesagne a breve potrebbe dotarsi di una zona sportiva polifunzionale con la costruzione di una impiantistica di alto livello che rigenererebbe la zona in cui sarà collocata. Costo dell’operazione 1 milione e 200 mila euro. Il progetto è una joint venture tra pubblico e privato che porterà la città di Mesagne ad ambire ad essere una delle sedi dei “Giochi del Mediterraneo 2026”, che avrà Taranto come sede principale. Il filone di finanziamento è quello emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri dal titolo “Sport e Periferie 2020”, teso a finanziare iniziative volte alla realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi finalizzati all’attività agonistica, localizzati nelle aree svantaggiate del paese e nelle periferie urbane. Il progetto, redatto dall’architetto Carlo Ferraro e dall’ingegner Dino Distinto, completato in tutte le sue parti, attualmente è al vaglio dei tecnici nazionali per la richiesta di finanziamento. L’impianto prevede la realizzazione di una pista di atletica da 400 metri a 6 corsie. Un’opera unica nel brindisino che vede l’imprimatur anche dell’ex maratoneta Giacomo Leone, attualmente consigliere della Federazione Italiana di Atletica Leggera.

Nell’impianto verrà realizzata una corsia interna per i 3.000 siepi con fossa, pedane simmetriche per il salto in lungo e triplo, pedana per il salto con l'asta e il salto in alto; pedana per il lancio del giavellotto, pedana per il getto del peso, pedana per il lancio del disco e del martello comprensiva di gabbia oltre che di un campo per il basket e la pallavolo. La struttura sarà dotata di spogliatoi, servizi igienici e locale di supporto all'attività, tutti dell'estensione raccomandata dalla Fidal. Le pedane avranno le dimensioni necessarie per ospitare competizioni a livello regionale o nazionale. Mesagne, con questo progetto, si proietta verso il futuro. Nel 2026, infatti, si svolgeranno a Taranto i “Giochi del Mediterraneo” e questo impianto potrebbe diventare un valido punto di riferimento per le gare internazionali. Se così sarà allora in città si creerebbe un movimento turistico notevole anche perché l’area individuata dall’Amministrazione Matarrelli è facilmente raggiungibile dalla superstrada Brindisi-Taranto. Infine, la struttura sportiva avrà un ampio polmone verde pubblico e sarà costruita rispettando modelli ecosostenibili. L’investimento complessivo del progetto è di 1 milione e 200 mila euro con quote di cofinanziamento da parte dell’associazione sportiva proponente e del Comune di Mesagne.

-------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Ultima modifica il Domenica, 22 Novembre 2020 15:00