Menu

Basket. Perseu si fa male, poi la Futura spreca la rimonta

futura basket br 16nov13Olympia e Futura dimostrano di equivalersi e meritare di lottare alla pari per la Poule Promozione. Le squadre viste al PalaCatania si sfidano in una gara dai buoni contenuti tecnici e divertente per larghi tratti. L’ago della bilancia pende dalla parte delle padrone di casa per il secondo tempo, in cui le bianco-rossazzurre giocano con il freno a mano ma la Futura sbaglia qualcosa in più.

Il quintetto etneo parte senza la play Servillo, infortunata, ma Porchi schiera subito la nuova arrivata Seino al fianco di Březinová. Santini ha a disposizione le effettive, ma perde subito Laura Perseu, che cade male procurandosi un infortunio alla volta plantare del piede, già migliore in campo nell’ultima gara casalinga con Salerno. Dopo il botta e risposta iniziale (con il 2+1 di Diene), le etnee Melissari, Březinová e Seino da tre tracciano il primo solco (13-5). Le brindisine tirano e si prendono falli, finché non rompono il digiuno con due contropiede di fila, il secondo chiuso da Siccardi (13-9). La gara scorre con azioni ben costruite, ma il risveglio definitivo delle brindisine è opera di Gatti e Siccardi (15-14).

La guardia ex Cras si guadagna anche il pari grazie all’ennesimo contropiede (18-18): la difesa a uomo disposta da Santini mette in crisi le etnee e il vantaggio è firmato sull’asse Siccardi-Diene-Gatti (18-20). La tripla di Pavia e tre azioni infruttuose chiudono il primo periodo (21-22). Catania ci mette poco a tornare in partita: Březinová inaugura il periodo (23-22), la velocità di Pavia e Melissari ripropongono il massimo vantaggio (30-22). Gli errori di Seino sotto canestro e di Tagliamento da tre mantengono il punteggio basso, ma appena la guardia ospite si sblocca le biancoazzurre ritornano a punti dopo oltre tre minuti (32-27). Un assist di Pavia per il taglio backdoor di Buzzanca segnano un nuovo allungo etneo (34-27), mentre Tagliamento e Pavia fanno a sportellate, così come Březinová e Diene.

È la difesa a zona etnea a forzare l’inerzia, malgrado i tanti fischi arbitrali da un lato e dall’altro. Egle rompe lo stallo, poi Siccardi ricuce lo strappo e conclude un’azione ben orchestrata (37-36). Il quarto però si conclude ancora con Pavia da tre (40-36). Alla ripresa il gioco è meno fluido. Sei punti di fila di Buzzanca riaprono il divario (46-39), Catania s’innervosisce (tecnico alla panchina e richiamo a Březinová) ma Siccardi non sfrutta dalla lunetta e solo Diene segna (48-44). Le difese si stringono, le padrone di casa sfruttano i pochi spazi concessi soprattutto con la nazionale ceca (52-44) e il massimo vantaggio si mantiene fino al 30’. Melissari e Březinová proseguono l’allungo (61-48), gli errori si sprecano da entrambi i lati e il pressing a tutto campo delle ospiti non sortisce gli effetti sperati: Melissari segna ancora e Březinová chiude la gara a un minuto dalla fine (70-57).

«L’infortunio al 4’ di Perseu è stato un grosso danno - lamenta a fine gara coach Gigi Santini -, soprattutto quando Catania si è messa a zona. Peccato perché Laura sta attraversando un ottimo periodo di forma, la gara interna con Salerno sta lì a dimostrarlo. Intanto valutiamo l’entità dell’infortunio all’arco plantare, l’auspicio è di rivederla alla ripresa degli allenamenti. L’uscita dal campo ha sicuramente inciso sulle nostre chance, cui non è bastata la grande serata di Valentina Siccardi. Tuttavia, siamo sempre rimasti in scia e a 2’ e 40’’ abbiamo sprecato da sotto il pallone del -2. Un passaggio lungo di Catania e il successivo tiro da tre hanno affondato l’ultimo tentativo di rientro. Catania ha fatto molto bene dalla lunga, Brindisi non è rimasta a guardare, stavolta però bisognava metterci qualcosa in più per riprendere il passo. Ci abbiamo provato, il resto lo ha fatto la squadra di casa confermando di essere un gruppo solido e di grande qualità».

Olympia 68 Catania - Futura Basket Brindisi 72-62

Parziali: 21-22, 40-36 (19-14); 56-48 (16-12); 72-62 (16-14)

PalaCatania (corso Indipendenza - San Leone di Catania), sabato 16 novembre, ore 18.00

Olympia 68 Catania: Guerri, Buzzanca 14, Ferlito, Pavia 13, Seino 5, Anechoum n.e., La Manna, Melissari 16, Březinová 22, Antonelli 2. All.: Porchi

Futura Basket Brindisi: Boccadamo, Perseu 2, Manzini, Tagliamento 9, Diodati 1, Diene 6, Gatti 10, Siccardi 28, Giorgino n.e., Egle 6. All.: Santini

Arbitri: Andrea Giacalone di Trapani e Dario Lombardo di Siena

Ufficiali di campo: Antonio Giuliano, Filippo Patanè e Domenica Urso

Spettatori: 100 circa  

Ultima modifica ilDomenica, 17 Novembre 2013 12:03

Video

Torna in alto