Menu

Mesagne senza Eccellenza, forse

todisco vincenzo festaggia 3Nella prossima stagione sportiva, il “Mesagne calcio 2011”

non giocherà nella categoria di Eccellenza. Ieri pomeriggio, alle ore 16,00, si è chiusa ogni possibilità di iscrivere la squadra alla Figc per svolgere il campionato. In pratica non sono stati trovati i 10 mila euro, di cui 7 mila subito e 3 mila entro il prossimo mese di settembre 2019, necessari per l’iscrizione della squadra. Tanta la delusione di tutti gli attori in campo. Specialmente del presidente del sodalizio sportivo, Vincenzo Todisco che lo scorso mese di giugno aveva deciso di sfilarsi dalla compagine calcistica, aprendo la porta della società a nuovi soci. E così è stato. Una cordata di imprenditori, rappresentati dall’avvocato Davide De Giuseppe, si è affacciata per vedere di rilevare la società, ma la transazione non è andata a buon fine. Troppe le défaillance riscontrate nell’assetto societario. Non ultima quella di cui il titolo di “Eccellenza” è legato, per legge, alla società “Mesagne calcio 2011” perciò chi lo acquista rileva anche la società, la cui forma giuridica è un’associazione. Non può, quindi, essere ceduto separatamente a meno che non è la società a venderlo. Inoltre, non può essere ceduto al Comune, come più volte è stato annunciato dal presidente. Non potendo acquistare il titolo separatamente e legarlo a una nuova società, gli imprenditori hanno rinunciato a questo progetto. “Condizioni sfavorevoli alle parti hanno chiuso un ciclo durato moltissimi anni che aveva portato a Mesagne passione, entusiasmo e, contemporaneamente, rabbia e delusione, ha spiegato con amarezza l’assessore allo Sport, Roberto D’Ancona -. Il presidente Todisco per passione e per amore verso il calcio e, soprattutto, verso la sua città, ha per molti anni "portato la croce". L’Amministrazione comunale, il sindaco Matarrelli ed io abbiamo creduto e sperato che questa questione si potesse chiudere positivamente, ovviamente nel rispetto delle scelte e delle valutazioni di ognuno degli attori in campo. Così, purtroppo, non è stato”. Amaro anche il commento del presidente. “Ieri abbiamo cercato di contattare il sindaco e l’assessore, ma nessuno ci ha risposto” ha spiegato Todisco “è una cosa assurda. Noi non ce la facciamo da soli. Noi volevamo dare il titolo a costo zero al Comune, ma nessuno ci ha risposto. Stamattina, (ieri per chi legge), ho chiamato l’assessore per dirgli che almeno ci facessero iscrivere la squadra al campionato. Ma non ci hanno risposto. La Figc regionale ci avrebbe concesso una dilazione per l’iscrizione però davanti al muro dell’incomunicabilità tutto è crollato”. Il presidente ha, quindi, aggiunto: “Speravamo che questi Amministratori facessero come aveva fatto l’ex sindaco Molfetta che si mise le mani in tasca e ci aiutò ad iscrivere la squadra al campionato. Non è stato così. Dispiace perché il “Mesagne calcio” era l’unica squadra della provincia di Brindisi a giocare in Eccellenza e, da solo, non ce e faccio ad affrontare un altro campionato”. In ogni modo, il Comune di Mesagne, come aveva promesso, eseguirà, nello stadio di contrada “Tagliata”, i lavori necessari per ricevere l’agibilità da parte della Figc.  

Torna in alto