Menu

Alla Mens Sana arriva Andrea Cobianchi

COBIANCHI ANDREAAndrea Cobianchi, 26 anni, ala forte di 198 cm per 95 kg,

firma per la Mens Sana Mesagne. L'atleta brindisino, assistito dal suo agente Claudio Bonnaccorsi, raggiunge l'accordo con la società mesagnese per il prossimo campionato di serie D. Ottima propensione al tiro e tanti punti nelle mani per Cobianchi che chiude il cerchio della formazione biancoverde dopo l’arrivo Walter Masi, Andrea Longo, Luigi Scalera, lo sloveno Miha Mlakar, il lettone Toms Upe, degli under Antonio Ciccarese, Matteo De Levrano, Mattia Perrucci, Federico Patrizio e altre giovani belle speranze provenienti dalla florida "cantera" mensanina. Andrea è un autentico veterano per la categoria avendo girato per anni l'Italia tra Serie C e D. In nove anni di carriera il ragazzo ha messo a referto più di 1700 punti nei campionati senior con le formazioni Eagles Brindisi, Pallacanestro Benevento, Pallacanestro Brindisi, S.Rita Taranto e ASSI Brindisi, nella quale ha militato per due annate, Pallacanestro Sora e poi in Sicilia prima con Aquila Nebrodi e poi con Piazza Armerina, dove quest'anno ha chiuso la stagione con 365 punti, 16,6 di media partita in 22 gare disputate accedendo ai playoff siciliani. Si allunga ulteriormente la squadra messa a disposizione di coach Santini, mantenendo l'età media entro i 26 anni. "Cobianchi lo cercavamo da due anni - dice Angelo Capodieci che ha seguito e concluso la trattativa, è un giocatore che ci porta ancora centimetri, chili e soprattutto punti nelle mani. Lo scorso anno in Sicilia ha fatto molto bene e sappiamo che è motivato per il rientro nella sua terra". "Sono alcuni anni che la Mens Sana Mesagne mi chiama per far parte di questa squadra, dice Andrea e quest'anno finalmente ho ceduto, decidendo di rientrare alla base dopo le ultime esperienze fuori dalla Puglia perché credo fortemente nel progetto della Mens Sana. Sono molto felice di poter far parte di questo gruppo e voglio ringraziare tutta la società perché mi ha voluto a tutti i costi, ma soprattutto per l'opportunità che mi sta offrendo. Sono convinto che quest'anno ci toglieremo molte soddisfazioni". Adesso passa tutto nelle mani di coach Santini che avrà il compito di assemblare una squadra che sembra già abbastanza competitiva.  

Torna in alto