Redazione

Oria. Deve espiare 9 mesi e 3 giorni di reclusione per vendita di prodotti industriali con segni mendaci e abuso edilizio, arrestato. I Carabinieri della Stazione di Oria hanno eseguito un ordine di esecuzione pene concorrenti emesso dall’Ufficio Esecuzione Penale della Procura della Repubblica preso il Tribunale di Brindisi, nei confronti di un 68enne del luogo. L’uomo deve espiare la pena di 9 mesi e 3 giorni di reclusione, per i reati di vendita di prodotti industriali con segni mendaci e abuso edilizio, commessi in Oria nell’arco temporale 2006–2011. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di detenzione domiciliare, come disposto dall’Autorità Giudiziaria. 

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

San Vito dei Normanni. Si rende responsabile di maltrattamenti in famiglia, il G.I.P. dispone gli arresti domiciliari. In San Vito dei Normanni, i Carabinieri della locale Stazione hanno eseguito l’Ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Brindisi, nei confronti di un 30enne del luogo, poiché resosi responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia. L’arrestato, concluse le formalità di rito, è stato accompagnato presso la propria abitazione in applicazione del citato provvedimento. 

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Due cani di grossa taglia, di cui uno di razza Corso e un meticcio, si trovano in via Marconi, nei pressi della scuola elementare e alcune attività produttive, e sono guardati a vista dalla polizia locale per evitare eventuali pericoli. L'allarme è stato lanciato da alcuni cittadini che hanno visto i due grossi pelosi vagare per la via per timore che potessero aggredire la gente. Tuttavia, i cani appaiono mansueti, hanno il collare e potrebbero essere fuggiti da qualche abitazione. Si attende l'arrivo degli animalisti. 

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Emergenza epidemiologica: nella giornata di oggi si contano 7 nuovi contagi e 23 guariti. Sono 259  le persone attualmente positive nella nostra città.

                               Via Normanno, 20 – Mesagne

 
Molti sono i temi da considerare in un momento la cui complessità, che stiamo vivendo di una pandemia da Covid-19, rende l’uomo vulnerabile e semina dolore e morte. 
La necessità è di tornare al più presto, alla normalità. La fiducia è, sicuramente grazie all’inoculazione dei vaccini, di riuscire a trasformare questa crisi in opportunità ed essere “costruttori” di benessere e di diritti per i nostri anziani, i più colpiti da questo virus. Nel 2020 i decessi sono stati 49 mila in più rispetto alla media degli stessi mesi nei cinque anni precedenti. Il 60% è attribuito al Covid-19 (29.210), il 10% a polmoniti e il 30% ad altre cause. Sul totale dei decessi per Covid-19 circa l’ottantacinque per cento riguarda individui di oltre settanta anni. L’incremento dei morti rileva (+256%) per le persone anziane sopra gli ottanta anni, (+155%) nelle strutture residenziali o socio-assistenziali, (+46 %) negli istituiti di cura, (+27%) nelle abitazioni.
La Stu Appia BR considera la Salute dell’anziano come la vera e sola priorità dell’esistenza e come diritto per un’aspettativa di vita di un “ invecchiamento attivo in buona salute” nella richiesta di una legge nazionale.
Oggi l’attesa è nel bisogno della somministrazione del vaccino. Il vaccino è un diritto che serve e tutela la salute della collettività oltre la propria esistenza.
L’ultimo decreto 4 maggio 2021 del Presidente del Consiglio Mario Draghi lascia uno spiraglio alle aperture. Nelle Rsa gli anziani sono stati vaccinati. Sappiamo che da uno studio condotto dall’Istituto Superiore di Sanità tra il 4 ottobre 2020 e il 25 aprile 2021, su un totale di 842 strutture residenziali e sul personale sono crollate sia le incidenze di contagio sia quelle di ricovero. Nel nostro progetto “Invecchiamento attivo in buona salute”, divenuto legge della regione puglia, la Uil pensionati pugliese ha chiesto la centralità dell’assistenza domiciliare integrata agli anziani. La Stu Appia BR è contro il “monopolio” di Rsa e case di riposo. Conosciamo le criticità a causa del moltiplicarsi delle segnalazioni su abusi e situazioni di abbandono verso gli anziani ospiti in queste residenze. Lo Stato spende 12 miliardi per le Rsa, mentre per l’Assistenza domiciliare non arriva che a due miliardi. Per il sindacato dei pensionati questi contributi potrebbero essere delle risorse da destinare all’anziano in casa propria con figli e nipoti. Il nostro modello progettuale fa richiesta di un’assistenza domiciliare, sanitaria e sociale per i nostri quattro milioni di anziani italiani over 80enni, che hanno bisogno di essere valorizzati e hanno necessità di una domanda sociosanitaria integrata e di un servizio di monitoraggio e prossimità.
Domenica prossima è il 9 maggio, festa della Mamma. La Stu Appia BR si chiede: come sarebbe bello e giusto abbracciare i nostri anziani dopo un blocco di chiusura per 15 mesi? Questa clausura non sarebbe avvenuta se vi fosse stata più apertura verso la Centralità dell’assistenza domiciliare integrata agli anziani e verso i centri diurni per chi ha patologie croniche e le persone non autosufficienti. Noi come Uil pensionati Stu Appia Br auspichiamo ai nostri anziani auguri di speranza e di benessere assistenziale.

Il Movimento 5 stelle interviene sul progetto di un parco eolico in contrada Galesano. Il consigliere comunale dei grillini Carlo Ferraro ha spiegato: “Giunge notizia a mezzo stampa della richiesta di una impresa del nord per l’allocazione di un parco eolico sul nostro territorio, in contrada Galesano, luogo ricco di testimonianze storiche ed antropiche.
La richiesta dell’impresa data al 22 marzo scorso, ma nulla è stato riportato ai cittadini mesagnesi né in consiglio comunale, né in prima commissione.
Viene il dubbio che l’incontinenza propagandistica di questa amministrazione, sempre pronta a gioire per qualsiasi atto di ordinaria amministrazione, faccia parte di una strategia della distrazione.
Infatti non si capisce questo continuo strombazzare per eventi minimi quando poi le notizie che davvero rischiano di modificare il nostro territorio vengono omesse.
Ritengo sia importante che l’elaborazione del parere su una richiesta del genere sia portata all’attenzione della cittadinanza, e non gestita all’interno degli uffici tecnici, a prescindere dall’esito finale.
I cittadini devono poter dire la loro su una simile operazione ed è dovere del sindaco coinvolgere la cittadinanza su questo progetto.
Per questo inoltrerò una interrogazione urgente al sindaco per chiedere quali siano le intenzioni della sua amministrazione, rispetto alla collocazione di una centrale eolica in un sito di notevole valore storico, che merita ben altro destino".

La risposta del Comune di Mesagne:

"In merito alla richiesta pervenuta al Comune di Mesagne per l’allocazione di un parco eolico da realizzare su area archeologica compresa nel territorio comunale, i fatti non stanno nel modo in cui vengono riportati dal consigliere Carlo Ferraro. E questo a partire dalla data nella quale, secondo il consigliere, l’istanza dell’impresa sarebbe stata inoltrata all’Ente, quella del 22 marzo 2021. Tale data indica, invece, il giorno in cui l’impresa ha inviato al Ministero della Transizione Ecologica l’istanza di avvio della procedura d’impatto ambientale. Al Comune di Mesagne, come si può facilmente desumere dal timbro del protocollo riportato sulla nota, l’istanza giunge in data 3 maggio 2021 direttamente dal ministero della Transizione Ecologica, l'unico ente deputato a gestire le procedure relative alla richiesta.

Chiarito questo aspetto dei tempi, che è fondamentale rispetto all’impostazione imprecisa e fuorviante che il consigliere Ferraro dà della vicenda, vengo brevemente agli aspetti di merito. La proposta verrà pubblicata per 2 mesi e tutti i cittadini, e naturalmente il consigliere Ferraro, potranno produrre le proprie valutazioni a riguardo. Da una prima lettura effettuata dall’ufficio comunale competente, la realizzazione della centrale eolica non risulterebbe compatibile con i criteri di tutela alla quale l’area è sottoposta.

Avv. Giuseppe Semeraro, vicesindaco della città di Mesagne con deleghe all'Urbanistica e Patrimonio".

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Sono circa 3.500 le vaccinazioni in programma oggi nella Asl di Brindisi: seconde dosi per soggetti fragili con allergie, personale scolastico e forze dell'ordine, tra cui somministrazioni per agenti di polizia penitenziaria nella Casa circondariale.

Nel target della giornata rientrano anche le vaccinazioni effettuate dai medici di medicina generale, negli hub e negli studi, e riservate ai soggetti  estremamente vulnerabili.

“Definirei questa donazione: Sinergia del cuore. Un bisogno, quello formulato dal Dr. Galiano Alessandro, responsabile del Servizio di Radiologia e Senologia del Distretto S.S. 1 di Via Dalmazia a Brindisi per rispondere ai fabbisogni dello stesso Servizio per l'incremento del numero di esami di Ecografie internistiche e senologia, un’associazione come la nostra pronta a mettersi in campo per soddisfare questi bisogni, consapevole che con questo progetto possa rendere concretamente più efficace la diagnosi a beneficio delle donne di Brindisi ed una Onlus, Enel Cuore che crede fortemente in questo progetto e per questo dona a Cuore di Donna 60.000,00 euro da impiegare nell’acquisto di un Ecografo di ultima generazione.

Questa sinergia di solidarietà sociale nel campo dell’assistenza sociosanitaria è sicuramente la nostra risposta sul territorio brindisino per le donne” dichiara Myriam Pesenti , presidente di Cuore di Donna. “Il servizio di Radiologia-Senologia Territoriale è da sempre un punto di riferimento nella citta’ di Brindisi e nella provincia - dice il dottor Alessandro Galiano, che ne è il direttore - per le indagini diagnostiche di Radiologia e Senologia. Negli ultimi anni ci siamo ammodernati di continuo, acquistando nuove apparecchiature per esami radiologici (tavolo telecomandato e densitometro) oltre a mammografi digitali in 3D di ultima generazione ed ecografi digitali di alta fascia, ad altissime prestazioni. Con questo nuovo ecografo, sempre di alta fascia, si incrementa il parco macchine ecografico disponibile presso il nostro Centro: grazie ad Enel Cuore e alla associazione Cuore di Donna utilizzeremo questa ulteriore apparecchiatura a vantaggio di tutte le pazienti che hanno necessità di eseguire indagini diagnostiche sia di prevenzione che di controllo. Grazie anche alle associazioni dedicate al volontariato, contiamo di sensibilizzare la popolazione verso la prevenzione offrendo prestazioni diagnostiche tecnologicamente sempre più avanzate” “Oggi raggiungiamo una nuova tappa sulla strada della collaborazione fra pubblico e volontariato. Una strada che la asl brindisina ha intrapreso gia’ da tempo, e con risultati soddisfacenti.

Alla vigilia della festa della mamma, e credo non sia solo una coincidenza, l’associazione Cuore di Donna ci fa dono di uno strumento di avanguardia, acquistato con il finanziamento di Enel Cuore; potremo cosi’ letteralmente raddoppiare i servizi all’utenza. Si tratta di un apparecchiatura indispensabile per la prevenzione. Grazie alla prevenzione, ricordo, si salvano vite umane. In questo caso, vite di donne. La nostra struttura si’, puo’ salvarle; ma non secondaria e’ la mobilitazione in prima persona. Anche di questo io ringrazio Cuore di Donna, molto attiva anche a Brindisi. La sensibilizzazione svolta su temi come tutela e prevenzione fa in modo che al nostro servizio di senologia affluisca un numero di pazienti significativo, anche se le misure anti covid portano purtroppo ad una contrazione delle prestazioni. Ma con il nuovo ecografo i tempi di attesa si abbrevieranno. Grazie ancora a Cuore di Donna e ad Enel Cuore onlus” - dichiara il Dott. Giuseppe Pasqualone, direttore generale della Asl di Brindisi -

FlixBus potenzia i collegamenti in Puglia, includendo nella propria rete regionale nuove tratte attive da oggi e già acquistabili su tutti i canali di vendita.

L’operatore degli autobus verdi si prepara così a soddisfare una domanda destinata a crescere in maniera significativa assicurando una copertura omogenea del territorio, con un’attenzione particolare ai centri meno collegati. La società intende così garantire, a chiunque lo necessiterà, la possibilità di spostarsi in totale sicurezza, ma anche contribuire alla deconcentrazione dei flussi turistici, con l’obiettivo di valorizzare quei luoghi di interesse scarsamente collegati dai tradizionali mezzi di trasporto.

«Ancora non siamo nelle condizioni di poter garantire una ripartenza a pieno regime, ma, nonostante i mesi passati, con le nostre sole forze abbiamo resistito alla pandemia. Ora guardiamo con fiducia al futuro, certi di una ripresa imminente e consapevoli del ruolo cruciale che, in quanto operatore della mobilità, siamo chiamati ad assolvere: ora più che mai, dobbiamo garantire a tutti la possibilità di viaggiare in totale sicurezza, per dare il giusto slancio a un settore che ha già sofferto troppo e che ha bisogno del nostro supporto», ha dichiarato Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia. «Noi siamo pronti a fare la nostra parte per aiutare il turismo a ripartire, nel rispetto delle regole e della situazione sanitaria, rendendo giustizia a un patrimonio paesaggistico, artistico e culturale che, da solo, può contribuire in larga parte al rilancio del Paese. Auspichiamo che anche il Governo percepisca e supporti adeguatamente questa ripartenza».

Collegate 17 città sul territorio regionale, da San Severo a Lecce

 Da oggi, FlixBus amplierà i collegamenti a 17 centri sull’intero territorio regionale, con una rete che si estenderà da San Severo fino a Lecce.

Verranno così garantite, e potenziate, connessioni giornaliere non solo con diverse delle principali città pugliesi, ma anche con alcuni centri medi della regione, con il duplice obiettivo di assicurare anche a chi risiede in aree poco collegate la possibilità di spostarsi e, al tempo stesso, veicolare i flussi di visitatori lungo itinerari meno noti, creando opportunità per il turismo locale.

 Nel Barese: sono sei le città collegate in provincia, da Gravina in Puglia a Monopoli

Saranno innanzitutto rafforzate le tratte con il Barese: da Bari, già collegata con città come Roma, Milano, Torino, Bologna e Termoli, saranno raggiungibili, fra le altre, Napoli (collegata anche con Modugno), Lamezia Terme, Messina e Catania. Altamura e Gravina in Puglia si confermano nodi strategici sulle rotte per la Basilicata e il Centro-Sud grazie alle tratte con Matera, Potenza, Napoli e Roma. Il litorale adriatico, infine, potrà beneficiare di nuovi arrivi con le tratte fra Monopoli e Bologna, Milano, Torino e Roma, quest’ultima collegata anche con Polignano a Mare.

 La provincia di Foggia punto di raccordo cruciale anche sulle rotte Sud-Sud

 Anche la provincia di Foggia si riconferma snodo nevralgico di raccordo per i collegamenti fra la Puglia e le altre regioni. Alle connessioni operative da Manfredonia, San Severo e San Giovanni Rotondo verso Roma e Pescara, e a quelle attive tra Foggia e San Severo verso le città di Matera, Bologna, Milano e Torino, si aggiungono, da oggi, nuovi collegamenti fra il capoluogo e vari centri del Sud Italia: la località balneare di Policoro, in Basilicata, Lamezia Terme e Villa San Giovanni, in Calabria, e Messina, Catania, Siracusa e Augusta, in Sicilia.

Nella BAT: da Torino alla Sicilia, si ampliano i collegamenti con la sesta provincia pugliese

Si ampliano anche le connessioni attive con la provincia della BAT, grazie alle corse giornaliere operative da oggi fra Andria e Barletta e Policoro, Lamezia Terme, Villa San Giovanni, Messina, Catania, Siracusa e Augusta, e a quelle in partenza da Andria verso Benevento, Roma e lo scalo di Ciampino. I nuovi collegamenti con il centro e il Sud Italia si aggiungono a quelli già attivi fra Andria e Bologna, Milano e Torino, andando così a incrementare le possibili opportunità a livello di turismo locale per mezzo di una più capillare connettività.

Nel Brindisino: rafforzate le tratte in tutte le direzioni

Si consolidano, inoltre, le connessioni dirette con il Brindisino: il capoluogo, già collegato con Termoli, Benevento, Roma, Bologna, Milano e Torino, potrà beneficiare, a partire da oggi, anche di tratte dirette per Matera, Potenza e Napoli. Anche il litorale adriatico potrà giovare di un possibile incremento dei flussi turistici in arrivo dal centro e dal Nord Italia, grazie ai collegamenti attivi tra Fasano e Bologna e Torino, Milano e Roma. Resteranno infine operative le connessioni tra la capitale e Ostuni.

Lecce: dopo i collegamenti con il centro e il nord Italia, partono le rotte per Basilicata e Campania

Già meta privilegiata, in Puglia e nel Sud Italia, per i visitatori in partenza da molte delle principali città del nord e centro Italia, tra cui Roma, Milano, Torino e Bologna, il capoluogo salentino vede incrementare, a partire da oggi, il numero dei collegamenti anche con il Sud, grazie alle tratte con Matera, Potenza e Napoli. Questa rete di connessioni si offre, così, come soluzione di viaggio ideale sia per quanti, partendo da Lecce, stanno pianificando una vacanza in Italia, sia per quanti, viceversa, vogliono esplorare il Salento e scoprire i suoi tesori paesaggistici, artistici e culturali.

Taranto: da tre a 18 città collegate  

 Fra i capoluoghi di provincia pugliesi, Taranto è senz’altro quello che, più di tutti gli altri, assisterà all’incremento dei collegamenti con le altre regioni italiane. Alle connessioni attive con Bologna, Milano e Torino si affiancheranno infatti, da oggi, quelle con Roma e gli aeroporti di Ciampino e Fiumicino e con svariate destinazioni del Mezzogiorno: Matera, Potenza e le località di Lavello e Policoro, in Basilicata, Napoli e Benevento, in Campania, Lamezia Terme e Villa San Giovanni, in Calabria, e Messina, Catania, Siracusa e Augusta in Sicilia.

Sicurezza a bordo: tutte le misure messe in atto da FlixBus 

Per tutelare la salute dei passeggeri e del personale di bordo, e garantire così a tutti una piacevole esperienza di viaggio, FlixBus ha implementato un esaustivo protocollo di sicurezza: tra le misure implementate, si possono citare la sanificazione degli autobus al termine di ogni corsa, l’obbligo di mascherina per l’intera durata del viaggio e nelle fasi di imbarco e di sbarco e la misurazione della temperatura e il controllo touch-less di biglietti e documenti al momento del check-in. Una panoramica completa delle misure di tutela della salute implementate da FlixBus è visibile qui.

In Italia collegate 150 città in tutto, con un occhio alla sostenibilità 

 

Sono circa 150 le destinazioni che FlixBus collegherà a partire da domani in 18 regioni italiane, con una rete che si estenderà dal Friuli-Venezia-Giulia fino alla Sicilia.

Come sempre, la società ha adottato un approccio fortemente intermodale alla pianificazione della propria rete ampliando i collegamenti con le autostazioni e stazioni cittadine e gli aeroporti, in linea con l’ideale di una grande rete di mobilità integrata in cui l’uso combinato di più mezzi collettivi vada a sostituirsi a quello dell’auto privata, con benefici per l’ambiente.

In particolare, la possibilità di sinergie modali col trasporto pubblico locale presso le autostazioni e le stazioni ferroviarie cittadine consentirà ai visitatori di esplorare con facilità le aree attigue senza ricorrere alla propria auto privata, in linea con l’ideale di un turismo lento e di prossimità, caratterizzato da un impatto ambientale ridotto e da un approccio immersivo al viaggio.

Rafforzata la frequenza sui collegamenti internazionali: più di 30 città collegate  

Infine, FlixBus continuerà a garantire la possibilità di viaggiare da e verso l’estero in totale sicurezza grazie ai numerosi collegamenti internazionali attivi verso 30 destinazioni. Con pochi cambi, si potranno raggiungere dalla Puglia importanti mete europee come Parigi, Barcellona e Monaco di Baviera, come sempre in totale sicurezza e a fronte di una spesa contenuta.

«Come entità italiana, vogliamo innanzitutto consentire a chiunque di spostarsi sull’intero territorio nazionale e, così, valorizzare al meglio il nostro patrimonio, dal Friuli alla Sicilia. Allo stesso tempo, in linea con la visione globale che ci accompagna dalla nascita, continueremo a garantire sempre un servizio internazionale di mobilità che permetta a tutti, in ogni momento e a fronte di una spesa contenuta, di esplorare il mondo o, viceversa, di tornare a casa e ricongiungersi con i propri affetti, in totale sicurezza», ha affermato Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi giovedì 6 maggio 2021 in Puglia, sono stati registrati 11.893 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 877 casi positivi: 253 in provincia di Bari, 96 in provincia di Brindisi, 89 nella provincia BAT, 115 in provincia di Foggia, 203 in provincia di Lecce, 123 in provincia di Taranto, 2 casi di residenti fuori regione sono stati riclassificati e attribuiti.

Sono stati registrati 27 decessi: 4 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 1 in provincia BAT, 8 in provincia di Foggia, 7 in provincia di Lecce, 5 in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.285.654 test.

188.680 sono i pazienti guariti.

45.475 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 240.192 così suddivisi:

91.782 nella Provincia di Bari;

23.794 nella Provincia di Bat;

18.150 nella Provincia di Brindisi;

43.231 nella Provincia di Foggia;

24.343 nella Provincia di Lecce;

37.754 nella Provincia di Taranto;

769 attribuiti a residenti fuori regione;

369 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci