Redazione

Al C.T. “Dino De Guido” Mesagne e a Ludovica Casalino il premio “Eccellenza Pugliese 2023” - Grande Evento Sportivo. Si è tenuta lunedì 8 luglio nel padiglione 152 della Fiera del Levante di Bari, la presentazione del “Premio Eccellenze Regione Puglia 2023” e della candidatura della Puglia a Regione Europea dello Sport Aces Europe, un’associazione no profit con sede a Bruxelles che consegna dal 2001 il premio di European Capital of Sport.

“La Regione Puglia ha dato un impulso molto più forte che in passato a tutto il movimento sportivo regionale. Un processo che vuole coinvolgere soprattutto le società sportive che si occupano degli sport cosiddetti minori, ma che hanno una funzione essenzialmente sociale. È per questo che abbiamo candidato la Puglia a Regione Europea dello Sport per il 2026 ed è per questo che stiamo varando un nuovo piano di rafforzamento dell'impiantistica". Lo ha affermato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, presente alla cerimonia insieme al vicepresidente e assessore allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese. 
Nell’occasione, a tutti gli atleti e associazioni sportive presenti, è stato presentato un video e la bozza del logo per la candidatura della Puglia a Regione Europea dello Sport 2026.
Sono 127 i vincitori del premio: eccellenze olimpiche o professionistiche ma anche chi si è distinto in campionati internazionali e nazionali con vittorie e podi. Il contributo regionale quest’anno è quantificabile complessivamente in 220.000 euro. 
Fra queste Eccellenze pugliesi è stato attribuito il premio anche al C.T. “Dino De Guido” di Mesagne grazie alla vittoria del campionato a squadre di serie B2 e al terzo posto al campionato under 13 femminile. Un orgoglio per il sodalizio mesagnese che, anche con questo conferimento, festeggia l’anniversario del suo 50° anno della sua fondazione (1974-2024).
Proprio in virtù della sua promozione in serie B1 nel 2023, quest’anno la squadra gialloblù, disputando uno straordinario campionato, ha sfiorato il passaggio alla serie superiore, la A2, perdendo nella finale dei play-off, contro la forte compagine del C.T. EUR Roma, giocando i due incontri di andata e ritorno con grande dignità ed entusiasmo.
Michele Emiliano e Raffaele Piemontese hanno consegnato il premio “Eccellenza Pugliese 2023” nelle mani del Presidente del C.T. “Dino De Guido” Nicola De Guido, a cui va il merito, unitamente a tutti i dirigenti che si sono susseguiti, al valoroso staff tecnico e a tutti gli atleti, di aver lavorato, nel rispetto dei principi ispiratori del glorioso sodalizio mesagnese, con impegno e serietà.
Il Presidente Nicola De Guido ha anche ritirato il premio riservato alla giovane tennista Ludovica Casalino, orgoglio del vivaio del circolo mesagnese, assente perché impegnata con la squadra nazionale under 14 femminile nella finale della “Europe Cup” – Campionato Europeo a squadre Under 14 femminile presso il C.T. Soul Entertainment Group di Istanbul (Turchia). 
Ludovica Casalino, con il suo innato talento, continua a mietere successi a livello nazionale e internazionale, tanto che nella stagione in corso è stata capace di prevalere su due tenniste Top 30 della classifica Tennis Europe: Marina Markina lettone nr. 4, e l’austriaca Cara Fronek, nr. 25. 
Uno sprone il suo per le nuove generazioni che diventino espressione di emancipazione attraverso lo sport, elemento indispensabile per la crescita della propria personalità.
 
 

AL GARGANO AL SALENTO SI MOLTIPLICANO ATTACCHI

L’ultimo caso a Noci dove una decina di pecore sono state azzannate a morte in un allevamento proprio a ridosso del centro abitato

 

Bisogna salvare pecore e capre sbranate, mucche sgozzate e asinelli uccisi dal Gargano al Salento dove la presenza del lupo si è moltiplicata negli ultimi anni con il ripetersi di stragi negli allevamenti che hanno costretto alla chiusura delle attività e all’abbandono della aree interne. E’ quanto afferma la Coldiretti Puglia, a seguito delle numerose segnalazioni degli allevatori della Murgia barese e tarantina, in provincia di Foggia e di Lecce, con l’ultimo caso a Noci dove una decina di pecore sono state azzannate a morte in un allevamento proprio a ridosso del centro abitato.

Intanto, c’è la proposta della Commissione Europea di downgrade dello status del lupo da "strettamente protetto" a "protetto" in riferimento al fatto che “la concentrazione di branchi di lupi in alcune regioni europee è diventata un pericolo reale soprattutto per il bestiame”. Una decisione che risponde alle richieste  delle autorità locali di maggiore flessibilità per gestire più attivamente le concentrazioni critiche di lupi.

In Italia si è registrato un forte aumento da nord a sud della popolazione di lupi, stimata dall’Ispra nell’ambito del progetto Life WolfAlps EU intorno ai 3.300 esemplari, 950 nelle regioni alpine e quasi 2.400 lungo il resto della penisola mentre il numero di pecore è diminuito di circa il 10% negli ultimi cinque anni secondo l’analisi della Coldiretti.

I numeri sembrano confermare che il lupo ormai, non è più in pericolo e – sottolinea la Coldiretti regionale – il rischio vero oggi è piuttosto la scomparsa della presenza dell’uomo delle aree interne per l’abbandono di migliaia di famiglie ma anche di tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze italiane di mucche, capre e pecore.

Dopo gli attacchi dei lupi, agli animali a volte feriti o uccisi si aggiungono – precisa la Coldiretti Puglia – i danni indotti dallo spavento e dallo stato di stress provocato dagli assalti, con ridotta produzione di latte e aborti negli animali sopravvissuti.

Sono essenziali misure di contenimento per non lasciar morire i pascoli e costringere alla fuga migliaia di famiglie che da generazioni popolano le aree rurali più difficili dove l'allevamento è l'attività principale, ma anche i tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze pugliesi, come la pecora 'Gentile' di Altamura o la 'Moscia' leccese. Il problema dei grandi carnivori sta diventando insostenibile ed è necessario trovare una soluzione in tempi rapidi.

Negli ultimi anni si è reso necessario un continuo vigilare su greggi e mandrie, al fine di proteggerle dagli attacchi poiché recinzioni e cani da pastori spesso non sono sufficienti per scongiurare il pericolo. La resistenza degli agricoltori è al limite – spiega la Coldiretti regionale – è urgente trovare nuove modalità di azione che permettano di organizzare in maniera più efficace un sistema di gestione di questi animali predatori, che non sono più specie in via di estinzione.

Del resto, questa situazione si somma – aggiunge Coldiretti Puglia - ai problemi di sovrappopolamento di numerose altre specie selvatiche, dai cinghiali agli storni, dai cormorani alle lepri, che si moltiplicano in una situazione di assoluta mancanza di adeguate misure di programmazione necessarie per evitare il conflitto con il lavoro agricolo.

I numeri sembrano confermare che il lupo ormai, non è più in pericolo e – sottolinea la Coldiretti – impegnano le Istituzioni a definire un Piano nazionale che guardi a quello che hanno fatto altri Paesi Ue come Francia e Svizzera per la difesa dal lupo degli agricoltori e degli animali allevati. Il rischio vero oggi è – denuncia la Coldiretti regionale – la scomparsa della presenza dell’uomo dalle aree interne per l’abbandono di migliaia di famiglie ma anche di tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze italiane di mucche, capre e pecore.

Serve responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le montagne e a garantire la bellezza del paesaggio. Senza i pascoli – conclude la Coldiretti Puglia – le montagne muoiono, l’ambiente si degrada e frane e alluvioni minacciano le città.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Giovedì 11 luglio - In scena “I promessi sposi”, spettacolo liberamente tratto da “I promessi sposi opera moderna di Michele Guardì”, con la regia di Graziano Galatone e le musiche del maestro Pippo Flora. La compagnia “AttoTerzo” si presenta al pubblico con una veste rinnovata grazie anche alla brillante regia e a Sara Baldini, che ne firma per la prima volta le coreografie. Lo spettacolo si svolgerà in piazza Orsini del Balzo dalle ore 21.00. Ingresso libero.

Protagonisti sul palco 9 interpreti e 8 ballerini. Lo spettacolo rilegge in chiave moderna il più classico dei testi della letteratura italiana celebrandone valori storici, poetici e umani, proprio in occasione della celebrazione dei 150 anni dalla morte di Manzoni. La spettacolare scenografia con otto enormi Led Wall, e delle magnifiche proiezioni rendono lo spettacolo una sorta di interconnessione 4.0 tra artisti e pubblico, uno spettacolo interattivo e realistico nello stesso tempo, grandi proiezioni, ed effetti speciali, portando lo spettatore a vivere le suggestive atmosfere manzoniane.

Giovedì 11 luglio - Nell’ambito della rassegna letteraria “Emozioni in musica e parole”, l’Associazione “RiCreAzione” presenta lo spettacolo musicale “Niente è segreto". Una serata di musica e poesia per inguaribili romantici”. L’evento si terrà presso l’Atrio del Comune di Mesagne dalle ore 21, ingresso libero.

Nell’occasione, le letture poetiche di Giulietta Bandiera e le musiche dal vivo eseguite da Christian DeLord. Introdotto dalla producer Elisabetta Casto e con l’ausilio di filmati che accompagneranno lo spettatore per tutta la durata dell’evento, quest’ultimo vuole essere un dialogo a due voci fra una coppia di artisti che hanno costruito le proprie rispettive carriere altrove, senza mai perdere tuttavia la propria radice, che affonda in profondità nella terra di Puglia, di cui entrambi sono originari e che li ha fatti infine ritrovare. Giulietta Bandiera, giornalista, scrittrice e autrice televisiva, leggerà alcuni brani poetici dal suo libro “Niente è segreto” pubblicato dalle edizioni Novalis, tentando di raccontare l’amore in tutte le sue molteplici forme, da quello romantico e passionale, fino a quello più alto, incondizionato e mistico. A fare da sponda ai suoi versi, ora molto ispirati, ora dissacranti e perfino divertenti, ma sempre molto brevi, ci saranno le note che Christian DeLord, giovane musicista virtuoso e onirico, proporrà traendole da composizioni musicali proprie, ma anche da altre, prese a prestito per l’occasione da grandi compositori quali Philip Glass, Ludovico Einaudi e Ryuichi Sakamoto. La serata si propone dunque come una sorta di sospiro di sollievo, di sospensione spazio-temporale nel corso della quale lo spettatore avrà la possibilità di tornare a vibrare sulla frequenza del cuore, della bellezza e della gioia, ritrovando anche in questi tempi difficili la propria essenza più profonda e più genuinamente umana. 

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

 

FASANO – Nella serata di domenica 7 luglio ha avuto inizio la programmazione artistico-culturale di Katharà con la prima proposta della stagione estiva 2024. Con la rappresentazione teatrale "Oggi sposi" con Ippolito Chiarello e a cura del Teatro Pubblico Pugliese, il pubblico accorso a Selva di Fasano è rimasto più che soddisfatto.

Una proposta artistica di qualità, resa ancor più sontuosa e gradevole agli occhi dello spettatore dalla splendida scenografia architettonica, quella del Minareto, la villa moresca che ospiterà anche i successivi eventi in programma, per il cartellone eventi ideato da Katharà nell’ambito del progetto di gestione del Teatro Sociale, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Fasano.

La pièce “Oggi sposi”, diretta da Maria Cassi e con Luigi Bubbico al pianoforte, ha riscontrato un ottimo consenso del pubblico presente. Un lavoro che ha scavato nell’ambito del comico e del grottesco con i modi dell’avanspettacolo e del varietà, contaminati dai sistemi dettati dall’esperienza teatrale nell’ambito della ricerca. Attraverso la musica, la letteratura, l’improvvisazione e le massime della saggezza popolare l’attore ha raccontato il matrimonio e l’amore in una sorta di cerimonia collettiva.

La programmazione artistica proseguirà domenica 14 luglio alle 19.30, sempre al Minareto, con il balletto al tramonto "L'ultima cena" a cura dell’Accademia "Fuori di Danza" di Locorotondo.

Info e prenotazioni: 334 1144911

IL CARTELLONE COMPLETO

  • Domenica 7 luglio ore 21.00: rappresentazione teatrale "Oggi sposi" con Ippolito Chiarello - A cura del Teatro Pubblico Pugliese
  • Domenica 14 luglio ore 19.30: balletto "L'ultima cena" - Produzione "Fuori di Danza"
  • Domenica 21 luglio ore 21.00: spettacolo di Musicateatro "Luna Luz" - Produzione G.A.T. "Peppino Mancini"
  • Mercoledì 24 luglio ore 21.00: rappresentazione teatrale "1 e 95" con Giuseppe Scoditti - A cura del Teatro Pubblico Pugliese
  • Martedì 30 luglio ore 21.00: rassegna Kids Katharà – “Inside out” - Il viaggio delle emozioni" - Produzione "SenzaConfine"
  • Sabato 3 agosto ore 21.00: stand-up Comedy con VELIA LALLI e MAURO FRATINI - Produzione "SenzaConfine"
  • Venerdì 30 agosto ore 21.00: rassegna Kids Katharà - "Il bosco delle favole impazzite" - Produzione "Associazione THEMA"

Gli appuntamenti settembrini che chiuderanno questa ricca stagione si terranno nuovamente a Fasano al Chiostro dei Minori Osservanti: venerdì 6 settembre ore 18.30 e 20.30, Rassegna Kids Katharà - "HAMELIN" - Produzione "Factory Compagnia Transadriatica" e domenica 15 settembre, sempre alle 18.30 e in replica alle 20.30, Rassegna Kids Katharà - "La legge del fuoco" con la partecipazione dei bambini del progetto Futura.

Il Consiglio Comunale di lunedì 8 luglio ha licenziato le nuove tariffe TARI per Francavilla Fontana. La definizione della nuova tariffazione si inserisce in uno scenario segnato da grandi cambiamenti economici. In particolare, due fattori hanno inciso sul costo del servizio, l’inflazione – nel 2023 attestata intorno al 6% – e la sentenza del Consiglio di Stato sugli impianti minimi che ha provocato un cambio di tariffazione nel conferimento dei rifiuti della frazione indifferenziata con conseguenze anche sugli anni precedenti alla sentenza.

In queste settimane – spiega il Sindaco Antonello Denuzzo – abbiamo lavorato con l’Assessora Marinelli e gli uffici per sterilizzare gli aumenti che in alcuni comuni hanno toccato il 10/15%. Ci siamo riusciti, incidendo sulle tariffe con un adeguamento pari a circa il 3% che è ben al di sotto del valore dell’inflazione registrato nel corso del 2023.

Le nuove tariffe, che derivano dal Piano Economico Finanziario validato dall’AGER e approvato dal Consiglio Comunale, copriranno i costi di gestione del servizio di igiene urbana che ammontano per il 2024 a circa 7,55 milioni di euro. Lo slittamento nell’approvazione delle tariffe ha spostato in avanti la scadenza delle rate che sono fissate per il 16 agosto, 16 ottobre, 16 dicembre e 16 febbraio 2025.

Il principio generale della TARI – commenta l’Assessora Eleonora Marinelli – è che il costo totale del servizio deve essere coperto con le tariffe. Per abbassarle abbiamo deciso di inserire anche gli immobili comunali tra i soggetti cui è applicata la tariffazione e, allo stesso tempo, abbiamo lasciato invariato il piano di sostegni per le famiglie in stato di fragilità economica.

Come previsto dal Regolamento TARI le utenze domestiche dei nuclei familiari più fragili beneficeranno di agevolazioni economiche tra il 15% e il 10% in base alle fasce ISEE. Inoltre, sarà applicata una detrazione forfetaria di 5 euro ai contribuenti che hanno scelto di ricevere l’avviso TARI tramite posta elettronica o posta elettronica certificata.

Lo stesso regime è applicato anche alle utenze non domestiche che, come per le famiglie, subiranno una variazione media nelle tariffe pari al 3%. Resta invariata la possibilità per imprese e attività commerciali, così come previsto dal Regolamento TARI, di uscire dal servizio pubblico di raccolta e smaltimento dei rifiuti per affidarsi a gestori privati.

La strada per la diminuzione delle tariffe – prosegue l’Assessora Marinelli – passa dal miglioramento della qualità della raccolta per eliminare le penalità dovute ad una bassa percentuale di differenziata e alla capacità di intercettare coloro che non pagano il tributo. Ci stiamo lavorando in sinergia con l’Ufficio Ambiente e sono certa che nel medio periodo riusciremo nel duplice intento di migliorare il servizio e di far pagare il giusto ai cittadini.

Intanto, arrivano importanti novità sul fronte dei dati sulla raccolta differenziata. Grazie all’ordinanza sui sacchi neri e all’attenzione dei cittadini è cresciuta la percentuale di differenziata che è arrivata al 62%.

Il nostro obiettivo primario – conclude l’Assessora all’Ambiente Numa Ammaturo – è definire in tempi brevi la nuova gara in ARO per il servizio di igiene urbana. In queste settimane l’ufficio, in accordo con i progettisti, ha operato alcune varianti progettuali per migliorare la qualità della raccolta e della pulizia cittadina. L’aumento della percentuale di differenziata che stiamo registrando in questi mesi è un ottimo segnale. Sono fiduciosa che in tempi brevi riusciremo ad avviare la gara e a dare ai francavillesi un servizio adeguato.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Dal 6 luglio al 4 settembre, tra le province di Bari e Brindisi, torna la 21ª edizione di Bari in Jazz; un’importante occasione per festeggiare i 20 anni di attività, portando sul palco del Festival Metropolitano molteplici identità musicali e culturali.

A Savelletri di Fasano il “Maiden voyage” hanno iniziato con il concerto di Ray Gelato & The Giants, preceduto da un aperitivo con bollicine. Il “Godfather of Swing” aprendo il festival il 6 luglio alla Masseria Torre Maizza di Contrada Coccaro – Savelletri (BR) con il suo spettacolo irresistibile.

 Bari in Jazz continuerà ancora ad agosto e settembre in location consolidate come il Minareto alla Selva di Fasano, il jazz club a cielo aperto con vista sulla Valle d’Itria (tra cui cinque spettacoli in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese), e in nuove location tra dimore storiche, masserie, castelli e lidi che proporranno le performance di artisti come Simona Molinari & Cosimo Damato, Luca Aquino, Francesco Bearzatti, Peppe Servillo, Paolo Jannacci, Chalo Correia, Radicanto, Florence Adooni e altri ancora.

Tra le importanti partnership, quella legata alla Masseria Torre Maizza, di cui il Festival è cultural partner con due importanti eventi musicali, con formula aperitivo e concerto, il cui ricavato andrà in parte a supportare la Onlus “Save The Olives”, guidata dalla fondatrice, l’attrice premio Oscar Helen Mirren. All’appuntamento del 6 luglio seguirà il 26 luglio uno dei massimi esponenti del jazz brasiliano, il pianista Amaro Freitas.

«Quest’anno il Festival Metropolitano Bari in Jazz compie 20 anni di attività. Noi li festeggiamo con tredici concerti al Minareto della Selva e con la chiusura di Peppe Servillo & Solis String Quartet in Piazza Ciaia – dice l’assessore al Turismo Pier Francesco Palmariggi –. Questo festival svolge un ruolo preziosissimo: promuove la musica di qualità e allo stesso tempo valorizza il patrimonio storico-artistico di tutta la regione, con spettacoli suggestivi in dimore storiche, masserie e castelli. Siamo lieti, tra l’altro, di veder instaurarsi collaborazioni prestigiose come quella con Masseria Torre Maizza e Rocco Forte Hotels a supporto della Onlus "Save The Olives". Invitiamo tutti nel nostro bellissimo territorio per partecipare e godere della magia della musica jazz».

Questo il programma completo degli eventi nel territorio fasanese della 21ª edizione di Bari in Jazz:

AMARO FREITAS 

26 Luglio 2024

Masseria Torre Maizza | Contrada Coccaro – Savelletri (BR)

Ore 20:00 Aperitivo + concerto 75,00 euro + d.p.

in collaborazione con Masseria Torre Maizza – parte dei proventi saranno destinati a supportare la onlus “Save The Olives”

 

FANELLY  

“Il Mare”

6 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 21:00

In collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese 

ALBA CARMONA DUO

6 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 22:00

In collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese

Biglietto unico per entrambi i concerti della serata 15,00 euro + d.p.

BALLAD FOR A TREE 

Performance di Massimo Bertolini eseguita da Francesco Galizia

9 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 21:00

Evento realizzato, in collaborazione con WeStart, nell’ambito del Public Program del Padiglione Italia alla Biennale Arte 2024, curato da Luca Cerizza e promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

LEO MIDDEA 

9 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 22:00

Biglietto unico per entrambi i concerti della serata 15,00 euro + d.p.

DUO CAPRIELLO – ASQUITTI

10 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 21:00

LUCA AQUINO 

10 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 22:00

Biglietto unico per entrambi i concerti della serata 10,00 euro + d.p.

DAREYN TRIO

12 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 21:00

THREE FOR ONE 

Plays Jimi Hendrix

12 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 22:00

Biglietto unico per entrambi i concerti della serata 15,00 euro +d.p.

Il COLORE DEL MEDITERRANEO

Musica e Parole 

13 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 21.00

In collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese

FREQUENCY DISASTERS 

13 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 22:00

In collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese

Biglietto unico per entrambi i concerti della serata 10,00 euro + d.p.

GIUSEPPINA TORRE

17 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 21:00

Ingresso 10,00 euro + d.p.

ALESSANDRO PIPINO E REBECCA FORNELLI 

A Diosa

18 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 21:00

Ingresso 10,00 euro + d.p.

FRANCESCO BEARZATTI

19 Agosto 2024

Minareto | Selva di Fasano

Ore 21:00

Ingresso 15,00 euro + d.p.

PEPPE SERVILLO & SOLIS STRING QUARTET 

M’aggia Curà

20 Agosto 2024

Piazza Ciaia | Fasano

Ore 21:00

Ingresso libero.

l Sindacato Cobas denuncia la crisi amministrativa presente nel comune di Brindisi perchè non aiuta la città,non aiuta i lavoratori nell'affrontare una crisi industriale senza precedenti, non aiuta i lavoratori della BMS che dipendono direttamente dal comune.
Il Cobas rafforza in modo deciso la richiesta di incontro con tutti al comune per dirgli che le cose non vanno, per la BMS in particolare.
La crisi amministrativa al buio aperta qualche settimana fa non fa altro che ritardare i tempi di un possibile salvataggio della BMS e dei suoi lavoratori.
Per questo vogliamo chiedere a tutti i consiglieri comunali cosa pensano dell'operato della vecchia giunta e che cosa si propongono per quella nuova , il tutto in un quadro di grande incerttezza.
Noi non molliamo per il bene della nostra città.
Brindisi 09.07.2024
Per il cobas roberto aprile

Lettera aperta del Sindacato Cobas e dei lavoratori della BMS rivolta ai Consiglieri Comunali del Comune di Brindisi, ai Capigruppo, al Presidente del Consiglio Comunale , al Signor Sindaco di Brindisi;

Il 10 Luglio alle ore 10,30 il Cobas insieme ai lavoratori della BMS chiede gentilmente di incontrarvi per conoscere le intenzioni maturate in questi mesi sul futuro della stessa BMS.

Siamo preoccupati dal ritardo che quel percorso descritto all’inizio dell’anno dal Signor Sindaco di Brindisi purtroppo non vede ancora luce, nonostante gli impegni presi.

La nostra paura nasce dalla richiesta dei 19 Consiglieri Comunali della maggioranza che , anche a diverso titolo , chiedono una rivisitazione della Giunta Comunale.

Una crisi che secondo alcuni potrebbe provocare “un mal di pancia” a qualche consigliere comunale mettendo il tutto in seria difficoltà in questa corsa contro il tempo durante gli appuntamenti  sulla BMS .

Abbiamo bisogno che quel percorso descritto dal Sindaco Marchionna  che punta ad arrivare a fine anno con un bilancio positivo venga al più presto realizzato ; il Sindaco   nell’ultimo incontro ha elogiato il ruolo della opposizione dimostrato nella riunione  dei capigruppo dove alcune cose sono state cancellate e corrette altre.

Bisognare   superare tutti insieme il pericolo dei libri contabili in tribunale dopo i due bilanci negativi del 2022 e 2023 che dovranno essere ripianati dall’Amministrazione comunale.

Una giunta comunale traballante per colpa degli stessi partiti di maggioranza non può invalidare gli sforzi fatti  dai lavoratori fino ad oggi , i quali  stanno sopportando di tutto ogni mese.

Giorno 10 Luglio speriamo di incontrarvi in tanti e di poter condividere insieme ai lavoratori un programma definitivo che faccia uscire dalle secche la BMS, risolvendo problemi antichi e nuovi .

Brindisi 06.07.2024

Per il Cobas Roberto Aprile

La Mens Sana Mesagne non si ferma piu, confermato anche Brizio Rollo. Per la terza stagione sportiva consecutiva,  la ventiseienne guardia brindisina,  disputerà il campionato di divisione regionale uno in canotta biancoverde. Dopo aver ottenuto una permanenza complicata con una banda di under 19, Rollo conferma la sua dote di buon difensore, giocatore esperto della categoria e fa della grinta una delle sue caratteristiche migliori. Ha chiuso lo scorso campionato con 199 punti, una media di 10,5 punti a partita e la migliore prestazione con il Galatina quando ne ha messi 18 a referto. Trova una squadra con un nuovo coach e  totalmente rinnovata:  “Era quello che volevo – dice Rollo - sono contento di restare a Mesagne, la società sta allestendo un roster importante e mi fa piacere che abbiano pensato anche a me. Spero di ritrovare la vicinanza e l’entusiasmo che i nostri numerosi tifosi ci hanno dimostrato negli anni passati”. “Siamo contenti di aver confermato Rollo oltre al capitano Potì - dice il presidente Fabio Mellone. È evidente che quest’anno stiamo all’estendo una squadra con obiettivi diversi, l’arrivo di Brunetti ne è la dimostrazione. Siamo alla ricerca di altri giocatori di prima fascia che possano portare esperienza e vittorie alla nostra formazione. Come è tradizione i nostri Under 19, a cominciare dai collaudati Moro e Panico, completeranno la rosa della prima squadra pur dovendo rinunciare a coloro che  si trasferiranno per motivo di studio”.

Operazione a largo raggio da parte della polizia che nel pomeriggio di ieri è intervenuta in forze a San Pietro Vernotico eseguendo una serie di perquisizioni e controlli. Gli agenti che erano guidati dal questore Lionetti hanno setacciato la città alla ricerca di indizi che possano dare una lettura al giallo degli atti intimidatori che si verificano da un pò nella cittadina brindisina. 

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

 

Max De Lorenzis, talentuoso cantautore pugliese, ha recentemente raggiunto importanti traguardi che lo hanno consacrato come uno degli artisti indipendenti più promettenti della scena musicale pugliese.

Il suo ultimo singolo, “Lasciati andare” ha superato in un mese 200.000 ascolti su Spotify, un risultato straordinario per un artista indie. Questo successo arriva ad aggiungere un altro importante riconoscimento al suo curriculum: Max De Lorenzis è l’unico artista indipendente pugliese ad avere una canzone in italiano e una in inglese (la hit “Whole Lot Of Love”) che hanno raggiunto questi numeri di ascolti.

“Lasciati andare” secondo singolo estratto dal suo debut album “La 5° Casa” ha inoltre conquistato la top 10 della classifica esordienti italiana e della classifica dance, affiancando artisti di spicco come Mahmood e Annalisa, reduci dai loro brani sanremesi.

Questo incredibile successo testimonia la qualità e l’appeal del lavoro di Max De Lorenzis, che con il suo stile unico e la sua voce inconfondibile  è riuscito a farsi notare in un panorama musicale altamente competitivo. La sua capacità di spaziare tra sonorità diverse, dal pop alla dance, mostra una versatilità artistica fuori dal comune.

Il percorso di Max De Lorenzis è sicuramente da tenere d’occhio: con il suo talento e la determinazione dimostrata, il cantautore pugliese sembra destinato a diventare una delle realtà più interessanti della musica indipendente italiana.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci