La fiammella di Rita Greco

Marcello prof. Ignone Ottobre 08, 2021 1651
La poetessa Rita Greco La poetessa Rita Greco

Da poco ho avuto la possibilità di leggere un bel libro di poesie, La gioia delle incompiute (Ladolfi Editore 2021) della poetessa Rita Greco, alla sua seconda raccolta poetica.

Rita Greco è nata e vive a Mesagne (Br). Nel 2007pubblica la raccolta di poesie “Perché ho sempre addosso un cielo” (Il Filo Edizioni). Attrice professionista, conduce laboratori di teatro-poesia per bambini. È vicepresidente dell’associazione culturale “Solidea 1 Utopia”.

La gioia delle incompiuteQuesta nuova fatica della poetessa mesagnese contiene poesie scritte negli ultimi quindici anni ed è accompagnata dalla prefazione di Alfonso Guida, tra i poeti meridionali più apprezzati nel panorama poetico contemporaneo; Guida coglie (come poteva essere altrimenti?) nella poesia della Greco la “fiammella”, l’aspetto luminescente della sua parola poetica. 

La lettura delle poesie della Greco mi ha riportato in mente il discorso che Eugenio Montale tenne  in occasione della consegna del premio Nobel nel dicembre del 1975 (È ancora possibile la poesia?). Ne consiglio la lettura o la rilettura, perché è indubbio che nella nostra superficiale società consumistica, la gente non legge le poesie. Spesso non legge e basta. Di sicuro, la cultura di massa non contempla la poesia.  Eppure, “la poesia è uno dei destini della parola” (G. Bachelard, 1972) ed oggi è più che mai un antidoto al virus della stupidità umana, cresciuta in maniera abnorme nell’era digitale che offre “tutto a tutti”. 

Non so quale strada abbia preso l’umanità, posso solo ipotizzarlo, ma so per certo che durante questo tragitto, breve o lungo che sia, mi piacerebbe avere qualcuno con cui confrontarmi e, nel farlo, sia io a sforzarmi e a concentrami. Ora, i poeti e la poesia permettono questo sforzo e questa concentrazione. Ascoltare o leggere poesie è scoprire che sotto la superficie della quotidianità, in profondità nella nostra psiche (o, se più vi garba, chiamatela anima), c’è un mondo, magari sopito o tacitato, ma tutto da scoprire o riscoprire. 

Per me è qualcosa che viene da lontano, dal nostro passato remoto, e che spinge tutti noi verso un futuro ancora da costruire, migliore solo se sapremo accendere o riaccendere la fiammella di una umanità persa per strada e che possiamo ritrovare se saremo capaci di far risorgere la poesia che è in noi e a considerare i poeti come i nostri migliori compagni di viaggio.

La poesia non ha nome e la sua essenza è nella sua energia, nel suo fiore di luce

La poesia non ha nome

la poesia

si chiama resurrezione

 

e io la ricevo

con la gratitudine

che si deve a un dono inatteso

 

la contemplo

 

come un fiore di luce

che si schiude

tra le mie mani.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Ultima modifica il Venerdì, 08 Ottobre 2021 09:51