Luglio 21, 2024

Redazione

CONSUMI: COLDIRETTI PUGLIA, MANGIARE MALE È TASSA DA 289 EURO PRO CAPITE L’ANNO; DIETA MEDITERRANEA ANTIDOTO PER SALUTE E TASCHE

Uno studio ha rilevato che 600 persone sono ringiovanite di 1 anno e mezzo adottando la Dieta Mediterranea per un anno come stile alimentare

Un’alimentazione sbagliata non solo fa male alla salute, ma costa anche ad ogni cittadino 289 euro l’anno, con quasi 2 pugliesi su tre (38%) che risulta in sovrappeso, il 9,8% è obeso, ma c’è anche il 29,7% che risulta In eccesso ponderale, un fattore di rischio che favorisce molte malattie. Ad affermarlo è Coldiretti Puglia, sulla base di un calcolo di Aletheia, secondo cui l’obesità rappresenta, oltre ad un fattore di rischio per la salute, una tassa di 289 euro l’anno pro capite.

Un ruolo importante per la salute che – precisa la Coldiretti regionale – è stato riconosciuto ad oltre un decennio dall’iscrizione della dieta mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco avvenuta il 16 novembre 2010. Uno studio di Claudio Franceschi, professore emerito di immunologia dell’Università di Bologna, monitorando 600 persone che per un anno hanno adottato la Dieta Mediterranea e 600 che hanno seguito altri stili alimentari, è arrivato al risultato che i primi in un anno sono “ringiovaniti” di un anno e mezzo.

Il paradosso è che proprio nella patria della buona tavola, sia in aumento l’obesità infantile e degli adolescenti perché i giovani stanno perdendo l’abitudine a consumare i cibi più salutari, dove in Puglia l’11,1% dei bambini mangia frutta meno di una volta a settimana o mai e solo il 39,8% dei bambini consuma una merenda adeguata di metà mattina, con un impatto potenzialmente devastante – denuncia Coldiretti Puglia - sulla salute delle giovani generazioni, con 1 genitore su 4 che boccia le mense scolastiche, sulla base dell’Indagine di OKKio alla Salute, secondo cui tra i bambini della Puglia il 4,8% risulta in condizioni di obesità grave, il 10,3% risulta obeso, il 21,6% in sovrappeso, il 61,2% normopeso e il 2,1% sottopeso, con il 36,7% dei bambini che presenta un eccesso ponderale.

La Dieta Mediterranea è un tesoro del Made in Italy che ha consentito all’Italia livelli di longevità fra più alti al mondo, ma è sotto attacco – denuncia Coldiretti – su più fronti, a partire dal clima fino ad arrivare all’economico e politico europeo. I cambiamenti climatici con i danni provocati dalla siccità e dal maltempo in Italia hanno tagliato le produzioni degli alimenti base della dieta mediterranea con il crollo del 30% per l’extravergine di oliva, del 10% per passate, polpe e salse di pomodoro fino al meno 5% per il grano duro destinato alla produzione di pasta tricolore. Con l’esplosione dei costi causata dalla guerra in Ucraina più di 1 azienda agricola su 10 (13%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività – evidenzia Coldiretti – ma ben oltre 1/3 del totale nazionale (34%) si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dei rincari spinti dalla guerra in Ucraina.

Da qui la necessità di una comunicazione al consumatore che può essere garantita solo da un’etichetta sempre più trasparente eleggibile e soprattutto adottata non solo in Italia, ma anche nell’Unione europea. Proprio per assicurare una piena trasparenza su quanto i cittadini mettono nel piatto, Coldiretti con la mobilitazione “No fake in italy”, partita dal Brennero e poi condotta sui porti, ha lanciato una raccolta di firme per una legge europea di iniziativa popolare per estendere l’obbligo dell’indicazione dell’origine su tutti i prodotti alimentari in commercio nell’Ue. Una mobilitazione che può essere sostenuta firmando in tutti i mercati contadini di Campagna Amica e negli uffici Coldiretti, promossa anche sui social media con l’hashtag #nofakeinitaly.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

La risposta del comune di Fasano che chiarisce la situazione “Casina Comunale”: indetto l’avviso pubblico per riaprire subito con un nuovo gestore

 

Gentile sig. Direttore, leggiamo incuriositi e ammirati le verbose considerazioni dell’amministratore della Fa.Tu.S., che con spiccate doti istrioniche cerca di ribaltare una verità incontestabile: la Casina nelle sue mani non ha funzionato, e il dirigente del Servizio patrimonio bene ha fatto ad avviare il procedimento di risoluzione contrattuale.

Mancanza degli investimenti richiesti dalla concessione, grossi debiti verso l’amministrazione (80.000 euro solo di Tassa Rifiuti), apertura dal 1° maggio al 30 settembre mai rispettata, mancata ristrutturazione del seminterrato del Palazzo dei Congressi: queste sono solo alcune delle contestazioni evidenziate dal dirigente.

La gestione - Fa.Tu.S. non stava quindi realizzando quanto promesso, tra l’altro, nella convenzione del 2018: “conservazione del bene” e “valorizzazione economica”, obbligandoci ad agire per serie ragioni di tutela dell’interesse pubblico.

Abbiamo avvertito il dovere di istruire una pratica inattaccabile, per non esporre i contribuenti fasanesi a un lungo e rischioso contenzioso che avrebbe aggravato la situazione.

L’Ufficio patrimonio ha dovuto ricostruire le vicende della Casina in una giungla di atti, molto spesso di Enti non più esistenti da anni, come l’Azienda Autonoma Cura Soggiorno e Turismo, o privatizzati, come Enel e Acquedotto Pugliese.

Recuperarli è stata impresa da archeologi più che da pubblici funzionari. La Casina avrà, quindi, un nuovo gestore, da individuare con l’avviso pubblico che abbiamo bandito e che è riservato a chi è in grado di riaprirla subito, questa stessa estate.

Speriamo tuttavia si comprenda che il silenzio, il lavoro e i risultati sono, in tutti i campi, il nostro modo di amministrare. In questo caso, nell’esclusivo interesse degli unici, veri proprietari della Casina: i contribuenti di Fasano.

Il sindaco Francesco Zaccaria

Il consigliere delegato alle prospettive di sviluppo della Selva di Fasano, Francesco Bianco

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Manca davvero poco per la terza edizione del “Premio Letterario Nazionale Città di Ceglie Messapica”, organizzato dall’Amministrazione comunale di Ceglie Messapica. La prestigiosa competizione letteraria, che lo scorso anno ha premiato Cosimo Argentina con “Vicolo dell’acciaio” (Hacca edizioni), si appresta a vivere un’edizione 2024 di grande successo, testimoniato dalla partecipazione di ben 37 case editrici.

Intanto, proprio in queste ore, è stata resa nota dagli organizzatori la lista della cinquina finalista per il 2024:

1.     Ritanna Armeni, Il secondo piano, Ponte alle Grazie, Milano

2.     Lorenza Foschini, L’attrito della vita, La nave di Teseo, Milano

3.     Carlo Greppi, Un uomo di poche parole, Laterza, Roma

4.     Gian Marco Griffi, Ferrovie del Messico, Laurana editore, Milano

5.     Diana Ligorio, Occhi Di Lupo, Cuore Di Cane, La vita invisibile di un agente della DIA, Bompiani, Firenze-Milano

Il tema dell’edizione 2024 è il romanzo storico, con l’obiettivo di premiare un’opera che sappia combinare realtà e finzione, permettendo ai lettori di recuperare il passato come chiave di lettura del presente. L’autore vincitore riceverà un premio di 5000 euro.

Una giuria esperta, composta dai membri del Comitato Scientifico, ha esaminato le opere letterarie edite nel 2022 e 2023, selezionando i finalisti e il vincitore dell’anno. Quest’anno, la Giuria degli Studenti è stata rappresentata dal Liceo Polivalente Don Quirico Punzi di Cisternino, diretto da Giovanni Mutinati.

Oltre al premio principale, saranno assegnati premi speciali, tra cui un premio di 500 euro nella sezione "Narrativa per ragazzi". Inoltre, il "Premio Ippocrate" e il "Premio Andrea Camilleri" riconosceranno rispettivamente gli sforzi nel campo della medicina e degli studi critici sull'opera dello scrittore.

Tutte le opere pervenute saranno conservate nelle biblioteca comunale “Pietro Gatti” di Ceglie Messapica e nella “Annibale De Leo” di Brindisi.

La cerimonia di premiazione si terrà il 1° agosto alle ore 20 presso il MAAC (Museo Archeologico e di Arte Contemporanea) di Ceglie Messapica. In questa occasione sarà annunciato il vincitore del Premio Letterario Nazionale "Città di Ceglie Messapica". Il premio dovrà essere ritirato personalmente, salvo eccezioni.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito web istituzionale del Comune di Ceglie Messapica: www.comune.ceglie-messapica.br.it.

---------------la_cinquina_finalista.jpg
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Benjamin Mokulu Tembe è un nuovo giocatore del Brindisi Football Club: attaccante di grande esperienza internazionale e dal curriculum prestigioso, nato l’11 ottobre 1989, alto 187 cm, ha alle spalle una carriera che vanta più di 400 presenze e oltre 100 gol nei campionati europei. Mokulu muove i primi passi nel calcio professionistico in Belgio, suo Paese natale, dove cresce calcisticamente nell’FC Brussel. Il suo talento non passa inosservato e presto si fa notare con le maglie di diverse squadre belghe, tra cui Union Saint-GilloiseKV OostendeLokeren e KV Mechelen. Durante la sua permanenza in BelgioMokulu colleziona 145 presenze e 23 gol nella serie A belga e 55 apparizioni con 24 reti nel secondo livello belga. Nel curriculum spiccano la vittoria di una Coppa del Belgio e due presenze in Europa League con la maglia del Lokeren nella stagione 2012-13.

Nel 2014, Mokulu si trasferisce in Francia dove debutta in Ligue 1 con la maglia del Bastia. Anche se la sua esperienza oltralpe si limita a quattro presenze, segna comunque un importante passo nella sua carriera: la svolta arriva nel 2014-15, quando Mokulu approda in Italia per giocare in Serie B con l’Avellino. Qui rimane fino alla stagione 2016-17 e sempre in cadetteria Mokulu continua a esprimere il suo talento anche con le maglie di FrosinoneCremonese e Carpi (dove timbra il gol della prima vittoria stagionale contro il Perugia) collezionando complessivamente 111 presenze e 21 gol. Nella stagione 2018-19, l’attaccante approda in serie C per giocare come fuori quota nella Juventus Under 23, la seconda squadra bianconera con la quale conferma le sue doti di attaccante affidabile e prolifico (4 reti in 12 gare). Successivamente, veste le maglie di Padova e Ravenna, con cui totalizza 58 gare e 18 reti in Serie C.

Nel 2020, Mokulu esplora un nuovo capitolo della sua carriera trasferendosi in Lussemburgo, dove gioca nello Swift Hesperange. Durante la sua permanenza nel campionato lussemburghese, Mokulu dimostra ancora una volta la sua attitudine realizzativa mettendo a segno 6 gol in 11 partite. Parentesi nel Trapani in serie D, poi a fine 2022 il trasferimento nello United Riccione, sempre in serie D (girone D), infine la scorsa stagione in forza al Matera nel girone H della serie D.

Mokulu ha vestito la maglia del Belgio Under 21 in due occasioni realizzando una rete nel 2010, scegliendo poi di rappresentare la Nazionale della Repubblica Democratica del Congo, con cui ha disputato una gara amichevole il 9 febbraio 2011 contro il Gabon.

La famiglia biancazzurra del Brindisi Football Club dà il benvenuto a Benjamin Mokulu Tembe augurandogli buon lavoro nella certezza che anche in riva all’Adriatico saprà esprimere tutto il suo talento regalando emozioni e gol a tifosi e società.

---------------roma_giuseppe.jpg(Nella foto Giuseppe Roma)


Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Non c'è pace per i residenti del centro storico di Mesagne che oltre a essere stati bistrattati dall'amministrazione comunale con un'ordinanza che impedisce loro di posteggiare nei pressi delle loro abitazioni dalle ore 20 all'una del giorno dopo adesso con l'ordinanza 332 del 12 luglio 2024 si impedisce loro di posteggiare, nei tre giorni di festa, negli stalli di piazza Vittorio Emanuele. Questo perchè il 15, 16 e 17 luglio in piazza vi sono degli eventi musicali. Purtroppo non si è pensato di lasciare loro degli stalli disponibili in altre zone vicine. Pertanto i residenti saranno costretti ad andare posteggiare chissà dove, poiché in questi giorni di festa, ma un pò in tuttoil periodo estivo, gran parte delle strade centrali sono off limits con parcheggi abbastanza lontani. Che dire: oltre al danno la beffa.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Tanta partecipazione e tanto interesse a cornice del meeting di approfondimento che si è svolto sabato scorso a Mesagne, nell’aula consiliare di Palazzo di Città, sulla L.R. 30/2021, atto normativo con cui è stato istituito l’elenco regionale delle attività storiche della Regione Puglia. Con questa iniziativa, Confesercenti della Provincia di Brindisi ha voluto dare seguito agli eventi di promozione del marchio “Attività Storiche e di Tradizione della Puglia”, con l’obiettivo primario di informare direttamente commercianti ed esercenti di Mesagne sui contenuti della legge con cui la Regione Puglia ha istituito il percorso di identificazione e valorizzazione delle Attività Storiche e di Tradizione Pugliesi, avvalendosi del supporto delle associazioni di categoria, delle amministrazioni comunali e delle Camere di Commercio. E l’interesse generale verso queste tematiche si è concretizzato con la presenza all’incontro di tantissimi esercenti e titolari di attività commerciali potenzialmente candidate come “attività storiche”. Sono intervenuti anche il presidente provinciale di Confesercenti, Michele Piccirillo, il sindaco di Mesagne Antonio Matarrelli; l’assessore comunale alle attività produttive, Omar Ture, e la referente per il CAT, il centro di assistenza tecnica di Confesercenti, Stefania Semeraro. Il centro di assistenza tecnica di Confesercenti ha il compito di offrire supporto gratuito agli operatori interessati e ai possessori dei requisiti richiesti per l’inoltro delle istanze di riconoscimento all’Ente regionale. Durante questa iniziativa si è dato lustro a tre attività commerciali di Mesagne, già presenti nell’elenco regionale delle Attività storiche, omaggiandole di borse gadget e atri accessori per veicolare alla clientela il marchio dio attività storica.

Si coglie questa occasione per ricordare che per ottenere il riconoscimento di “attività storica” è richiesto un periodo di 30 anni di attività senza interruzione di continuità dell’insegna, simbolo di riconoscibilità da parte della clientela. L’ottenimento del riconoscimento rappresenta un’opportunità che la Confesercenti Provinciale di Brindisi continua a divulgare nei Comuni del territorio nella ferma convinzione che la valorizzazione degli aspetti storici e tradizionali delle attività di vicinato costituisca un elemento fondamentale per la loro tutela. Le attività storiche sono altresì fondamentali per la crescita del centro urbano e delle città in generale, l’elenco delle Attività Storiche e di Tradizione della Puglia favorisce infatti la riconoscibilità delle eccellenze commerciali, produttive e ristorative storicamente presenti sul territorio e contribuisce a promuovere il valore delle attività storiche pugliesi. L’elenco istituito è in fase di continuo aggiornamento ed è sempre possibile presentare domanda di riconoscimento, rivolgendosi presso la sede della Confesercenti di Brindisi, che attraverso il proprio CAT, offre un servizio di informazione e supporto alle attività che intenderanno presentare domanda. Per informazioni contattare il Centro Assistenza Tecnica – Confesercenti di Brindisi al n. 0831 523190 o scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

L’appello alle aziende lanciato dal Ministro all’Ambiente Pichetto Fratin di Forza Italia durante l’incontro in Prefettura con le organizzazioni sindacali, è assolutamente condivisibile e ovviamente auspichiamo che non sia una boutade. .

Infatti abbiamo sempre sostenuto che le ‘aziende di Stato’ che insistono sul territorio da decenni, devono fare di più in termini di investimenti per garantire il rilancio delle  proprie attività, in qualunque declinazione decideranno di farlo.

Riteniamo che ciò sia necessario al fine di garantire una transizione sostenibile dal punto di vista sociale, economico e ambientale nonché a tutela proprio del tessuto produttivo brindisino.

Quindi attendiamo con fiducia che le parole del Ministro Pichetto Fratin si tramutino in atti, ministeriali si intende, concreti.

Ci aspettiamo perciò che il Ministro solleciti a stretto giro il ‘suo’ Governo a dare indirizzi alle società controllate e che insistono nell’area di  Brindisi, come Enel, Eni e Leonardo per esempio, finalizzati a presentare piani industriali con la previsione di cospicui  investimenti per le proprie unità produttive sul territorio.

Speriamo che l’appello del Ministro Pichetto Fratin non venga smentito da qualcun altro, come egli stesso ha fatto, giustamente, smascherando gli annunci farlocchi del Ministro Salvini che, in piena campagna elettorale e accompagnato addirittura dal Direttore Italia di Enel, Nicola Lanzetta, aveva anticipato fantasmagorici investimenti, che si sono rivelati un bluff e che sono stati tutti regolarmente smentiti dai fatti.

Questo territorio, per quello che ha rappresentato e rappresenta per gli asset strategici del Paese, merita rispetto e non le beffe dai ministri della Repubblica.

Per questo attendiamo fiduciosi un riscontro alle promesse fatte dal Ministro Pichetto Fratin.

Francesco Cannalire segretario cittadino Pd Brindisi

 
 

INDUSTRIA, BENE IL DIALOGO CON MINISTRO E PREFETTO MA NESSUNA REINDUSTRIALIZZAZIONE ALL’ORIZZONTE. SUBITO UNA LEGGE SPECIALE PER PROTEGGERE I LAVORATORI E RIPROGRAMMARE L’INDUSTRIA

 

Questa mattina una delegazione della UIL composta dal Segretario regionale con delega all'Industria Andrea Toma, dal Coordinatore provinciale Fabrizio Caliolo e dai Segretari territoriali UILTEC, UILM, UIL Trasporti e FENEAL UIL – Carlo Perrucci, Alfio Zaurito, Mario Greco e Giovanni Librando – ha preso parte all’incontro con il ministro dell’Ambiente Pichetto Fratin ed il deputato D’Attis convocato da S.E. il Prefetto. Il Sindacato è grato a S.E. per l’attenzione e la sensibilità che ha avuto fin dal primo giorno di insediamento in Terra di Brindisi verso il lavoro ed i lavoratori più in difficoltà.

Ringraziamo il rappresentate del Governo per aver confermato e rimarcato punto su punto quanto da tempo denuncia il Sindacato circa la delicatezza e la stra-ordinarietà dell’attuale fase per il comparto industriale del territorio. Altro punto decisivo sottolineato dal ministro è che il futuro dell’Industria continui ad essere industriale, fatto di nuovi investimenti industriali con tutte le dovute attenzioni ambientali.

Lo stesso Ministro ha riconosciuto come al momento non vi siano investimenti capaci di assorbire in totale continuità le centinaia di lavoratori coinvolti nelle principali vertenze industriali del territorio. Lavoratori diretti e in modo particolare dell’indotto. Enel, su tutte, che deve a Brindisi rispetto ed attenzione per i moltissimi anni di presenza in cui ha chiesto al territorio sacrifici e concessioni. Una Azienda di tale importanza non può abbandonare il territorio con il solo annuncio di progetti fumosi e poco concreti. Enel deve molto di più alla Transizione di Brindisi.

Assieme ad Enel anche molte altre realtà come SIR che ha in corso procedure di licenziamento per circa 70 lavoratori. Domani proprio la vertenza SIR sarà all’ordine del giorno della Task Force regionale sulle Crisi Industriali ed oggi era proprio la Regione Puglia ad essere assente all’incontro di oggi in Prefettura. L’assenza della Regione pare sia dovuta ad un mancato invito tuttavia ci auguriamo che Emiliano ed il suo governo mettano in campo tutto quanto in loro potere per sostenere i lavoratori in difficoltà e riprendere il ciclo virtuoso che queste ripetute crisi stanno mettendo a dura prova.

La Regione non può essere ai margini delle vertenze brindisine: è dalla Regione che deve necessariamente partire l’iter per attivare uno degli strumenti ipotizzati dal ministro Pichetto Fratin per la Crisi Industriale di Brindisi: un Ammortizzatore Sociale Unico, una proposta che il Sindacato promuove e sostiene. Utilizzando le parole dello stesso Ministro: uno «strumento ponte» capace di «traghettare» i lavoratori coinvolti nelle varie vertenze verso una nuova formazione ed inserimento fino a quando i nuovi investimenti non entreranno a regime. Pensiamo ancora una volta alle centinaia di lavoratori dell’indotto, i quali non hanno la possibilità di essere «trasferiti» ad altra sede o mansione, rischiando di restare in modo definitivo senza occupazione, reddito e dignità.

Al governo chiediamo di farsi garante in un percorso condiviso che dia e restituisca a Brindisi opportunità di lavoro e risposte sociali. La situazione è drammatica.

il Coordinatore provinciale UIL Brindisi

Fabrizio Caliolo

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci

Brindisi, 59 annunci di lavoro per 122 figure professionali: è il dato registrato nella settimana dal 15  giugno al 22 luglio, relativamente alla ricerca di personale nell’ambito territoriale di Brindisi ed inserito nel Report settimanale appena pubblicato, visionabile al seguente link: undefined. Le offerte, consultabili sul sito o sull'app “LavoroxTe Puglia”, sono quotidianamente aggiornate e monitorate dagli operatori dei Centri per l’impiego e veicolate anche tramite la pagina Facebook “Centri impiego Brindisi e provincia”, attraverso la quale è possibile restare sempre aggiornati sugli annunci di lavoro attivi e sugli eventi di orientamento organizzati su tutto il territorio.

Questa settimana si registrano 41 posti vacanti nel settore ristorazione su Brindisi e provincia, edilizia 26, commercio 13, vigilanza 6, turismo 5, tecnico 4, metalmeccanico 4, amministrativo 4, servizi e terziario 3, sanità 3,  manutenzione 3, servizi alla persona 2, logistica 2, informatico 2, impiantistica elettrica 2, termoidraulico 1 e contabile 1. Le opportunità di impiego all’estero tramite la rete EURES sono numerose: si ricerca personale soprattutto nel settore alberghiero e della ristorazione.

Sempre aggiornata, inoltre, la sezione dedicata ai corsi di formazione per diplomati e disoccupati, cui si uniscono le opportunità offerte con i programmi Garanzia Giovani e NEET.

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube. 
Per scriverci e interagire con la redazione contattaci