Mentre Alcott chiude il sindaco Molfetta media In evidenza

Gennaio 21, 2016 2972

alcottBrutto inizio settimana per tredici dipendenti (Articolo completo su Nuovo Quotidiano di Puglia)

di un negozio del centro commerciale di Mesagne che lunedì si sono recate a lavorare e hanno trovato le serrande abbassate. Le ragazze, ancora incredule di essere state licenziate senza nessuna tutela, si sono recate in municipio per incontrare il sindaco Pompeo Molfetta e chiedere un suo intervento per cercare di mantenere i livelli occupazionali. Ieri mattina il primo cittadino ha incontrato il direttore della "Galleria Auchan" senza, tuttavia, ricevere assicurazioni certe se non un interessamento presso eventuali nuove attività che dovessero aprire. Intanto in città c'è preoccupazione per una crisi asfittica che sta lasciando segni indelebili nella comunità poiché costringe i giovani ad emigrare verso altre realtà. L'inizio del 2016 è stato infausto per una dozzina di dipendenti della catena commerciale "Alcott". L'azienda multinazionale nasce con l’obiettivo di anticipare le aspettative dell’uomo moderno, "con uno stile urban che domina la scena, grazie a particolari originali, e abbinamenti colorati ed esplosivi". Un mondo della moda che piace particolarmente ai giovani. Nei giorni dei saldi è stato preso d'assalto dai clienti che hanno acquistato i capi scontati. Poi lunedì scorso l'amara sorpresa dei dipendenti che si sono trovati senza lavoro. "Siamo disperate e speriamo in un interessamento del sindaco", sono state le poche e uniche parole pronunciate da una delegazione di ex dipendenti. Intanto nella mattina di ieri il sindaco Pompeo Molfetta e l’assessore alle Attività Produttive, Antonio Marotta, hanno incontrato il direttore della "Galleria Auchan", Mauro Tatulli, per raccogliere testimonianza di quanto sta accadendo in seguito alla chiusura del negozio “Alcott” e al repentino licenziamento di diverse operatrici che vi prestavano servizio. L’incontro era stato sollecitato nei giorni scorsi dai sindacalisti delle ragazze che lamentavano al sindaco l’impossibilità di una comunicazione diretta con l’azienda che gestiva il negozio e la conseguente apprensione per gli sviluppi futuri dell’attività commerciale ed i destini delle lavoratrici. Il direttore Tatulli ha spiegato come la società che gestiva in franchising il negozio ad insegna Alcott, abbia dichiarato fallimento e come questo evento abbia colto di sorpresa lo stesso management della Galleria. Il sindaco Molfetta ha precisato che «la società che gestisce il negozio ad insegna Alcott non è fallita, ma ha inopinatamente chiuso il punto vendita nella Galleria Auchan di Mesagne». Ѐ tuttora in corso una contrattazione con diversi operatori commerciali per destinare il nuovo negozio. «Non è escluso che possa ritornare, con altra società gestrice, il marchio “Alcott” ma al momento non vi sono conferme o certezze», ha spiegato il direttore Tatulli. Se cosi sarà, ovvero se dovesse subentrare una nuova realtà commerciale che proponga nuovamente il marchio “Alcott”, il sindaco Molfetta ha pregato la direzione della Galleria di illustrare ai nuovi gestori la possibilità di far rientrare le ragazze già precedentemente occupate, fermo restando la massima libertà di ogni operatore di dotarsi dell’organico che più ritiene opportuno.  

Ultima modifica il Venerdì, 22 Gennaio 2016 11:13