Mesagne. Investimenti per prevenire crolli nelle scuole

Dicembre 19, 2015 2001

scuola media materdona - RIFACIMENTO FACCIATA 3La città di Mesagne beneficerà

di 15 mila euro per effettuare una diagnosi di alcuni plessi scolastici. Una indagine strutturale propedeutica a un eventuale successivo intervento tecnico. I 15 mila euro si aggiungono agli altri finanziamenti pubblici che l'Amministrazione è riuscita a intercettare per migliorare la vivibilità della locale comunità. L’Assessorato ai Lavori Pubblici, dunque, ha ottenuto dal Miur, Ministero Istruzione, Università e Ricerca, 7 mila euro di finanziamento per la scuola secondaria di primo grado "Maia Materdona" e 8 mila euro per la scuola primaria "Giovanni XXIII", riguardanti i tre edifici del plesso e la palestra. I finanziamenti sono parte della legge sulla "Buona scuola" che, al fine di garantire la sicurezza degli edifici scolastici e di prevenire eventi di crollo dei relativi solai e controsoffitti, ha previsto fondi per 40 milioni di euro. I progetti presentati dal Comune di Mesagne hanno superato le procedure pubbliche del ministero fino alla notifica di questi giorni di essere incluso tra gli enti beneficiari del finanziamento. Per l’assessore al ramo, Palma Librato «la sicurezza degli edifici scolastici rientra tra le azioni prioritarie di tutela che quest'Amministrazione intende sempre mettere in campo e, nel caso di specie le indagini diagnostiche rappresentano le fasi di conoscenza scientifica di un manufatto edilizio cosi importante quale la scuola al pari delle analisi che facciamo quando, avendo degli acciacchi di vecchiaia, andiamo dal medico per verificare che problema abbiamo». Che l'edilizia scolastica è un "malato" da tenere sotto osservazione non è un'esagerazione poiché poche scuole hanno subito una radicale ristrutturazione a causa della carenza di finanziamenti. Sono ancora vivi i ricordi dei crolli dei solai avvenuti presso la scuola elementare "Pessina" di Ostuni e dell'istituto alberghiero di Brindisi. A Mesagne, durante la legislatura del sindaco Franco Scoditti, è stata posta una particolare attenzione alla sicurezza nelle scuole tanto che alcune di esse hanno subito un restyling che non è stato solo di facciata bensì ha interessato anche le strutture. L'ultima a essere rimessa a nuovo è stata la scuola media "Materdona" i cui lavori sono stati ultimati questa estate. L'Amministrazione Scoditti ha investito 850 mila euro per effettuare l'isolamento termico a cappotto, l'isolamento della copertura, la sostituzione degli infissi, l'implementazione dei sistemi per l'ottimizzazione dell’uso dell’acqua indoor, il rifacimento dei servizi igienici, l'ampliamento delle superfici permeabili, la riduzione dell'effetto isola di calore delle coperture, l'implementazione vegetazionale degli spazi aperti di pertinenza dell’edificio scolastico. Infine è stata tinteggiata la facciata. Solo qualche settimana fa gli studenti dell'istituto commerciale "Epifanio Ferdinando" di Mesagne hanno messo in atto l'occupazione del plesso poiché, secondo le loro denunce, non è a norma e vi sono diverse criticità che mettono a rischio la loro sicurezza.