Il Comune di Mesagne ci riprova

Ottobre 10, 2015 2383

comune portoneIl Comune di Mesagne ci riprova.

Dopo il flop dei giorni scorsi per la perdita di un'ottima opportunità di finanziamento per la ristrutturazione del castello Normanno-Svevo, ha messo in cantiere altri progetti nella speranza di ottenere il relativo bonus economico. Nei scorsi giorni, infatti, il Comune di Mesagne ha elaborato e candidato a bandi di finanziamento regionali e statali quattro progetti. In particolare gli assessorati alle Politiche Sociali e ai Lavori Pubblici hanno lavorato congiuntamente e consegnato un progetto di «Centro diurno per malati di Alzheimer» da allocarsi in una parte della ex scuola media "Marconi"; gli assessorati Lavori Pubblici e Cultura hanno rieditato il progetto di completamento del restauro conservativo con impianto antincendio e miglioramento della fruizione elaborato per il castello, consegnandolo per il bando “8x1000” della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e l'assessorato all'Urbanistica ha elaborato e consegnato ad un bando regionale il progetto di restauro della facciata e di messa in sicurezza del solaio del Palazzo dei Celestini. Contestualmente, dall'assessorato alla Cultura è stata spedita la proposta progettuale relativa ai Sac (Sistemi ambientali e culturali, n.d.r.): nel mese di settembre, l'ufficio Pubblica istruzione ha lavorato sul fronte amministrativo per ricomporre il partenariato istituzionale, quanto sul fronte progettuale per allestire due schede da proporre alla fase negoziale in Regione. Cinque incontri e una considerevole mole di comunicazioni ufficiali tra Mesagne capofila e i Comuni che hanno manifestato interesse dopo cinque anni. "Ritmo serrato per tentare di recuperare non solo fondi, ma anche la possibilità di costituire il sistema e candidarlo, in futuro, come aggregazione territoriale ad altre misure", ha precisato il sindaco Pompeo Molfetta. È arrivato, infine, un piccolo risultato di finanziamento ottenuto per il bando Erp a cui il Comune aveva partecipato nel mese di agosto, ottenendo 15 mila euro per la manutenzione ordinaria di un immobile.