Mesagne. Affidati i lavori del centro di raccolta

Maggio 13, 2015 2342

PIATTAFORMA ECOLOGICA VIA MARANGIOIl Comune di Mesagne ha assegnato alla Edil Ter Srl di Andria

la costruzione del centro per la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani e assimilati in via Marangio, nella zona industriale. L'importo a base d'asta era di 226 mila 247 euro. La gara è stata aggiudicata per 160 mila euro. Le ditte che hanno partecipato alla gara di appalto sono state 31. Di queste ne sono state escluse 8 mentre 23 sono state ammesse. La ditta Edil Ter Srl ha proposto un ribasso del 30,133 per cento aggiudicandosi la gara. Nelle settimane scorse la costruzione del centro di raccolta aveva causato non poca fibrillazione tra gli imprenditori e residenti della zona industriale per il timore che venissero depositati rifiuti pericolosi. Per pacare gli animi era dovuto intervenire l'assessore alle Attività Produttive, Giorgio La Sala. Il centro di raccolta dei rifiuti individuato dall’Amministrazione comunale, che costerà 160 mila euro, è un’area di 5 mila metri quadrati, ubicata in via Marangio, confiscata alla criminalità organizzata. Il nuovo centro di raccolta, secondo quanto è scritto nel progetto esecutivo, ha lo scopo di integrare l’ordinario circuito di raccolta e smaltimento al fine di recuperare e differenziare quantitativi sempre crescenti di rifiuti che tenda a disincentivare l’abbandono e lo scarico incontrollato, ponendosi come alternativa possibile per l’utente e come supporto per l’operatore ecologico. Nel centro di raccolta potranno essere stoccati imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati, imballaggi metallici contenenti matrici solide porose pericolose, solventi, acidi, sostanze alcaline, fitofarmaci, prodotti fotochimici, pesticidi, oli minerali esausti, vernici, inchiostri adesivi e tante altre tipologie di rifiuti. Da questa tipologia di rifiuti era scaturita la protesta degli imprenditori. Il Comune, tuttavia, ha assicurato che non saranno stoccati rifiuti pericolosi e l'area sarà un "fiore all'occhiello" per la città. Il centro di raccolta sarà un sito custodito, destinato al conferimento di frazioni recuperabili, potenzialmente pericolosi, o ingombranti dei rifiuti urbani individuati e localizzati dal piano di ristrutturazione del servizio. L’accesso al centro è consentito solo durante gli orari di apertura. I Comuni all’avanguardia hanno dotato i cittadini di tessere magnetiche con le quali possono aprire il centro, pesare il rifiuto e depositarlo negli appositi contenitori. Uno scontrino, rilasciato all’utente, attesta l’intera operazione e serve per accumulare punti utili ad abbattere il pagamento della relativa tassa sui rifiuti. “Sono stato ben felice di contribuire alla stesura di questo progetto poiché sono convinto che farà compiere a Mesagne un salto di qualità della vita”, ha detto l'assessore La Sala.