VERTENZA MINERMIX «OK A CASSA INTEGRAZIONE SOLO SE INEVITABILE»

Gennaio 25, 2023 252

Nella giornata di ieri, martedì 24 gennaio, presso la sede della Regione Puglia a Bari si è riunita la Task Force regionale per fare il punto sulla vertenza Minermix, realtà del settore Estrazione Mineraria con sede a Fasano e Galatina. Una questione da tempo all’attenzione di Uil e Feneal-UIl Brindisi sulla quale le nostre sigle sindacali sono intervenute pubblicamente.

Nell’incontro di ieri, a cui hanno partecipato gli assessori regionali Delli Noci e Leo, i vertici aziendali e le Organizzazioni Sindacali, si è appreso che la Proprietà sia decisa a terminare le attività produttive, quindi a chiudere l’Azienda, ed a richiedere per i circa sessanta lavoratori impiegati gli Ammortizzatori Sociali previsti dalla Legge in materia. La ragione di tale ferma scelta è da attribuirsi, secondo il management aziendale, alla oramai strutturale mancanza di commesse: l’Azienda opera in mono-committenza con il cliente Acciaierie d’Italia – ex Ilva di Taranto, con la drastica riduzione di attività e la lunga crisi del Siderurgico tarantino sarebbe venuta meno la quasi totalità delle commesse quindi la sostenibilità dei costi di lavoro.

I Sindacati hanno espresso perplessità su questa giustificazione anche alla luce degli investimenti che il Governo ha previsto per il Siderurgico nell’ultimo Accordo di Programma, risorse che permetterebbero di rilanciare, in minima parte, le attività dell’ex Ilva e consentirebbero ad aziende dell’indotto come Minermix di proseguire le proprie attività seppur con ritmi meno intensi.

A nostro avviso la posizione dall’Azienda di chiudere ad ogni costo non è completamente giustificabile: appare più come una «legittima» strategia di business che come reale impossibilità a proseguire le attività aziendali. Se le scelte dell’imprenditore seguono le prospettive di mercato e di profitto quelle dei lavoratori sono legate a doppio filo all’esistenza dell’Azienda e la chiusura di Minermix sarebbe una ecatombe per il futuro di circa sessanta lavoratori e delle loro famiglie.

La Uil e la FenealUil di Brindisi non possono accettare che una Azienda che si trovi nelle possibilità di lavorare, seppure in difficoltà ed in regimi ridotti rispetto al passato, decida di chiudere mettendo a rischio la sussistenza di sessanta famiglie. La posizione del nostro Sindacato è quella di essere favorevoli alla Cassa Integrazione e ad ogni Ammortizzatore Sociale attivabile ma solo per il periodo strettamente necessario a superare la contingente, momentanea, crisi e solo per il numero di lavoratori strettamente necessario.

Le scelte imprenditoriali, libere e totalmente legittime, non possono essere pagate dai lavoratori o dalla collettività attraverso l’utilizzo di risorse pubbliche per Ammortizzatori Sociali evitabili.

Siamo consapevoli che ogni crisi sia faticosa e comprendiamo tutte le ragioni in campo ma allo stesso tempo chiediamo, come abbiamo già fatto in sede ufficiale, che l’Azienda riveda le sue posizioni e consideri la dignità di questi lavoratori. Le Istituzioni, la Regione in primis, adottino ogni misura di verifica e di stimolo verso la Proprietà affinché venga certificata l’esistenza di una reale ed inevitabile necessità di ricorrere alla Cassa Integrazione, la quale è e deve essere sempre l’ultima alternativa.

La Uil e la Feneal-Uil di Brindisi continueranno a seguire la vicenda ed a fare la propria parte a difesa dei lavoratori in attesa del secondo incontro in Regione del 6 febbraio prossimo. Il lavoro non può essere sostituito da alcun sussidio, il lavoro è sempre dignità.

 

Brindisi, 25 gennaio 2023

 

Il Coordinatore Provinciale UIL Brindisi                    Il Segretario Provinciale FENEAL UIL Brindisi

  Fabrizio Caliolo                                                                      Giovanni Librando