Cgil Brindisi. Stanza Bolla COVID e caos organizzativo al Perrino

Novembre 30, 2022 396

Stanza Bolla COVID e caos organizzativo al PerrinoStanza Bolla COVID e caos organizzativo al Perrino. Premesso che all’interno dell’ospedale è scoppiato un nuovo focolaio COVID che hacoinvolto pazienti e utenti e la situazione sembra destinata a peggiorare , si è avutanotizia di quanto disposto dalla direzione Sanitaria del P.O. Perrino in meritoall’individuazione e all’attivazione di “stanze bolla” presso le U.O. del nosocomio.

Si consideri che il SARS-cov-2 è un virus respiratorio che si diffonde principalmenteattraverso il contatto stretto (< 1 metro) con una persona infetta e che la via primariadi contagio è costituita dalle goccioline del respiro (droplets) delle persone infette.Secondo i dati attualmente disponibili, le persone sintomatiche sono la causa piùfrequente di diffusione del virus. Tuttavia, le più aggiornate evidenze suggerisconoche la trasmissione possa avvenire anche da soggetti paucisintomatici o anche deltutto asintomatici.Si evidenzia che alcune procedure mediche (ventilazione polmonare non invasiva edinvasiva, broncoscopia ecc…) possono produrre goccioline droplets molto piccole(chiamate nuclei di goccioline aerosolizzate o aerosol) che sono in grado di rimanerea lungo sospese nell’aria e possono potenzialmente essere causa di trasmissionedell’infezione.La trasmissione indiretta può avvenire anche attraverso oggetti o superficicontaminati. Il virus può sopravvivere da alcune ore fino a diversi giorni sullesuperfici.Tenuto conto di quanto sopra esposto, la scelta fatta dalla Direzione Medica del P.O.Perrino di individuare “stanze bolla” all’interno delle unità operative appareparadossale.

Nella nota 94628 la Direzione sanitaria ha intimato ai dirigenti delle U.O. del nosocomiobrindisino, l’individuazione e l’attivazione delle “stanze Bolla”, atte ad ospitare ipazienti positivi al Covid e asintomatici. La nota presenta alcune criticità a nostroavviso molto importanti che potrebbero avere un effetto rebound sulla salute deipazienti stessi e degli operatori sanitari.In primis le “stanze bolla” individuate nella maggior parte delle U.O. coincidonoquasi sistematicamente con le vie di fuga previste dal decreto legislativo 81 del 2008e pertanto i contenitori e i tavolini, nonchè il semplice passaggio ostruiscono di fattola via principale di emergenza: “Le vie e le uscite di emergenza devono rimaneresgombre e consentire di raggiungere il più rapidamente possibile un luogo sicuro”.In secondo luogo le “stanze bolla” rischiano di diventare “untori” poichè la“separazione funzionale, posta nei corridoi a separare la zona pulita da quellainfetta, non sempre è possibile. Mancano i presupposti per poter gestire i pazientiCovid positivi dentro i reparti a cominciare dalle caratteristiche delle stanze, lacommistione di percorsi e transito di operatori, gli spazi necessari per la vestizionee svestizione, l’igienizzazione di percorsi e ascensori, l’uso esclusivo delleapparecchiature elettromedicali.Quanto disposto dalla DS non tiene conto dei processi organizzativi e del maggioreimpegno a carico della U.O.

La gestione dei letti Covid è a carico dell’organico infermieristico e operatori sociosanitari presente in reparto già notevolmente ridimensionato rispetto a gli standardassistenziali ordinari, considerato, che il contagio si sta diffondendo in manieraconsiderevole tra gli operatori e queste condizioni lavorative potrebberopotenzialmente accentuarlo.Con l’organico così ridotto la sostituzione del collega malato ricade su chi rimane inservizio, saltando i turni di riposo, sommando a straordinari orari aggiuntivi in unaforma di organizzazione del lavoro che risulta ingestibile e insostenibile.Ancora più importante è che nella nota non c’è alcun riferimento ai percorsi interniall’Ospedale.

Si parla di pazienti asintomatici, ma se si aggravano? Cosa succede sei reparti COVID non hanno posti?Inoltre per quanto riguarda i trasferimenti dei pazienti COVID occorre chiarire benele modalità. In molti casi si chiede ai reparti di procurarsi la barella biocontenitiva,in altri il paziente viene trasportato con un “cubo” posto sopra la testa e nonrisulterebbe che tale strumento rientri nei DPI previsti dalle norme vigenti.Per quanto sopra la Funzione Pubblica CGIL Brindisi chiede:• La revoca della nota 94628• La convocazione di un incontro monotematico per contribuire, così comeprevisto dalla normativa vigente, a definire tra le parti l’organizzazione del lavoroin un presidio che già mostra una carente dotazione organica anche in ragionedei carichi di lavoro presenti nello stesso.Nelle more di un urgente riscontro, nella consapevolezza dei risvolti scaturenti da ogniatto amministrativo su materie delicate che attengono la garanzia della salute esicurezza degli operatori sanitari e della cittadinanza.