Il sindacato Cobas dichiara lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori della lavanderia industriale

Marzo 01, 2021 340

Il Sindacato Cobas dichiara lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori della lavanderia industriale presente nell’ospedale Perrino gestita dalla azienda Foggiana Lavit.

La gara svolta  dalla Regione Puglia per il lavaggio di tutta la roba degli ospedali del valore di 187 milioni di euro è stata vinta da un raggruppamento di aziende , tra cui la stessa Lavit, ma che con grande sorpresa non prevede una lavanderia nell’ospedale di Brindisi.

Il Sindacato Cobas ha chiesto un incontro con il Presidente della Regione , Michele Emiliano, per chiedere una modifica di questa gara e ripristinare una situazione di normalità.

Il Cobas ha richiesto inoltre un incontro con il Presidente della Commissione Sanità della Regione Puglia,Mauro Vizzino, affinchè informato della situazione possa sostenere le legittime ragioni dei lavoratori e di un territorio a cui vengono sottratti 25 posti di lavoro.

I posti di lavoro  nella lavanderia brindisina rischiano di essere persi,  questo non lo potremo mai permettere.

Attendevamo con ansia invece l’inizio dei lavori di ripristino della lavanderia brindisina, struttura  che aveva subito un incendio la scorsa estate su cui peraltro ha indagato la magistratura.

In un recente incontro del Cobas con il direttore della ASL Brindisina, Giuseppe Pasqualone , questi ci ha riferito che  ha mostrato e comunicato alla azienda la sua assoluta contrarietà ad ogni eventuale riduzione occupazionale.

Ma come è mai possibile che una gara regionale non preveda la lavanderia a Brindisi , attività che si svolge con la presenza di una ditta ed i dipendenti attuali che ci lavorano da oltre 20 anni.

Siamo alla fiera dell’assurdo ,ci toccherà sicuramente recarci a Bari per cancellare questa situazione a dir poco assurda.

Brindisi 01.03.2021 per il Cobas Roberto Aprile

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci