Menu

Domani assemblea ex lavoratori Auchan di Mesagne In evidenza

auchan lavoratori uil in scioperoSono ancora con il fiato sospeso i lavoratori ex Auchan di Mesagne,

passati a Margherita distribuzione, che entro il prossimo mese di luglio dovranno essere assorbiti da Conad. Per giovedì mattina le organizzazioni sindacali hanno convocato un'assemblea dei lavoratori nella quale saranno comunicate le decisioni del gruppo Conad sulla rete vendita di Mesagne. Intanto, la gran parte dei lavoratori è in cassa integrazione fino al 31 dicembre 2020. In ogni modo, l'atmosfera che si respira nell'aria è di sfiducia poiché sia il ridimensionamento aziendale sia gli effetti della pandemia potrebbero avere delle ricadute pesanti sia sui livelli occupazionali sia sulle aree di vendita. Come per altre realtà italiane durante tale periodo d cassa integrazione non ci dovrebbero essere licenziamenti e per i lavoratori in esubero, che spontaneamente dovessero decidere di lasciare l'azienda, potrebbe essere concessa la mobilità incentivata. Nel frattempo sono in trepidazione i 167 dipendenti di Margherita distribuzione di Mesagne, ex Auchan, per il passaggio in Conad. Secondo le previsioni il tutto dovrebbe avvenire entro il prossimo 30 luglio. In ogni modo il passaggio sarà preceduto da un incontro al Mise presso il quale l’azienda metterà sul tavolo il suo piano industriale con le clausole che sanciranno il passaggio. Secondo le previsioni l’azienda potrebbe ricorrere agli ammortizzatori sociali come, ad esempio, la cassa integrazione guadagni straordinaria per una parte dei dipendenti. In questo periodo di transizione i tecnici di Conad hanno riperimetrato l’attuale ipermercato, individuando gli spazi necessari, da utilizzare come area vendita dei propri prodotti, e gli spazi da cedere a terzi. In questa situazione di completa incertezza si trovano i 167 lavoratori che dal 29 settembre 2003 sono stati alle dipendenze del colosso commerciale francese per poi essere “ceduti” senza troppe garanzie. Intanto, le organizzazioni sindacali Isascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs sono in allerta e la parola d’ordine per tutti è di “salvaguardare al massimo il livello occupazionale”. Da qui la decisione di convocare per giovedì un'assemblea di tutti i lavoratori ex Auchan.  

Video

Torna in alto