Menu

Ferraro (M5s): il sindaco pubblichi il bilancio sulla piattaforma "BilancioCivico"

ferraro carloA due settimane dall’approvazione del bilancio comunale

da parte della maggioranza, le polemiche non accennano a placarsi, anzi, sembra che la scia di quell’evento sia destinata a durare; le opposizioni non sono tuttora convinte della bontà di quei dati, il sindaco li sbandiera ostinatamente come un grande risultato.

Urge trovare un punto di caduta perché i cittadini siano rassicurati sul futuro delle loro tasche, dei loro risparmi, delle loro aspettative. Per questo mi permetto di proporre una soluzione che vada nel solco della trasparenza e della partecipazione.

Come molti sanno, da anni il bilancio della Regione Puglia è pubblico e facilmente consultabile online; questo grazie al Movimento 5 Stelle che ha adottato il software opensource di BilancioCivico.

Grazie al progetto BilancioCivico, nato nel 2015 dall’idea di tre giovani informatici di Pisa, il M5S ha potuto adottare la piattaforma informatica che permette di interrogare il bilancio in maniera facile: navigando nel sito il bilancio è consultabile sotto vari punti di vista. Si può avere un colpo d’occhio su tutto l’assetto economico dell’ente pubblico, ma si possono fare anche ricerche specifiche: spese correnti, spese in conto capitale, spese per conto terzi e così via, con la possibilità per ogni voce di andare sempre più nel dettaglio, andando a controllare le cifre ma anche il numero dell’atto ed il soggetto beneficiario. Il tutto integrato da numerose soluzioni visuali, grazie all’ausilio di numerose statistiche.

Nelle parole degli ideatori della piattaforma opensource: “I siti che noi sviluppiamo sono strutturati per venire incontro esattamente a quelle nuove necessità di trasparenza che le direttive nazionali sulla pubblica amministrazione impongono ai comuni.”

Grazie a questo progetto i cittadini pugliesi possono consultare i bilanci della Regione del 2015, 2016 e 2017. In Puglia, oltre alla stessa Regione, questa piattaforma opensource è stata adottata dai comuni di Santeramo in Colle, Noicattaro e Gallipoli. A questo punto, se davvero il nostro sindaco vuol dare prova di trasparenza e permettere ai cittadini di partecipare al monitoraggio della cosa pubblica, non resta che adottare questa piattaforma informatica, per fugare qualsiasi dubbio sulla bontà del suo Bilancio Comunale.

Carlo Ferraro  

Ultima modifica ilGiovedì, 16 Gennaio 2020 17:45
Torna in alto