Menu

Dimastrodonato: "Confido nel sostegno di tutti e vado avanti"

dimastrodonato carmineCaro Direttore, CI SIAMO!!!
Rompo il silenzio e questa volta per dire finalmente la mia versione. Dopo che tutti hanno ipotizzato, supposto chissà quali sotterfugi si stessero tramando la realtà è un po’ meno fantasiosa e ahimè più spicciola. Non nascondo il mio profondo stupore quando ho appreso del comunicato alla stampa dello scorso 02 aprile da Direzione Italia e comitato civico a sostegno di Zezza, sono rimasto basito dalle informazioni in esso contenute, poiché non rispondenti alla realtà dei fatti accaduti.

Prima di entrare nel merito di quanto dichiarato vorrei fare una precisazione in rispetto di quello che è accaduto il 24 marzo u.s. (primarie) e soprattutto per doveroso riconoscimento delle persone tutte (1625) che quella domenica mattina si sono recate ad esprimere la personale opinione su un progetto di governo. Nessuno ha scherzato! Perché a quelle primarie si è giunti con un accordo di coalizione preciso e definito e sottoscritto da tutte le forze del centrodestra, con l’unico obiettivo di esprimere il candidato sindaco che fosse condiviso.

Ma torno al contenuto del comunicato, ricordando a chi forse dimentica che, sin dalle prime battute di chiusura delle primarie e per tutta la settimana, (a qualcuno sarà saltato all’occhio il mio silenzio stampa), ho convocato i tavoli con i referenti politici al fine di definire la programmazione della campagna elettorale a mio supporto in qualità di candidato Sindaco scelto. Ma abbiamo dovuto assistere al “grande assente” Direzione Italia e Walter Zezza, pur comunque a conoscenza di quanto stesse accadendo. Chi mi conosce sa bene il mio essere diretto, così, la mattina del 02 aprile ho visitato personalmente Walter Zezza presso il suo ufficio, per capire quali fossero i suoi intendimenti e le sue eventuali scelte e soprattutto le motivazioni delle sue assenze negli incontri programmati, invitandolo nuovamente a presentarsi alla riunione che si andava a svolgere nella serata.

La coalizione del centrodestra e delle civiche ha comunque svolto l’incontro anche in vista di tutti gli impegni elettorali ma, ancora una volta, non ho potuto confrontarmi con nessuno e quindi con chi invece oggi rivendica un “ruolo”! Ma allo stato quale ruolo avrei potuto riconoscere se io stesso e la coalizione tutta è in corsa? E comunque se nessuno si è mai affacciato al tavolo (si legga Direzione Italia e Civico a sostegno di Walter Zezza oltre che lo stesso Zezza) a chi avrei dovuto riconoscere questo ruolo tanto sbandierato? Chi mi conosce sa bene che sono persona concreta che guarda a questa città con la consapevolezza che chi governa non occupa una poltrona ma ha un dovere di fare e di fare bene. Per cui dico a Direzione Italia, al comitato civico e allo stesso Walter Zezza, che le primarie mi hanno investito della responsabilità di rappresentare un programma e una coalizione; se lo si condivide (il programma e non le poltrone) sono pronto a riconoscere ad ognuno il suo.

Sono e rimango l’eletto candidato sindaco del centrodestra e civiche di Mesagne, vado avanti nel rispetto di tutti coloro che hanno partecipato alle primarie e di chi crede nel nostro progetto, sensibile, come sempre, alle istanze politiche di TUTTI i mesagnesi,. Confido nel sostegno di TUTTI e di chi vorrà condividere con me questa avventura politica. Le Forze del centro destra, unite a sostegno della mia persona, confermano la fiducia già accordata.

Mesagne, lì 03 aprile 2019

Il candidato sindaco
Carmine Dimastrodonato

Torna in alto