Menu

Nuova querelle politica a Mesagne In evidenza

viale indipendenza con marciapiede stretto 3Nuova querelle a Mesagne per ciò che riguarda

viale indipendenza con marciapiede stretto 2viale indipendenza con marciapiede stretto 1i lavori di ristrutturazione di viale Indipendenza. Ad aprire il confronto è stato il capogruppo del gruppo misto, il consigliere comunale Carmine Dimastrodonato, che ha denunciato la presenza di un marciapiede strettissimo, e quindi pericolosissimo, nella zona di restyling di parte della strada. “Dal sopralluogo che ho effettuato, in seguito alla denuncia di alcuni residenti sull’assetto stradale che sta nascendo dai lavori di ristrutturazione di viale Indipendenza ho notato, oltre che l’estirpazione dei pini, e l’inesisityenza di un marciapiede utile per i pedoni soprattutto la messa in opera di cordoli stradali per i marciapiedi che non sono in pietra di Trani”, ha precisato il consigliere Dimastrodonato che ha denunciato anche “la difficoltà dei bus a poter transitare, a causa della carreggiata piuttosto stretta, tanto da urtare gli attuali cordoli annerendoli”. Ai dubbi avanzati dal consigliere comunale sulla bontà dei lavori di restyling ha risposto l’assessore ai Lavori pubblici, Roberto D’ancona. “Non appena è stata completata la prima fase dell’opera della rotatoria nonché la prima parte della sede stradale, una volta riaperto l’accesso al traffico, abbiamo effettuato i primi sopralluoghi”, ha esordito D’Ancona che ha voluto ricordare che lo scorso 20 agosto ha effettuato un incontro con l’azienda Cea, appaltatrice dei lavori, per discutere di alcune criticità rilevate sulla costruzione dell’assetto viario. “In particolare – ha precisato l’assessore - la necessità di modificare il marciapiede nel punto del restringimento dove c’è una abitazione privata, per realizzare un marciapiede adeguato e dare continuità senza scendere sulla strada; la realizzazione di un attraversamento pedonale rialzato anche nella parte bassa di via Indipendenza, e cioè prima dell’arrivo in via San Lorenzo, per passare dall’altra parte della strada”. Inoltre saranno realizzati sia un attraversamento pedonale rialzato, di maggiore dimensione in larghezza, anche nella parte d’ingresso della struttura che sta nascendo sia la mitigazione del raggio di curvatura dell’ingresso in rotatoria per rendere più agevole e morbida la viabilità in quel punto, soprattutto per mezzi lunghi e pesanti. Tuttavia, saranno realizzati anche altri lavori come, ad esempio una corretta segnalazione ed illuminazione; un migliore deflusso delle acque piovane, visto che si vanno a realizzare degli attraversamenti pedonali rialzati e non si vogliono creare degli sbarramenti; migliore agibilità nella svolta stretta a destra dei mezzi pesanti che provengono da via san Lorenzo, lato centro città. “Abbiamo anche discusso della eventuale necessità di creare parcheggi o probabili accessi a nascenti passi carrabili nel futuro sul lato opposto alla struttura”, ha spiegato l’amministratore confidando che saranno messe a dimora lungo lo spartitraffico delle essenze vegetali molto belle. Infine, sarà risistemata l’illuminazione sull’intero viale poiché attualmente la chioma degli alberi di pino ne rende inefficace l’irradiazione della luce.  

Torna in alto