Menu

Ricorso Tari: grillini e Progettiamo Mesagne in villa a dipanare i dubbi In evidenza

tari cartelleSe l'Amministrazione comunale di Mesagne non informa i cittadini

su cosa fare per ottenere il ricalcolo corretto della Tari, con un eventuale rimborso, allora ci pensano il Movimento 5 stelle e Progettiamo Mesagne che per domenica prossima hanno organizzato il "Rimborso day". L'appuntamento è dalle ore 10 in villa comunale, nei pressi della colonna votiva. Si tratta, di fatto, di un ufficio a cielo aperto al quale i cittadini si potranno rivolgere per ottenere spiegazioni oppure per farsi fare il ricalcolo della tassazione e pagare, o chiedere il rimborso, di quanto dovuto. «Davanti al silenzio assordante ed incomprensibile dell’Amministrazione comunale su questo tema, gli attivisti del Meetup Mesagne 5 Stelle e gli associati di ProgettiAmo Mesagne metteranno a disposizione di tutti i cittadini interessati al rimborso Tari, i relativi moduli di richiesta e non solo», hanno spiegato i responsabili dei due movimenti politici che hanno tenuto a precisare che «riguardo alle utenze coinvolte si fa riferimento a tutti coloro che sono proprietari di pertinenze legate all’abitazione principale, come box, cantine, garage, che dal 2014 al 2017, per tali pertinenze, hanno pagato sia la quota fissa che quella variabile. La parte variabile, come è noto, non era dovuta». Gli esponenti politici hanno chiesto ai mesagnesi di recarsi presso il "Rimborso day" muniti dei bollettini di pagamento ricevuti che le lettere di richiesta Tari degli anni interessati. «Avremo la possibilità di dare informazioni generali e rifare, a quanti lo richiederanno, il ricalcolo della Tari dovuta dato, fra l’altro, importante perché dovrà essere indicato all’interno della richiesta di rimborso», hanno concluso i responsabili politici Pacciolla e Calabrese. Per chi volesse avere informazioni e per eventuali contatti può rivolgersi ai numeri telefonici 3479686457 – 3291153598. Intanto, in Comune avrebbero già evaso circa 500 pratiche relative agli anni 2014 -2015 – 2016 – 2017. Resta l'incognita della Tari 2018 dove, probabilmente, ci potrebbero essere delle sgradite sorprese per gli utenti.  

Ultima modifica ilVenerdì, 12 Gennaio 2018 07:59
Torna in alto