Menu

Mesagne. 2.500.000 euro per ristrutturare tre immobili comunali

librato palma maggio 2017 2La giunta comunale di Mesagne ieri ha deliberato

un investimento di 2 milioni e 500 mila euro per ristrutturare tre immobili comunali che versano in stato di bisogno. Si tratta della biblioteca, della Casa del Pellegrino di contrada Misericordia e della scuola media "Aldo Moro". Si tratta, naturalmente, di progetti candidati a essere finanziati da parte della Regione Puglia. La scelta è ricaduta su queste tre strutture grazie al monitoraggio che l'ufficio Tecnico comunale ha fatto lo scorso mese di maggio su imput dell'assessore ai Lavori pubblici, Urbanistica e Centro storico, Palma Librato. «Abbiamo aderito al bando regionale sull’efficientamento energetico degli edifici pubblici, che scade nei prossimi giorni - ha precisato l'assessore Librato al termine dell'incontro - e candidiamo tre edifici bisognosi di rinnovamento ovvero la biblioteca, la Misericordia e la scuola Aldo Moro. I tre progetti, redatti dall’ufficio di progettazione strategica con l’ausilio di un tecnico esterno, relativamente ai soli aspetti specialistici di studi energetici di tipo diagnostico per i quali erano necessari strumenti e programmi specifici, prevedono il primo un costo di opere da realizzare pari a 660 mila euro, il secondo di 650 mila euro e il terzo di 1 milione e 172 mila euro». I tre progetti prevedono interventi riguardanti la sostituzione degli infissi, degli impianti di riscaldamento, gli isolamenti termici, i pavimenti e ambiscono a riqualificare le tre strutture ormai in stato degradato. «L’occasione di studio, iniziata a maggio e la redazione progettuale è servita anche per fare il punto sullo stato delle strutture ed arricchire ancora i livelli di conoscenza degli edifici pubblici», ha concluso l'assessore Librato. Il Comune ha già redatto altri tre progetti per il restauro di Palazzo dei Celestini, sede della residenza municipale. Il primo, in atto, prevede il restauro del solaio dell'aula consiliare. Il secondo il restauro, per una spesa di 100 mila euro, della facciata dell'ex convento dei frati Celestini, infine il terzo progetto prevede la ristrutturazione degli interni con lo spostamento di vari uffici. Questi ultimi due progetti, però, non sono stati ancora finanziati. Interventi strutturali importanti che l'ente pubblico non riesce a eseguire con le proprie disponibilità finanziarie. Ecco perché ha un team di dipendenti che giornalmente lavora per intercettare finanziamenti pubblici cui poter accedere per finanziare le opere pubbliche.  

Ultima modifica ilMartedì, 10 Ottobre 2017 10:15
Torna in alto